Redazione_Online

Redazione_Online

Molfetta. Prossima sfida per la Dinamo sarà la partita contro il City Amatori Volley che si giocherà sabato 30 aprile, al PalaPoli alle ore 19

molfettadinamo250422La prima giornata della prima fase dei playoff per la Dinamo Molfetta, affrontata in trasferta contro la Leo Costruzioni Monteroni, si è chiusa con una sconfitta per la compagine molfettese artefice comunque di una buona prova contro la prima in classifica del girone C.

Il match si è svolto in un clima di estremo fair play tra le due squadre, che hanno dato occasione ai numerosi tifosi di entrambe le parti di godere di un bello spettacolo sportivo.

Lo starting six arancio, composto da Capitan Sciancalepore opposto ad Abbattista alla regia, Panunzio e Cervelli in posto 4, reparto centrale con Lazzizzera e Telesca, Ayroldi libero, parte molto agguerrito ad inizio gara, rispondendo punto su punto al bel gioco delle avversarie. I parziali dei primi due set, 25-20 e 25-19, raccontano di una partita combattuta e affatto scontata.

Non riescono a mantenere il ritmo le ragazze molfettesi nel terzo set, in cui il Monteroni chiude la partita con il parziale 25-10. Un buon campo di prova per la compagine della Dinamo che affronterà nel prossimo incontro il City Amatori Volley che nel girone A ha raggiunto la terza posizione in classifica, in casa al PalaPoli il 30 aprile alle ore 19.

Molfetta. I proventi del concerto finanzieranno il progetto Pro Ucraina. L' evento avrà luogo lunedì 25 aprile alle ore 20.30 presso il Nuovo Teatro del Carro

molfettalocandinaaltiebassi230422Considerati dalla critica gli eredi dei Cetra, gli Alti & Bassi sono un quintetto vocale a cappella attivo fin dal 1994. Con le voci e cinque microfoni costruiscono le loro armonie senza far uso di strumenti, ma imitandone all’occorrenza alcuni come batteria, basso, fiati, chitarre.

Lo spettacolo è un mix di intrattenimento, musica e cultura, condotto sempre in punta di ironia e con il garbo di chi conosce l’argomento e vi gioca con saggia leggerezza.

A Molfetta presenteranno un divertentissimo programma che spazia da J.S.Bach fino alle canzoni del ‘900. Gli Alti & Bassi affrontano un originale percorso nella sperimentazione e contaminazione armonica nel tentativo di dimostrare l’insussistenza di un confine tra musica colta e musica leggera.

Con la partnership del Consolato della Moldova, il concerto è stato scelto dal progetto Pro Ucraina per una raccolta fondi per aiutare il popolo ucraino, martoriato dalla guerra.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Whatsapp: 348 0072656 – 340 4142661 Biglietto al botteghino: intero euro 12, ridotto sei euro.

Molfetta. La Santa Messa avrà luogo questa sera alle ore 19 presso la Basilica della Madonna dei Martiri

molfettacristo240422Questa sera, a conclusione della festa dell'Indulgenza nella Basilica della Madonna dei Martiri si celebrerà la Santa Messa, con la partecipazione del Capitolo Cattedrale. Tale funzione ha antiche origini e come di consueto coincide con la prima domenica dopo Pasqua.

Nel 1485 Papa Innocenzo VIII, già vescovo di Molfetta, con una bolla datata il 1° giugno del medesimo anno volle che l'indulgenza fosse concessa a tutti coloro che avessero visitato la Basilica della Madonna dei Martiri la prima domenica dopo Pasqua e l'8 settembre, nella festa dedicata alla Madonna.

All'ora come oggi, per ottenere l'indulgenza, era necessario confessarsi e partecipare alla celebrazione eucaristica e pregare secondo le inntenzioni del Papa.

 

Molfetta. Nel corso di una piccola cerimonia pubblica è stata inaugurata la pietra d'inciampo dedicata alla memoria del cane Rufus

molfettarufuscontent230422Nell'area verde che cinge la fontana di Piazza Aldo Moro è stata collocata una pietra d'inciampo in ceramica dedicata alla memoria di Rufus, il cane amico di tutti che lì amava riposare.

Vissuto in libertà per oltre dieci anni grazie alle amorevoli cure dei volontari animalisti della città, Rufus è mancato poco meno di un anno fa e in tantissimi hanno chiesto all'amministrazione comunale di apporre una targa per tramandare il suo ricordo alle future generazioni. Accogliendo la petizione popolare, il Comune di Molfetta ha fatto realizzare una colorata pietra d'inciampo che ritrae l'amato Rufus e l'arcobaleno che lo ha condotto nell'aldilà.

La targa è stata disegnata da Marta Maria Mazzola, una volontaria del servizio civile in comune, raccogliendo i suggerimenti dei volontari e dei cittadini di Molfetta che hanno sottoscritto la petizione e nella mattinata di oggi, sabato 24 aprile, è stata inaugurata durante una piccola cerimonia pubblica.

«La targa ricorda Rufus, il cane di questo quartiere - ha dichiarato il sindaco Tommaso Minervini - ma assurge a un significato più ampio. Rappresenta in modo emblematico il rapporto profondo tra essere umano e cane. Un rapporto genuino, al di là degli schemi, di relazione vera, di spontaneità e naturalezza. Una relazione che solo chi ha un cane può comprendere pienamente. La comunità molfettese è da sempre sensibile e l'evento di oggi serve a moltiplicare questa sensibilità. I cani hanno il potere di guarire ferite dell'anima e alleviare sofferenze di varia natura attraverso delle terapie specifiche che includono la loro collaborazione, perciò è importante promuovere amore e rispetto verso i nostri amici a quattro zampe».

Presenti alla cerimonia diversi cani accompagnati dai loro proprietari e qualche cane ospite del canile comunale accompagnato dai volontari dell'Enpa.

 

 

Molfetta. Ieri sera intorno alle 23 una scossa di terremoto di magnitudo 6.0 è stata avvertita in Puglia e in diverse regioni anche del centro e nord Italia

molfettaterremotocontent230422Erano appena passati pochi minuti dallo scoccare delle 23 quando a Molfetta è stata avvertita una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.0, che nella nostra città ha suscitato solo un po' di spavento.

Secondo l'istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia l'epicentro è stato registrato in Bosnia – Erzegovina a 10 chilometri di profondità, a una distanza di circa 270 chilometri da Brindisi. Per tale motivo la scossa è stata avvertita nitidamente in Puglia, soprattutto sulle città costiere.

L'onda sismica è stata percepita anche in diverse regioni dal sud al nord Italia.  

Molfetta. Questa sera alle ore 19, due scrittori molfettesi saranno ospiti dell'Istituto Vittorio Emanuele di Giovinazzo per presentare i loro ultimi libri

molfettafestalibro220422Oggi 23 aprile si celebra la Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore, istituita dall'Unesco nel 1996. L'obiettivo di tale manifestazione è quella di promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la tutela del copyright.

La scelta di festeggiare e promuovere l'importanza della lettura cade il 23 aprile perché in questa data nel 1616 morirono tre importantissimi autori, William Shakespeare, Miguel de Cervantes e Graciloso de la Vega, scrittori considerati pilastro della letteratura e della cultura mondiale.

Il libro e la lettura sono da sempre strumenti importanti per arricchire la formazione e conoscenza di ogni individuo. Senza la lettura saremmo animali senza raziocinio e senza fantasia. E poi leggere è un modo per unire, per avvicinarci agli altri e molto spesso per conoscere se stessi così da affrontare insieme, collettivamente, grazie a questa magnifica invenzione, la brutalità della vita.

Per l'occasione questa sera, alle ore 19, nell'ambito della rassegna letteraria "Suspence tra le pagine" in corso presso l'Istituto Vittorio Emanuele di Giovinazzo due scrittori molfettesi il professor Gianni Antonio Palumbo e Mariantonia del Rosso presenteranno le loro ultime creazioni, “Per Luigi non odio né amore” e “Escape: si può sfuggire dal proprio destino?”.

Mariantonia Del Rosso è nata nel 1994 a Molfetta, dove si è diplomata in Economia e Commercio nel settore turistico. Sin da subito ha intrapreso diversi viaggi studio in Italia e all’estero per migliorare le sue conoscenze linguistiche. Dedica il suo tempo libero a viaggi in modo alla ricerca di spazi verdi o spiagge cristalline dove mantenere vivo il suo interesse per la scrittura, appassionandosi alla psicologia e alla criminologia.

Alfiere del Lavoro, Gianni Antonio Palumbo è nato a Molfetta e insegna presso il Dipartimento di Studi umanistici dell’Università degli Studi di Foggia “Filologia della letteratura italiana” e “Metodologia della critica letteraria”. È Direttore artistico della “Notte bianca della Poesia”, pubblicista e redattore di “La Vallisa”, “Quindici” e “Luce e Vita”. Ha pubblicato quattro romanzi, la silloge poetica Non alla luna, non al vento di marzo, i racconti di Il segreto di Chelidonia e ha composto pièce teatrali, edite e inedite, tra cui Lena, Il treno, Chi ha paura delle ombre?, Il diavolo a cavallo, La preghiera di Eleonora e Le ombre.  Suoi lavori più recenti sono l’edizione delle Rime di Isabella Morra (Stilo 2019) e il romanzo Per Luigi non odio né amore. Con lo pseudonimo di Giano bifronte critico, è artefice del blog https://gianobifrontecritico.wordpress.com/

A dialogare con gli autori, la scrittrice Marta Pisani che di recente ha pubblicato il suo primo romanzo Il diritto di scegliere, che si interfaccerà con il prof. Palumbo e Giovanna Sgherza, docente di matematica presso l'I.I.S.S. Galileo Ferraris di Molfetta, che interloquirà con la giovane scrittrice Mariantonia Del Rosso.

Leggere è un'arte e dobbiamo coltivarla.

 

Molfetta. La nota attrice figlia d'arte sarà in scena il 6 maggio, presso la Cittadella degli Artisti con lo spettacolo Femmes Fatales

molfettaviolanteplacidocontent220422Sarà Violante Placido la protagonista di "Teatro&Musica", primo appuntamento della nuova rassegna culturale organizzata dalla Fondazione Musicale Vincenzo Maria Valente, presieduta da Marcello Carabellese.

Il 6 maggio, sul palcoscenico della Cittadella degli Artisti, l'attrice porterà in scena "Femme Fatales", lo spettacolo che in tutta Italia la vede protagonista con grande successo di pubblico e importanti apprezzamenti dalla critica.

«Continua il nostro impegno di promozione culturale attraverso un cartellone - afferma Marcello Carabellese, presidente della Fondazione Valente - che mai era stato così ricco, sfaccettato e in grado di rappresentare ogni forma di arte dando spazio tanto ad artisti emergenti quanto ad artisti di chiara fama e di grande personalità, come Violante Placido».

«A Molfetta realizziamo per la prima volta la rassegna "Teatro&Musica" - continua il direttore artistico Sara Allegretta - affidando volutamente l'esordio a una delle attrici più brave del panorama italiano e che, con il suo spettacolo "Femme fatales", racconta donne che del talento hanno fatto il proprio manifesto, il proprio mezzo di espressione e realizzazione, donne che hanno lasciato un segno nella storia della musica e dell’arte».

Violante Placido darà voce e corpo a cinque donne che hanno rappresentato una rivoluzione per il genere femminile e che sono state fonte di ispirazione per tante generazioni: Nico, Marianne Faithfull, Patty Pravo, Françoise Hardy, Yoko Ono.

Un viaggio in teatro che ripercorre la loro straordinarietà attraverso il racconto delle loro vite e del loro incommensurabile talento.

L'attrice, dunque, farà conoscere al pubblico la storia di Marianne Faithfull, simbolo dell’epoca che creò il rock, di Nico, da musa di Wahrol a poetessa intimista, di Patty Pravo e di Françoise Hardy, due volti dell’essere donna in musica, infine di Yoko Ono, performer provocatoria.

Ad emergere, però, anche la multiforme personalità della Placido e il suo poliedrico talento non solo nella recitazione ma anche nel canto, riuscendo ad esprimere il suo essere artista capace di tenere sempre alta l'attenzione del pubblico e il filo conduttore tra chi è in platea e i suoi personaggi.

Sul palco, con Violante Placido, ci sarà anche la band composta da Dario Ciffo al basso e chitarra, Piero Monterisi alla batteria e Sebastiano Forte alla chitarra: con dieci brani simbolo anche la loro musica sarà fondamentale per raccontare donne fuori da ogni schema. Violante Placido, oltre ad essere la voce recitante, cura anche i testi con Michele Primi.

Molfetta. Il derby si disputerà domenica 24 aprile alle ore 17, presso lo stadio Tonino D'angelo di Altamura

molfettacalcio220422Per la 34esima giornata del girone H, la Molfetta Calcio sarà impegnata nell'importantissimo derby contro la Team Altamura. Sarà una sfida totalmente biancorossa, tra due squadre divise da soli due punti, ma non ancora matematicamente salve, nonostante un buon margine sulla zona layout.

I biancorossi di mister Bartoli vantano 43 punti e nell'ultima trasferta hanno rallentato la corsa playoff del Fasano, impattando 0-0 nella domenica delle palme. Purtroppo, però, il ruolino di marcia dei biancorossi è macchiato dalle due debacle casalinghe contro Nola e Casarano che hanno fatto perdere l'imbattibilità del Poli nel 2022.

Vive un ottimo momento la Team Altamura che, dopo le sabbie mobili del piazzamento playout invernale, si è svegliata alla grande in primavera: da marzo solo due sconfitte, contro Francavilla e Fasano e ben 5 risultati utili anche con squadre quotate come Bitonto e Sorrento

Stesso numero di vittorie per le due compagini biancorosse, dieci, la differenza sta nelle due X in più di Pozzebon e compagni. All'andata, al Poli, terminò 0-0. In coppa Italia, invece, biancorossi avanti, raggiunti e battuti ai rigori.

Dopo il match con l'Altamura, il campionato si fermerà per dieci giorni così da permettere vari recuperi di match, saltati per casi di positività da Covid-19, e per garantire un numero equo di partite prima della ripresa.

Il campionato riprenderà il 4 maggio e mancheranno quattro gare per salutare l'annata sportiva in cui gli uomini di Bartoli hanno migliorato il punteggio dello scorso anno.

Molfetta. Le aree interessate dal progetto sono quattro e sono situate nelle zone periferiche della città, tra Lama Martina e il nuovo porto commerciale

molfettaverde220422Ok del Ministero della transizione ecologica al finanziamento di 500mila euro del progetto Ai confini tra lame e mare Molfetta si tinge di verde presentato, nei mesi scorsi, al Ministero dell’Ambiente, nell’ambito dell’Avviso pubblico che prevedeva interventi di riforestazione del territorio della Città metropolitana di Bari.

Molfetta aveva presentato un progetto che prevede interventi di riforestazione che riguarderanno una superficie complessiva di oltre cinque ettari sul territorio cittadino.

L’obiettivo è creare luoghi verdi in grado di rispondere sia alle esigenze di fruizione pubblica, sia alla salvaguardia del benessere dei cittadini consentendo loro di svolgere anche attività fisica all’aperto lontani dal traffico.

Le aree interessate dal progetto, quattro in tutto, si trovano nelle perfierie della città interessate dalla espansione urbanistica degli ultimi decenni.
L’area 1 si trova all’interno del quartiere tra da Lama Martina e la statale 16 bis. L’area 2 si trova a ridosso della pista di atletica Cozzoli e il Comparto 15. L’area 3 è parallelo alla ferrovia vicino al parco Tombino. L’area 4 si trova vicino al mare vicino al cantiere del nuovo porto commerciale.

Foto da Pixabay

Molfetta. I dauni hanno vinto per 3-0. Prossimo impegno per la Virtus domenica 23 aprile contro l'Audace Cagnano. Fischio d'inizio alle ore 16.30

molfettavirtuscalcio220422È stata una brutta sconfitta casalinga quella subita dalla Virtus Molfetta, nel match di recupero contro il Troia che ha vinto per 3-0.

Antonelli e De Palma, entrambi in gol nell’extratime, addolciscono un giovedì amaro che riduce al lumicino le speranze playoff degli uomini di Presutto. Si conclude così il terzultimo turno: la Nuova Daunia allunga sul Palese, sconfitto dallo Stornarella quarto che stacca i virtussini. Sempre terzo il Trani. In virtù del regolamento secondo cui con almeno sette punti di distacco tra seconda e quinta, quest’ultima è estromessa dai playoff, capitan Porcelli e compagni ad oggi sono fuori dal sogno playoff per i dodici punti di ritardo dal Palese, secondo.

Prima di scrivere la parola fine sul discorso playoff, i biancorossi proveranno a strappare la quarta posizione: Trani affronterà la Nuova Daunia desiderosa di conquistare il salto di categoria e l’Audace Cagnano; Stornarella se la vedrà con Trinitapoli che deve salvarsi e Troia che, con i tre punti ottenuti al Petrone festeggia la matematica permanenza in Prima Categoria.

 Domenica, in una delle trasferte più lunghe del girone, i biancorossi affrontano l’Audace Cagnano alle ore 16,30. Rialzarsi è l’imperativo in casa Virtus Molfetta

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino