Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Ideato e lanciato in rete dalla startup molfettese Hoken Tech, il primo gioco blockchain multipiattaforma permette di conoscere ed esplorare i luoghi simbolo della città

molfettagiocoblockchaincontentLa valorizzazione delle bellezze di Molfetta e la promozione turistica diventano un gioco blockchain. Il suo nome è Molfetta Battle, a idearlo e lanciarlo in rete, per il momento in fase di test, la startup molfettese Hoken Tech, realtà che opera appunto nell’innovativo e complesso mondo della blockchain.

Fondata da Alfredo de Candia e Antonella Tagliente, due giovani e visionari imprenditori, la Hoken Tech di Molfetta scommette sulle nuove tecnologie e sul fascino antico della nostra città. Molfetta Battle è un gioco blockchain multipiattaforma a sfondo culturale e si presenta come un gioco di carte fantasy, pensato per gli utenti di tutto il mondo.

Alla tecnologia blockchain, inoltre, si aggiungono le opportunità fornite dalle criptovalute. Il gioco, raggiungibile al seguente indirizzo, è stato sviluppato sulla blockchain testnet di EOS, prima blockchain carbon neutral al mondo, amica dell’ambiente e che permette transazioni gratuite per i propri utenti.

L’idea del gioco è quella di fornire nuove esperienze agli utenti di tutto il mondo, grazie al vantaggio della blockchain che è possibile utilizzare indipendentemente da dove ci si trova o dal dispositivo utilizzato e comunicare il progetto promuovendo la città, in una nuova forma di turismo avanzato e tecnologico, dove il giocatore esplora, in questo caso, i monumenti della città e tanto altro.

Oltre alla promozione turistica e alla valorizzazione delle opere architettoniche e artistiche presenti in città, il gioco permette anche di ottenere un ritorno economico, grazie all’integrazione degli NFT (Non Fungible Token, ossia gettoni non fungibili e quindi non replicabili) che possono essere creati partendo proprio dalle carte da gioco.

È possibile giocare a Molfetta Battle in anteprima utilizzando uno dei seguenti account test sulla blockchain testnet di EOS:

Account: hifounderso1
Private key: 5KkWJ9cz9VrXmEMfDkkH5KAZZJpZqwxhCjWWJ731WdbAyjgkaKy

Account: hifounderso2
Private key: 5JKCQyKR4eSXt7qxrrstmfWfrvVWLhyLHTStU4rSWFDD7gAMDks

Account: hifounderso3
Private key: 5KASPvem2HY37GUrkLhbcH3ir1fKronbD5vT8BwT5zWTN2A4oAa

Account: nftitaliano1
Private key: 5J3a8dvErqzdzmPbSbfAHBPRYXZxEbBK33a8RQCKDohFDHScamh

Account: nftitaliano2 Private key: 5Jd14MWA2adN8hCqGNFQFLqGNVevPYLHUabT3eSo2Bi7ArpEijb

Molfetta. Diverse le bancarelle prese di mira e saccheggiate da ignoti durante la notte. Indagano le Forze dell’Ordine

molfettafurtibancarelleAlcune bancarelle presenti in città per la festa patronale sono state oggetto di diversi furti. A essere presa di mira dai ladri, nella notte tra l’8 e il 9 settembre, la bancarella della Lega del Cane di Molfetta, i cui volontari hanno denunciato via social l’accaduto, e altre bancarelle nelle vicinanze. Al lavoro le forze dell’ordine, impegnate a passare al setaccio le immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza presenti in zona.

«Tutti insieme dobbiamo, ogni giorno, impegnarci per contrastare, con l’esempio e l’educazione civica, i comportamenti assolutamente incivili tenuti da gruppi, per fortuna sempre minori, di persone che fanno della incapacità del vivere civile la loro bandiera. Confido che questi soggetti possano essere quanto prima identificati e perseguiti».

Così il Sindaco, Tommaso Minervini, commenta la notizia delle razzie avvenute tra le bancarelle della festa patronale. Quando qualcuno ha ripulito lo stand della Lega del cane (pieno di materiale brandizzato utile per la raccolta di fondi), ha portato via tredici trespoli dell’Asm (i cestini utilizzati per i rifiuti) e ha rubato anche merce ad ambulanti. Merce che tutti avevano lasciato sul posto, ben chiusa.

«Questi atteggiamenti – ha aggiunto il Sindaco Minervini - ledono la dignità della stragrande maggioranza delle persone che sono rispettose delle regole, delle leggi, dell’altro. E sono intollerabili, inaccettabili. Non possono essere catalogati come ragazzate. Sono episodi vergognosi che vanno denunciati. Chiediamo, per questo a chiunque abbia visto o sia venuto a conoscenza di qualcosa, di collaborare con le forze dell’ordine. Al momento sono in corso indagini con l’ausilio delle telecamere del sistema comunale di videosorveglianza».

Molfetta. La Fanfara del X reggimento Carabinieri Campania si esibirà nell’imponente cassa armonica allestita su Corso Dante alle ore 20 di domani, in occasione della chiusura del festival e della festa patronale

molfettafanfaracarabinieriChiusura in grande stile per la seconda edizione del Festival nazionale delle Bande da giro, che alle ore 20 di domani, domenica 11 settembre, giornata conclusiva della Festa Patronale, su Corso Dante, ospita il concerto della Fanfara del X reggimento Carabinieri Campania diretto dal Maestro Luogotenente Luca Berardo.

Alla presenza del Sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, e dei sindaci delle città con festival a vocazione bandistica, invitati a partecipare, il repertorio musicale della Fanfara (dalla classica alla leggera) sarà preceduto dall'esecuzione di "God Save the King", omaggiando così la figura del nuovo capo di stato del Regno Unito, Re Carlo III, e la figura della regina Elisabetta II da sempre vicina agli ambienti militari di cui è stata capo supremo.

Il concerto sarà preceduto, alle ore 19 in Villa Comunale, dalla commemorazione dei caduti di tutte le guerre, con la cerimonia della deposizione della corona d’alloro al monumento dei caduti a cui il decimo Reggimento Carabinieri Campania renderà gli onori. Saranno presenti autorità istituzionali, i rappresentanti delle forze dell’ordine e le associazioni combattentistiche e d’armi.

Per l’occasione i musei degli eroi Molfettesi “del Risorgimento”, via Dante 92, e “della Grande Guerra” in via San Pietro 15 (nella città vecchia), saranno aperti. Sarà allestita una mostra, fotografica e documentale, con l’esposizione del modellino della Corazzata Roma, realizzata da Pasquale Zanna e Simone Pisani.

Per l’occasione, il comandante della Polizia Locale, Cosimo Aloia, ha sottoscritto un’ordinanza che dispone, dalle ore 16 fino a fine evento, il divieto di fermata su Piazza Garibaldi, nel tratto compreso tra i civici 39/37 (lato villa comunale tra via Ten. Fiorino e Vision Ottica) per consentire la sosta del mezzo a bordo del quale arriveranno in città le trenta unità che compongono la Fanfara dei Carabinieri. Istituito inoltre il divieto di fermata su via Mazzini, ambo i lati, nel tratto compreso tra Piazza Garibaldi e il Lungomare Colonna, sempre dalle 16 fino a fine evento, per consentire la sosta dei mezzi con cui arriveranno le autorità militari.

Molfetta. Gli abiti realizzati dal Gruppo Stile De Virgilio vestono l’attrice Tanya La Gatta, tra le interpreti del film “Saint Omer” in concorso alla 79esima Mostra del Cinema di Venezia

molfettadevirgiliofestivalcinemaveneziaC’è anche un po’ di Molfetta alla 79esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, che si concluderà nella serata di oggi, sabato 10 settembre. A sfilare sul red carpet e per le strade della città del Festival, gli abiti del Gruppo Stile De Virgilio, che hanno vestito l’attrice Tanya La Gatta, tra le interpreti del film in concorso “Saint Omer”, proiettato lo scorso giovedì 8 settembre.

La maestria delle sarte di Molfetta continua a conquistare le più importanti passerelle mondiali. L’attrice emergente Tanya La Gatta ha sfilato sul red carpet con un elegantissimo abito rosa realizzato con vetri di Murano e drappi preziosi. «È il lusso cristallizzato dall’eleganza eterna e dall’alta sartoria», il commento di Barbara De Virgilio, mentre da Venezia descrive il lavoro svolto per La Gatta, che durante il suo soggiorno nella città del Cinema ha indossato le creazioni della maison molfettese.

L’atelier De Virgilio, portato avanti dalle quattro sorelle di Molfetta, è diventato negli ultimi anni un’eccellenza di rilievo mondiale. In attività da appena quindici anni, l’azienda artigiana Gruppo Stile De Virgilio ha più volte rappresentato l’Italia in eventi internazionali, come l’accensione della torcia olimpica a Tokyo e in Libano con Next Miss Top Model. Il prossimo appuntamento del team, spiega Barbara De Virgilio, sarà il Premio Eccellenza Italiana e la finale di Miss Universo.

Appena un anno fa le giovani sorelle De Virgilio hanno ricevuto da Washington il Presidio di Eccellenza Italiana, un riconoscimento che mette insieme grandi e piccole realtà scelte solo in base al merito e al talento. A gestire l’azienda, le quattro sorelle che quindici anni fa hanno scelto di dare vita al loro atelier rimanendo sul territorio molfettese. Manuela si occupa dell’area vendite, Antonella di portare i conti, Lisa dirige la sartoria e a Barbara è affidata la creatività. Un poker di donne che farà a lungo parlare di sé e di Molfetta.  

Molfetta. Pubblicato con Cacucci Editore, il nuovo lavoro dell’autrice molfettese racchiude circa cento poesie inedite scritte negli ultimi otto anni

molfettaJoledePintolibroL’autrice molfettese Jole de Pinto ha dato da poco alle stampe “Nata cigno”, il suo ultimo lavoro letterario che racchiude circa cento poesie inedite scritte negli ultimi otto anni. Pubblicato con la Cacucci Editore di Bari, il libro si divide in due sezioni: la prima affronta temi civili, con liriche ispirate agli accadimenti del mondo o dedicate a celebri personaggi della nostra società; la seconda parte ha una vena più personale ed intimista, riflesso della personalità dell’autrice e dell'incanto della natura.

«Nella prima parte – spiega Roberto Pazzi, che ha curato la prefazione – si incontrano personaggi pubblici e privati, come Papa Francesco e Laura Antonelli, ma anche il vescovo Martella e don Mimmo Amato. Con una sorpresa. Nella seconda parte, si avverte il tema petrarchesco del Tempo, che ci consuma e modella, lasciando alla parola la fede nella salvezza dal nulla, con la poesia più volte evocata come salvacondotto e speranza».

Per trenta anni ordinaria di latino e greco nei Licei, Jole de Pinto oltre ad essere poetessa è anche saggista e storiografa. Ha da poco ricevuto il "Premio alla Carriera" dalla Città di Molfetta, a distanza di 26 anni dall'ultima assegnazione a Beniamino Finocchiaro. Il disegno di copertina di “Nata cigno” è opera dell'architetto Fabrizio Minervini, già "illustratore poetico" di gran parte dei libri della prof.ssa de Pinto. La prefazione è del prof. Roberto Pazzi e la presentazione è del dott. Ugo Colla.

Molfetta. Nel pomeriggio di oggi si svolgerà l’attesissima processione in mare al seguito della sacra effige. Le regole da seguire per lo svolgimento in sicurezza dell’evento

molfettamadonnabarca050822Oggi, giovedì 8 settembre, è il grande giorno dedicato alla Madonna dei Martiri e Molfetta è in trepidante attesa per il ritorno dell’emozionante Sagra a Mare. Dopo due anni di stop dovuto alla pandemia, centinaia di migliaia di persone sono pronte a invadere le strade cittadine per partecipare alla più grande ed evocativa festa di popolo vissuta da oltre un secolo in città. In occasione dell’attesa processione in mare al seguito della sacra effige della Madonna dei Martiri, la comandante della Capitaneria di Porto di Molfetta, Giulia Petruzzi, ha sottoscritto la consueta ordinanza finalizzata allo svolgimento regolare dell’evento, garantendo nel contempo la sicurezza della navigazione e la salvaguardia della vita umana in mare.

Il motopeschereccio su cui intorno alle ore 16 sarà issata la statua della Madonna dei Martiri è Morfeo e sarà affiancato dalle due imbarcazioni damigelle Niagara e Mimmo. Nello specifico, l’ordinanza della Capitaneria di Porto dispone lo sgombero dal pubblico di almeno 20 metri sul piazzale della Banchina San Domenico, dove avverrà lo sbarco della sacra effige. Sempre qui, per un fronte di 67 metri, e presso il pontile ex Cinet, vige il divieto di ormeggio, navigazione e sosta a tutte le imbarcazioni. È inoltre fatto divieto assoluto di sparare fuochi d’artificio di qualsiasi tipo dalle imbarcazioni o dalle banchine, nonché dal complesso galleggiante.

È vietato avvicinarsi e ormeggiare a una distanza inferiore ai 20 metri dalle banchine commerciali nell’area della port-facility. Gli armatori delle unità da pesca interessate all’imbarco della Sacra Effige, dovranno assicurarsi che l’imbarco e lo sbarco delle persone siano agevoli e sicuri. Tutti i natanti partecipanti alla processione a mare dovranno tenere in coperta tutti i mezzi di salvataggio individuali e collettivi in numero idoneo, in relazione alle persone presenti a bordo e gli estintori devono essere tenuti pronti all’uso.

È fatto assoluto divieto a moto d’acqua, natanti a remi, jole, canoe, sandolini, pattini, mosconi, lance e simili – si legge nel testo dell’ordinanza – di navigare all’interno del bacino portuale durante lo svolgimento della manifestazione. Le unità navali dovranno mantenersi a una distanza di almeno 50 metri dal complesso galleggiante che trasporta la statua e in nessun caso dovrà essere tagliata a prua la rotta del convoglio”.

 

Foto di Gegé Gadaleta

Molfetta. Le regate “La Super Luna” e “Cazza e Lasca – La rotta delle Torri” si svolgeranno tra sabato 10 e domenica 11 settembre con partenza e rientro alla Banchina Seminario

molfettatrofeoippocampoIl circolo nautico Ippocampo, associazione sportiva con alle spalle cinquant’anni di attività a Molfetta, torna ad animare la costa con uno degli eventi più riusciti degli ultimi anni. Inizialmente in programma per il secondo weekend di luglio e rimandato a causa delle avverse condizioni meteo marine, le regate “La Super Luna” e “Cazza e Lasca – La rotta delle Torri” si svolgeranno sabato 10 e domenica 11 settembre prossimi.

Organizzata in collaborazione con il Comune di Molfetta e la FIV – Federazione Italiana Vela, la due giorni dedicata agli amanti del mare avrà inizio alle ore 13 di sabato 10 settembre con il raduno delle imbarcazioni e la registrazione degli equipaggi presso la Banchina Seminario. Le iscrizioni saranno chiuse alle ore 18. Alle ore 19 si terrà il briefing degli equipaggi, per cui è richiesta la presenza dei comandanti, e un aperitivo di benvenuto. La regata “La Super Luna” avrà quindi inizio alle ore 20 e si protrarrà fino alla notte, con rientro agli ormeggi presso la Banchina Seminario.

L’appuntamento per la regata “Cazza e Lasca – La rotta delle Torri” è sempre presso la Banchina Seminario alle ore 9.30 per la colazione. Alle ore 11 è prevista la partenza della regata che vedrà le imbarcazioni veleggiare lungo tutto il litorale molfettese, da nord a sud, tra Torre Calderina e Torre Gavetone.

La competizione sarà come sempre vissuta da appassionati e curiosi, che potranno seguire la gara percorrendo il Lungomare Colonna e il litorale molfettese.

Ai fini della sicurezza della navigazione e delle persone, la Capitaneria di Porto di Molfetta ha emanato un’ordinanza che vieta a tutte le imbarcazioni, comprese quelle da pesca, per tutta la durata della manifestazione, l’ormeggio e lo stazionamento lungo la Banchina San Domenico, dalla radice di Banchina San Domenico fino allo scivolo che precede gli ormeggi riservati alle unità navali della Guardia Costiera. Tutte le imbarcazioni, inoltre, dovranno procedere a velocità di sicurezza e tenersi a una distanza non inferiore a 100 metri dal perimetro esterno del campo di gara.

Molfetta. Con una delibera la giunta regionale ha disposto l’utilizzo dei fondi statali e l’avvio della procedura di gara per il complesso ospedaliero a servizio del territorio del nord barese

molfettaospedalenordbaresestanziamentofondiL’ospedale del nord barese, che sarà realizzato tra Molfetta e Bisceglie, costerà 192.5 milioni di euro, di cui 182 a carico dello stato. Questa la somma di cui la Regione Puglia ha richiesto lo stanziamento attraverso la delibera ratificata lo scorso 6 settembre, che dispone l’avvio della procedura di gara per l’affido dei lavori. Dopo l’approvazione a luglio scorso del piano di fattibilità, il governo regionale ha quantificato gli investimenti complessivi e ha trasmesso al Ministero della Salute l’atto di giunta per i successivi provvedimenti di valutazione del nucleo per gli investimenti pubblici. A seguito di questo passaggio, la Asl Bari potrà procedere alle gare.

Stando al piano di fattibilità approvato due mesi fa, il nuovo ospedale che sorgerà tra Molfetta e Bisceglie accoglierà al suo interno 250 posti letto, due per ogni stanza in cui è prevista l’installazione di schermature flessibili per garantire riservatezza ai degenti e ai familiari quando sono in visita. Il nosocomio sarà dotato di un’area Emergenza-Urgenza divisa in tre ambienti distinti collegati al Pronto Soccorso e all’area di Osservazione Breve Intensiva per adulti; al Pronto Soccorso e all’area di Osservazione Breve Intensiva Materno – Infantile; all’area di diagnostica dedicata. Tutte e tre le aree, potranno contare su strumentazioni di ultima generazione.

Nel blocco operatorio previsto l’allestimento di 5 sale operatorie, di cui una per interventi ad alta complessità, una per ortopedia, due per chirurgia di base e otorinolaringoiatria e una per la gestione delle emergenze.

Altro fiore all’occhiello della struttura sarà il Blocco Parto. Il punto nascita di I livello permetterà di effettuare fino a 1.200 parti annui. Sarà costituito da 3 sale travaglio/parto; 1 sala per tagli cesarei; 1 sala per parto in acqua. Il piano di fattibilità prevede anche un efficiente servizio di Diagnostica per immagini con prestazioni specialistiche per pazienti interni ricoverati e per pazienti ambulatoriali esterni. Previste le prestazioni di radiologia convenzionale, Ecografia diagnostica pediatrica e dell'adulto (ECT); TAC, Risonanza magnetica, Ortopantomografia, Diagnostica senologica mammografica.

«Finalmente la realizzazione del nuovo ospedale del nord barese sembra meno lontana. Ho appreso con soddisfazione dal consigliere regionale, Saverio Tammacco, che con me da anni sta seguendo le evoluzioni della vicenda – il commento del Sindaco, Tommaso Minerviniche un altro piccolo passo è stato fatto. Ma il lavoro silenzioso della politica operosa continua. Perché la salute non ha colore politico. La tutela della salute è di tutti e tutti siamo chiamati a dare risposte concrete ad un territorio vasto e alla crescente domanda di sanità. L'opera ora ha una copertura finanziaria completa. Ma non ci basta. Continueremo – conclude il Primo cittadino – a seguire, con il consigliere Tammacco, le tappe dell’intero procedimento sino all'inizio dei lavori».

Il cronoprogramma dei lavori inserito nel piano di fattibilità considera un tempo di realizzazione della nuova struttura ospedaliera a servizio del territorio del nord barese di sei anni.

Molfetta. Oggi andranno in onda su canale 17 e su telebari.it numerose dirette dei festeggiamenti grazie alla media partnership con la storica emittente televisiva barese

molfettamadonnadeimartiribasilicaQuest'anno, per la prima volta, sarà possibile seguire la festa della Madonna dei Martiri attraverso numerose dirette televisive durante tutta la giornata di oggi, giovedì 8 settembre.

La media partnership con Telebari, storica emittente televisiva barese, consentirà ai molfettesi nel mondo o coloro che saranno impossibilitati a partecipare agli eventi in programma, di seguire in diretta i momenti salienti della festa. Attraverso il canale 17 del digitale terrestre, la festa potrà essere seguita in Puglia e Basilicata, mentre la diretta streaming sul sito www.telebari.it permetterà anche ai più lontani di seguire i festeggiamenti.

La prima diretta, sia sul sito che sul canale 17, riguarderà la S. Messa delle ore 8.00, presieduta dal Vescovo di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, Mons. Domenico Cornacchia.

Seguirà alle ore 15.15 la diretta dell'uscita dalla Basilica del simulacro di Maria SS. dei Martiri. Per quanto riguarda lo sbarco e la processione fino in Cattedrale, saranno trasmessi solo sul sito www.telebari.it.

Per dare una maggiore copertura alla cronaca della giornata, ci saranno anche due collegamenti durante i telegiornali delle ore 14.15 e delle ore 20 che andranno in diretta sul canale 17.

 

Foto tratta da Santuariitaliani.it

Molfetta. In collaborazione con i Carabinieri, gli agenti hanno sventato l’attività illecita di quattro noti pregiudicati ed elevato un verbale di 5mila euro

molfettaabusivisequestroseccadeipali1Stop alla vendita abusiva di bibite fresche in località Secca dei Pali. Nella prima serata di oggi, martedì 6 settembre, la Polizia Locale è entrata in azione nell’area che ospita il Luna Park allestito in concomitanza con i giorni della festa patronale. Supportati dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta, gli agenti intervenuti, hanno fermato quattro pregiudicati, tutti noti alle forze dell’ordine, e proceduto al sequestro di 600 bevande fresche e dei relativi frigoriferi.

Oltre al sequestro, finalizzato alla confisca, gli agenti della Polizia Locale, coordinati dal comandante Cosimo Aloia, hanno elevato nei confronti dei quattro abusivi verbali per un valore di 5mila euro.

Le Forze dell’Ordine presenti in città hanno iniziato già da questa sera a monitorare il territorio per fermare sul nascere qualsiasi fenomeno illegale. I controlli proseguiranno nei prossimi giorni.

 

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino