Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Anche il sindaco Tommaso Minervini ha espresso il suo cordoglio per la prematura scomparsa della giovane ragazza spagnola

molfettasilviamorentecontentSi è conclusa nel peggiore dei modi la ricerca della giovane  Silvia Soriano Morente, 24enne spagnola scomparsa dallo scorso 19 marzo ad Amsterdam. Conosciuta anche a Molfetta, dove ha operato come volontaria del Corpo Europeo di Solidarietà presso il Comune, la ragazza è stata ritrovata senza vita, e senza segni di violenza corporea, nelle acque del Westerpark nella capitale olandese Amsterdam.

Silvia da qualche mese si era trasferita ad Amsterdam per lavoro ed era scomparsa proprio nel parco dov’è stata ritrovata. La conferma del decesso è arrivata nel tardo pomeriggio di avantieri, sabato 26 marzo, attraverso l’account Twitter della Polizia di Amsterdam, che comunica: “Purtroppo questo pomeriggio sono state ritrovate nelle acque del Westerpark le spoglie di Silvia Soriano Morente, 24 anni, scomparsa dal 19 marzo scorso”.

Stando a quanto riferito dalle forze dell’ordine olandesi, la morte della ragazza pare non sia legata ad un atto criminale. Gli inquirenti pertanto si stanno cincentrando sulle ultime ore di vita di Silvia per capire quali sono state le dinamiche del tragico epilogo. La polizia di Amsterdam ha cercato la 24enne per una settimana dallo scorso 19 marzo, quando è stata vista l'ultima volta alle 20:50 nel luogo in cui è stata trovata. Il giorno della sua scomparsa, la giovane aveva visitato la fiera di Westerpark sabato pomeriggio e poi si era spostata in un bar in Van Hogendorpstraat.

«Questa notizia mi addolora – ha dichiarato il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini una giovane vita, le ambizioni, i sogni. Improvvisamente infranti. Silvia Soriano Morente, è la giovane ragazza spagnola, di 24 anni, scomparsa ad Amsterdam una settimana fa e ritrovata, sabato sera, nelle acque del fiume di Westerpark. Silvia ha prestato servizio, come volontaria del Corpo Europeo di Solidarietà, presso il nostro comune dove abbiamo avuto modo di conoscerla ed apprezzarla per la sua disponibilità, la sua voglia di vivere, la sua solarità. Esprimo il mio cordoglio e la mia vicinanza a nome dell'amministrazione comunale alla famiglia della giovane.Ciao Silvia».

Molfetta. Rientrano sconfitti dalla trasferta i biancorossi, rimasti in 10 al 35’ del secondo tempo con l’espulsione di  Gjonaj

molfettacalcionocerinamolfettaTorna sconfitta da Nocera Inferiore la Molfetta Calcio, che nella giornata di ieri ha giocato contro la Nocerina Calcio 1910 la partita di debutto dell’era Bufi. I biancorossi rispondono in maniera dignitosa alla grinta della squadra avversaria, quinta in classifica a pari merito con il Gravina, ma l’impegno non basta a ribaltare le sorti della partita.

La prima occasione è targata Molfetta Calcio: a tre minuti dall’inizio Genchi cerca il gol dal limite, ma senza fortuna, perché il tiro viene bloccato in porta da Venditti senza difficoltà. Il match è un braccio di ferro continuo per tutto il primo tempo fino al 43’, quando i rossoneri passano in vantaggio con un gol di De Martino.

La Nocerina difende il vantaggio arrancando nella difesa su Gjonaj e Pozzebon, più volte vicini a bucare la rete presidiata da Venditti. L’occasione mancata arriva al 33’, quando Pozzebon calcia da venticinque metri su punizione un pallone che colpisce in pieno il palo.  

Il secondo tempo inizia senza grandi colpi di scena, con i locali decisi a difendere il vantaggio. Al 22’ il raddoppio per la squadra di casa con un altro gol di De Martino. Nonostante altri due convincenti tentativi di segnare operati da Gjonaj, i biancorossi arrancano ed entrano in sofferenza al 35’ del secondo tempo con l’espulsione proprio dell’attaccante molfettese.

In dieci la situazione si fa ancora più critica per la Molfetta Calcio che, escluso qualche altro tentativo, non riesce a trovare margini di manovra fino al triplice fischio dell’arbitro Carsenzuola.

Molfetta. La scrittrice che racconta i NO che liberarono le donne, giovedì prossimo sarà protagonista di un incontro del progetto “Autori in classe: educhiAMO alla lettura”

molfettaviolaardonecontentGiovedì 31 marzo, alle ore 15.30, presso l’Auditorium dell’Istituto, le alunne e gli alunni dei Licei ‘Einstein - da Vinci’ di Molfetta incontreranno, nell’ambito del progetto ‘Autori in classe: educhiAMO alla lettura’, la scrittrice e professoressa napoletana Viola Ardone, per dialogare con lei del suo nuovo successo letterario, il romanzo "Oliva Denaro", pubblicato da Einaudi e ambientato nella Sicilia degli anni Sessanta del Novecento.

La femmina è una brocca: chi la rompe se la piglia’, afferma la madre della protagonista, un'adolescente che, rapita in un pomeriggio d'estate, nascosta in un casolare per cinque giorni e, infine, violentata, si rifiuta di sposare il suo stupratore, dando voce a tutte quelle donne che, sconfessando pregiudizi e leggi arcaiche, ebbero il coraggio di non accettare la barbarie giuridica del matrimonio riparatore, previsto dall'articolo 544 del codice penale e abrogato soltanto nel 1981.

La vicenda narrata, meravigliosamente scritta da una penna sapiente attraverso una prosa lucida e puntuale, ci riporta al presente - ai processi per stupro che colpevolizzano chi denuncia e a una condizione femminile schiacciata ‘dal peso di essere donna’ - e restituisce alle donne la loro dignità, liberandole dalla condizione di vittime.

Tema cruciale nella formazione delle cittadine e dei cittadini del XXI secolo è quello trattato nel romanzo: la questione dell’uguaglianza di genere e delle pari opportunità tra donne e uomini, condizione necessaria per un mondo prospero e in pace, non può non essere una tappa fondamentale nel progetto educativo di crescita delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi.

Molfetta. L'incidente è avvenuto all'altezza della Zona Artigianale

molfettaincidente ss26bisTragedia sfiorata nel primo pomeriggio di oggi, domenica 27 marzo, sulla strada statale 16 Bis. Il rimorchio di un tir si è staccato, ribaltandosi sulla carreggiata.

L'incidente si è verificato all'altezza della Zona Artigianale di Molfetta intorno alle ore 13.15, mentre l'autoarticolato procedeva in direzione Foggia. Il rimorchio è finito sul guard rail, perdendo il carico trasportato.

Immediato l'intervento di alcuni agenti di Polizia Locale, impegnati a dirigere il traffico che non ha subito deviazioni. Fortunatamente il rimorchio ribaltandosi ha ostruito il passaggio solo su una carreggiata, non coinvolgendo altri mezzi.

Nessuno pertanto è rimasto ferito e il transito dei veicoli nel punto in cui si è verificato l'incidente non è stato interrotto, ma i vigili urbani sono tuttora impegnati con la gestione della viabilità e con l'effettuazione dei rilievi di rito, per determinare le cause che hanno provocato l'incidente. 

Molfetta. La casa discografica molfettese presenta l'ultimo lavoro della musicista Margherita Porfido dal titolo Margherita's Miniatures

molfettamargheritaporidioLa casa discografica di Molfetta, Digressione Music, comunica in anteprima l’uscita del nuovo album di Margherita Porfido, dal titolo Margherita's Miniatures. L'album propone un originale percorso proiettato verso il Novecento, tra gustose riletture di classici e pagine contemporanee o composte espressamente per l’interprete, nelle quali il clavicembalo arriva a momenti addirittura a trasfigurarsi.

Le composizioni inserite in questo disco sono in gran parte scritte per la Porfido e per clavicembalo e rappresentano una variegata tavolozza di colori musicali che dimostrano la modernità di questo strumento, tutto da esplorare.
Portare il clavicembalo in avanti, nella contemporaneità, affidandolo alla penna di grandi compositori attuali come Béla Bartók ed Érik Satie, Eugenio Colombo e Fred Van Hove, Keith Tippett e Livio Minafra, Daniel Pinkham, per finire con Michel Godard, produce la sorpresa di una scoperta inaspettata; e ancora più sorprendente è la contaminazione con la tromba e il didgeridoo di Pino Minafra delle musiche Pinkham, Nino Rota, Gianluigi Trovesi ed infine del mostro sacro del clavicembalo François Couperin!
Un disco intrigante, appassionato e assolutamente nuovo nel panorama discografico moderno.

Margherita Porfido, diplomata in Pianoforte nel 1978 e in Clavicembalo nel 1987, ha conseguito la Laurea Magistrale di Clavicembalo nel 2012 e Musica da Camera nel 2014.
Si perfeziona con i maestri Michele Marvulli, Rodolfo Caporali, Vincenzo Vitale per il pianoforte e Annaberta Conti, Rosa Anne Klarer per il clavicembalo. Si diploma con Merito all’Accademia Musicale Chigiana con il grande clavicembalista Kennet Gilbert.
Inizia la sua carriera concertistica dapprima come pianista, dedicandosi in seguito esclusivamente al Clavicembalo, esplorando sia il repertorio Antico Rinascimentale-Barocco, sia quello Moderno-Contemporaneo.
Come Clavicembalista classica, ha tenuto numerosi concerti in veste di Solista e di Solista con Orchestra, eseguendo i Concerti di J.S. Bach per 1, 2, 3 e 4 Clavicembali con varie Orchestre Barocche.

Per il repertorio Moderno-Contemporaneo ha eseguito i concerti per Clavicembalo e Orchestra di: Virgilio Mortari, Goffredo Petrassi, Gianfrancesco Malipiero, Ivan Vandor e Francis Poulenc, diretta da prestigiosi direttori tra cui Bruno Aprea, Vittorio Antonellini, Rino Marrone, Nicoletta Conti.
Ha suonato con Giorgio Gaslini, Maggie Nichols, Gianluigi Trovesi, David Short, Michele Lomuto, Pino Minafra, Livio Minafra, Michel Godard.

Ha inciso per Splash Records, Stradivarius, Musicaimmagine Records, Audionova, Sorriso, Terra Gialla, Digressione Music, Università del Salento. È fondatrice e direttrice artistica del Concorso Internazionale di Clavicembalo e Festival WANDA LANDOWSKA. È docente emerita di pianoforte al Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari.

Molfetta. Il sindaco Minervini ha omaggiato Ennio Cormio  per il lavoro e la passione con cui l'ex presidente ha gestito la squadra biancorossa

molfettaomaggioacormio260322«Ringrazio a nome della città Ennio Cormio per il lavoro svolto e la passione messa in campo in questi anni come presidente della Molfetta Calcio. La società è stata riportata nella categoria che merita».

Lo afferma il sindaco Tommaso Minervini a seguito dell'avvicendamento ai vertici della compagine calcistica biancorossa e del passaggio della presidenza da Cormio a Saverio Bufi.

«Come Sandro Fiore - conclude il sindaco - Cormio ha scritto una pagina importante del calcio molfettese. Allo stesso tempo faccio le mie congratulazioni al nuovo presidente Bufi, certo che onorerà al meglio la prestigiosa carica».

Molfetta. L’incontro sarà disputato nello Stadio comunale di Nocera Inferiore con fischio d’inizio alle ore 15.30

molfettacalcionocerinamolfettaLa Molfetta Calcio debutta in campo a Nocera Inferiore, dopo la nomina di Saverio Bufi a presidente della società. La svolta nell’assetto ai vertici era nell’aria da tempo e si è concretizzata lo scorso 23 marzo, quando dal Club si riferiva che "Al termine di una giornata lunghissima, la Molfetta Calcio comunica che Saverio Bufi è il nuovo presidente e amministratore unico della società biancorossa. Subentra a Ennio Cormio".

Si apre, come annunciato dallo stesso Bufi via social, una nuova era in casa Molfetta Calcio. I biancorossi di mister Bartoli si rituffano così nel calcio giocato dopo una settimana di stop.

Pozzebon e compagni sono attesi dall'impegno di Nocera Inferiore contro la temibile Nocerina Calcio 1910 che, dal cambio di proprietà ha inanellato un filotto di ottime prestazioni e convincenti risultati che l'hanno proiettata in zona playoff. Quinti in classifica a pari punti con il Gravina, i rossoneri campani sono a sole tre lunghezze dal Fasano, quarto, con uno score di tredici vittorie, sei "X" e nove sconfitte.

I biancorossi, noni in classifica, abitano la parte sinistra della classifica con l'obiettivo dichiarato di superare quota 42 punti, ottenuti lo scorso anno. Quando mancano dieci gare al termine del campionato, Pozzebon e compagni sono a quota 39 punti e in linea con gli obiettivi di inizio anno. Sognare lo sgambetto alla Nocerina, piazza storica del volley campano e nazionale, non costa nulla.

Fischio d'inizio fissato alle ore 15.30.

Molfetta. Organizzato dalla Commissione Pari Opportunità, l’incontro si terrà venerdì prossimo presso la Sala Archivio Finocchiaro

molfettarosariascardignocontentLa Commissione Pari Opportunità del Comune di Molfetta rende ancora una volta omaggio a una delle figure femminili più rilevanti nella storia dell’emancipazione femminile non solo locale. L’intellettuale molfettese Rosaria Scardigno e il suo libro “Sguardi” saranno al centro dell’incontro letterario in programma per le ore 18 di venerdì 1° aprile, che si terrà presso la Sala Finocchiaro, al civico 11 di via Dante.

Scrittrice, giornalista, educatrice e dialettologa, Rosaria Scardigno nacque a Molfetta nel 1877 e nel 1903, a soli 26 anni, fondò la rivista femminista “La voce della donna”. Sempre in prima linea nella lotta alla disparità di genere, fu tra le prime esponenti femminili a battersi affinché venisse concesso il diritto di voto alle donne. Collaborò alla rivista “Rassegna Pugliese” e pubblicò varie opere letterarie, tra cui quella più cara e nota ai suoi concittadini: “Il lessico dialettale Molfettese – Italiano”.

L’attenzione della Commissione Pari Opportunità si concentra, in occasione del prossimo incontro, sul libro “Sguardi” scritto da Rosaria Scardigno e pubblicato nel 1933 dalla Tipografia Orsi di Bari, poi ridato alle stampe nell’anno della sua scomparsa, il 1972, dalla Tipografia Mezzina di Molfetta.

Sebbene diversi studiosi abbiano dedicato importanti saggi alla produzione scientifico-letteraria dell’intellettuale molfettese, come appunto le sue opere dialettologiche, filosofiche, pedagogiche e letterarie, quello di Rosaria Scardigno rimane ingiustamente un nome poco presente negli archivi della storia letteraria pugliese ed è perciò indispensabile rievocarne la memoria.

L’incontro di venerdì prossimo, patrocinato dal Comune di Molfetta, sarà introdotto da Giovanna Vista, Presidente della Commissione Pari Opportunità. Si soffermeranno sul libro “Sguardi” gli scrittori Marta Pisani, autrice di recente del libro “Il diritto di scegliere”, e Marco Ignazio de Santis.

A seguire, gli interventi di Nicoletta Paparella, Dirigente IC " Scardigno- San Domenico Savio", Angela Amato, Vice Presidente Associazione Elena e Beniamino Finocchiaro e Tommaso Minervini, Sindaco di Molfetta.

Durante l’incontro verranno eseguite delle letture a dell’APS L'ora Blu con la Presidente Marta Maria Camporeale e Zaccaria Gallo.

L’incontro, pubblico e gratuito, prevede il possesso di green pass e mascherina FFP2.

Molfetta. Per favorire il monitoraggio delle presenze e garantire gli adeguati servizi socio-assistenziali, è necessario segnalare gli arrivi ai Servizi Sociali

molfettarifugiatiucrainaContinuano ad aumentare i rifugiati ucraini in ingresso in Puglia, come in tutta l’Italia. Per far fronte in maniera efficace al bisogno di sostegno umanitario e socio-sanitario, gli enti locali si attivano per monitorare la presenza di persone in fuga dalla guerra affinché vengano loro assicurati i servizi essenziali

Il Comune di Molfetta rende noto che: «A causa dell’emergenza umanitaria in atto e alla possibilità di accoglienze sul territorio molfettese di nuclei familiari Ucraini si chiede ai cittadini, alle associazioni di informare i Servizi Sociali della presenza degli stessi sul nostro territorio, al fine di informare le autorità competenti e mappare la loro presenza sul territorio italiano, onde garantire tutele e servizio di rete, nell’integrazione dei servizi socio-assistenziali e sanitari».

Per informazioni è possibile contattare il numero 080 3374635.

 

Molfetta. 30 studenti selezionati tra i Licei Da Vinci – Einstan di Molfetta sono pronti a partire grazie al progetto Ready for Departure, che permetterà ai giovani di accedere a un tirocinio formativo di un mese in una città europea

molfettareadyxdeparture240322La formazione sul campo è da sempre la strategia migliore per facilitare i processi di apprendimento acquisiti in forma teorica per applicarli sul piano pratico, che sia professionale, didattico o personale.
Ed è per questo che “Ready for Departure” diventa così un’occasione imperdibile, un’opportunità che volge verso questa direzione.

Lo pensa InCo Molfetta Aps, capofila del progetto, così come l’Agenzia Nazionale INAPP, che lo ha ritenuto meritevole di finanziamento. Ne sono convinti i 30 studenti che partiranno nei prossimi due anni, per un mese, a Limassol (Cipro), dopo la selezione interna avvenuta in collaborazione con il Liceo Classico “L. Da Vinci” e Scientifico “A. Einstein” di Molfetta.

Il progetto, che prevede un tirocinio formativo di 4 settimane in musei o enti che si occupano di arte e cultura, è supportato, per tutte le operazioni connesse a tutoraggio e monitoraggio, da "Shipcon Limassol Ltd", azienda cipriota che promuove progetti finanziati dall’Unione Europea per la ricerca e innovazione e per l’istruzione e formazione professionale.

I partecipanti, dopo adeguata formazione, si adopereranno per attività di accompagnamento alla fruizione del percorso museale, accoglienza dei visitatori, distribuzione ed eventuale vendita dei materiali informativi e promozionali del museo, trattamento e conservazione opere.

I ragazzi sono pronti per partire, noi ad accompagnarli per questa loro prima entusiasmante esperienza.
See you in Europe!

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino