Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. Un progetto della Polizia locale per prevenire e contrastare la vendita e spaccio di sostanze stupefacenti è stato approvato dalla Giunta. Sarà garantita ai nostri ragazzi un’attività educativa, formativa e informativa da parte degli operatori della Polizia Locale in collaborazione con enti e istituzioni del mondo della scuola, della sanità, della Polizia stradale, anche attraverso campagne di comunicazione su tematiche correlate al disagio giovanile. Il progetto, infatti, prevede il controllo nelle ore serali nelle zone interessate dalla perpetrazione degli illeciti con la presenza di agenti in abiti civili e con il controllo delle telecamere di videosorveglianza; il controllo dei servizi di viabilità, di tutela dell’ordine e della sicurezza; l’attività educativa, formativa e informativa presso gli istituti scolastici presenti nel territorio di Molfetta. Questa nuova attività – affermano il sindaco Tommaso Minervini e l’assessore alla Sicurezza Maridda Poli – è una iniziativa concreta sui temi della sicurezza e della socialità, del disagio giovanile e della lotta alla droga. Gli agenti della Polizia locale saranno impegnati assieme a professionalità del settore socio-educativo per supportare i ragazzi in difficoltà e le loro famiglie”.

MOLFETTA. Un “ piccolo gruppo di volenterosi donatori di sangue”  nei primi mesi del 2012 lasciano una associazione di donatori di sangue a cui erano iscritti, non condividendone più le politiche gestionali e decidono di fondarne una nuova con  spirito di rinnovato entusiasmo. Ben presto questo gruppo si trovò ad affrontare molteplici difficoltà, prima di tutto, individuare un luogo in cui incontrarsi per intraprendere quella che sembrava inizialmente un’avventura. La possibilità del luogo ci venne data da un componente del gruppo della nascente associazione che, a titolo gratuito, dette a disposizione un piccolo locale di sua proprietà. In questo luogo i componenti tennero i primi incontri costitutivi, decidendo di aderire alla CONSOCIAZIONE NAZIONALE DELLA FRATRES. All’unanimità la nascente associazione decideva di intitolare la stessa al compianto Vescovo don Tonino Bello,  essendo stato egli stesso un donatore di sangue. Il Gruppo FRATRES di Molfetta “don Tonino Bello”, entra a far parte della Consociazione Nazionale dei Gruppi di Donatori di Sangue FRATRES delle Misericordie d’Italia in data 25 luglio 2012. L’entusiasmo dei soci fondatori era grande come grandi furono le difficoltà a cui il nuovo gruppo andò incontro. Innanzitutto occorreva far conoscere alla cittadinanza la nuova realtà associativa con i suoi obiettivi ed affrontare economicamente le varie incombenze che si presentavano. Nonostante le mille difficoltà iniziali, le donazioni iniziarono, poco alla volta, ad aumentare man mano che e il nostro messaggio veniva recepito. Iniziammo, prima di tutto a inoltrare richieste alle amministrazioni che negli anni si   susseguirono nella città, di assegnarci dei locali adeguati per accogliere i donatori e gestire  al meglio le attività dell’associazione. Nonostante le mille promesse nessun riscontro ebbero le nostre istanze. Finalmente  l’amministrazione del sindaco Tommaso Minervini ha risolto, da circa tre anni,  il problema di una sede adeguata, affidandoci dei locali di proprietà del Comune, con regolare contratto di locazione, in via Freemantle n.40/c. In questa nuova sede il Gruppo FRATRES Molfetta “don Tonino Bello”  ha potuto svolgere adeguatamente ed affrontare con più impegno gli obiettivi che si era proposto. Grazie alla nuova sede, adatta e consona a svolgere le attività associative, il Consiglio Direttivo ha iniziato a fornire ai propri soci donatori ed al territorio nuovi servizi con la diffusione dell'educazione sanitaria e la formazione della cultura del dono, organizzando corsi di primo soccorso, offrendo consulenza gratuita di urologo, chirurgo plastico, senologo ed esami di laboratorio ai soci donatori (PSA; marcatori tumorali, esami completi della Tiroide, E.c.g., ecc.). Inoltre la FRATRES fornisce ai propri soci ed al territorio, in modo assolutamente gratuito, con la disponibilità di un dottore commercialista la consulenza per la dichiarazione dei redditi. Ogni fine anno associativo si conclude con la celebrazione di una messa di ringraziamento per il donatore e una festa conviviale presso le strutture di ricevimento presenti sul nostro territorio, molto appezzate dai donatori, congiunti e amici. Per l’occasione, vengono premiati i donatori che nel corso dell’anno hanno raggiunto l’obiettivo delle 15, 25, 50, 75 donazioni con medaglie rispettivamente di bronzo, d’argento, d’oro ed alloro in oro. L’associazione, di ispirazione cristiana, crede nell’importanza della donazione come gesto di solidarietà e generosità, basata sul volontariato, avente come scopo l’affermazione della carità e della fraternità cristiana attraverso la testimonianza della donazione di sangue, nelle sue varie forme previste dalla legge, in favore dei bisognosi e della collettività secondo l’insegnamento del Vangelo. La nostra missione è basata su cinque pilastri fondamentali, senza i quali non sarebbe giustificata la donazione.

1. La volontarietà, nessuno mai deve costringere il donatore a donare quando, dove e per chi.

2. La periodicità, il donatore per essere veramente utile deve donare periodicamente.

3. La gratuità, non pensare mai di ricevere qualcosa in cambio per la donazione.

4. L' anonimato, è la forma che previene la donazione mirata ad un sofferente.

5. La responsabilità, cioè la consapevolezza del donatore di condurre uno stile di vita sano e responsabile in modo tale da poter donare sangue perfetto senza mettere a rischio il ricevente.

GRAZIE al determinante coinvolgimento dei donatori, le donazioni negli anni sono man mano cresciute.

GRAZIE ai donatori che nonostante la pandemia del COVID19, di questi ultimi difficili anni  hanno sentito il bisogno di non venir meno al loro impegno altruistico.

GRAZIE al loro incessante impegno nell’anno 2021, appena trascorso, la FRATRES “don Tonino Bello” ha superato di gran lunga le 1.000 donazioni.

GRAZIE a tutti coloro che hanno creduto in questo “ piccolo gruppo di volenterosi donatori di sangue”  che sicuramente è diventato  un punto di riferimento nel nostro territorio.

Mi sembra così bello che gli uomini esprimano la solidarietà con i loro fratelli attraverso la donazione del sangue, è un gesto che vale una consacrazione, è un offertorio, una comunione, non è enfasi, ma la lettiga della donazione vale un altare; la sacca del sangue vale un calice” (don Tonino Bello)

 

 

MOLFETTA. Si svolgerà sabato 22 gennaio alle 19 il recupero dell’ottava giornata di andata per la Dinamo Molfetta  contro il Brio Lingerie Cerignola, che era prevista l’8 gennaio. Dopo il brutto inizio del 2022 contro l’Adria Academy Bari per le ragazze arancio di Mister Marzocca è il momento di rialzare la testa e ritrovare grinta e determinazione, per dimostrare tutta la loro potenzialità e spirito di squadra sul parquet amico del PalaPoli. Testa e cuore saranno entrambe necessarie per affrontare il Cerignola, terza in classifica con 6 partite giocate al pari della Dinamo, che segue in quarta posizione. I tifosi che vorranno sostenere le ragazze molfettesi potranno accedere al plesso sportivo nel rispetto di tutte le regole previste per il contenimento della pandemia, tra cui FFP2 obbligatoria e presentazione di Super Green Pass.

Si potrà prenotare fino alle 12 del giorno della partita al link ttps://www.noisiamodinamo.it/prenotazioni/

Tornano in campo anche i ragazzi di 1° divisione Dinamo per il recupero del match contro BCC New Mater presso la Palestrina del PalaPoli mercoledì 19 gennaio alle ore 21.

 

MOLFETTA. Con il derby di domenica 16 gennaio la Nox Molfetta ha chiuso il girone d'andata della stagione, la prima in serie A2 per la società del presidente Luciano Savi. 
La sconfitta per 7-3 rimediata al PalaPoli, tuttavia, non scalfisce le certezze di una squadra in crescita e in salute, e con ampi margini di miglioramento. 
Al giro di boa, dopo undici giornate la Nox Molfetta è fuori dalla zona playout e in piena corsa per l'obiettivo della stagione: la permanenza nella seconda serie del futsal in rosa nazionale. 
E i numeri parlano di una squadra che potrà dire la sua su ogni campo nelle prossime settimane e che cercherà di sfruttare al massimo il fattore campo: al PalaFiorentini, nel rispetto delle norme anti covid, il tifo non è mai mancato, registrando di fatto sempre il sold out.  Ancora: sono otto le giocatrici andate a segno. 
La migliore è Nanà con undici centri e terza migliore marcatrice del torneo. Subito dopo di lei Giacò con 9 e poi 4 Caballero, 3 dell'Ernia, 2 Barbaro, Cangiano e Guercia e 1 per Mazzuoccolo e Narsete. 
La prossima domenica la Nox Molfetta osserverà il turno di riposo imposto dal calendario e avrà due settimane di allenamenti per prepararsi al secondo turno del girone di ritorno, la sfida interna alla capolista Foligno. 

 

Foto di Martina Camporeale

MOLFETTA. Le Aquile ancora prive di Murolo e Koseky, rimediano la prima sconfitta del 2022 al cospetto della Polisportiva Futura con il punteggio di 3-5. Al PalaPoli i molfettesi non riescono a conquistare punti nella scontro diretto per la corsa salvezza in A2. Ortiz e compagni, dopo la rete del vantaggio di Dell’Olio, chiudono la prima frazione in svantaggio viste le reti di Lucao e Pedotti. Nella ripresa Ortiz pareggia, dopo l’espulsione di Cividini, ma Lucao e Guarnieri siglano l’allungo; Zurdo accorcia e la Futura la chiude un super goal di Durante. PRIMO TEMPO. Quintetto inziale scelto da mister Rutigliani composto da: Lopopolo tra i pali, Adami, Ortiz, Dell’Olio e S. Dibenedetto. L’ incontro è subito equilibrato nelle prime battute e ricco di tante emozioni: al 4’36’’ Dell’Olio va in goal complice l’assist perfetto da banda destra di Ortiz, sul lato opposto al 6’29’’ Lucao pareggia subito l’incontro. L’incontro s’infiamma ed entrambe le squadre se la giocano a viso aperto, infatti Lopopolo risponde presente su Minella e Adami calcia di poco alto. Le Aquile premono alla ricerca del vantaggio: Parisi è strepitoso su Toma e subito dopo Zurdo spreca tutto calciando alto. Lopopolo con un grande istinto nega la gioia del goal a Zamboni e la Futura a 4’ dal termine commette il quinto fallo. I biancorossi non ne approfittano e al 17’14’’ l’esperto Pedotti porta per la prima volta in vantaggio i suoi con un lob perfetto. SECONDO TEMPO. I primi minuti del secondo tempo sono tutti in discesa per le Aquile Molfetta, la Futura al 2’49’’ perde Cividini per doppia ammonizione, infatti i padroni di casa al 4’27’’ pareggiano con la rete di capitan Ortiz. I biancorossi, dopo le conclusioni di Dibenedetto e Ortiz, incassano la rete al 6’42’’ di Lucao abile sul secondo palo. Sul punteggio di 2-3 la Futura non si ferma affatto e al 9’14’’ Guarnieri dall’out di sinistra sigla la quarta rete degli ospiti. Mister Rutigliani si gioca subito la carta del quinto di movimento e al 12’26’’ Zurdo mette a segno il 3-4. Le speranza delle Aquile vengono però spente dal super goal di Durante di tacco al volo al 16’22’’ (3-5). Nel finale Zurdo coglie la traversa e Parisi blinda definitivamente la porta su Ortiz. ​

Testa al recupero dell’11^ giornata, al PalaPoli, con l’Or.Sa Bernalda Futsal: mercoledì 19 gennaio alle 19.00.

 

MOLFETTA. Una collezione di vecchie foto della città e del seminario regionale, dove don Tonino Bello e generazioni di ecclesiastici pugliesi si sono formati. È il dono del sindaco Tommaso Minervini a Sua Eminenza il Cardinale Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, a margine della solenne celebrazione eucaristica nella quale è stata data lettura del Decreto di Venerabilità di don Tonino Bello. La messa si è tenuta il 15 gennaio in Cattedrale. Presenti, oltre ai primi cittadini di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo, Terlizzi, Corato e Alessano, il sottosegretario alla Presidenza del consiglio Roberto Garofoli, il Prefetto di Bari Antonella Bellomo, Trifone Bello, fratello di don Tonino, l'attuale vescovo di Molfetta Domenico Cornacchia e il presidente della Cei regionale Domenico Negro, primo successore di don Tonino alla guida della diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi. "Sua Santità - si legge nel decreto delle virtù di don Tonino-, accogliendo e confermando i voti della Congregazione delle Cause dei Santi, ha oggi dichiarato: sono provate le virtù teologali Fede, Speranza e Carità verso Dio e verso il prossimo, nonché le cardinali Prudenza, Giustizia, Fortezza e Temperanza ed annesse in grado eroico del Servo di Dio Antonio Bello, Vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, nel caso e per il fine di cui si tratta. Il Sommo Pontefice ha poi disposto che il presente decreto venga pubblicato e inserito negli atti della Congregazione delle Cause dei Santi".



MOLFETTA. "Ho appreso con grande dolore della morte di don Francesco Gadaleta, tra i sacerdoti più anziani della nostra comunità. Parroco storico del Sacro Cuore di Gesù e di San Bernardino, è stato punto di riferimento per tante famiglie e generazioni di molfettesi. Il suo impegno e la sua vocazione sono state anche al servizio della confraternita piu numerosa della nostra città. È stato, infatti, padre spirituale dell'Arciconfraternita della Morte dal sacco nero. Oggi tutta Molfetta e la Diocesi piangono un sacerdote che con il suo operato per la Chiesa, iniziato nel 1949, ha attraversato il Novecento fino ai giorni nostri, sempre con la schiena dritta, professando fino all'ultimo i valori del cristianesimo. E ricordando e testimoniando di ogni persona e famiglia che incontrava i tratti umani e il senso spirituale della vita. Un sacerdote un testimone della storia comunitaria di Molfetta. Un abbraccio a sua sorella Chiara".

 

MOLFETTA. Il campionato di serie A2 - girone C di calcio a 5 femminile giunge all'ultima giornata d'andata.
E, per il giro di boa dell'undicesimo turno, la Nox Molfetta è alla prova derby.
Le biancorosse del presidente Luciano Savi, infatti, sono attese al PalaPoli alle ore 16:00 di domenica 16 gennaio 2022 contro la Femminile Molfetta.
Le avversarie sono candidate alla vittoria del torneo e alla promozione in serie A nonchè la squadra da battere: con 16 punti occupano attualmente la terza posizione in classifica e sono reduci dal 3-3 in trasferta a Chiaravalle di sette giorni fa.
La Nox Molfetta, invece, con 10 punti sta provando a ridimensionare la propria classifica dopo un avvio di stagione negativo.
Due i successi nelle ultime due uscite: a Taranto, con la vittoria per 2-8, e al PalaFiornetini la scorsa domenica contro la Virtus Cap San Michele per 7-2.

 

Foto di Martina Camporeale

 

MOLFETTA. Nella serata di oggi, sabato 15 gennaio, alle ore 18.00, nella Cattedrale di Molfetta, si terrà la solenne celebrazione eucaristica presieduta da Sua Eminenza il Cardinale Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. All'inizio della liturgia sarà data lettura del Decreto di Venerabilità di don Tonino Bello. La S. Messa sarà trasmessa in diretta TV su Tele Dehon (can. 18 – 518 HD), su Padre Pio TV (can. 145 – Sky 852) e sui canali social diocesani.

MOLFETTA. Un racconto sulla forza di volontà delle giovani donne, capaci di raggiungere qualsiasi risultato, anche solo con l’immaginazione, arriva alla Cittadella degli Artisti di Molfetta. Domenica 16 gennaio alle ore 18 si rinnova l’appuntamento con gli spettacoli dedicati alle famiglie: il laboratorio urbano ospita lo spettacolo Celestina e la luna, produzione Teatri di Bari / Crest, in collaborazione con Progetto Senza Piume, che ha debuttato all’ultima edizione del Festival Maggio all’Infanzia. Damiano Nirchio e Anna De Giorgio firmano una favola carico di buoni sentimenti, con protagonista Celestina, una bambina con un’immaginazione senza confini, sempre persa dietro progetti inverosimili o imprese strampalate. Ma le sue doti così speciali le costano tanta solitudine e gli sfottò anche pesanti degli altri ragazzini. Unica amica possibile, e necessaria, è Amie, un’amica immaginaria che da tempo la affianca in ogni impresa, anche utopica, come appunto raggiungere la luna. Una storia di formazione, come ricordano i due registi: “le qualità, gli strumenti, le “armi” che la piccola protagonista deve affilare per vincere le difficoltà, sono reali e la costringono ad una evidente crisi e ad un necessario sviluppo che al risveglio-ritorno la troverà diversa, cresciuta e consapevole dei propri mezzi e della propria identità”.

Biglietto intero 12 euro, ridotto 8 euro. Disponibili al botteghino della Cittadella (via Bisceglie 775) e sul circuito Vivaticket.com. Botteghino attivo tutti i giorni tranne il lunedì dalle ore 17.00 alle ore 20.00. Per info: 39 3921638782 / Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. E per chi possiede la cashback card di Teatri di Bari, riavrà il 3% del prezzo d'acquisto di biglietti e abbonamenti, oltre a cashback su migliaia di esercizi convenzionati al circuito myWorld. È possibile iscriversi sul sito myworld.com e scaricare l'app myWorld Benefits (disponibile negli store Ios e Android).

Il programma completo della Stagione 2021.22 in Cittadella sul sito www.teatridibari.it.

 

 

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino