Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Molfetta. L'interruzione temporanea riguarderà Viale Pio XI e vie limitrofe

molfettaavvisointerruzioneenergiaelettricaUn avviso di interruzione temporanea della fornitura di energia elettrica è comparso nei giorni scorsi lungo Viale Pio XI e strade limitrofe a ridosso del centro di Molfetta. La comunicazione, diffusa da Enel / E-distribuzione, annuncia che domani, venerdì 13 maggio, l’assenza del servizio è prevista dalle ore 8.30 sino alle ore 16.30.

Lo stop alla fornitura di energia elettrica è stato pianificato per consentire ai tecnici della società di intervenire sugli impianti. Le strade interessate dal disservizio sono: Viale Pio XI, via Palestrina e traversa, via Vivaldi, Via G. Di Vittorio, via Puccini, via Mascagni.

Durante i lavori, si legge nell’avviso, l’erogazione di energia elettrica potrebbe essere momentaneamente riattivata, pertanto si invita l’utenza a non commettere imprudenze e non utilizzare gli ascensori.

Per ulteriori informazioni sui lavori programmati è possibile consultare il sito di E-distribuzione, oppure inviare un SMS al numero 320 204 1500 riportando il codice POD presente in bolletta, a ancora scaricare l’App gratuita di E-distribuzione.

Molfetta. Prosegue per un altro anno il progetto che coinvolge attivamente anziani e studenti, impegnati nella conduzione dell’orto sociale realizzato a Lama Scotella

molfettaortosocialelamascotellacontentFavorire l’inclusione sociale e lo scambio intergenerazionale coltivando la terra. È questo l’obiettivo di “Colto e Mangiato”, progetto ideato e promosso dalla Auser Onlus di Molfetta e accolto, per il terzo anno di fila, dall’amministrazione comunale, che ha rinnovato la concessione d’uso gratuita della porzione di terreno a Lama Scotella trasformata in un orto sociale e disposto il parziale finanziamento dell’iniziativa.

Grazie a un contributo di circa 5mila euro, che servirà a coprire le spese vive di attivazione dell’orto e della consulenza tecnico-scientifica dell'agronomo, le attività previste dal progetto sono state prorogate fino alla fine di ottobre prossimo. Nato per favorire il trasferimento dei saperi legati alla coltivazione della terra dagli anziani agli studenti della città, il progetto ha coinvolto nel tempo altri cittadini e tantissimi bambini, anche disabili, che hanno dimostrato grande interesse e curiosità. Un risultato raggiunto attraverso la collaborazione di altre associazioni, come "Appoggiati a me" e "Apertamente", che si occupano di bambini autistici e la "Comunità Oasi 2" che si occupa di migranti e politiche finalizzate alla loro inclusione sociale ed economica di volontariato.

Nell’ottica di avvicinare sempre più bambini al progetto, il Comune di Molfetta ha accolto la proposta dei genitori e dei soci delle varie associazioni, concedendo l’allestimento di un’area dedicata esclusivamente alle coltivazioni dei più piccoli. Su richiesta dell’associazione Auser Onlus, infatti, l’amministrazione comunale ha disposto l’attribuzione di un ulteriore contributo economico unico di 2500 euro, destinato alla creazione di questo nuovo spazio.

Qui, stando a quanto riporta la proposta avanzata da Auser Molfetta, sarà favorito un approccio scientifico alla terra, che mira alla scoperta, alla conoscenza e alla sperimentazione. Saranno creati percorsi sensoriali di esplorazione dell’ambiente anche attraverso la tradizionale pratica orientale di abbracciare gli alberi presenti e sarà approfondito lo studio delle erbe aromatiche nostrane. Inoltre, grazie a delle coperture mobili, saranno organizzati laboratori di lettura ad alta voce, per esercitare la concentrazione e agevolare la comprensione. Queste attività, essenziali per lo sviluppo cognitivo, linguistico ed emozionale di ragazzi e bambini, anche piccolissimi, saranno estese anche agli adulti, che potranno utilizzare gli spazi per rilassarsi e leggere all’aria aperta.

Molfetta. La Cittadella degli Artisti ospita l’iniziativa benefica che si terrà sabato prossimo alle ore 20

molfettaconcertoproucrainacontentMolfetta si conferma città di pace, vicina alla popolazione ucraina vessata ormai da oltre due mesi dall’attacco militare russo. Una nuova iniziativa benefica è stata organizzata alla Cittadella degli Artisti, che ospiterà sabato prossimo 14 maggio, a partire dalle ore 20, il Concerto della Pace.

A esibirsi il prestigioso Bortkiewicz Duo, composto da Temur Yakubov al violino e Yevhen Levkulych al piano. Il duo è nato nel 2016 in Ucraina durante il Festival Internazionale di Musica “Bortkiewich in Ucraina” e fino al 2020 la loro attività concertistica si è svolta in Ucraina.

Durante la serata è previsto l’intervento di don Gino Samarelli, parroco del Duomo di Molfetta, che l’otto marzo scorso è partito, assieme ad altri volontari, per una missione umanitaria al confine con l’Ucraina con l’obiettivo di portare in salvo in Italia famiglie e bambini, anche disabili, e consegnare prodotti alimentari, donazioni in denaro e materiale di prima necessità offerto dai molfettesi.

Ed è proprio a favore dei rifugiati ucraini arrivati a Molfetta grazie alla missione umanitaria di don Gino, che sarà devoluto l’intero ricavato della serata. Il biglietto unico di 7 euro è acquistabile al botteghino della Cittadella degli Artisti e sul circuito Vivaticket. Il Botteghino, in via Bisceglie 775, è attivo tutti i giorni, tranne il lunedì, dalle ore 17 alle ore 20.

Molfetta. Una tra le prime proposte del programma elettorale di Rifondazione Comunista / Compagni di Strada è la creazione di Comunità energetiche rinnovabili

molfettagiovanniinfanteSostenibilità energetica ed ambientale per la Molfetta del futuro che, secondo il candidato sindaco Giovanni Infante e la divisione molfettese di Rifondazione Comunista che lo sostiene, parte dalla costituzione delle Comunità energetiche rinnovabili. Il primo punto del programma elettorale ideato dai Compagni di Strada riguarda un progetto di grandissima attualità, volto a migliorare la qualità della vita e favorire la crescita della comunità.

«La prima proposta “Più sostenibile di così" - spiegano da Rifondazione Comunista / Compagni di Stradaè appunto quella delle comunità energetiche rinnovabili, strumento di produzione dell’energia dal basso, che nasce da un’idea dell'Unione europea. Cittadini, enti pubblici e piccole medie imprese possono consorziarsi per costruire impianti di energia rinnovabile condividendone poi l’energia prodotta. Per noi queste comunità rappresentano una presa di coscienza collettiva verso una transizione ecologica che veda il cittadino non più come mero consumatore, ma come prosumer’ (produttore e consumatore di flussi energetici) in una logica di autoconsumo sostenibile e responsabile. Un primo passo concreto verso la (ri)municipalizzazione dei sevizi energetici.

I vantaggi di questa esperienza di autoconsumo collettivo sono duplici: ai vantaggi per i membri delle comunità, quali la riduzione dei costi in bolletta, l'indipendenza dai gestori di energia elettrica, gli sgravi fiscali, si aggiungono i vantaggi per tutti i cittadini. Le comunità energetiche contribuiscono a far diminuire i prezzi dell’energia all’ingrosso, aumentano la produzione di energia da fonti rinnovabili, immettono nel sistema nazionale l’energia prodotta e non consumata dalla comunità, evitano gli sprechi e le perdite dovute al trasposto su lunghe distanze. 

