Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Sarà presentato domani presso il Museo Diocesano il libro fotografico a cura di Giovanni Antonio Del Vescovo e Gaetano Magarelli

molfettamemoriefotografichehomeC’è oltre un secolo di storia cittadina racchiuso tra le pagine del libro “Memorie Fotografiche dell’Arciconfraternita della Morte di Molfetta dal ‘900 ad oggi”. Il volume, a cura di Giovanni Antonio Del Vescovo e Gaetano Magarelli, sarà presentato alle ore 19.30 di domani, mercoledì 23 marzo, nell’Auditorium del Museo Diocesano.

A introdurre la presentazione sarà il Priore Onofrio Sgherza, che precederà gli interventi della dott.ssa Paola de Pinto, referente della FeArT Società Cooperativa-gestore Museo Diocesano Molfetta e degli autori, il prof. Giovanni Antonio del Vescovo e il M° Gaetano Magarelli.

Durante la serata saranno eseguite alcune romanze inedite tratte dal repertorio musicale del Settenario all’Addolorata.

La conferenza si terrà nel rispetto delle norme anti Covid in vigore. Entrata consentita esclusivamente con green pass e mascherina ffp2.

 

 

Foto: Archivio Vittorio Valente, processione Pietà

Molfetta. Sarà possibile effettuare gratuitamente mammografia ed ecografia il 28, 29 e 30 marzo al Puglia Village

molfettascreeningsenologicocontentEsami senologici gratuiti per la prevenzione del tumore al seno. Il tour in rosa dedicato alla salute e alla diagnosi precoce arriva al Puglia Village di Molfetta nei giorni 28, 29 e 30 marzo. Una grande opportunità per tutte le clienti e le dipendenti comprese tra i 35 e i 49 anni, che potranno prenotarsi collegandosi al sito per poi sottoporsi gratuitamente ad un esame diagnostico di screening al seno (ecografia e mammografia), con consegna immediata del referto.

Per l’occasione, il Puglia Village di Molfetta, con il patrocinio del Comune di Molfetta, ospiterà la clinica mobile espandibile di Alliance Medical, dotata di strumenti tecnologici all’avanguardia e coordinata da un’equipe medica composta da un medico senologo, un tecnico radiologo e un assistente medico, che permetteranno l’emissione immediata del referto.

Grazie alla specializzazione in questo tipo di servizi, WelfareCare ha già erogato oltre 10mila esami diagnostici in Italia. «Con questa iniziativa– ha spiegato Luca Zaccomer, direttore marketing del network Land of Fashion – intendiamo fare il regalo più prezioso alle donne e alla comunità: una visita medica specializzata per preservare la salute. Due anni di pandemia purtroppo hanno impattato anche sulla prevenzione, riducendo il numero degli screening tumorali fino a percentuali che superano il 40%: questo tour dedicato alla prevenzione femminile ha quindi anche l’obiettivo di sensibilizzare le donne su quanto visite e controlli siano fondamentali per diagnosticare la malattia ed intervenire prima possibile, evitando conseguenze più gravi. Nei Village della Land of Fashion – ha aggiunto Zaccomer - oltre il 70% dello staff di vendita dei negozi è composto da donne. Le donne sono attive nella comunità e sui territori, sono capaci di conciliare lavoro, famiglia e impegno sociale: capita spesso che per tenere in equilibrio tutto ciò, le donne trascurino il tempo per sé stesse. Ecco questa iniziativa è dedicata a tutte loro».

Molfetta. Il Peam Palomba vince il suo primo titolo italiano, conquistati anche un argento e un bronzo

molfettateampalomba2Buona la prima. L’ASD Palomba Francesco Wellness Club, al primo appuntamento con il campionato italiano under 17, tenutosi ad Ostia sabato 19 marzo, torna a Molfetta dopo aver conquistato i tre gradini del podio. Ed erano in trepidazione i 10 giovani lottatori, accompagnati dai tecnici Tommaso Cilardi e Nicolangelo Samarelli, vogliosi di misurarsi sul prestigioso palcoscenico del Centro Olimpico Matteo Pellicone, dopo una lunga assenza dalle competizioni a causa dell’emergenza Covid-19.

Tre erano i sicuri protagonisti alla vigilia, Martino Piliero, Mirko De Nichilo e Giuliano Spaccavento e tre sono state le medaglie conquistate.

Grande prova di Martino Piliero che si è aggiudicato il titolo di Campione Italiano under 17 nella categoria 110 kg, mostrando una netta supremazia su tutti gli avversari incontrati. L’atleta molfettese, sedicenne, infatti ha vinto per superiorità tecnica, prima del limite, tutti gli incontri di qualificazione alla finale, conquistando 28 punti tecnici senza perderne alcuno. In finale, invece, ha incontrato un avversario 10 kg più pesante, e si è dovuto “accontentare” di una vittoria con punteggio “solo” per 4 a 0. Martino Piliero con questa prestazione punta decisamente al Campionato europeo U17 che si svolgerà nel mese di giugno a Bucarest e ancor di più ai Mondiali di luglio che si terranno a Ostia proprio al Centro Olimpico Matteo Pellicone.

Mirko De Nichilo, nella categoria 92 kg, invece, ha conquistato la medaglia d’argento, un secondo posto che lascia l’amaro in bocca. L’atleta biscegliese pur conquistando la finale con un percorso netto di tre vittorie prima del limite, con 26 punti tecnici conquistati e 0 persi, si è dovuto arrendere al suo avversario nell’incontro valevole per l’oro, con un punteggio di 14 a 8. Sul mancato titolo italiano ha inciso sicuramente il lungo periodo di assenza alle gare, ma, prima dei tornei internazionali estivi a cui l’atleta ambisce, ci saranno occasioni per cercare di convincere la nazionale italiana di meritare la convocazione.

Sul gradino più basso del podio, nella categoria 110 kg, è salito Giuliano Spaccavento. L’atleta molfettese, dopo aver vinto meritatamente due incontri, nulla ha potuto fare contro il suo amico Martino Piliero che gli ha precluso l’accesso alla finale e quindi la possibilità di vincere una medaglia più prestigiosa.

Buoni i piazzamenti per gli altri atleti del “Team Palomba”: Giada Capuano 4° kg 69, Rossella Palomba 5° kg 61, Lisa Spaccavento 6° kg 69, Nicolò Mastrofilippo 7° kg 65, Giuliano Polacco 8° kg 92, Diego Ragno 11° kg 65, Daniele Rapanaro 11° kg 71 ed Elvio Minervini 13° kg 71.

Infine nella classifica per società il team Palomba ha conquistato il 5° posto nella lotta libera maschile e il 7° posto nella lotta femminile, risultando essere in entrambe le competizioni la più forte squadra pugliese.

Grande la soddisfazione del tecnico dott. Giuliano Palomba per la conquista del primo Titolo Italiano: «Per questi ragazzi non era facile cimentarsi su alti livelli dopo un periodo di assenza di oltre 24 mesi dalle competizioni sportive. Bravissimo è stato Martino Pilerio che ha saputo esprimere al meglio le sue qualità tecnico tattiche e bravi anche gli altri atleti i quali avranno tante occasioni per rifarsi. L’auspicio è che questo sia solo il primo dei tanti titoli italiani che l’ASD Palomba Francesco Wellness Club ha l’obiettivo di conquistare».

 

Molfetta. La manifestazione, culminata in villa comunale, ha coinvolto gli studenti di scuola secondaria di primo grado e gli alunni della scuola primaria "Gianni Carnicella"


molfettalibera11 7210322I nomi delle vittime innocenti delle mafie appuntati sul petto e declamati al megafono. La marcia silenziosa per ricordare ciascuno di loro e per celebrarne la memoria. Nomi che non bisogna dimenticare per contrastare qualsiasi forma di illegalità, perchè il silenzio, come ricordano i ragazzi, uccide come un colpo di pistola. E tra questi nomi spicca quello di Gianni Carnicella, brutalmente assassinato per mano della mafia il 7 luglio del 1992.


Molfetta non può e non deve dimenticare, perciò attraverso i suoi figli più giovani aderisce alla Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie organizzata dalla divisione locale di Libera. L'associazione ricorda le 1006 vittime innocenti ogni anno il 21 marzo, nella data che scandisce l'inizio della primavera, in occasione della ricorrenza istituita nel 1996.


E con Libera, nel segno della legalità e della lotta alle mafie, gli studenti di terza media e gli alunni di scuola elementare dell'istituto Gianni Carnicella hanno sfilato in marcia oggi, lunedì 21 marzo, partendo da Piazza Effrem, percorrendo Corso Umberto I e terminando la manifestazione in villa comunale. Qui, in cerchio, studenti e alunni hanno scandito i 68 nomi delle vittime che la mafia ha mietuto in Puglia, rievocando le loro storie personali e rendendo onore al loro sacrificio.Prima di raggiungere la villa, il corteo si è soffermato nei pressi della chiesa di San Bernardino, sul cui sagrato fu ucciso il sindaco Carnicella il 7 luglio del 1992, rendendogli omaggio con un sit in a cura dei piccoli alunni di prima elementare della scuola che porta il suo nome.

«C'è stata una corale coscentizzazione della problematica della illegalità – ha dichiarato il sindaco Tommaso Minervinisono stati tracciati i profili delle storie più importanti e di quelle quasi dimenticate. Sono stati indicati tutti i nomi, soprattutto quelli delle vittime pugliesi, legati a storie di cui io peraltro sono stato protagonista indiretto per la mia attività professionale. La cosa più bella è che tutte le scuole di Molfetta hanno intrecciato con consapevolezza e approfondimento queste tematiche. Perché la lotta alla criminalità si fa partendo dalla coscienza di popolo.

A trent'anni dall'uccisione del sindaco Gianni Carnicella – aggiunge il sindaco Minervinia partire da luglio in poi, al di là delle manifestazioni che saranno organizzate dal Comune di Molfetta, credo che la migliore iniziativa sia quella di far ricordare la sua figura alle giovani generazioni affinché il suo sacrificio non vada dimenticato».

 

Molfetta. Prossimi appuntamenti sabato prossimo alla Cittadela degli Artisti per la seconda lezione di ciclosofia e domenica con la visita del Pulo

molfettabikefestivalcontentOltre 100 ciclisti hanno partecipato alla seconda pedalata, di domenica 20 marzo, del Molfetta Bike Festival, il cartellone di eventi gratuiti del Comune di Molfetta per promuovere la mobilità dolce. Dopo il classico appuntamento in piazzala Aldo Moro è iniziata la pedalata verso le torri di avvistamento dell'agro.Alla manifestazione hanno preso parte famiglie con bambini, ciclisti amatori, i volontari internazionali dell'associazone Inco e ciclisti provenienti anche da Bisceglie, Barletta e Trani.Prossimi appuntamenti sabato 26, alle ore18, alla Cittadela degli Artisti per la seconda lezione di ciclosofia e domenica 27 marzo, con la visita del Pulo e l'appuntamento della ciclocucina a Lama Martina.

IL PROGRAMMA
Sabato 19 marzo - 18.00h - 2h Laboratorio
Ciclomeccanica di base: dalla manutenzione alle forature
Domenica 20 marzo - 09.00h - 3.5h circa
Le Torrette di Avvistamento - GravelTour - 25 km
Sabato 26 marzo - 1800h - 2h Laboratorio
Il cicloturismo: dalla preparazione agli stili di viaggio
Domenica 27 marzo - 09.00h - 3.5h circa
Il Pulo di Molfetta - Family BikeTour - 13 km
Ciclocucina Street Food Rurale - 13.00h - Lama MartinaSabato 9 aprile -16.00h - 2h circa
Il Porto e la Lama - Family BikeTour - 10 km
MISGA RiShow cantautorato itinerante – 18.00h

Tutti gli eventi sono gratuiti. I BikeTour partono dalla Stazione Fs, i laboratori di ciclomeccanica si svolgono alla Cittadella degli Artisti. Per partecipare agli eventi iscriversi al form disponibile a questo link. Per info Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Molfetta. Per la XXVII Giornata della Memoria e dell'impegno contro ogni mafia, gli studenti dell'istituto molfettese partecipano oggi alla manifestazione indetta da Libera a Napoli

molfettaIISSBellocontentL’IISS “Mons. Antonio Bello” di Molfetta è giunto alla XIII edizione di “Liberiamoci dalle mafie - Percorsi per la legalità e la cittadinanza attiva” caldamente sostenuto dalla D.S. prof.ssa Maria Rosaria Pugliese e coordinato dalle prof.sse Margherita de Gennaro e M. Irene Amato.

Quest’anno scolastico, due gruppi di studenti delle classi terze, quarte e quinte sono stati coinvolti in progetti PON dal titolo “Alle mafie diciamo NO” e “Uso consapevole e responsabile del denaro”. La finalità è sempre promuovere la cultura della legalità, con un’attenzione particolare alla memoria di donne e uomini che hanno pagato con la vita la lotta alla mafia o che hanno deciso di collaborare con la giustizia e alle azioni, ai modi e alle finalità delle organizzazioni mafiose che ostacolano lo sviluppo di un territorio appropriandosi del bene comune favorendo la sperequazione sociale.

«Oggi, lunedì 21 marzo – raccontano dall'istituto Mons. Bello siamo a Napoli per celebrare la Giornata della Memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Un appuntamento che quest'anno assume un valore ancora più importante, a trent'anni dalle stagi di Capaci e via d’Amelio e nel trentennale dell’omicidio del Sindaco Gianni Carnicella, riconosciuto da Libera quale vittima del dovere.

Le studentesse e gli studenti, ispirandosi al word cloud, hanno realizzato due striscioni che contengono i nomi di tutte le vittime riconosciute da Libera come vittime innocenti di mafia. Uno sarà portato in corteo a Napoli l’altro ornerà la nostra scuola. È stato un lavoro eseguito con pazienza e con la consapevolezza che ogni nome rappresenta una vita interrotta non a caso».

Molfetta. L’impatto frontale ha comportato un serio danneggiamento dei veicoli e un ferito non in gravi condizioni

molfettaincidenteLa strada provinciale 112 che collega Molfetta a Terlizzi è stata teatro nelle primissime ore del pomeriggio odierno di un incidente frontale.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Molfetta e un’ambulanza del 118, che ha prestato soccorso a uno dei due conducenti, rimasto ferito fortunatamente in maniera non grave.

Stando alle prime ricostruzioni, l’impatto, avvenuto intorno alle ore 14.30, sarebbe stato causato da una manovra improvvisa di sorpasso effettuata da un terzo conducente, che avrebbe però proseguito la sua marcia.

I rilievi dei Carabinieri intervenuti chiariranno ogni dettaglio circa la dinamica del sinistro.

Molfetta. La marcia inizierà alle ore 10 da piazza Effrem e percorrerà Corso Umberto, via Carnicella e piazza Garibaldi, per concludersi in Villa Comunale entro le ore 12 circa

molfettalibera21marzocontentIl Presidio di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie indice a Molfetta per domani, lunedì 21 marzo, un’iniziativa cittadina per la XXVII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, che dal 2017 è anche riconosciuta dallo Stato con la legge n.20 dell'8 marzo.

Nel rispetto delle normative anti Covid, il Presidio organizza una marcia insieme alle classi terze delle scuole secondarie di primo grado di Molfetta. Si parte alle ore 10 da piazza Effrem, proseguendo poi su Corso Umberto, via Carnicella – con passaggio in prossimità della fioriera che ricorda l’omicidio del sindaco Gianni Carnicella -, fino a Piazza Garibaldi/Villa Comunale.

Durante la marcia, studenti e studentesse del terzo anno di scuola secondaria di primo grado, accompagnati da docenti, genitori e soci del Presidio, leggeranno gli oltre mille nomi delle vittime innocenti delle mafie.

La marcia conclude un progetto didattico-educativo di avvicinamento alla Giornata, incentrato sulla figura del compianto sindaco Gianni Carnicella, realizzato in vista del trentennale dall’omicidio (7 luglio 1992 – 7 luglio 2022).

In contemporanea agli eventi sui territori, come quello di Molfetta, si svolgerà la manifestazione nazionale a Napoli con lo slogan "Terra mia. Coltura, cultura", scelto da Libera per la Giornata, mentre in Puglia l’appuntamento regionale sarà nella zona industriale di Bari al fianco dei lavoratori a rischio licenziamento.

Molfetta. Per celebrare il ricordo dei partigiani che hanno perso la vita durante la dittatura nazi-fascista, l’ANPI ha dato alle stampe un volume che sarà presentato alla cittadinanza giovedì prossimo

molfettaanpiopuscoloIl 24 marzo, in ricordo dell’eccidio delle Fosse Ardeatine, alle ore 18.30, presso l’Auditorium della Parrocchia S. Achille, la Sezione ANPI di Molfetta “Giovanni e Tiberio Pansini”, è lieta di presentare la pubblicazione, “Partigiani di Molfetta vittime della violenza dei nazi-fascisti”, di Marco Ignazio de Santis, Ignazio Pansini, Carlo Pasculli. Con questo contributo, l’Associazione ha voluto lasciare una testimonianza per ricordare persone che, per molti molfettesi e pugliesi, sono sconosciute, ma che si sono battute, con coraggio, per i principi di libertà e giustizia.

Principi che, in particolar modo in questo momento storico, sembrano in pericolo e che, per questo, diventa sempre più importante tenerli vivi e alimentarli, soprattutto tra le nuove generazioni. Oltre ai grandi nomi dell’antifascismo molfettese, primo fra tutti, Gaetano Salvemini, ci è sembrato doveroso ricordare alcuni civili e militari molfettesi, per nascita o per paternità, quali Giovanni e Tiberio Pansini, Manfredi Azzarita, Antonio Pappagallo, Mauro Manente e Ignazio Camporeale, i più dei quali hanno perso la vita nella lotta contro il nazifascismo. Interverranno Fiorenza Minervini, Presidente della Sezione ANPI di Molfetta, il prof. Marco Ignazio de Santis e il dott. Carlo Pasculli. Seguirà un reading, a cura di Francesco Tammacco.

«Vi aspettiamo numerosi – raccomandano i soci ANPI – affinché il ricordo delle guerre passate possa renderci ancora più consapevoli dell’importanza di difendere, oggi, gli ideali di rispetto e tolleranza, che sono alla base di ogni Democrazia che possa definirsi tale».

Molfetta. Giovedì prossimo la presentazione del libro fotografico “Atmosphere” e venerdì l’inaugurazione della mostra fotografica “Silenzi Velati”

molfetta silenzi velati contentUn libro fotografico e una mostra. Si avvicina la Pasqua e L’Associazione Fotografi Molfetta racconta le atmosfere della Quaresima attraverso due iniziative di altissimo livello che si avvalgono del patrocinio del Comune. Appuntamenti da non perdere per tutti gli amanti dei riti legati alla Passione e alla Settimana Santa.

Giovedì 17 marzo, nell’aula consiliare di Palazzo Giovene, con inizio alle 18.30, sarà presentato il libro fotografico ATMOSPHERE: sei fotografi, Antonio d’Agostino, Valentina d’Agostino, Giuseppe Facchini, Roberto Lusito, Vincenzo Tedesco e Gianni Visaggio, 120 pagine, 108 fotografie. Il libro porta la firma della Editrice L’Immagine ed è a tiratura limitata.

Alla presentazione interverranno il Sindaco Tommaso Minervini, l'Avv. Tommaso Poli e il Presidente dell'Associazione Fotografi Molfetta, Antonio d'Agostino.

«Ringrazio Antonio d’Agostino, Valentina d’Agostino, Giuseppe Facchini, Roberto Lusito, Vincenzo Tedesco e Gianni Visaggio che – il commento del Sindaco Minervini - ciascuno con la propria sensibilità e professionalità, ci regalano questa straordinaria esperienza sensoriale fatta di fotogrammi del passato raccolti con eleganza grafica su carta pregiata. Riprendendo un pensiero sulla Quaresima espresso da Papa Francesco nel corso di un ciclo di catechesi sulla speranza cristiana, “il senso di questo periodo di quaranta giorni prende luce dal mistero pasquale verso il quale è orientato”, arditamente auspico che anche questa pubblicazione prenda luce da una ritrovata serenità collettiva».

L’obiettivo principale dell’Associazione Fotografi Molfetta è la promozione e la valorizzazione della cultura fotografica, finalizzata alla divulgazione della conoscenza dell’arte della fotografia nei suoi vari aspetti, cercando di non porsi limiti nella visione, nell’osservazione, nell’approfondimento, spaziando dal linguaggio fotografico alla sua socialità, dalla storia della fotografia, preservandone la memoria, alla contemporaneità, al perseguimento di finalità civiche, solidali e di utilità sociale e culturali. Il raggiungimento di questi obbiettivi passa, soprattutto, attraverso la realizzazione di progetti fotografici, che abbiano, come motore principale, la valorizzazione e la conservazione dell’identità culturale del territorio.

Ecco allora la mostra “Silenzi Velati, inaugurata sabato scorso, in cui nove fotografi, Nicola Azzollini, Mario Coppolecchia, Antonio d’Agostino, Valentina d’Agostino, Francesco de Chirico, Giuseppe Facchini, Roberto Lusito, Vincenzo Tedesco e Gianni Visaggio, tra i corridoi e le arcate della Sala dei Templari, si raccontano e raccontano, ciascuno con la propria cifra stilistica e la propria sensibilità, la loro visione della Quaresima attraverso 191 stampe, nei formati 40x60cm e 50x75cm.

“Silenzi Velati” sarà inaugurata il 19 marzo e sarà in mostra fino al 18 aprile. Si potrà visitare tutti i giorni, dalle ore 17.30 alle 20.30 e nel periodo compreso tra l’8 e il 17 aprile, sarà visitabile anche al mattino, dalle ore 9.30 alle 12.30.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino