Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Alla vigilia della procedura di gara per la vendita del parco divertimenti, Roberto Maggialetti si dice disponibile a collaborare con una nuova ipotetica proprietà

molfettaastamiragica03022022È iniziato il conto alla rovescia per la vendita all’asta di Miragica, il parco divertimenti di Molfetta che giace in stato di totale abbandono dal 2018. Mancano infatti poco più di 24 ore all’inizio della procedura di vendita, previsto per le ore 14.30 di domani, venerdì 18 febbraio, mentre il termine ultimo per la presentazione delle istanze di partecipazione alla gara, qualora ce ne siano state, è fissato per le ore 12 di oggi. Per poter partecipare all’asta bisognava versare una cauzione di circa 490mila euro, ovvero il 10% del prezzo di partenza, che sfiora i 4 milioni e 9cento mila euro, oneri inclusi.

A tanto ammonta la stima eseguita sulla “Gardaland del Sud” dagli esperti della Avacos Srl, società incaricata dal Tribunale lombardo per effettuare la perizia sui beni mobili e immobili provenienti dal fallimento della società bresciana Miragica Spa.

Il parco tematico si estende su una superficie di oltre 100mila metri quadrati su un terreno a base regolare, in una posizione logisticamente strategica, a poco più di un chilometro dalla costa. All’interno, quello che resta delle 17 attrazioni dedicate ai bambini e a tutta la famiglia, un teatro all’aperto da 700 posti dotato di sala prove, camerini, spogliatoi e un deposito attrezzato, chioschetti per la vendita di pizza o gelato, un angolo fast food, un ristorante con 300 posti a sedere, un cinema 4D, fontane danzanti, un’autopista per macchinine a gettone, un ampio parco attrezzato con panche e tavolini annesso al castello incantato e molto altro, considerando anche gli ampi spazi dedicati esclusivamente al personale in servizio.

A esprimersi su un’ipotetica nuova vita per Miragica, Roberto Maggialetti, imprenditore molfettese gestore della storica DF Disco e attivo nel campo nella ristorazione, che avevamo sentito tempo fa sulla riapertura delle discoteche. Come per quel settore, anche per Miragica Maggialetti intravede soluzioni simili: «Bisognerebbe rimodulare l’offerta d’intrattenimento che la struttura offre e convertirla in qualcos’altro. A due passi dal mare, da un villaggio dello shopping e pressoché nient’altro, io ci vedrei un parco acquatico per diversi target, dalla famiglia alle coppie, dalle comitive di ragazzi in vacanza a chi pratica sport acquatici. Manterrei invece a grandi linee intatto il paradigma dei servizi già presenti.

Sarebbe bello se Miragica fosse rilevato da una società del posto, magari da una cordata d’imprenditori molfettesi – continua Maggialettiin questo caso sarei pronto a dare il mio contributo al nuovo progetto in maniera fattiva. In tanti vorremmo che quella struttura tornasse a funzionare, temo però che anche questa asta andrà deserta, affinché venga ulteriormente ridotto il prezzo di base. E nel frattempo la struttura continuerà inevitabilmente a perdere valore».

La gara di domani si svolgerà nella modalità telematica sincrona mista, cioè in via telematica e “in presenza”, innanzi al referente della procedura. Gli offerenti telematici che saranno ammessi alla gara parteciperanno attraverso il sito fallcoaste.it, mentre gli offerenti che partecipano in maniera tradizionale dovranno presentarsi presso lo studio del Curatore Fallimentare in Via Moretto n. 84 a Brescia.  

Molfetta. Entra nel vivo la staffetta di solidarietà a favore delle colonie feline sparse sul territorio comunale, con la Festa nazionale del gatto che si terrà domenica prossima in villa comunale

locandinadarediregatto17022022Una raccolta di cibo permanente per aiutare i tanti volontari che si prendono cura delle colonie feline presenti sul territorio comunale. Con l’avvio dell’iniziativa “Dare, dire, gatto” Molfetta celebra la Festa nazionale del gatto, domenica 20 febbraio, dalle 10 alle 13, nella villa comunale. La manifestazione è realizzata con la collaborazione delle volontarie del servizio civile universale del progetto GNAM.

Sarà possibile contribuire al successo dell’evento portando con sé e donando cibo per gatti in cambio di simpatici gadget appositamente realizzati per l’occasione. Alcuni esempi: Magnete= una scatoletta; Calendario= 2 scatolette/pacco di croccantini piccolo; Quaderno A5= 3 scatolette/pacco di croccantini piccolo; Tazza= 4 scatolette/pacco di croccantini grande; Shopper= 5 scatolette/pacco di croccantini grande

L’obiettivo del progetto è, come suggerisce il titolo dell’evento stesso, implementare e valorizzare il dibattito sull’assistenza alle colonie feline. Al momento a Molfetta ci sono oltre 100 colonie feline, seguite da un numero importante di gattare e gattari che, a proprie spese, se ne prendono cura fornendo cibo, sobbarcandosi, senza ottenere alcun contributo, anche delle spese mediche. Le difficoltà cui fanno fronte queste persone, sono emerse durante un’intervista alle volontarie de Lo Stregatto, associazione attiva sul territorio comunale dal 2018.

L’amministrazione comunale, per tramite della Asl, si occupa degli interventi di sterilizzazione. Da qualche mese è stato anche realizzato un gattile comunale che, presto, sarà dato in gestione.

«La civiltà di una comunità si misura anche dall’attenzione che riserva agli animali e Molfetta, da sempre – il commento del Sindaco, Tommaso Minervini - è attenta al benessere degli animali. Abbiamo un canile, un’oasi canina, che ci hanno permesso di risolvere, da tempo, il problema del randagismo a Molfetta, un gattile, un dog park ed il meraviglioso mondo delle gattare e dei gattari che si prendono cura dei nostri amici felini con dedizione. Ringrazio loro per il lavoro silenzioso che svolgono ogni giorno e tutti coloro che vorranno aderire all’iniziativa in programma domenica».

«In occasione della Festa del gatto, domenica – aggiunge Giacomo Rossiello, assessore all’ambiente e al benessere degli animali - saremo nella villa comunale per lanciare questa raccolta permanente di cibo. Invito tutti gli amanti degli animali ad aderire così da essere sempre più vicini e di aiuto ai nostri amici a quattro zampe».

“Dare, dire, gatto!”, trae ispirazione dalla frase comune delle gare sportive “Pronti, posti, via!”. Le tre parole hanno la stessa importanza e sono tra loro collegate. La prima, “Dare”, mette in risalto quella che è l’idea centrale dell’evento, ovvero il dare qualcosa, cioè cibo per gatti. E quindi dare aiuto ai volontari che li accudiscono. La parola “Dire”, invece, mette in risalto il nome dell’evento ed è finalizzata appunto al parlare dei gatti e delle varie associazioni dove non si può tacere. Infine, “Gatto” pone l’attenzione sull’animale, protagonista che beneficerà di tutte le donazioni di cibo.

All’iniziativa della raccolta permanente di cibo per gatti, hanno aderito le attività commerciali, Joe Zampetti e Oliver & Company, Nelle loro sedi ci saranno i cestini di raccolta cibo. Ma anche altre attività commerciali potranno aderire alla raccolta cibo inviando una PEC all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 Il cibo verrà ritirato successivamente, inventariato e stoccato dalla Molfetta Multiservizi che si occuperà di distribuirlo ai gattari che ne faranno richiesta.

Molfetta. Due studenti non vaccinati sono costretti a rimanere a casa, perché l'ingresso al sito archeologico è consentito solo con Green Pass rafforzato

MolfettaPulo16022022La scuola organizza una visita guidata al Pulo di Molfetta, ma l'ingresso è off limits per due studenti non vaccinati. Per accedere al sito archeologico, infatti, è indispensabile essere provvisti di super Green Pass da esibire all’entrata.

In linea con le disposizioni del Governo nazionale, in vigore fino al 31 marzo prossimo, termine che segnerà, si spera, la fine dello stato d'emergenza, la direzione comunale del polo culturale ha previsto l'ingresso esclusivamente previa esibizione del Green Pass rafforzato, escludendo quindi la possibilità di accedervi con referto negativo di test rapido, antigenico o molecolare.

«Questa è vera discriminazione – denunciano i genitori dei ragazzi esclusi dall'attività didattica – soprattutto se si considera il fatto che si tratta di un luogo di cultura, che dovrebbe per definizione essere accessibile per giunta all'aperto. Fosse stata una visita all’interno del Museo del Pulo, sarebbe stato comprensibile limitare l’ingresso a chi ha il super Green Pass, ma da quasi una settimana all’aperto non è più obbligatoria nemmeno la mascherina!

Sono disposizioni che hanno poca logica e che gravano sulla serenità dei ragazzi, già fortemente penalizzati dal distanziamento sociale, dall’apprendimento a distanza e da tutte le difficoltà che la pandemia ha causato. Ci rendiamo conto che l’istituto non può farci niente e rispetta delle regole imposte a livello locale e nazionale, ma è ingiusto far subire ai ragazzi anche questo tipo di disagio. La cultura deve unire, non dividere. Poteva essere valido anche il Green Pass base per la visita al parco archeologico, ad esempio. Per questo – concludono i genitori – speriamo che almeno alcune delle regole imposte possano trovare più rispondenza con le esigenze della cittadinanza, specialmente di bambini e ragazzi, oltre che con il comune buonsenso».

Per inviare una segnalazione a Il Fatto Molfetta, è possibile contattare come in maniera anonima la Redazione cliccando su questo link, oppure rivolgendosi al direttore Giulio Cosentino via WhatsApp al 334 175 81 50 e tramite mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Molfetta. Tra i primi obiettivi dell'assessore Gianna Sgherza, la realizzazione della struttura che sorgerà su un’area di 3500 metri quadrati, adiacente all’attuale ospedale don Tonino Bello

molfettaGiannaSgherza16022022Appena insediatasi in giunta comunale, la neo assessore Gianna Sgherza ha le idee chiare su come procedere. A poche ore dalla firma del sindaco Tommaso Minervini sul decreto di nomina che le conferisce le deleghe ai servizi sociali, ai finanziamenti regionali provenienti dai fondi strutturali europei e Pnrr, e che dispone l'ingresso in esecutivo anche per Luisella De Pietro, la professionista molfettese dichiara di voler realizzare in città una Casa di Comunità.

Con alle spalle una lunga carriera in ambito sanitario, buona parte trascorsa in servizio presso il Pronto Soccorso dell'Ospedale di Molfetta, la neo assessore Sgherza intende rafforzare la rete di sanità territoriale per assicurare un'assistenza più efficiente e meglio rispondente alle esigenze dei cittadini.

«Si tratta di un’opera – ha spiegato l'assessore Sgherza – di cui il territorio e i suoi cittadini hanno estremo bisogno. La grande lezione della pandemia è stata quella di aver fatto comprendere a tutti, ove mai ce ne fosse bisogno, l’importanza della medicina territoriale. Ed è proprio da qui che io voglio partire. Sì, perché presto Molfetta avrà una Casa di Comunità. Grazie ai fondi del Pnrr, la struttura sorgerà su un’area di 3500 metri quadrati, adiacente all’attuale ospedale don Tonino Bello, concessa dal Comune all’Asl di Bari in comodato d’uso gratuito».

Molfetta. Appuntamento stasera al PalaFiorentini: molfettesi obbligate a fare punti

molfettanoxhome150222Si recupera oggi, mercoledì 16 febbraio, alle ore 21 sul parquet del PalaFiorntini il match tra Nox Molfetta e Ateltico Foligno, gara valida per la tredicesima giornata del campionato di serie A2 - girone C di calcio a 5 femminile, rinviata a causa di alcuni casi di positività al Covid nella squadra ospite alcune settimane fa.

Sul parquet di casa, per la Nox Molfetta si apre un ciclo di partite cruciali per le sorti della stagione.
Le umbre, seconde in classifica da domenica a causa della sconfitta interna contro la Virtus Ciampino, avranno voglia di rivalsa. Dall'altro lato, però, c'è una Nox Molfetta in evidente crescita fisica, tecnica e tattica e con il morale alto dopo la bella prestazione a Fondi di domenica, terminata con il risultato di 0-0 e un punto preziosissimo per le biancorosse.

La partita sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook della Nox Molfetta dalle ore 20:55 mentre l'ingresso al PalaFiorentini sarà consentito, nei limiti della capienza prevista per legge, al settore giovanile della Nox Molfetta e a tutte le famiglie delle giocatrici: servirà il calore vero per sfoderare la migliore prestazione possibile e fare punti.

Molfetta. Le domande dovranno essere presentate esclusivamente online, attraverso la piattaforma dedicata

molfettafondoaffitti16022022Anche quest’anno il Comune di Molfetta ha reso pubblico il bando per richiedere i contributi annuali per i canoni di locazione sostenuti nel 2020. Le domande dovranno essere presentate entro le ore 23.59 del 17 marzo prossimo, esclusivamente tramite piattaforma informatica al link: http://canone-locazione-molfetta.pireneconsulting.it.

Possono presentare domanda i nuclei familiari, residenti a Molfetta, con contratto di locazione ad uso abitativo, registrato, con un reddito, nel 2018, non superiore all'importo di 13.405 euro per la fascia A; oppure il cui reddito complessivo non sia superiore a 15.250 euro per la fascia B.

Per tutta la durata del bando è stato ativato il numero dedicato 327 6252050, cui è possibile rivolgersi dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 18, per le richieste di informazioni e richieste di chiarimenti.

Il bando completo è disponibile sull’albo pretorio on line del sito istituzionale www.comune.molfetta.ba.it oltre che al link dedicato.

Si tratta di un altro grande sostegno, per quasi due milioni di euro, istituito a favore delle fasce più deboli della popolazione, nell’impegno del Sindaco Minervini e di tutta la maggioranza, a conferma della grande attenzione per tutta la comunità.

Molfetta. C’è tempo fino al 31 marzo per presentare domanda. Il contributo è cumulabile con il Reddito di Cittadinanza e non concorre alla formazione del reddito

molfettainps15022022Il settore Socialità e il sindaco informano la cittadinanza della pubblicazione di un bando pubblico dell’Inps per genitori disoccupati o monoreddito con figli disabili. La Legge di Bilancio 2021, infatti, ha previsto un contributo economico mensile a favore di genitori disoccupati o monoreddito, di nuclei familiari monoparentali, che hanno a carico figli con una disabilità non inferiore al 60%.

A favore del genitore in possesso dei requisiti è previsto un contributo mensile nella misura massima di 500 euro netti, per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023.

Il contributo è riconosciuto a seguito della domanda del genitore al quale, in caso di accoglimento, verrà accreditato, con cadenza mensile, un importo di 150 euro al mese per l’intera annualità. Nel caso in cui il genitore abbia due o più figli a carico con una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60%, l’importo riconosciuto sarà pari rispettivamente: 300 euro al mese nel caso di due figli; 500 euro al mese nel caso in cui i figli siano più di due.

Il contributo è cumulabile con il Reddito di Cittadinanza e non concorre alla formazione del reddito.

La domanda per il contributo ai genitori con figli con disabilità è annuale e deve essere presentata all’INPS dal 1° febbraio al 31 marzo per ognuno degli anni 2022 e 2023 esclusivamente in via telematica.

Tutte le info al link https://www.inps.it/prestazioni-servizi/contributo-per-i-genitori-disoccupati-o-monoreddito-con-figli-disabili-di-cui-al-decreto-12-ottobre-2021-del-ministero-del-lavoro-e-delle-ps-pubblicato-sulla-gu-sg-n285-del-30-novembre-2021.

Molfetta. Il sindaco affida alla Sgherza le deleghe a servizi sociali, fondi strutturali e Pnrrr, mentre alla De Pietro quelle alle politiche del lavoro e pari opportunità

DiPietroSgherzagiuntacomunale15022022Cambia l'assetto della giunta comunale di Molfetta, con la nomina di due professioniste. Entrano a far parte dell'esecutivo guidato dal sindaco Tommaso Minervini, Gianna Sgherza e Luisella De Pietro.

Alla Sgherza il primo cittadino ha conferito le deleghe ai servizi sociali, ai finanziamenti regionali provenienti dai fondi strutturali europei e Pnrr, mentre alla De Pietro sono state affidate le deleghe alle politiche del lavoro, attività per i giovani e le donne, attività dell’Ufficio Relazioni col pubblico, spiagge, delega a seguire la Consulta femminile e la Commissione pari opportunità, Molfettesi nel mondo..

Il Sindaco ringrazia l’assessore dimissionaria Germana Carrieri, per l’impegno e soprattutto per i rapporti umani e professionali che in questo periodo ha saputo creare nella giunta, nel settore socialità e nel rapporto coi cittadini.

I due nuovi Assessori nominati, entrambe donne, rinforzano l’Organo Amministrativo per segnare la strada di una “continuità operosa” per la prossima Consiliatura della maggioranza di impegno civico.

«La continuità operosa è un valore aggiunto importante in questo momento storico per la Città – spiega il sindaco Minervinicome è stato per il Paese, in un momento in cui, oltre ai 43 milioni di euro già ottenuti dal Comune di Molfetta, sono prossimi altri finanziamenti anche nei Servizi Sociali, che come per il resto del Paese, rappresentano una opportunità unica di sviluppo e di miglioramento della qualità della vita». 

 

Foto: da sinistra Luisella De Pietro, Tommaso MInervini e Gianna Sgherza

Molfetta. L’Ager candiderà il progetto definitivo sulla piattaforma MITE per l’ottenimento di oltre 21milioni e 500mila euro a valere sui fondi del PNRR

molfettaimpiantodicompostaggio210122È stato approvato all’unanimità dalla giunta comunale il progetto definitivo con integrazione delle prescrizioni AIA, aggiornamento tecnologico e adeguamento normativo, per la rimessa in funzione dell’impianto di compostaggio comunale con digestore anaerobico sito in Contrada Torre di Pettine.

Inserito nel nuovo Piano regionale per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti, il progetto ha subito diverse modifiche dovute al perfezionamento degli elaborati integrativi e all’aumento dei costi di realizzazione, prima di essere trasmesso dal Comune di Molfetta all’Ager – Agenzia Territoriale della Regione Puglia per il Servizio della Gestione dei Rifiuti. L’ente regionale, che tempo fa aveva comunicato l’intenzione di intercettare i fondi del PNRR per finanziare il rifacimento dell’impianto sulle spoglie di quello preesistente, provvederà alla candidatura della nuova proposta progettuale al Ministero per la Transizione ecologica attraverso la piattaforma dedicata.

GUARDA LA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DEL 11-02-2022

In disuso dal 2003 a causa di procedimenti giudiziari e arbitrali attivati nei confronti del precedente gestore, la struttura torna nelle disponibilità dell’ente comunale nel 2010 e da allora inizia un lungo iter amministrativo per far tornare in funzione l’impianto. Sottoposto a valutazione d’impatto ambientale e ad autorizzazione integrata ambientale, il progetto definitivo prevede l’ammodernamento degli impianti esistenti e la realizzazione di nuovi impianti di trattamento dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata della frazione umida, affinché sia poi possibile utilizzarli.

Suddiviso in due stralci, il progetto definitivo per la rimessa in funzione dell’impianto di compostaggio in contrada Torre di Pettine ha un importo complessivo di 21.507.257 euro. Il responsabile unico del procedimento rimane, su disposizione dell’amministrazione comunale, l’Ing. Alessandro Binetti, dirigente del settore III – Territorio e Ambiente.

Italia. Approvato a sorpresa un emendamento che prevede ora l'uso del green pass base sui mezzi di trasporto che collegano le isole al continente

isolenogreenpass15022022Approvato al Senato un emendamento che elimina l'obbligo del super green pass negli spostamenti da e per le isole italiane. Durante la discussione in Aula sul Decreto Legge n. 221 del 24 dicembre 2021, che proroga al 31 marzo 2022 lo stato di emergenza, è stato approvato a sorpresa un emendamento che allenta le misure per gli spostamenti da e per le isole (maggiori e minori) del territorio italiano.

L'emendamento approvato prevede ora l'uso del green pass base sui mezzi di trasporto che collegano le isole al continente. 

Questo voto rappresenta indubbiamente un ulteriore passo in avanti verso un ritorno alla normalità, dopo l'eliminazione dell'obbligo delle mascherine all'aperto. E se i rumors di palazzo parlano di nuove aperture già in settimana, restano ancora due date importanti nella road map del Governo.

Il 31 Marzo scadrà lo stato di emergenza e il 15 giugno terminerà l'obbligo vaccinale per gli over 50. Occhi puntati sul primo punto, dove il Governo sembrerebbe intenzionato a non proporre una nuova proroga. Questo sancirebbe anche la fine di tutti i divieti di viaggiare per turismo.

 

 

 

 

Foto di Joakant da Pixabay

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino