Banner sfondo 2 AFFAREFATTO

prodotti221217Molfetta. Prodotti alimentari senza tracciabilità, controlli nel Barese: sequestrate 15 tonnellate di merce

L'operazione per la sicurezza agroalimentare condotta dai Carabinieri Forestali in vista delle festività natalizie: sanzioni per 30mila euro ai commercianti risultati non in regola

Dai sequestri di merce alle multe per assenza di tracciabilità. Scattano i controlli dei Carabinieri Forestali in aziende e attività commerciali in vista delle festività natalizie. L'operazione per la sicurezza agroalimentare, diretta dal capitano Giuliano Palomba, ha riguardato diversi centri del Barese. Complessivamente, sono state sequestrate 15 tonnellate di prodotti alimentari non tracciabili e sono state elevate sanzioni per 30mila euro.

In particolare, in un forno di Bitonto, sono state riscontrate irregolarità sulla tracciabilità dei prodotti e sulla loro non corretta etichettatura. Questo ha portato al sequestro di oltre 1 quintale di prodotti da forno irregolarmente posti in vendita.

Due i controlli effettuati anche nel comune di Molfetta, dove in una pasticceria sono stati rinvenuti prodotti surgelati non conformi alla normativa sulla etichettatura e corretta tracciabilità. Anche qui quasi 100 kg di dolci sono finiti sotto sequestro amministrativo. Sempre a Molfetta, un altro controllo ha interessato anche la filiera ittica e quella delle carni, con un sequestro di circa 8.000 kg di merce priva di informazione su tracciabilità e provenienza.

Altra attività analoga è stata svolta nel comune di Gravina in Puglia, dove le irregolarità riscontrate hanno riguardato alcune partite di legumi, i quali erano pronti per la vendita senza documentazione attestante l’origine del prodotto. Sequestrati 6500 Kg del legume oggetto del controllo.

Controlli anche nella Bat e in particolare in un caseificio di Minervino, dove i militari, unitamente agli operatori dell’Asl locale, hanno accertato l’assenza di idonee condizioni igienico-sanitarie dell’intera struttura, tanto da rendersi necessario il provvedimento di sequestro dei laboratori di produzione e la chiusura dell’attività. Qui sono stati posti sotto sequestro oltre 100 kg di prodotti lattiero-caseari. L'imprenditore è stato denunciato.


prodotti221217Molfetta. Prodotti alimentari senza tracciabilità, controlli nel Barese: sequestrate 15 tonnellate di merce

L'operazione per la sicurezza agroalimentare condotta dai Carabinieri Forestali in vista delle festività natalizie: sanzioni per 30mila euro ai commercianti risultati non in regola

Dai sequestri di merce alle multe per assenza di tracciabilità. Scattano i controlli dei Carabinieri Forestali in aziende e attività commerciali in vista delle festività natalizie. L'operazione per la sicurezza agroalimentare, diretta dal capitano Giuliano Palomba, ha riguardato diversi centri del Barese. Complessivamente, sono state sequestrate 15 tonnellate di prodotti alimentari non tracciabili e sono state elevate sanzioni per 30mila euro.

In particolare, in un forno di Bitonto, sono state riscontrate irregolarità sulla tracciabilità dei prodotti e sulla loro non corretta etichettatura. Questo ha portato al sequestro di oltre 1 quintale di prodotti da forno irregolarmente posti in vendita.

Due i controlli effettuati anche nel comune di Molfetta, dove in una pasticceria sono stati rinvenuti prodotti surgelati non conformi alla normativa sulla etichettatura e corretta tracciabilità. Anche qui quasi 100 kg di dolci sono finiti sotto sequestro amministrativo. Sempre a Molfetta, un altro controllo ha interessato anche la filiera ittica e quella delle carni, con un sequestro di circa 8.000 kg di merce priva di informazione su tracciabilità e provenienza.

Altra attività analoga è stata svolta nel comune di Gravina in Puglia, dove le irregolarità riscontrate hanno riguardato alcune partite di legumi, i quali erano pronti per la vendita senza documentazione attestante l’origine del prodotto. Sequestrati 6500 Kg del legume oggetto del controllo.

Controlli anche nella Bat e in particolare in un caseificio di Minervino, dove i militari, unitamente agli operatori dell’Asl locale, hanno accertato l’assenza di idonee condizioni igienico-sanitarie dell’intera struttura, tanto da rendersi necessario il provvedimento di sequestro dei laboratori di produzione e la chiusura dell’attività. Qui sono stati posti sotto sequestro oltre 100 kg di prodotti lattiero-caseari. L'imprenditore è stato denunciato.

WEB TV

WEBtv