L’ente comunale deve avere un ruolo importante nella costituzione delle comunità energetiche, tra cui: organizzare occasioni di incontro per la cittadinanza per condividere la progettazione, supervisionare la costituzione del soggetto giuridico che governerà la comunità energetica, rendere disponibili gli impianti pubblici, contribuire alla nascita delle comunità con incentivi economici e con assistenza tecnica. Si tratta di una proposta che ha l’obiettivo, insieme ad altre proposte in materia di ambiente e urbanistica, di ribaltare totalmente le politiche messe in campo in questi anni sia in materia ambientale, che in materia urbanistica. Un approccio totalmente diverso – conclude la nota diffusa dal dottor Infantenel quale le istituzioni locali incentivano la produzione dal basso di energia favorendo l’indipendenza delle comunità dai grandi gestori di energia elettrica».

Molfetta. Iniziate questa mattina, le celebrazioni proseguiranno nel pomeriggio con la processione e in serata con la funzione eucaristica officiata dal Vescovo Mons. Domenico Cornacchia

molfettamedonnedutremelizzeNella giornata di oggi, come ogni anno, si svolge a Molfetta la Festa della “Medonne du Tremelizze”. L’11 maggio del 1560 il territorio a nord di Bari fu colpito da un forte terremoto che provocò numerose vittime tra la popolazione locale e ingenti danni alle città.

Miracolosamente Molfetta non venne danneggiata dal sisma in alcun modo e la cittadinanza attribuì l’evento all’intercessione salvifica della Madonna dei Martiri, chiamata in quella circostanza con il nome di "Medonne du Tremelizze".

A partire da quel momento, la città decise di celebrare annualmente la memoria di quell'importante ricorrenza, istituendo una festa in onore della Vergine che sarebbe diventata, molti anni dopo, Compatrona di Molfetta insieme a San Corrado.

Quest’anno l’icona della Madonna dei Martiri è stata ospitata e venerata dalla parrocchia Santa Famiglia. I festeggiamenti hanno avuto inizio questa mattina con la recita delle lodi, proseguiranno a mezzogiorno con la recita del “Regina Coeli” e alle ore 18 il miracoloso quadro della Madonna dei Martiri lascerà la Parrocchia Santa Famiglia per fare ritorno, in processione, nella Basilica.

Il percorso che eseguiranno i fedeli in processione parte da Viale Giovanni XXIII e attraversa Via C. Salvemini, Via Innocenzo VIII, Via C. Levi, Via C. Salvemini, Via Madonna dei Martiri 123, Via Madonna dei Martiri, Viale dei Crociati, fino a giungere in Basilica.

Il quadro sarà accompagnato dal sindaco di Molfetta Tommaso Minervini, dalle autorità civili e militari, dalla Bassa Musica – Città di Molfetta, dalla comunità parrocchiale della Santa Famiglia e da tutti i molfettesi che vorranno rendere omaggio alla Madonna dei Martiri a ricordo del miracolo avvenuto l’11 maggio 1560.

Alle ore 19.30, invece, la Celebrazione Eucaristica in Basilica Madonna dei Martiri sarà presieduta da S. E. Mons Domenico Cornacchia Vescovo della Diocesi: durante la Santa Messa ci sarà l’offerta dell’olio da parte della comunità della Santa Famiglia per la lampada votiva sempre accesa dinanzi al simulacro della Madonna dei Martiri.

La celebrazione potrà essere seguita in diretta streaming sui canali social della Basilica e del comitato feste patronali.

Molfetta. Centrone sarà domani a Pristina, in occasione dell’inaugurazione della mostra presso la Galleria Nazionale del Kosovo

molfettacentronemostratiranacontentGaetano Centrone, docente di storia dell’arte presso l’Accademia Albertina di Belle Arti di Torino, sarà a Pristina domani, giovedì 12 maggio, per l’inaugurazione della mostra “Il complotto di Tirana” dell’artista Ardian Isufi.

Curata da Gaetano Centrone assieme ai colleghi Vladimir Myrtezai-Grosha ed Elton Koritari, la personale dell’eclettico artista albanese è stata allestita all’interno della Galleria Nazionale del Kosovo. Ad annunciarlo, lo stesso Gaetano Centrone che invita “con grande piacere - misto a gioia e orgoglio”, scrive in un post su Facebook, i suoi amici, sparsi in tutto il mondo, a visitare la mostra.

Nato a Tirana nel 1973 e diplomato presso l'Atelier Grafico, Accademia delle Arti di Tirana, nel 1995, Ardian Isufi è diventato noto nel panorama artistico prima albanese, poi mondiale, per aver dato vita a mostre personali come “Human Feeling”, il ciclo dei “Frammenti”, “Il Dizionario Verde” e “Tracce Umane”, che indagano le vibrazioni artistiche in relazione al corpo umano (l'individuo) circondato da una realtà assurda. Nelle sue opere viene messo in evidenza il ruolo dei media, degli elementi della contemporaneità che impongono metamorfosi nell'individuo e dilemmi psico-fisici derivanti dall'incapacità che pervade la nostra società. Queste difficoltà umane si traducono nell’opera di Isufi in tecniche miste sulla tela, assemblaggi e installazioni che rispecchiano il suo complesso immaginario d’artista.

Dal 1996 Ardian Isufi è professore presso l'Atelier Grafico dell'Accademia delle Arti di Tirana, dove vive e lavora, e ha partecipato a numerose iniziative artistiche in Europa e negli Stati Uniti.

Molfetta. Anche quest’anno il Comune di Molfetta ha disposto la collocazione delle passerelle in legno presso quattro spiagge libere del litorale

molfettaprimacalaNell’ottica di favorire la fruibilità della costa e l’accesso al mare, tornano sulle spiagge libere di Molfetta passerelle e pedane di legno. L’iniziativa, principalmente dedicata agli utenti con disabilità motoria, si inserisce nel percorso di pianificazione delle coste e programmazione di interventi per la valorizzazione del territorio comunale di fascia costiera e delle spiagge libere del litorale demaniale avviato ad aprile 2019.

Le pedane per il camminamento e la sosta dei bagnanti saranno collocate presso la Prima Cala, con il prolungamento della pedana fissa provvista di staccionata, a Cala Sant’Andrea, presso il lungomare Colonna all’altezza dell’INPS e presso l’area comunale del Park Club, dov’è previsto il noleggio da parte della società cui è stata attribuita la gestione.

Ad occuparsi della fornitura, del montaggio e dell’installazione di passerelle e pedane in legno, sarà ancora una volta la ditta Sites con sede legale a Bari, per un importo complessivo di circa 47mila euro. In via di definizione il complementare servizio gratuito di assistenza ai disabili con sedia Job, erogato dai volontari di protezione civile del SER Molfetta nelle scorse estati a Cala Sant'Andrea e alla Prima Cala. 

Un intervento che premia anche a livello turistico, in considerazione del fatto che Molfetta compare nei principali portali dedicati al turismo accessibile, confermandosi città costiera attenta al benessere di tutti i bagnanti.

Molfetta. Incomprensibile l’atto vandalico compiuto nelle scorse ore ai danni delle due mangiatorie – rifugio dedicate agli uccelli selvatici presenti nel Parco naturale

molfettavandalilamamartinaSono state fatte a pezzi le due mangiatorie per l’avifauna selvatica installate lo scorso 25 aprile presso il Parco naturale di Lama Martina. L’atto vandalico è stato segnalato da un volontario di una delle diverse associazioni ambientaliste che si occupano della tutela dell’area. A darne notizia, il CEA Ophrys - Centro Studi e Didattica Ambientale Terrae, ente responsabile del Parco che si è occupato assieme a LIPU Molfetta di installare le due mangiatoie in legno durante un evento aperto al pubblico.  

«Ancora una volta – si legge sulla pagina Facebook di Cea Ophrys-Terraeci ritroviamo a condannare un atto di vandalismo. Questa volta, però, a farne le spese, non sono i pannelli informativi e le indicazioni per il sentiero, bensì un qualcosa di più nobile e neutrale, e cioè le mangiatoie per l'avifauna, tra l'altro removibili. La segnalazione arriva direttamente da un volontario Plastic Free Molfetta intento a effettuare un consueto sopralluogo in lama.

Non capiamo i motivi dietro questi atti di vandalismo. Forse per dimostrare qualcosa? A chi? Per quale motivo? Il nostro impegno, come sempre, sarà quello di rimanere uniti e di non farci intimorire da queste azioni. Tutte le associazioni promettono di ripristinare tutto com'era e dov'era».

Molfetta. Trenta studenti del Liceo Classico e Scientifico, affiancati dai docenti, hanno appena iniziato a Cipro il tirocinio formativo di un mese nel settore arte e cultura

molfettaInCofinanziamentoprogettiSono a Limassol, sull’isola di Cipro, i trenta studenti di Molfetta, selezionati per partecipare a “Ready for Departure”. Provenienti dal Liceo Classico e Scientifico “Da Vinci – Einstein”, i ragazzi hanno l’occasione di mettere in pratica i processi di apprendimento acquisiti in forma teorica nell’ambito di un tirocinio formativo nel settore arte e cultura.

Partiti lunedì 9 maggio e accompagnati dai rispettivi docenti, gli studenti sono alle prese con un’esperienza formativa di 4 settimane da trascorrere in giro per musei o enti che si occupano di arte e cultura. Nello specifico, i giovani contribuiranno nelle attività di fruizione dei percorsi artistici, accoglienza dei visitatori, valorizzazione e conservazione delle opere esposte, formazione e informazione di tutto il materiale di promozione dei luoghi d’arte interessati al progetto di IFP (Istruzione e Formazione Professionale).

Ideato e promosso da InCo Molfetta Aps, in qualità di ente capofila, il progetto è stato finanziato dall’Agenzia Nazionale INAPP ed è supportato, per tutte le operazioni connesse a tutoraggio e monitoraggio, da "Shipcon Limassol Ltd", azienda cipriota che promuove progetti finanziati dall’Unione Europea per la ricerca e innovazione e per l’istruzione e formazione professionale.

«Siamo orgogliosi di aver realizzato il nostro primo tirocinio formativo europeo per studenti dei Licei – il commento di Luigi Balacco, project manager di InCo – grazie soprattutto alla collaborazione e alla sensibilità dello staff della scuola. Confidiamo nell’ottima riuscita di questa opportunità, convinti che col tempo saremo in grado di ampliare il raggio d’azione e il numero di ragazzi da coinvolgere. È solo l’inizio».

Molfetta. Coreografie e tifo delle grandi occasioni per Capitan Nerese e compagne in occasione del derby

molfettanoxpromozioneserieA 4Alla prima stagione in serie A2 la Nox Molfetta del presidente Luciano Savi centra i playoff promozione per la Serie A. Una impresa sportiva senza precedenti: nel girone C, infatti, le biancorosse allenate da Mister Alessandra de Bari sono state le uniche matricole ad aver ottenuto l'accesso alla fase successiva della regular season.

Il risultato segue quello della salvezza, ottenuta matematicamente con un turno di anticipo, vero obiettivo di stagione per la società. Con 27 punti, Capitan Narsete e compagne sono arrivate quinte in classifica dopo 22 turni di campionato. La Nox Molfetta, inoltre, con 77 punti è stata anche il miglior attacco.

Grande festa al PalaFiorentini per la squadra, tra l'altro in occasione del derby contro la Femminile Molfetta, perso per 4-6 e con le reti di Caballero, dell'Ernia, Nanà e Pati.

Le immagini della festa Nox nelle fotografie scattate da Martina Camporeale.

 

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino