Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Inizia per strada la campagna elettorale di Rifondazione Comunista con l'incontro tenutosi ieri sera su Corso Umberto

molfettarifondazioneinfantecontentIl candidato sindaco di Rifondazione Comunista e Compagni di Strada, Giovanni Infante, ha dato il via alla campagna elettorale con un incontro pubblico tenutosi nella serata di ieri, martedì 2 maggio, su Corso Umberto I. Infante rompe il ghiaccio con la piazza e si confronta con la cittadinanza senza formalismi e con tanta emozione.

Nutrito il pubblico che ha seguito il confronto, durante cui si sono succeduti anche gli interventi di Gennaro Agrimi e di Antonello Zaza, che hanno introdotto e presentato il candidato sindaco di Rifondazione Comunista e Compagni di strada.

«Il medico molfettese, in prima linea contro il Covid – si legge nella nota diffusa da Rifondazione Comunista neofita dell’impegno elettorale, ma non di quello politico e sociale, ha tenuto alta l’attenzione con un intervento di critica puntuale all’amministrazione uscente di Tommaso Minervini, alla mancata attuazione della "Smart City", alla situazione di illegalità diffusa e alle opere pubbliche rimaste bloccate (piscina, nuovo mercato settimanale, impianto di compostaggio, piazza Margherita di Savoia, parco di Mezzogiorno), delineando alcune prime proposte programmatiche, che saranno approfondite nelle prossime uscite pubbliche, per "prendersi cura" della Molfetta che viene.

Urbanistica, commercio, sviluppo, infrastrutture, sanità, lavoro, legalità e sofferenza sociale sono stati i temi affrontati nell’intervento del candidato Infante, che ha ribadito ancora una volta come l’alternativa alla maggioranza che ha sostenuto il sindaco Minervini non può passare da coalizioni e candidati che vedono tra i protagonisti gli stessi che hanno condiviso il percorso amministrativo dell’amministrazione uscente.

Non sono mancate le critiche al governatore Emiliano quando si è parlato di sanità pubblica e dell’ospedale di Molfetta, temi che sono il cavallo di battaglia del medico molfettese che bene conosce le difficoltà e le storture del sistema sanitario nazionale e regionale. Insomma – conlcude la nota – la sfida agli altri candidati è lanciata, Giovanni Infante punta a sparigliare il campo ed essere l’outsider di questa tornata elettorale avendo risvegliato un entusiasmo che a sinistra da tempo non si vedeva».

Molfetta. Il Capitano Angelo Ayroldi e il suo equipaggio salgono sul terzo gradino del podio vincendo la somma di 600euro

molfettatrofeosashacontentLa 3A Fishing di Molfetta è medaglia di bronzo al “Trofeo Sasha Open Tournament C&R”. Dopo un anno di stop dovuto alla pandemia, si è svolta tra il 29 e 30 aprile scorsi a Bari la settima edizione del torneo agonistico a squadre di pesca sportiva, organizzato dall’ASD PELAGICA Fishing Club, in collaborazione con la Sezione Provinciale FIPSAS di Bari, sotto l’egida della divisione nazionale FIPSAS – Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee.

La competizione, dedicata a Sasha Muciaccia, figlio del Patron della manifestazione che perse la vita prematuramente nel 2005 durante una battuta di pesca, prevede la cattura e il successivo rilascio in mare di esemplari di tonno rosso, specie protetta e dunque soggetta al divieto di cattura. Conta il numero di tonni presi all’amo, la loro dimensione e il tempo di cattura. In base a questi parametri si stila la classifica finale, che in quest’ultima edizione ha visto sul podio, ancora una volta, la 3A Fishing di Molfetta, composta dal Capitano Angelo Ayroldi, da Giacomo Spadavecchia, Pasquale Cascarano e Sergio Mastropasqua.

«Dopo aver vinto il primo premio durante la scorsa edizione – racconta il Capitano Ayroldiquest’anno ci è toccato il terzo gradino del podio, su cui siamo saliti dopo essere riusciti a catturare un esemplare di mezzo quintale, lungo un metro e mezzo in appena otto minuti. È stata una competizione entusiasmante e ben organizzata come sempre e siamo davvero soddisfatti per il risultato raggiunto. Un successo condiviso in egual misura da tutti i membri del nostro equipaggio, composto essenzialmente da quattro amici di vecchia data con la passione per il mare e per la pesca sportiva».

Molfetta. Inserito nel Piano triennale delle opere pubbliche 2022/24, il progetto si candida a un finanziamento di 450mila euro

molfettagiardinodellealoeIl Comune di Molfetta punta a una riqualificazione radicale del Giardino delle Aloe e candida il progetto esecutivo a uno dei bandi del PNRR. Attraverso la delibera di giunta n. 113 del 28 aprile scorso, infatti, l’amministrazione dispone l’avvio del procedimento di candidatura da parte dell’ufficio legale dell’ente alla Missione 5/Componente 2 – Investimento 2.1: Rigenerazione urbana-Riduzione dei fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale-Miglioramento della qualità e del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale.

Il progetto “Lavori di ristrutturazione e riqualificazione del Giardino delle Aloe, ubicato nel centro storico di Molfetta” prevede, per un importo complessivo di 450mila euro, la realizzazione di interventi di demolizione delle coperture dei due locali seminterrati e dei servizi igienici, il mantenimento del doppio ingresso su via Morte e su via Sant’Orsola con la realizzazione di una nuova ringhiera posta a chiusura dei due accessi, al fine di garantire la sicurezza dell’area e la tutela della nuova sistemazione del giardino.

Prevista inoltre la ri-disegnazione interna del giardino in linea con quella originaria, cui si aggiunge la creazione di vari comparti di specie differenti di aloe, la realizzazione di un percorso costituito da un insieme di rampe e terrazzamenti che garantiscano la percorribilità dei vari livelli all'interno del giardino, la realizzazione di una nuova pavimentazione.

All’interno del Giardino delle Aloe, nelle vicinanze dei due prospetti degli edifici del Municipio, il progetto include anche la creazione delle asole per la piantumazione di rampicanti coprenti. Completano la serie d’interventi il rifacimento dell’impianto di illuminazione dell’area verde e la sostituzione degli infissi al piano terra di Palazzo Giovene, sede del Municipio.

Molfetta. Uno dei passaggi fornamentali dell'iter per il riconoscimento del marchio IGP è la realizzazione, da parte dell'associazione promotrice, dell'indagine conoscitiva rivolta alla cittadinanza

molfettapuntarellariconoscimentoigpÈ stato avviato l'iter per il riconoscimento del marchio IGP- indicazione geografica protetta per la Cicoria Puntarella di Molfetta. Tra gli step fondamentali del procedimento, avviato dall'Associazione per la valorizzazione e la promozione della Cicoria Puntarella, in collaborazione con il Comune di Molfetta, l'avvio di un'indagine conoscitiva finalizzata a “quantificare" il grado di riconoscibilità e individuare la presenza di memoria storica del prodotto, su un campione di popolazione del territorio di provenienza.

È stato predisposto un breve questionario online, a cui rispondere in forma anonima entro il 17 maggio prossimo, dando il proprio prezioso contributo al percorso di riconoscimento del marchio IGP per la Cicoria Puntarella molfettese. I dati saranno trattati direttamente dall’Associazione per la valorizazione e la promozione della Cicoria Puntarella molfettese.

L'istanza che l'Associazione presenterà a strettissimo giro al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo, nonché alla Regione Puglia, prevede appunto la produzione di un report che attesti la conoscenza da parte della popolazione che abita il territorio di riferimento di elementi che stabiliscono il legame fra il prodotto e l'ambiente geografico.

Molfetta. Sono stati 3500 gli iscritti, tra adulti e bambini, alla corsa in notturna che si è svolta lo scorso sabato 30 aprile

molfetta night runOltre 3mila per la corsa in notturna. Circa 500 bambini per la “baby”. E poi musica, divertimento, il percepibile e realizzato desiderio di trascorrere una giornata diversa, finalmente all’insegna del sorriso e della spensieratezza. La Molfetta Night Run è stata un autentico successo.

Sin dalle prime ore della mattinata, da quando cioè si erano aperte le attività nel Villaggio dei Runners, con la distribuzione di gadget e prodotti alimentari, è stato un gioioso viavai di grandi e piccoli, famiglie e comitive. Nel pomeriggio, poi, musica e sorrisi ad aprire le danze, con i bambini protagonisti della “Baby Night Run” sulla distanza di un chilometro.

Ad ognuno è stata consegnata una medaglia perché tutti, indistintamente, hanno vinto. Poi ancora animazione ed entusiasmo per tirare la volata al momento clou. Un fiume verde fluo, che già si era riversato nelle strade della città per raggiungere i luoghi dell’evento, ha felicemente invaso corso Dante, partecipando alle attività preliminari alla corsa.

Trascinati dalla verve dei presentatori, i 3mila in piazza si sono letteralmente scatenati. Un’escalation di adrenalina, culminata nel momento della partenza, tra fuochi d’artificio, coriandoli lanciati in aria, l’immancabile musica e la voglia di correre o passeggiare per le strade della città.

«Volevamo riprendere il discorso interrotto due anni fa – spiegano Maurizio e Salvatore Altomare, promotori della Molfetta Night Run con la società di eventi Studio360 – ed è stato meraviglioso riscontrare la voglia di vivere una giornata di festa. Festa dello sport, ma non solo. Spettacolo, divertimento e quella meravigliosa leggerezza di cui, davvero, si sentiva il bisogno. Un grazie speciale all’Asd Free Runners Molfetta, nostro partner tecnico, al Comune di Molfetta, alle società municipalizzate e alla polizia locale per il supporto. Ci porteremo dentro questa edizione della Molfetta Night Run, ma non ci fermiamo mica. Il progetto Night Run proseguirà in altre location pugliesi. E tornerà a Molfetta l’anno prossimo».

A fine corsa la serata non si è conclusa. L’area ristoro ha ospitato le migliaia di partecipanti e, nei pressi del palco allestito in corso Dante, ancora musica e animazione. La dolce notte della Molfetta Night Run sembrava non voler finire mai.

Molfetta. Due i punti all'ordine del giorno: l'approvazione del rendiconto dio gestione 2021 e la presa d'atto del piano finanziario per la gestione dei servizi di igiene urbana 2022

molfettamunicipiopalazzogioveneIl Presidente del Consiglio comunale, Nicola Piergiovanni, ha convocato una nuova seduta per venerdì prossimo, 6 maggio, alle ore 16.

All'interno dell'aula consiliare di Palazzo Giovene, l'assise discuterà i due punti all'ordine del giorno: l'approvazione del Rendiconto della gestione per l'esercizio 2021 ai sensi dell'art.227, D.Lgs n. 267/2000 e la Presa d'atto della validazione del Piano finanziario per la gestione dei rifiuti solidi urbani e dei servizi di igiene urbana nell'anno 2022.

La seduta sarà trasmessa in streaming e si svolgerà a porte chiuse quale misura precauzionale per l'emergenza Covid.

Molfetta. Sono in tutto 100 gli studenti della comunità europea cui è stata data l’opportunità di partecipare alla prestigiosa regata. Tra loro, ben 6 gli studenti provenienti dall’Istituto Nautico di Molfetta

molfettashipracevespuccicontentSei studenti dell’Istituto Tecnico Nautico “A. Vespucci” di Molfetta parteciperanno alla Tall Ships Race 2022, grazie alla stretta collaborazione con la STA-Italia e alla generosità del Sultano dell’Oman che, anche quest’anno ha messo a disposizione 100 borse di studio per gli studenti della comunità europea che vengono erogate dalla Oman Bursary Foundation.

I partecipanti si imbarcheranno il 16 luglio nel porto di Harlinger (Olanda) a bordo della nave scuola olandese Mongester e sbarcheranno il giorno 24 nel porto di Anversa.

«Condividere spazi stretti tutto il giorno – spiegano dall’IISS “A. Vespucci” – non avere molte distrazioni, come TV, videogiochi, smartphone o altro, consentirà agli allievi di prestare attenzione alle relazioni interpersonali creando sempre più forti legami che si potranno riversare sia nella relazione in classe, sia nel processo di apprendimento futuro.

L’esperienza del mare ha una forza educativa ed evocativa che poche altre realtà possono vantare di avere. L’innovatività del progetto è anzitutto metodologica e consiste nel trasformare la didattica in una Scuola d’Arte, proprio come già accadeva in passato per il lavoro sul mare.

L'idea è quella di far apprendere l'arte di andar per mare, conoscere la gente, arricchire gli occhi della grande ricchezza culturale e professionale che il mare dona, e tornare tra i banchi, dove trasformare quello che le mani hanno toccato ed il cuore ha imparato, in ricchezza per il proprio percorso di crescita nelle competenze specifiche dell'indirizzo Trasporti e Logistica».

Molfetta. Colpo last minute della Dai Optical Virtus Molfetta che ha ingaggiato il play classe 2002

molfettavirtuslaquintanaMichelangelo Laquintana indosserà la maglia della Dai Optical Molfetta sin dal prossimo match contro il Basket Corato. L’atleta, acquistato dalla società agli sgoccioli della stagione, compie tutta la trafila del minibasket dell’Action Now Monopoli. A 13 anni passa all’Azzurra Brindisi partecipando dopo 2 anni all’Interzona di Perugia.

Nella stagione 2018/2019 il passaggio alla Nuova Matteotti Corato in serie D con cui vince il campionato e diventa un punto fermo della squadra under 18 di coach Cadeo. L’anno successivo gioca in C Silver, sempre con la maglia della NMC. Poi il ritorno a Monopoli, in serie B, con la meritata salvezza conquistata sul campo nella scorsa stagione.

Giocatore molto veloce e dotato di un ottimo tiro, il giovane Laquintana sarà subito a disposizione di coach Gallo per la finale contro il Basket Corato. Si ringrazia la società Action Now Monopoli per l’operazione di mercato andata a buon fine. «Benvenuto Mickey!»

Molfetta. Subito dopo lo svincolo per la SS16 si è verificato un incidente che ha visto coinvolte quattro persone. Due feriti trasferiti al “Di Venere” di Bari

molfettaincidenteviaterlizziTre feriti, fortunatamente non in modo grave, e tanta paura. Questo il bilancio dell’incidente stradale avvenuto appena fuori Molfetta nel pomeriggio di oggi, intorno alle ore 17.30. Due auto, una Fiat e una Dacia, che viaggiavano su via Terlizzi in direzione opposta, pare si siano scontrate frontalmente subito dopo lo svincolo per Bari.

Dopo l’impatto, la Fiat Punto è finita fuori strada. Necessario l’intervento del personale medico e sanitario del 118 a causa delle ferite riportate da tre delle persone coinvolte. Due feriti, entrambi a bordo di una delle due auto, sono strati trasferiti all’Ospedale “Di Venere” di Bari, mentre delle due persone a bordo dell’altra vettura, solo il conducente risulta ferito in modo lieve.

La dinamica dell’incidente è al vaglio degli agenti di Polizia Locale, coordinati dal Comandante Cosimo Aloia, giunti prontamente sul posto per eseguire i rilievi di rito e provvedere a regolare la viabilità in corrispondenza del sinistro. Il traffico non è stato interrotto.

Sul posto anche gli operatori della ditta Sicurezza e Ambiente per sgomberare e ripulire la strada.

Molfetta. L’istituto molfettese è stato confermato sede territoriale per le scuole del Nord barese e della BATe, da quest’anno, anche per le scuole della provincia di Foggia

molfettaferrarisoii 5 Il 5 maggio prossimo si svolgerà, in contemporanea in alcune scuole italiane, la selezione territoriale delle Olimpiadi Italiane di Informatica (OII). L’Istituto Ferraris di Molfetta è stato confermato sede territoriale per le scuole del Nord di Bari e della provincia BAT e, da quest’anno, anche per le scuole della provincia di Foggia.

I circa 2000 studenti ammessi in Italia alla selezione territoriale sono il risultato di una selezione scolastica svolta in tutti gli istituti della penisola, basata su quesiti di logica e di programmazione.

Nella prossima selezione territoriale agli atleti in gara saranno proposti problemi complessi da risolvere scrivendo programmi in un linguaggio di programmazione, a libera scelta dello studente.

Un sistema automatico di valutazione attribuirà a ciascuno studente un punteggio proporzionato ai casi di test risolti correttamente dal programma sottoposto.

Per risolvere i non facili problemi di gara e contendersi l’ammissione alla finale nazionale, i 2000 concorrenti selezionati in tutta Italia devono allenarsi intensamente su algoritmi complessi e performanti, mettendo in gioco le loro capacità e coltivando il loro talento.

Tra gli ex-vincitori delle passate edizioni delle OII sono emersi innumerevoli ricercatori e professionisti nel settore dell’informatica, non di rado contesi da Università e grandi aziende, in Italia e all’estero.

Nella cura delle eccellenze in informatica, l’Istituto Ferraris di Molfetta, negli ultimi anni, si è più volte distinto per i risultati raggiunti, rappresentando la Puglia con continuità nelle Olimpiadi a Squadre (OIS) e vincendo medaglie nelle ultime due finali nazionali OII e in altre competizioni informatiche nazionali e internazionali come le OliCyber o le EGOI.

Anche quest’anno il Ferraris sarà ben rappresentato nella selezione territoriale del 5 maggio, con 8 studenti in gara, 4 frequentanti l’indirizzo “Informatica e telecomunicazioni” dell’ITT “Ferraris” e 4 frequentanti il Liceo OSA “Levi Montalcini”.

Il programma della giornata del 5 maggio prevede attività di socializzazione e formative, nonché un evento-sorpresa come momento di svago ed un piccolo ristoro offerto dall’Istituto a studenti e docenti accompagnatori, prima dello svolgimento della gara.

La storia delle Olimpiadi di Informatica racconta di amicizie e collaborazioni importanti che nascono tra gli atleti in gara, pur essendo in competizione tra loro.

È quanto si riscontra anche tra gli studenti del Ferraris che condividono l’obiettivo comune di migliorarsi e stupirsi nella sfida di risolvere problemi sempre più complessi.

Il Dirigente, prof. Luigi Melpignano, da sempre convinto sostenitore del confronto aperto che caratterizza le competizioni olimpiche, sarà lieto di ospitare i partecipanti e per l’occasione rende disponibile per la gara il nuovissimo Laboratorio di Informatica del plesso del Liceo “Levi Montalcini”.

Non resta che augurare una buona gara a tutti gli atleti, e che vincano i migliori!

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino