Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Giovedì 24 marzo, alle ore 16.30, nella sala conferenze della sede comunale in via Martiri di via Fani 2/b si terrà un in contro sulla Giornata della Trasparenza e dell'Anticorruzione

molfettalamascotellaSi svolgerà il prossimo 24 marzo, presso la sala conferenze del comune di Molfetta, l'incontro pubblico che avrà come oggetto il tema della corruzione e della trasparenza. All'evento potranno partecipare cittadini, utenti, associazioni, enti, società partecipate.

Interverrà il dott. Ernesto Lozzi, Segretario Generale, responsabile comunale in materia di anticorruzione.

L'obiettivo dell'incontro sarà quello di raccogliere suggerimenti e opinioni per apportare eventuali integrazioni migliorative al Piano triennale anticorruzioneprogramma della trasparenza 2022-2024.

Si potrà accedere all'evento solo con green pass e mascherina ffp2.

Per maggiori informazioni scrivere al seguente indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Molfetta. L'attesissimo match si giocherà questo pomeriggio alle ore 16 al PalaLivatino di Capurso

molfettaquilehome180322Un derby è sempre un derby e giocarlo per conquistare punti salvezza rappresenta uno stimolo importante, forse un tassello significativo per entrambe le compagini pugliesi.

Con questi presupposti si presenta alla vigilia il big match della 22^ giornata tra Bulldog Capurso e Aquile Molfetta. L’incontro si svolgerà questo pomeriggio al PalaLivatino di Capurso con fischio d’inizio alle 16 e relativo streaming a cura di Puglia 5.

I biancorossi del presidente Donato de Giglio provengono da un momento negativo, uscendo sconfitti anche nel finale con la capolista Melilli. La priorità in questo momento è sicuramente quella di tornare alla vittoria, Ortiz e compagni pur con grandi prestazioni non hanno raccolto punti e di conseguenza sono stati risucchiati nelle zone di bassa classifica.

Sul lato opposto il Capurso, una squadra allestita in maniera esemplare dal direttore sportivo Lonero, che proviene da un momento magico dopo la scossa con l’arrivo in panchina del tecnico Chiaffarato.


«Sebbene la squadra stia compiendo grandi prestazioni, siamo in un periodo in cui non riusciamo a raccogliere punti – dichiara mister Rutigliania causa di tanta sfortuna, qualche errore individuale e anche a causa della stanchezza e del calo mentale che subiamo verso il finale di partita. La gara con Capurso - ammette il condottiero biancorosso – sarà dura e di conseguenza sarà necessario tornare a ottenere punti, vista la classifica attuale. Dobbiamo avere la lucidità e giocare la partita fino alla fine. Non dobbiamo perdere la testa, ma restare concentrati dal primo all’ultimo minuto. Servirà un po’ di cattiveria in più sotto porta e in fase di non possesso, ma soprattutto sarà indispensabile avere tanta voglia di fare bottino pieno».

Graduale superamento del green pass, il cui obbligo decade definitivamente il 1° maggio, ed eliminazione della quarantena precauzionalefinestatoemergenzacovid

L’Italia si prepara a tornare alla normalità, dopo l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri di un decreto legge che introduce le nuove disposizioni per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da Covid-19, in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza, fissato al 31 marzo prossimo.

Il provvedimento stabilisce che, a partire dal 1° aprile, termina il sistema delle zone colorate, la capienza degli impianti sportivi torna al 100% e nei luoghi di lavoro sarà sufficiente indossare la mascherina chirurgica anziché la ffp2, che resta obbligatoria invece fino al 30 aprile a bordo di tutti i mezzi di trasporto e i luoghi dove si tengono spettacoli aperti al pubblico.

Le date da segnare per il superamento di tutti i provvedimenti anti contagio:

1° APRILE: Termina l'obbligo di super green pass sui luoghi di lavoro per gli over 50 (non ci sarà più la sospensione per coloro che ne saranno sprovvisti, ma resta la multa), cui è richiesto solo il pass base. Stop al certificato verde sui bus ed in generale sui mezzi di trasporto pubblico locale, dove proseguirà l'obbligo di indossare le mascherine fino al 30 aprile. Decadono il Comitato tecnico scientifico e la struttura del Commissario straordinario Francesco Figliuolo: al loro posto dovrebbe insediarsi una unità operativa fino al 31 dicembre per gestire la transizione e completare la campagna vaccinale. Anche il sistema dei colori viene definitivamente abrogato, ma il monitoraggio proseguirà. Non sarà più necessario il green pass base per entrare negli uffici pubblici, nei negozi, nelle banche, alle poste, dal tabaccaio e nei ristoranti all’aperto. Solo ai turisti stranieri, già da questa data, decade l'obbligo del pass rafforzato nei ristoranti al chiuso. Dal primo aprile decade ovunque il limite alle capienze nelle strutture e negli impianti sportivi, dove per accedere sarà richiesto il green pass base. La capienza torna al 100%. Stop anche alle quarantene da contatto con un caso positivo al Covid, anche per i non vaccinati: dovrà restare in autoisolamento solo chi ha contratto il virus mentre chiunque abbia avuto un contatto dovrà applicare il regime dell'auto-sorveglianza, indossando la mascherina ffp2.

1° MAGGIO: Termina l'obbligo del green pass quasi dappertutto. Fino al 30 aprile per alcune attività come mense, concorsi pubblici e colloqui in carcere, oltre ai trasporti a lunga percorrenza, sarà infatti ancora obbligatorio in versione base. Il green pass rafforzato resterà in vigore fino al 30 aprile nei ristoranti al chiuso (solo per gli italiani), centri benessere, sale gioco, discoteche, congressi ed eventi sportivi. Dal primo maggio decade l'obbligo delle mascherine anche a scuola.

15 GIUGNO: Decadono tutti gli obblighi vaccinale come per il personale scolastico, militari, agenti di polizia e soccorso pubblico, polizia locale, dipendenti dell'amministrazione penitenziaria e in generale lavoratori all'interno degli istituti penitenziari per adulti e minori, personale dell'Agenzia per la cybersicurezza nazionale. Resterà in vigore oltre questa data soltanto l'obbligo del vaccino per il personale sanitario e Rsa.

30 GIUGNO: Terminano le modalità di smart working nell'ambito privato così come sono al momento concepite. In particolare, fino alla fine del mese ci sarà la possibilità di ricorrere al cosiddetto 'lavoro agile' nel settore privato senza l'accordo individuale tra datore e lavoratore. Viene prorogato anche lo svolgimento del lavoro agile per i lavoratori fragili.

31 DICEMBRE: L'obbligo vaccinale resta in vigore fino a fine anno per il personale sanitario e Rsa. Le visite da parte di familiari e visitatori alle persone ricoverate all'interno di ospedali e residenze socio assistenziali saranno consentite solo con il Super Green Pass fino al 31 dicembre.

SCUOLA: Dal primo aprile, decadendo l’obbligo di quarantena da contatto, la didattica a distanza è prevista solo per coloro che hanno contratto il Covid. Nelle scuole di ogni ordine e grado, fino a quattro casi di positività tra gli alunni di una classe l'attività didattica prosegue per tutti in presenza con l'utilizzo di mascherine. Per la scuola dell’infanzia ad indossarla saranno solo gli insegnanti. Riprendono a svolgersi infine le gite e le manifestazioni sportive.

Molfetta. Il Settore socialità ha approvato e pubblicato la graduatoria degli aventi diritto

molfettacontributocase240122Il Comune di Molfetta dà ancora una volta risposte concrete per contrastare le povertà e l’emergenza, dirette a famiglie e a persone che, in periodo di pandemia, si sono trovate in grandissima difficoltà socio economica. Sono 755 coloro che, a breve, otterranno i contributi per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze relativi al periodo pandemico.

Il Settore socialità ha approvato e pubblicato la graduatoria degli aventi diritto. Come è noto, nelle scorse settimane, il cosiddetto decreto sostegni aveva disposto la realizzazione di misure urgenti di solidarietà alimentare e di sostegno alle famiglie per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche tramite appositi fondi destinati ai Comuni, fondi destinati anche ai piccoli esercenti per le utenze e le bollette dei locali commerciali.

Il Comune di Molfetta, con il settore Socialità, aveva quindi provveduto tramite un bando, con procedura informatizzata, ad acquisire le istanze corredate da Isee che ha consentito di ammettere ad un contributo 755 nuclei familiari.

«Siamo accanto alle famiglie in difficoltà con fatti concreti e con interventi mirati che puntano a contrastare anche le povertà levate al periodo pandemico. L'amministrazione – sottolinea il Sindaco, Tommaso Minervini - attraverso la digitalizzazione amministrativa, garantisce aiuti attraverso un sistema digitale facile, diretto, tempestivo che consente anche il controllo della regolarità delle domande presentate in un periodo caratterizzato da enormi problematiche di natura socio economica che vede l'acutizzarsi dei bisogni primari di sussistenza. Ringrazio il Settore Socialità, la dirigente, Lidia De Leonardis e il suo staff, l’assessore alla socialità, Gianna Sgherza, sempre un passo avanti nell’individuazione di problemi e soluzioni».

Molfetta. L’omaggio del sindaco in ricordo del magistrato ucciso dalle brigate rosse 42 anni fa

molfettaricordogiralamominervini«Ricordiamo oggi, 18 marzo, un servitore dello Stato della nostra città: Girolamo Minervini, uomo schivo, modesto e, nello stesso tempo, consapevole delle proprie capacità. Uomo incapace di arrogarsi privilegi e predicare, nel contempo, libertà ed uguaglianza»". Così il sindaco Tommaso Minervini ricorda il magistrato ucciso dalle brigate rosse 42 anni fa.

«È stato un grande esempio - continua il primo cittadino - per la magistratura, per aver operato senza paura di essere ucciso pur di fare il proprio dovere, come diceva il compianto Giacinto de Marco presidente della Corte d'appello di Bari, a cui abbiamo dedicato la sede del comando della polizia locale. Sono cresciuto professionalmente con le lezioni di diritto penitenziario di Girolamo Minervini e di lui conservo il ricordo soprattutto degli insegnamenti di rettitudine e di umanità, che ho sempre applicato nei miei oltre 40 anni di impegno professionale negli istituti di pena».

La città ne mantiene vivo il ricordo con il suo ritratto nella galleria degli uomini illustri e nell'intitolazione di una via. Il sindaco Tommaso Minervini, inoltre, presenziò a Roma col compianto Giuliano Vassalli alla intitolazione di una piazza a Girolamo Minervini.

Molfetta. Ex magistrato, su Drago convergono: Pd, Rinascere, Senso Civico, Movimento Cinque Stelle e Con

molfettapasqualedragocontentPer le elezioni amministrative che si terranno a Molfetta a giugno prossimo c'è un primo candidato ed ha l'appoggio del presidente della regione Michele Emiliano. È l'ex magistrato e già coordinatore della Direzione distrettuale Antimafia di Bari, Pasquale Drago, che nella serata di ieri, giovedì 17 marzo, ha ufficializzato la sua candidatura dalla sede del Pd, dove si sono riuniti i rappresentanti di tutte le forze politiche che compongono questa nuova coalizione in cui, oltre ai democratici, si vede convergere Rinascere, Senso Civico, Movimento Cinque Stelle e Con.

Ad aprire l’incontro, l’onorevole Ubaldo Pagano, che ha suggellato l’inizio della campagna elettorale per Drago sindaco, garantendo il suo appoggio in Parlamento per risolvere innanzitutto le gravi criticità che attualmente soffocano la marineria molfettese, e tutte le marinerie d’Italia, a causa del caro gasolio.

Il vertice in via Margherita di Savoia è proseguito con gli interventi di Annalisa Altomare, Davide De Candia, Dario La Forgia, Oronzo Amato e Felice Spaccavento, prima di lasciare la parola al candidato sindaco che ha messo d’accordo quasi tutte le forze di centrosinistra della città.

74 anni, una vita spesa al servizio delle istituzioni e della legalità, Pasquale Drago, citando Gianni Carnicella e Guglielmo Minervini ha dichiarato: «Sono descritto come una persona mite e riservata, ma non sottovalutatemi: quando lavoro sono determinato. Perciò non mi sottrarrò alla battaglia politica che bisognerà condurre per far rivivere questa città. Ho necessità dell’aiuto di tutti per portare avanti il mio impegno, a cui mi voto totalmente, dato che sono un pensionato e potrò dedicarmi alla vita amministrativa a tempo pieno. Ho lasciato il mio lavoro in Procura a Bari nel 2018 – continua Dragoper cui di quello che sta succedendo a Molfetta e dei pericoli che la città corre ne so qualcosa, non posso rivelare i dettagli perché sono in corso le indagini, ma conosco cose che voi non sapete e cose che ho già vissuto sulla mia pelle. Percoli derivanti dall’attività criminale barese che potrebbero germogliare in una situazione di difficoltà politica e di degrado morale come è quella che negli ultimi tempi si è sviluppata a Molfetta.

Sono preoccupato – continua Drago – non lusingato. So quanto è ardua la battaglia che mi accingo ad affrontare per riportare il progresso. Quando mi è stato chiesto di tornare a lavorare per la mia città mi sono sentito investito di un compito importante da portare avanti insieme a tutti voi per il bene della collettività. Riusciremo nel nostro intento se sapremo comunicare le nostre intenzioni: vogliamo far mangiare tutti e far rubare nessuno!

Su questo sono irremovibile, non sono attaccato alla poltrona, ma fin quando avrò il vostro sostegno porterò avanti una battaglia di legalità, di crescita della città, di oculata gestione di quei finanziamenti che riusciremo a intercettare, anche attraverso i fondi europei erogati dalla Regione. Conto su di voi – conclude Pasquale Dragocontattatemi da subito perché sono a vostra disposizione per mettere nero su bianco le linee programmatiche utili a costruire un piano condiviso da proporre all’elettorato cittadino».

 

 

Molfetta. Potenziato il progetto di teleassistenza dedicato alle persone anziane, grazie all’impiego di un nuovo dispositivo da polso simile a uno smartwatch

molfettateleassistenzaanzianihomeLe persone anziane e tutti coloro che necessitano di monitoraggio costante, potranno contare su dispositivi più innovativi e dunque ancora più utili. Il progetto, già avviato nei comuni di Molfetta e Giovinazzo, sarà adesso integrato e portato avanti dalla GPI Spa, società trentina con sede anche a Valenzano, aggiudicatrice della gara indetta negli scorsi mesi sul MEPA.

Saranno messi a disposizione di chi ha bisogno di un controllo continuo dei nuovi dispositivi da polso molto simili a degli smartwatch, capaci di rilevare, tra le tante funzioni, la temperatura corporea, il battito cardiaco, la pressione sanguigna e molto altro, come spiega l’assessore alla socialità del comune di Molfetta, Gianna Sgherza.

«Si tratta di un progetto di grande utilità sociale – spiega l’assessore Sgherzache viene potenziato attraverso la disponibilità di un numero maggiore di dispositivi sempre più performanti e tecnologici. La GPI Spa fornirà infatti dei dispositivi molto simili a degli smartwatch. Oltre al pulsante per la richiesta immediata di soccorso, questi nuovi “braccialetti” consentono all’utente di essere costantemente monitorato e assistito in telemetria. Il dispositivo rileva la posizione precisa della persona assistita attraverso il Gps, come rileva le funzioni vitali della persona che lo indossa e, in caso di anomalia, manda un segnale di allarme in tempo reale, in modo da rendere tempestiva l’assistenza a distanza, oppure l’arrivo dei soccorsi. La società che si è aggiudicata la gara rappresenta una garanzia per questo tipo di servizio – conclude l’assessore Sgherza – e opera già all’interno di tante realtà nazionali e in diverse città vicine alla nostra».

Alla GPI Spa verrà corrisposta una somma di 36mila euro per l’erogazione del servizio di telecontrollo, telesoccorso e telecompagnia, riferita alla durata contrattuale di 55 settimane. Il contratto potrà essere rinnovato per un anno, o prorogato sino a espletamento di una nuova gara, in modo da rendere il servizio continuativo.

Molfetta. L’ex senatrice Minuto: «Carica incompatibile con la mia prossima candidatura al Consiglio comunale»

molfettacarmelaminutocontentL’ex senatrice Carmela Minuto ha rassegnato le dimissioni da commissario cittadino di Forza Italia. Le motivazioni, come spiega la stessa Minuto, sono conseguenza diretta della scelta di candidarsi nuovamente a consigliere comunale alle ormai imminenti elezioni amministrative.

«Ho deciso di rassegnare le mie dimissioni da commissario di Forza Italia nel comune di Molfetta.

L'approssimarsi delle elezioni amministrative in città impone a tutti impegno, serietà e responsabilità. Tre caratteristiche che sono state sempre, e sempre lo saranno, alla base della mia attività politica sia a livello locale sia nelle istituzioni nazionali.

Il grande amore che mi lega a Molfetta e ai miei concittadini inoltre è sempre stato fondato sul rispetto e sulla trasparenza. Ritengo pertanto che il ruolo che ho ricoperto finora, e che mi avrebbe coinvolta direttamente nella formazione delle liste, sia incompatibile con la mia candidatura al Consiglio comunale».

Molfetta. L'azienda leader nel settore dell'Itc ha reso pubblici i dati del bilancio relativo al 2021

molfettaexpriviabilancio2021La crisi economica generata dalla pandemia non ferma l'ascesa di Exprivia, gruppo societario di Molfetta che registra nel 2021 un +8% nei ricavi e un margine operativo lordo che si attesta al 13,5% dei ricavi totali, portando ad un utile netto di 10,1 milioni di euro.

I dati relativi alle performance dei vari rami aziendali sono stati resi noti negli scorsi giorni con la pubblicazione del bilancio relativo al 2021. Ancora migliori i risultati della capogruppo Exprivia Spa, che registra un rilevante incremento dei ricavi, +9%, e un margine operativo lordo che si attesta a circa al 15,8%.

In crescita la performance in tutti i mercati in cui opera il Gruppo, fra i quali spiccano le Utility con +18%, Difesa e Aerospazio, +16%, Pubblica Amministrazione, +12%, Telco&Media, +12%. Buona anche la performance nel settore Sanità con +5%, Banche e Assicurazioni, +4%, Industria, +2%. In miglioramento l’area internazionale che registra incrementi dei ricavi, +89% e recupero di marginalità.

«In un anno davvero straordinario – afferma Domenico Favuzzi, presidente e amministratore delegato di Exprivia - il nostro Gruppo ha registrato un’ottima performance, mostrando di aver saputo interpretare i grandi cambiamenti in atto, di cui la digitalizzazione è il motore. Ci siamo concentrati nel consolidare le posizioni acquisite nel mercato, come Sanità, Pubblica Amministrazione, Banche e Assicurazioni, supportando i nostri clienti nella difficile fase di ripresa post-pandemica. Abbiamo incrementato le nostre attività nell’ambito della Cybersecurity, e delle applicazioni basate sull’Intelligenza Artificiale, consolidato la nostra posizione nella Difesa e Aerospazio diventando distintivi nell’ecosistema dell’economia dello spazio».

Exprivia compare inoltre al 25simo posto della classifica TOP200 Puglia 2022, l’indagine svolta dal Dipartimento di Economia, Management e Diritto dell’Impresa dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, in collaborazione con PwC, che si pone l’obiettivo di analizzare le dinamiche evolutive dei settori di attività economica vitali per il territorio della regione Puglia, con lo scopo di esaminare l’andamento dell’economia regionale ed evidenziare le principali caratteristiche del contesto produttivo pugliese, anche alla luce dell'impatto della pandemia sui mercati.

Dominano la classifica aziende le aziende del barese e della Bat che operano nella grande distribuzione e nel settore alimentare, con aziende conosciute anche a livello mondiale.

Molfetta. I prossimi appuntamenti del Festival dedicato agli amanti delle due ruote sono in programma per sabato e domenica prossimi

molfettabikefestivalUn laboratorio di ciclosofia, sabato 19 marzo, e una pedalata alle torrette di avvistamento, domenica 20 marzo. Prosegue con due appuntamenti il Molfetta Bike Festival, il cartellone di eventi gratuiti del Comune di Molfetta per promuovere la mobilità dolce.

Il corso di ciclomeccanica, che sarà tenuto sabato alle 18 nella Cittadella degli Artisti dal fondatore de “I Bicipedi”, Giovanni Prezioso, aiuterà a superare i limiti mentali e meccanici della bicicletta. Oltre alla risoluzione dei piccoli problemi che investono le due ruote, manutenzione e gestione delle forature, l’incontro avrà una visione ciclofosica, affrontando in primis l’approccio alla bicicletta a trecentosessanta gradi.

L’escursione di domenica verso le torrette di avvistamento dell’agro molfettese, che inizierà alle 9 da piazza Aldo Moro, vedrà un tracciato di livello intermedio, sconsigliato a chi non possiede una Mountain Bike o una Gravel o a chi è del tutto fuori allenamento. Il tour attraverserà le campagne, tra ulivi, muretti a secco, lame e antichi casali, di cui rimangono erte le torri a protezione delle ricche produzioni.

Per chi vuole partecipare, è necessario compilare il form di iscrizione a questo link.

«Nella prima pedalata – affermano il sindaco Tommaso Minervini e l’assessore alla Mobilità Maridda Poli sono state coinvolte 100 persone in bicicletta. Ci siamo presi l'impegno pubblico di dare un futuro alla città e la diffusione di una cultura della mobilità sostenibile va esattamente in questa direzione».

IL PROGRAMMA

Sabato 19 marzo - 18.00h - 2h Laboratorio
Ciclomeccanica di base: dalla manutenzione alle foratureDomenica 20 marzo - 09.00h - 3.5h circa
Le Torrette di Avvistamento - GravelTour - 25 kmSabato 26 marzo - 1800h - 2h Laboratorio
Il cicloturismo: dalla preparazione agli stili di viaggioDomenica 27 marzo - 09.00h - 3.5h circa
Il Pulo di Molfetta - Family BikeTour - 13 km
Ciclocucina Street Food Rurale - 13.00h - Lama Martina

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino