Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Tra gli argomenti all'ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale, l'adesione del Comune di Molfetta al "Patto dei sindaci per il clima e l'energia"

molfettaconsigliocomunalecontent02082022Il Consiglio comunale di Molfetta torna a riunirsi martedì 27 settembre. Il presidente del consiglio comunale, Robert Amato, ha indetto la prima convocazione per la massima assise cittadina alle ore 16, presso la Sala Consiliare “Gianni Carnicella” – palazzo Giovene, per la trattazione di cinque punti all'ordine del giorno.

Dopo l'approvazione dei verbali delle sedute precedenti, il Consiglio passerà alla trattazione dei seguenti argomenti: la costituzione delle Commissioni Consiliari Permanenti (art. 23 dello Statuto Comunale); l'elezione della Commissione comunale per la formazione degli elenchi dei Giudici di Pace; il riconoscimento legittimità debiti fuori bilancio derivanti da sentenze di condanna dell’Ente – Importo 36.405,06 euro e infine l'adesione e sottoscrizione del Comune di Molfetta al PAESC – “Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia” (Covenant of Mayors for Climate Energy) per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica su scala locale in modalità standard.

La seduta sarà trasmessa integralmente in “streaming” sul canale YouTube del Comune di Molfetta.

Molfetta. I Carabinieri hanno eseguito un provvedimento restrittivo nei confronti di tre pregiudicati del posto, accusati di aver tentato di derubare un'anziana signora il 7 maggio scorso

molfettacarabinieriTre pregiudicati di Molfetta sono finiti agli arresti domiciliari per tentata truffa ai danni di un'anziana signora. I fatti risalgono al 7 maggio scorso, quando i tre si sono introdotti in casa della 91enne molfettese dichiarandosi tecnici del gas e spiegando di dover controllare la caldaia. Nonostante l'età, l'anziana signora ha capito di essere in pericolo ed è riuscita a sventare il furto e allertare le forze dell'ordine.

I Carabinieri della Compagnia di Molfetta, dopo accurate indagini, sono riusciti a risalire ai presunti responsabili del tentato furto e nella giornata di ieri, venerdì 23 settembre, su disposizione del Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Trani, hanno eseguito il provvedimento restrittivo nei confronti di un 53enne, un 29enne e un 20enne di Molfetta.

«Conoscere le tecniche adottate dai truffatori per raggirare gli anziani è il primo passo per difendersi - spiegano i Carabinieri - È proprio questo il fine che si sono prefissati i Carabinieri del Comando Provinciale di Bari su tutto il territorio della città metropolitana che, proseguendo nella campagna d’informazione, incontri e conferenze in circoli, centri di aggregazione e parrocchie, mettono in guardia le persone anziane dalle principali tecniche messe in atto dai truffatori».

Molfetta. A margine dell'incontro tenutosi con l'amministrazione comunale, il Comitato di Quartiere "Madonna della Rosa" diffonde una nota in cui illustra le criticità emerse

molfettamadonnadellarosaIl Comitato di Quartiere "Madonna della Rosa", a qualche giorno dall'incontro con l'amministrazione comunale, tenutosi lo scorso 15 settembre nella sede comunale di Lama Scotella, diffonde una nota stampa in cui espone una serie di criticità. Su tutte la temporanea mancanza di illuminazione pubblica che da qualche tempo interessa il rione in maniera sistematica, generando preoccupazione in relazione alla sicurezza.

Indetto dall'assessore Sergio De Candia, responsabile del settore Urbanistica, l'incontro si è svolto alla presenza di alcuni consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, nonché dell'assessore alla Caterina Roselli. Presenti per il Comitato di Quartiere, il Presidente protempore Damiano Favuzzi, il segretario Saverio Minervini e una folta rappresentanza dei residenti iscritti al Comitato.

Le tematiche affrontate, parecchie delle quali sottoposte all'attenzione dell'amministrazione comunale ad aprile scorso, riguardano: la realizzazione del passaggio ciclo pedonale sul Ponte Schivazappa, l'allargamento e l'incremento della pubblica illuminazione sulla complanare; l'eliminazione del semaforo in corrispondenza della rotatoria su Via Berlinguer; la realizzazione di rallentatori di velocità su Viale Papa Luciani; l'ultimazione dell'iter per la costituzione del comitato di vigilanza, coma da delibera n. 34 del 2018; l'istituzione di un presidio di Polizia Municipale; l'installazione di altre telecamere di controllo; il completamento del Comparto 5; il rifacimento del manto stradale in via De Simone; la creazione di un'area attrezzata per il Basket e il Ping Pong accanto al Dog Park, la realizzazione di un collegamento ciclo-pedonale per l'attraversamento del Parco di Lama Martina.

Tra i punti più dibattuti, quello relativo alla sicurezza. «I nostri ragazzi, i nostri familiari – si legge nella nota che il Comitato di Quartiere "Madonna della Rosa" ha diffuso alla stampa – sono impossibilitati a raggiungere il paese a piedi perché non abbiamo vie di collegamenti pedonali e, oltre il danno la beffa: nel mentre lamentavamo lo strano fenomeno dell’illuminazione pubblica spenta, ci viene fornita una risposta che ci ha completamente lasciati esterrefatti. Ci viene detto che è una azione comunale dovuta per il risparmio energetico, ma non vi è nessuna delibera, nessuna ordinanza sindacale, né tanto meno una comunicazione. È stato immediatamente fatto notare che, essendo la nostra una zona di periferia, è indispensabile l’illuminazione per una questione di pubblica sicurezza. L’illuminazione pubblica, oltre che evitare incidenti stradali, è un deterrente contro furti in appartamenti e/o furti di auto, ma constatiamo che non siamo stati ascoltati in quanto è notizia di oggi (22 settembre 2022) di un furto di una Peugeot 208 e di un tentativo andato male di un altro furto di un altro autoveicolo, sventato grazie all'intervento del CDV. I furti sono avvenuti in una via completamente al buio, pertanto alcuni residenti hanno presentato istanza anche al Prefetto per denunciare l’interruzione di servizio pubblico da parte dell’amministrazione violando le norme di sicurezza e rendendosi corresponsabile di eventuali danni a persone o cose».

Molfetta. Ottima performance anche per l'equipaggio femminile della sezione locale della Lega Navale, che conquista la medaglia d'argento

molfettaleganavaleLa sezione molfettese della Lega Navale Italiana trionfa ai Campionati Assoluti di Canottaggio a sedile fisso per la categoria Lance a dieci remi, che si sono svolti domenica 19 settembre a Taranto, nelle acque del Mar Grande.

Tra le diverse marinerie presenti, tutte determinate a conquistare l'ambito titolo di Campione d'Italia, anche le squadre femminile e maschile della Lega Navale di Molfetta, la prima campione uscente e la seconda vice campio 2021. A fronte di un elevato il livello tecnico e di preparazione atletica delle formazioni presenti, le gare disputate sono state parecchio combattute.

L'equipaggio femminile molfettese della Lega Navale per pochissimi secondi non è riuscito a bissare il titolo dello scorso anno, conquistando il secondo posto in classifica. Grande la soddisfazione del team e del direttivo per la performance delle atlete molfettesi, che hanno portato a casa una importantissima medaglia d'argento, un tra guardo raggiunto da una squadra sempre al vertice in queste competizioni da anni. L'equipaggio maschile, invece, con una prova da manuale, ha conquistato la medaglia d'oro e il titolo di Campione d'Italia assoluto.

«Il mix tra veterani e giovanissimi rematori – comunicano via social dalla Lega Navale di Molfetta – è stata una formula fortemente voluta dallo staff tecnico. Una strategia che ha portato alla medaglia d'oro, ma soprattutto all'apprezzamento che le squadre avversarie hanno avuto verso la performance dei ragazzi della Lega Navale. Grazie alla somma punti totalizzata nella stagione tra gli equipaggi maschili e femminili, per il secondo anno consecutivo la lega navale molfetta conquista anche la classifica di specialità risultando prima tra le società iscritte. Il presidente Felice Sciancalepore ha seguito da vicino il percorso degli equipaggi sostenendoli e incoraggiandoli nell'affrontare con serenità tutta la stagione agonistica, fino al successo finale, condividendo con loro la soddisfazione dei risultati ottenuti».

Molfetta. L’Ufficio Elettorale resterà aperto in via straordinaria a partire da oggi per tutto il weekend, consentendo ai cittadini il rinnovo di Carta d’identità elettronica e tessera elettorale

molfettaelezioniIl Comune di Molfetta comunica che, in occasione delle prossime elezioni politiche, che si svolgeranno domenica prossima 25 settembre, il servizio di Area Demografica – Ufficio Elettorale sarà accessibile all'utenza in via straordinaria.

Chi ha necessità di rinnovare la Carta d'identità elettronica o per il rilascio della tessera elettorale, gli uffici comunali saranno aperti rispettando il seguente calendario:

  • Venerdì 23 settembre giugno dalle ore 15,30 alle ore 18;
  • Sabato 24 settembre dalle ore 8 alle ore 19;
  • Domenica 25 settembre dalle ore 7.30 alle ore 23.

In sostituzione della Carta d'identità elettronica, che arriva direttamente tramite servizio postale al domicilio indicato dal richiedente dopo sette giorni, l'ufficio anagrafe rilascia una certificazione temporanea che ha lo stesso valore del documento. 

Molfetta. Antonella Ruggiero si esibirà insieme ai Radiodervish e all’Ensemble Calixtinus in un concerto irripetibile, che si avvale della collaborazione del Quintetto d’Archi della Filarmonica Pugliese

molfettaviatorfestivalantonellaruggieroViator Festival porta a Molfetta Antonella Ruggiero. La celebre cantautrice sarà protagonista domani, sabato 24 settembre, all’anfiteatro di Ponente con il concerto “Jerusalem way”, evento di punta dell’ottava edizione di “Viator Festival - Menti, cuori e corpi sulle Vie Francigene del sud”.

Artista apprezzata per il suo repertorio eterogeneo per cultura e provenienza, Antonella Ruggiero scandirà con la sua inconfondibile voce il cammino verso la città santa, accompagnata dalla musica dei Radiodevish, dell’Ensemble Calixtinus e del Quintetto d’Archi della Filarmonica Pugliese.

Si tratta di un concerto irripetibile, organizzato in esclusiva per Viator Festival, che celebra le vie verso Gerusalemme. Ormai giunto alla VIII edizione, Viator Festival trasporta il suo fedele pubblico nell'affascinante mondo dei cammini, lungo le antiche vie medievali oggi ripopolate da moderni camminatori alla ricerca di una dimensione sempre più autentica del viaggio, intesa in termini reali e metaforici.

GUARDA IL VIDEO

«Ci sono tragitti che da secoli vengono percorsi da un’umanità in cammino in direzione di centri magnetici – spiegano Giovannangelo De Gennaro e Michele Lobaccaro, direttori artistici dell’evento – percorrendo sentieri che hanno il profumo della fede, delle armi, della ricchezza, dell’ascesi, dell’amore, della sapienza e che tessono una trama poliedrica attraverso le culture, le lingue, le credenze e l’immaginazione. Le strade verso Gerusalemme costituiscono un dialogo spazio-temporale dove l’antico incontra il contemporaneo».

Lo spettacolo “Jerusalem Way” si terrà a partire dalle ore 21 nella serata di domani, sabato 24 settembre, presso l’Anfiteatro del Parco di Ponente. È possibile acquistare il proprio biglietto online a questo link, oppure prima del concerto presso la biglietteria dell’Anfiteatro.

 

Molfetta. L’associazione Guardie Campestri indice la selezione pubblica per l’assunzione a tempo pieno e parziale, determinato e indeterminato, di dieci nuove risorse

molfettalamamartina180622L’associazione Guardie Campestri di Molfetta assume dieci nuove risorse con contratto a tempo pieno e parziale, determinato e indeterminato. Con l’avviso pubblico del 15 settembre scorso, il Consiglio direttivo rende noto che l’associazione intende procedere alla formazione di una graduatoria dalla quale attingere man mano le nuove unità da inserire in organico.

GUARDA IL BANDO

La procedura di selezione prevede la valutazione dei titoli, un colloquio e una prova pratica, consistente nella verifica delle capacità del candidato alla mansione e soprattutto verifica della conoscenza dell’agro di Molfetta, dove verrà prestato il servizio. I candidati in possesso dei requisiti dovranno presentare domanda di partecipazione al bando entro le ore 12 di venerdì 30 settembre prossimo.

DOMANDA DI AMMISSIONE: ALLEGATO 1 E ALLEGATO 2

Alla domanda di partecipazione debitamente compilata e sottoscritta, ogni candidato dovrà allegare una copia del documento d’identità in corso di validità, il proprio curriculum vitae datato e firmato.

La commissione giudicatrice del concorso sarà composta da un membro della Giunta Comunale di Molfetta, dal Comandante della Polizia Municipale o da un suo delegato, dal Presidente, dal Comandante delle Guardie Campestri e da almeno tre membri del Consiglio dell’Associazione delle Guardie Campestri stesso, tra cui sarà individuato un presidente e un segretario.

I candidati vincitori saranno assunti in servizio immediatamente, una volta assolti tutti gli adempimenti concorsuali e a seguito della deliberazione di approvazione da parte del Consiglio Direttivo dell’Associazione delle Guardie Campestri di Molfetta. Il rapporto di lavoro è regolato dal contratto collettivo di comparto, dalle disposizioni di legge e dalle normative comunitarie. Il personale assunto svolgerà un periodo di prova di 30 giorni.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti sul bando pubblico, il candidato potrà rivolgersi via mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., di persona presso la sede, o telefonicamente allo 080 397 54 88.

Molfetta. Da inizio anno ad ora a Molfetta sono state smaltite correttamente quasi trecento tonnellate di rifiuti ingombranti, di cui circa un terzo conferito dai cittadini direttamente presso le isole ecologiche

molfettarifiutiingombrantiNei primi nove mesi dell’anno in corso il Comune di Molfetta ha smaltito correttamente 285 tonnellate di rifiuti ingombranti. Sino al 19 settembre scorso, sono state ritirate, gratuitamente, a domicilio, dall’Asm, oltre 192 tonnellate di rifiuti ingombranti, tra vecchi mobili in legno, ferro, divani e materassi.
A questi vanno sommati gli ingombranti che sono stati direttamente conferiti, nello stesso periodo, presso le isole ecologiche per un totale di ulteriori 93 tonnellate.

Un numero importante di rifiuti ingombranti che, se non conferiti correttamente, avrebbero invaso le strade cittadine e le campagne. Eppure i fenomeni legati all’abbandono dei rifiuti, anche ingombranti, non si ferma. «Al di là del fatto che è riprovevole abbandonare i rifiuti, colgo l’occasione – precisa l’assessore alle partecipate, Sergio de Candia - per ringraziare, d’intesa con il Sindaco, Tommaso Minervini - coloro i quali conferiscono i rifiuti correttamente, e per ricordare a tutti gli altri che, il ritiro degli ingombranti, presso il proprio domicilio, è assolutamente gratuito. È sufficiente chiamare l’Asm, per concordare il giorno del ritiro, oppure inviare una mail. Non è possibile tollerare ulteriormente il comportamento di chi abbandona i propri ingombranti arrecando un danno alle persone rispettose delle regole».

Nello specifico, Per il servizio di ritiro a domicilio di ingombranti è possibile chiamare il numero verde 800 139323 o il numero 080 3387574 dal lunedì al venerdì dalle 08.00 alle 13.30, il martedì e il giovedì anche dalle 15.15 alle17.30, oppure inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. indicando il proprio nome, indirizzo, telefono e descrizione dei beni da dismettere.

Il ritiro è gratuito per un numero massimo di 5 pezzi, aventi un peso unitario non superiore ai 20 kg, per un totale massimo di 100 kg. È possibile, in alternativa, conferire direttamente presso le tre isole ecologiche.

Molfetta. Alla guida della diocesi di Molfetta dal 2016, Mons. Domenico Cornacchia è diventato vescovo il 22 settembre di quindici anni fa

molfettacornacchiaminerviniRicorre oggi, giovedì 22 settembre, il quindicesimo anniversario di consacrazione episcopale di monsignor Domenico Cornacchia, designato vescovo della Diocesi di Molfetta-Ruvo di Puglia-Giovinazzo-Terlizzi dal 15 gennaio 2016. Nel giorno dell’anniversario, il sindaco Tommaso Minervini attraverso una nota stampa rivolge a Mons. Cornacchia il suo ringraziamento e i suoi auguri, esprimendo stima e affetto nei confronti della massima guida spirituale della comunità cattolica locale.

«Eccellenza La ringraziamo per la sua presenza costante e discreta – scrive il sindaco Minervini per il servizio che ogni giorno assicura ai fedeli della Diocesi, per la disponibilità all’ascolto e per le notevoli capacità organizzative e diplomatiche. Insieme, in questi anni, abbiamo attraversato momenti di gioia e di sconforto. Penso alla visita, irripetibile, del nostro amato Papa Francesco, alla visita del Segretario di Stato della Santa Sede, il cardinale Pietro Parolin, per il conferimento a Molfetta del titolo di Civitas Mariae.

Grazie per aver dato certezza e senso unitario alle nostre antiche tradizioni di popolo in Molfetta e in tutti i paesi ove vivono i nostri concittadini. Grazie per l'attenzione ai giovani e alle periferie esistenziali delle nostre comunità.

Certo di poter contare su un compagno di viaggio leale, a nome della municipalità e della intera comunità, ancora auguri».

Molfetta. Si terrà sabato prossimo presso la sede dell’associazione Eredi della Storia, un incontro pubblico per celebrare la memoria dei marinai molfettesi dispersi durante l’affondamento della regia nave “Roma”

molfettaregianaveromaCon una conferenza storica aperta al pubblico, Molfetta ricorda il dramma della regia nave “Roma” e celebra il ricordo delle 1393 vittime, tra cui sei marinai molfettesi. L’evento, cui il Comune di Molfetta ha conferito l’alto patrocinio, si svolgerà sabato 24 settembre, alle ore 18.30 presso la sede dell’associazione Eredi della Storia – ANMIG.

La conferenza di sabato prossimo sarà incentrata sulla relazione del 1° Luogotenente Michele Fiorentino, studioso e autore, mirata a far conoscere la dinamica delle varie fasi offensive che condussero la Corazzata “Roma” all’affondamento. In particolare, la relazione del dott. Fiorentino si soffermerà sulle 64 testimonianze rilasciate dai marinai di ogni grado alla Commissione Indagine Speciale e di altre testimonianze consegnate in punto di morte ai propri familiari, cariche di sentimenti dolorosi e amare verità.

Sarà onorata la memoria dei sei Marinai Molfettesi dispersi: Amato Onofrio, Armenio Giovanni, Centrone Domenico, De Gennaro Giuseppe, De Santis Paolo e Mezzina Mauro.

A seguito della relazione del Luogotenente Michele Fiorentini, si alterneranno gli interventi dell'Avv. Nicola Bufi, del Cav. Sergio Ragno, del Dott. Andrea De Gennaro e del Prof. Luigi Campo.

«La Squadra navale italiana – ricorda Gabriele De Ceglia dell’associazione Eredi della Storia – lasciò il Porto di La Spezia alle ore 2 del 9 settembre con destinazione La Maddalena, in base agli ordini ricevuti dal Comando di Supermarina Roma. Nelle prime ore del pomeriggio, alle 14.24, il Comando squadra ricevette un messaggio che annunciava che le truppe tedesche avevano occupato il porto di La Maddalena e ordinava di dirigersi verso il porto di Bona. L'ammiraglio in Capo, Carlo Bergamini, ordinò di invertire la rotta all'intera squadra che, contro manovrando, si diresse verso le acque dell'Asinara.

Alle ore 15.10 venne lanciato l'allarme aereo, un gruppo di 15 aerei tedeschi, Do.217, si avvicinava alla squadra italiana e da grande altezza ,5000 metri, sganciò le bombe sulle navi italiane. Un nuovo tipo di bomba planante radioguidata FX.1400, denominata Fritz X, fu lanciata sulla squadra navale italiana e verso le 15.46 una prima bomba colpì la regia nave “Roma”, mentre accostava a sinistra, all'altezza delle torri da 90 metri verso poppa. La bomba perforò i ponti corazzati ed esplose sotto lo scafo, riducendo momentaneamente la velocità della grande unità, imbarcando acqua. Alle 15.52 una seconda bomba colpì la regia nave “Roma” a proravia, precisamente all'altezza della seconda torre di grosso calibro. Lo scoppio della bomba fece deflagrare i depositi di munizioni e asportò dallo scafo la seconda torre dei grossi calibri o da 381.

La nave sobbalzò paurosamente e fu avvolta completamente dalle fiamme e, in pochi minuti, si capovolse per poi spezzarsi in due tronconi che affondarono rapidamente. L'Ammiraglio Bergamini e 1392 uomini persero la vita e il rimanente dei naufraghi, oltre 592 uomini, fu raccolto dai Cacciatorpediniere di scorta per poi essere condotto nell’approdo spagnolo di Porto Mahon per le cure. A poche miglia di distanza due Cacciatorpediniere, il Vivaldi e il Da Noli, affondavano dopo aver sostenuto diversi scontri a fuoco contro unità navali e aeree tedesche e molti altri marinai morirono».

 

Fonte foto: Wikipedia

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino