Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. Quarto colpo di mercato per il DS Frascati. Dopo Guadalupi, Monaco e Giambuzzi, ecco il tanto atteso rinforzo offensivo: Giuseppe Genchi è un nuovo giocatore della Molfetta Calcio. Arriva da Bitonto dove è stato autore di tre reti in un anno e mezzo; svincolatosi in settimana, la punta aveva diverse richieste in serie D e ha scelto il progetto di mister Bartoli. In passato esperienze importanti in piazze gloriose della serie D e in C ha vestito, nel recente passato, le maglie di Monopoli e Potenza, timbrando ben 23 reti. Bomber esperto, l'attaccante barese è un classe 1985 e porta in dote tutta la sua fame di gol e freddezza.

 

MOLFETTA. Giovedì 16 dicembre si è tenuto un incontro in presenza, nella sala conferenze dell’istituto, tra gli studenti dell’indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica articolazione Elettrotecnica e i referenti dell’Azienda Omega Impianti di Giovinazzo. Tema dell’incontro: “Problematiche relative all’installazione e alla gestione di impianti fotovoltaici”. L’Amministratore Unico dell’azienda, il sig. Giuseppe Arcerito, dopo aver presentato la sua attività e i settori impiantistici di cui si occupa, ha esordito ricordando agli studenti presenti delle classi del triennio di Elettrotecnica, che egli stesso fino al 2010 era seduto sugli stessi banchi e che con orgoglio ha frequentato lo storico Galileo Ferraris. Ha quindi esortato gli studenti ad approfittare degli anni di studio, di pretendere una preparazione efficace e idonea, di cercare di diplomarsi con un voto alto per poter competere poi nel mondo del lavoro. Successivamente con l’aiuto di due collaboratori, l’ing. Mattia Caldarulo responsabile dell’ufficio tecnico e la dott.ssa Sara Falca responsabile delle risorse umane, dopo aver illustrato con compiuto approfondimento il tema della conferenza, ha risposto alle domande spontanee degli studenti con particolare riferimento alla sua azienda e alla nascita della stessa. La dott.ssa Falca, in particolare, ha evidenziato quanto difficile sia trovare dei diplomati del settore per inserirli nella loro struttura aziendale e ha invitato gli studenti a presentare il proprio Curriculum Vitae per poterli assumere. Infine il sig. Arcerito, nel ricordare che l’Istituto e l’Azienda hanno sottoscritto una convenzione per collaborare nella realizzazione di percorsi PCTO, ha dichiarato: “Quando si frequenta una scuola di alto livello quale il Ferraris, se si ha buona volontà, il successo nella vita è assicurato”. Alla fine dell’incontro, applaudito dai partecipanti, il titolare dell’azienda è stato circondato dagli studenti che gli facevano domande sulla sua azienda e sulle possibilità di inserirsi. Un incontro che è servito a ridurre il divario tra scuola e mondo del lavoro, ad avvicinare competenze professionali a realtà produttive locali, a favorire relazioni tra impresa e scuola.

MOLFETTA. Vito Cozzoli, presidente e amministratore delegato, di Sport e Salute è stato ricevuto dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che si è complimentato con lui sottolineando che "il piano di azione di Sport e Salute guarda al futuro per rispondere ai bisogni dei cittadini”. «Colgo l’occasione per congratularmi con l’illustre concittadino che porta alto il nome della nostra città con il suo impegno e la sua grande professionalità. Certo di rappresentare i sentimenti della Comunità molfettese porgo le mie congratulazioni e colgo l’occasione per fare gli auguri a tutti i protagonisti dello sport sano».

 

MOLFETTA. Un centro storico in chiave fiabesca che vedrà protagonista Pinocchio e le sue storie, questo sarà il filo conduttore della terza edizione di Cantine di Natale l’evento organizzato dall’Associazione Athletic Molfetta con il patrocinio e il contributo dell’assessorato al marketing territoriale del Comune di Molfetta che si terrà a Molfetta il 17-18-19 dicembre 2021 tra Piazza Amente e Piazza Municipio.

Un percorso enogastronomico in cui si potrà degustare vino proveniente dalle cantine partner del progetto e assaggiare street food locale.

A impreziosire le serate ci saranno spettacoli teatrali e d’intrattenimento itineranti e performance musicali a tema fiabesco e natalizio. Gli attori della compagnia teatrale “Il Carro del Comici” diretti da Francesco Tammacco attraverso la loro sapiente espressività, daranno vita ai personaggi della fiaba di Pinocchio, trasformando il centro storico di Molfetta nel Paese dei Balocchi coinvolgendo grandi e piccini.

In particolare gli allievi della scuola de “Il Carro dei Comici” si esibiranno in un piece teatrale che parte dal Pinocchio di Stefano Benni, uno dei primi lavori teatrali scritti da Benni, verso la fine degli anni ’90. La storia di Pinocchio di Carlo Collodi viene completamente rivisitata. E’ un’ interpretazione molto divertente che racconta il mondo dei bambini, dei ragazzi e degli adolescenti che si confronta con il mondo antico di geppetto che condurrà gli spettatori ad una sorpresa finale.

Via Amente nella tre giorni sarà arricchita dagli attori che rispecchiano le favole dalla tradizione tra cui: la Principessa sul Pisello, Scarpette Rosse, La regina delle nevi, il Gatto e La volpe, il Mangiafuoco.

Cantine di Natale a Molfetta sarà anche un’occasione per fare beneficenza grazie alla casa di Babbo Natale in collaborazione con il Ser Molfetta che con il suo calore coinvolgerà i bambini e consentirà di raccogliere fondi e attraverso la presenza de l Consorzio Metropolis si darà volto al mondo del volontariato e dell’assistenza. Nel corso delle serate saranno promosse le ricette tipiche della tradizione, con dieci punti ristoro allestiti per l’occasione, dove sarà possibile gustare diverse tipologie di street food come: fritto misto con pettole e zeppole della tradizione, caldarroste, caciocavallo impiccato, mortadella alla griglia e vari tipi di pane tostato al momento accompagnato da buon vino delle cantine regionali e nazionali.

Si parte venerdì 17 dicembre dalle ore 20 si terranno spettacoli itineranti e street concert, tra cui il Mr Big Cuircus di Cristian Lisco in Piazza municipio, i trampolieri, in Piazza Amente gli attori della Compagnia del Carro dei Comici interpreteranno le storie di Pinocchio, non mancheranno il Mangiafuoco che si esibiranno in un piece teatrale dedicata a Hansel & Gretel, a cura della compagnia di teatro di burattini Granteatrinio di Bari. Seguirà Simone Tuosto che si esibirà in Mone Monè con uno spettacolo di acrobazia e giocoleria in Piazza Municipio e Piazza Amente, la serata si concluderà con il concerto dei Sobballera. Sabato 18 dicembre dalle ore 18.30 si replicheranno gli spettacoli itineranti con i trampolieri; la performance di Simone Tuosto con Mone Monè e il suo spettacolo di acrobazia e giocoleria in Piazza Municipio e Piazza Amente; la serata si concluderà con l’esibizione di
Ying & Yang con festa a corte e lo spettacolo di fuoco e giocoleria. Seguirà l’ interpretazione di “Pinocchio e dintorni" in Via Amente e in Piazza Amente; il Mangiafuoco presenta Il Barone Rampante, spettacolo d’attore e disegni dal vivo. La serata di sabato 18 dicembre si concluderà con il concerto musicale di Davide de Gioia e il The SwingBeaters. Domenica 19 dicembre:
dalle ore 11.30 si terrà l’esibizione conclusiva con la banda di s. Cecilia con canti di Natale. Per info
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

MOLFETTA. Si è svolta martedì 14 dicembre, a Roma nel Palazzo del Quirinale, la cerimonia di conferimento delle onorificenze agli Alfieri della Repubblica. 28 i giovani tra i nove e i 18 anni, che si sono distinti per particolari meriti negli anni 2019, 2020 e 2021, che hanno ricevuto l’Attestato di Onore dal Capo dello Stato Sergio Mattarella. Tra gli Alfieri della Repubblica, uno studente dell’I.I.S.S. “Galileo Ferraris” di Molfetta, il sedicenne Giuseppe Cassano di Ruvo di Puglia, frequentante la classe 3C Informatica, che è stato insignito con questa motivazione: “Per l'impegno con cui ha partecipato alla rete di solidarietà che ha consentito di rafforzare i presidi medici e gli strumenti di protezione nella prima fase della pandemia, quando questi presidi erano particolarmente carenti. Ha lavorato giorno e notte, ed è riuscito a produrre, con la sua stampante 3D, 90 supporti per visiere di protezione, poi utilizzati dal personale medico e infermieristico”. Grande l'orgoglio della famiglia che ha vissuto questo momento con tanta emozione. Enorme l'augurio che, il Dirigente Scolastico prof. Luigi Melpignano , la docente Antonella La Grasta che ha proposto la sua candidatura e la comunità scolastica dell’I.I.S.S. “Galileo Ferraris” di Molfetta, hanno rivolto a Giuseppe Cassano, affinché sappia dimostrare nel prosieguo della sua vita, come ha detto il presidente Sergio Mattarella, quanto il suo essere straordinario possa essere foriero di generosità alla società.

MOLFETTA. La musica sposa la solidarietà con il Concerto di Natale sinfonico dal mondo, lunedì 20 dicembre, a partire dalle 21, in Cattedrale con l’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari diretta dal Maestro Nicola Samale, con la partecipazione del Tenore Francesco Zingariello e del Mezzo Soprano Maria Candirri. L’iniziativa è organizzata dall’Associazione di promozione turistico-culturale Pro Artibus di Molfetta. E’ inserito nel cartellone di “Molfetta in Luce”, rassegna di eventi nel periodo natalizio organizzata dal Comune di Molfetta (Assessorati al Marketing Territoriale e Cultura) e dal DUC (Distretto Urbano del Commercio). Nel corso della serata, con la collaborazione straordinaria di Gaetano Romanelli alla zampogna, saranno eseguiti brani appartenenti alla tradizione musicale natalizia italiana e brani composti da Johann Strauss. La serata ha una valenza benefica perché tutti i proventi saranno devoluti all’Associazione Regaliamoci un sorriso OdV che da oltre quattro anni gestisce il Social Market Solidale di Molfetta, un vero e proprio supermercato dove oltre 200 famiglie in condizione di disagio economico hanno la possibilità, ogni mese, di fare spesa gratuitamente scegliendo tra i prodotti presenti a scaffale. Per assistere al concerto è assolutamente necessario prenotare e ritirare il pass contattando l’Associazione Pro artibus o l'Info Point Turistico del Comune di Molfetta (IAT) ai seguenti contatti:
- Info Point Turistico del Comune di Molfetta (IAT) – via Piazza, 27/29 – tel. 3519869433
- Associazione Pro artibus – Via A. Volta, 62 – tel. 3479420099
In virtù delle norme Covid vigenti a partire dal 06/12 in Italia al concerto si potrà accedere solo se in possesso di super green pass e con mascherina obbligatoria durante tutta la serata.

 

MOLFETTA. Un riconoscimento per le imprese storiche del territorio è stato assegnato dalla Camera di Commercio di Bari a cinque attività molfettesi. Era stato indetto un bando, infatti, per premiare le imprenditrici e gli imprenditori che continuano a contribuire allo sviluppo economico del territorio nei settori industria, commercio e servizi. I premiati molfettesi sono Vito Natalicchio, Natale Binetti, Francesco Angione, Francesco Sgherza e Pasquale Vendola. “Con questi artigiani e imprenditori – afferma il sindaco Tommaso Minervini – continua quella che io chiamo la microstoria della nostra città, espressione di una sana cultura del lavoro, iniziata dalle ceneri del Dopoguerra, che ha attraversato il boom economico e resistito alle varie crisi degli ultimi decenni. Sono storie di famiglie che si sono tramandate l’amore e i segreti dell’attività intrapresa. Ringrazio i cinque vincitori a nome della città”.

LE “IMPRESE STORICHE”

Vito Natalicchio. L’attività d’impresa del nonno Vito Natalicchio fu avviata nel 1898 a Molfetta al Corso Dante n. 40, ma risulta iscritta alla Camera di Commercio di Bari nel 1925. L’attività consisteva nel commercio al dettaglio di abbigliamento ed accessori inizialmente ma nel 1944 l’oggetto dell’attività veniva variato in commercio di articoli di cartoleria, in quanto il processo di alfabetizzazione riconducibile al regime fascista aveva condizionato la scelta imprenditoriale. A tale commercio veniva affiancata, sino ai giorni nostri la rivendita di accessori per l’ufficio ed abbigliamento. Dopo la scomparsa di Vito Natalicchio l’attività fu proseguita dal figlio Pietro dal 1967 con la denominazione di ditta Natalicchio Vito di Natalicchio Pietro. Dal 1993 è subentrato a Pietro Natalicchio il figlio Vito, attuale titolare, che tuttora  si avvale della collaborazione dei figli Vitantonio e Pietro.

 

Natale Binetti. L’attività di fabbro della famiglia Binetti ebbe inizio col nonno Nicola Binetti classe 1906 che iniziò tale attività ferrando gli zoccoli dei cavalli in una vecchia bottega a Molfetta. Purtroppo non si hanno documenti che testimoniano tale attività se non il riconoscimento del Presidente della Repubblica come Cavaliere del Lavoro. L’attività venne poi trasmessa al figlio Luigi Binetti, classe 1934, che dopo aver affiancato suo padre decise di spostarsi in una bottega più moderna, poco distante dalla prima, acquistando attrezzature più all’avanguardia per quell’epoca come le forgiatrici, troncatrici, saldatrici elettriche, ecc. La prima iscrizione negli archivi camerali si ritrova nel 1971 a nome di Luigi Binetti. Successivamente uno dei suoi figli, Natale Binetti, avendo respirato fin da bambino l’aria del lavoro in officina e, avendo appreso da adolescente l’arte del fabbro, decise di imparare presso terzi le tecniche di realizzazione di porte blindate e così dopo un anno di apprendistato presso un'altra azienda,  nel 1993 rilevò l’azienda di suo padre acquistandone i macchinari e affiancò alla tradizionale attività di fabbro artigiano la produzione di porte blindate e strutture in ferro quali cancelli, portoni ed ogni altro manufatto finalizzato a difendere le case dalle incursioni dei ladri. Nel 2003 anche Francesco Binetti, fratello di Natale e figlio di Luigi entra a far parte dell’azienda come collaboratore familiare. Oggi la ditta Natale Binetti conosciuta per l’abilità nella produzione artigianale dei suoi prodotti fatti su misura per rispondere alle più svariate esigenze di ogni cliente.

 

Francesco Angione. L’azienda nasce il 07/01/1977 a Molfetta ad opera del Sig. Francesco Angione; si è da subito distinta per la massima competenza nel settore, per l’attenzione al design. E’ la prima azienda locale a realizzare cucine componibili con elettrodomestici da incasso diventando negli anni azienda leader nella progettazione e produzione di arredamenti d’interni artigianali conosciuti in tutto l’hinterland di Molfetta. Nel 1983 la ditta viene iscritta nell’Albo d’Oro de “Il Messaggero Economico Italiano”. La continua crescita dell’azienda porta il titolare, nel 1986, ad acquistare ed inaugurare un negozio espositivo apportando una novità assoluta per l’artigianato locale, nel 2006 a realizzare a proprie spese, ed inaugurare un opificio industriale di 600 mq. L’azienda tuttora continua la propria attività all’insegna dell’innovazione.

 

Francesco Sgherza. L’impresa individuale edile Francesco Sgherza nasce nella sua forma attuale nel 1979 inizialmente a Molfetta e poi a Bari. Tuttavia la sua storia risale alla fine dell’800 con il nonno Francesco. Oggi il nipote Francesco Sgherza continua l’attività chefu prima del nonno  poi del padre Saverio, dopo coadiuvata dai fratelli Giuseppe e Leonardo nel campo dell’edilizia pubblica e privata anche oltre i confini regionali. Gli elevatissimi standard di qualità, affidabilità e serietà dell’azienda sono pubblicamente riconosciuti: attualmente essa rappresenta impresa edile di riferimento per il gruppo Terna ed effettua lavori  anche su commissione ministeriale.

 

Pasquale Vendola. All’età di 12 anni il piccolo Pasquale detto Lalo cominciò ad approcciarsi alla professione di acconciatore lavorando in un piccolo negozio di barbiere a Terlizzi. Poi cominciò da autodidatta ad applicare le colorazioni ed acconciare le capigliature femminili all’interno di un salone di Terlizzi e qui scoprì che la sua passione era l’acconciatura per signora. Nel 1968 decise di trasferirsi a Molfetta ed aprire il suo primo coiffeur per signora. Nel corso degli anni ha vinto numerosi premi sia a livello regionale che nazionale. Dal 1987 in poi si dedicò all’insegnamento della professione di parrucchiere per signora a suo figlio Angelo Domenico, con il quale collaborò fino al 2001, anno in cui il figlio decise di aprire un altro salone per conto proprio. Ad oggi il Maestro Lalo continua a lavorare nel suo salone di acconciature a Molfetta in Viale Pio XI.

 

MOLFETTA. Settima vittoria consecutiva per la Dai Optical Virtus che travolge al Palapoli la Valentino Castellaneta per 105-67 e rimane in testa alla classifica assieme all’Adriatica Industriale Basket Corato. Pronti via e subito la Dai Optical impone il proprio gioco trascinata ancora una volta da uno stratosferico BuljanDelic Calisi realizzano per la Dai Optical che allunga mentre Castellaneta trova i punti di Biasich e Vasilev e primo quarto termina 31-18.
Nel secondo quarto Castellaneta cerca di bloccare gli attacchi dei padroni di casa che continuano a realizzare con BuljanLiso Delic. Resta e Berkelund tentano di ricucire lo strappo ma si va al riposo lungo sul punteggio di 52-29. Al rientro dagli spogliatoi la Dai Optical annichilisce completamente gli avversari. Buljan è immarcabile, Liso serve assist perfetti per i compagni di squadra. BellinzonaFormica Calisi portano la Dai Optical sul + 30 con i padroni di casa che chiudono il terzo quarto in vantaggio 82-57.
L’ultimo quarto ha ben poco da dire. La Dai Optical supera agevolmente i 100 punti grazie ai punti di BellinzonaOrlando Rybelis, L’incontro termina 105-67 con la schiacciante vittoria dei ragazzi di coach Gallo.
Settima vittoria consecutiva per la Dai Optical Virtus Molfetta che schianta al Palapoli un avversario tutt’altro che facile come la Valentino Basket Castellaneta mostrando tutto il suo potenziale.
Prossimo impegno, domenica alle ore 18.00, il big match di Corato contro l’altra capolista l’Adriatica Industriale Basket Corato. Un match che varrà il primato solitario in classifica.

Dai Optical Virtus Molfetta – Valentino Castellaneta 105-67

Dai Optical Molfetta: Bellinzona 13, Buljan 35, Formica 4, Orlando 5, Feruglio 7,Ricciardi, Calisi 12, Delic 15, Liso 10, Rybelis 4. All: Gallo

Valentino Castellaneta: Biasich 16, Buono 12, De Angelis ne, Bentrad 1, Resta 12, Tartaglia 9, Berkelund 5, Pancallo, Conforti, Vasile 12. All: Longobardi

Arbitri: De Carlo Francesco di Lequile e Laterza Ambrogio di Mola di Bari

MOLFETTA. Rita Lafortezza è il secondo innesto del mercato invernale della Nox Molfetta: l'esperto play barese, infatti, giocherà la seconda parte della stagione con la maglia biancorossa.
Classe '87, Lafortezza ha da sempre disputato stagioni al vertice nel futsal pugliese.
Tre gli anni con la New Cap: a Sammichele in due stagioni in serie C arrivano le vittorie della Coppa Puglia e del campionato con la promozione in serie A2 che le baresi hanno disputato da matricole lo scorso anno e che Lafortezza ritroverà a gennaio, nel penultimo turno del girone d'andata in programma al PalaFiorentini.
Ancora prima l'esperienza nel Conversano dove pure sono arrivati i successi in campionato e Coppa.
«Avevo deciso di "appendere gli scarpini al chiodo" ma la passione vince sempre e ho deciso di slacciarli nuovamente da quel chiodino e indossarle ancora», racconto Lafortezza da neo giocatrice della Nox Molfetta.
«Ho scelto la Nox Molfetta perchè innanzitutto mister de Bari e la società mi hanno trasmesso molta positività come anche le mie nuove compagne», continua Lafortezza.
Il play arriva al PalaFiorentini con la squadra che conta solo 4 punti in classifica e in piena lotta salvezza: «mi piacciono le sfide - prosegue - e spero di poter dare un buon contributo a questa squadra in questi mesi».

Lafortezza è già a disposizione di Mister de Bari e del suo staff tecnico.

 

Credits image: AGIM DOCI

MOLFETTA. Un viaggio interiore alla ricerca delle radici della spiritualità, un percorso immaginario da Nazareth a Napoli. È il filo conduttore del concerto “Sacro sud” che Enzo Avitabile terrà, nell’auditorium Regina Pacis, venerdì 17 dicembre alle 21 (info biglietti https://www.ticketone.it/artist/enzo-avitabile/). Per Avitabile il Sud non è inteso come posizione geografica, ma come una fede che vive nella strada, nel popolo, nella realtà di tutti i giorni in sintonia con il grande messaggio di San’ Alfonso, che invitava i fedeli ad una preghiera confidenziale e familiare con il Signore. Il cantautore napoletano, infatti, ripercorre i motivi del Santo, attualizzandoli nei contesti sociali odierni, per giungere al Calvario e alla Crocifissione di Cristo, mettendo in risalto i mali ed il dolore del Mezzogiorno, dei tanti Sud e dei popoli sofferenti. Un viaggio nei suoni di ieri e di oggi, con i dialetti, le lingue, i ritmi, le danze, i simboli di appartenenza alle proprie radici, le melodie, le parole, i racconti di vita, le favole ispirate alla lotta per l'esistenza, la fede, le religioni, la magia, le aspirazioni universali.

Il concerto, organizzato da “Frontiere – progetto culturale multimediale”, fa parte del cartellone di “Molfetta in luce”, rassegna di eventi nel periodo natalizio organizzata dal Comune di Molfetta (assessorati al Marketing territoriale e Cultura) e dal Distretto urbano del commercio.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino