Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. La giornata di oggi si prevede abbastanza soleggiata, ma interessata da forti venti di burrasca provenienti da Nord

molfettaventomareggiateallertameteoIl maltempo non cambia più di tanto i programmi dei molfettesi, pronti a trascorrere la Pasquetta all’aria aperta, soprattutto in campagna, tra parenti e amici. Malgrado la pioggia di ieri e le temperature non proprio primaverili, che oscillano tra i 15 e i 10 gradi, la giornata di oggi sarà per lo più soleggiata e poco nuvolosa, ma interessata da venti di burrasca provenienti dai quadranti settentrionali.

A darne notizia, la Protezione Civile regionale che ha diramato un messaggio di allerta gialla su tutta la Puglia. Lo stato di allerta è entrato in vigore dalla mezzanotte di oggi, lunedì 18 aprile, e si protrarrà per le successive 20 ore. Possibili mareggiate previste lungo tutta la costa pugliese.

Molfetta. Il sindaco ha rivolto ai concittadini il suo augurio di pace attraverso un breve video

molfettasindacoauguripasqua2022Cita don Tonino Bello per augurare ai molfettesi una Pasqua all’insegna della Pace. Il sindaco Tommaso Minervini, in un breve video girato durante l’appena trascorsa Settimana Santa, afferma: «Auguro a Molfetta una buona Pasqua. La pace, come diceva don Tonino, non si auspica. Si organizza, si prepara. E la pace, come la guerra, la fanno gli uomini. Magari la guerra la decidono in pochissimi, ma in tanti vanno a morire e noi in tanti, invece dobbiamo costruire la vita, la gioia, la serenità e il futuro.

Questo percorso è fatto di passi concreti, di impegni, di scelte di vita. Questa è la Pasqua, non la sua declamazione. È la comunità intera che deve dedicarsi a questo e continuare nei processi aperti di solidarietà, di accoglienza e di costruzione del futuro. Buona Pasqua a tutti».

GUARDA IL VIDEO

 

Molfetta. La società di trasporto internazionale ha premiato il progetto “Cuore Nostro” e ha voluto destinare al Comune di Molfetta la formazione gratuita per l’uso del defibrillatore a 50 cittadini

molfettacuorenostroLa FedEx, società di trasporto internazionale, ha assegnato il Premio “La sicurezza è la strada migliore da percorrere” al progetto “Cuore Nostro – Molfetta città cardioprotetta” lo scorso novembre, nell’ambito del concorso Cresco Award, organizzato dalla Fondazione Solidalis.

Il premio che la FedEx ha voluto destinare al Comune di Molfetta consiste nella formazione gratuita di 50 cittadini e di 10 dipendenti dell’azienda in servizio sul territorio, al fine del conseguimento del Brevetto BLS-D, ovvero dell’abilitazione all’uso del defibrillatore per non sanitari.

I corsi si terranno giovedì 5 e venerdì 6 maggio dalle ore 15.30 alle ore 20, presso il CAP Liberitutti, all’interno della Cittadella degli Artisti (via Bisceglie, 775). La formazione sarà a cura degli istruttori della cooperativa sociale Progetto Assistenza che nel 2019, assieme a Mg Communication, ha avviato il progetto “Cuore Nostro” a Molfetta, installando e mappando per le vie della città oltre 40 defibrillatori.

I cittadini residenti nel Comune di Molfetta interessati a seguire il corso, possono registrarsi a questo link, compilando il modulo online. Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi alla dott.ssa Enza Cocozza (responsabile del procedimento) chiamando allo 080 995 62 14, oppure scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..  

Molfetta. Grazie al bando "Cuore Antico" nel centro storico sono sorte diverse attività commerciali che contribuiscono allo sviluppo economico e turistico della città

molfettacentrostoricoUna oreficeria artigiana, una cartolibreria, uno studio fotografico, due locali dove bere e mangiare prodotti tipici e altri due in cui sarà possibile non solo degustare le delizie gastronomiche della tradizione molfettese, ma anche portarle a casa assieme a souvenir e oggetti realizzati a mano.

Il centro storico di Molfetta si prepara a cambiare volto grazie ai primi effetti del bando "Cuore Antico", messo a punto dall'ammnistrazione comunale esattamente un anno fa. Una decina i commercianti che hanno aderito al progetto e deciso di trasferirsi con la propria attività "inde à la terre" per contribuire a uno sviluppo trasversale della città vecchia. L'impulso che il Comune di Molfetta ha voluto dare al commercio attraverso l'attribuzione di locali al pianterreno e la sottoscrizione di contratti di locazione a prezzi agevolati agisce non solo sulla crescita economica e sociale del borgo antico, ma anche sull'attrattività turistica dell'intera città.

«La cosa bella di Molfetta – spiega l'assessore al commercio, Maridda Poli è che ha mantenuto la sua autenticità, nonostante i cambiamenti imposti dalla globalizzazione. Non è una città caotica, non ha una movida frenetica ed è situata in una posizione logisticamente strategica, a due passi da Castel del Monte, da Bari e dai centri che attraggono più turisti come Trani e Polignano a Mare. Molfetta offre il mare, la natura in piena città con il Parco Naturale di Lama Martina, percorsi artistici e architettonici di grande valore culturale e un bellissimo centro storico sospeso sul mare, che va rivalutato e valorizzato attraverso questa e altre iniziative.

Le potenzialità di una crescita trasversale ci sono tutte – continua l'assessore Poli –  perché possediamo una grande ricchezza: la nostra genuinità. È questo il valore aggiunto del turismo esperienziale, di una fruizione lenta e sostenibile del territorio. Un'offerta turistica mainstream credo non ci appartenga affatto, per fare un esempio estremo, rimanendo nei confini regionali, Molfetta non potrà mai assomigliare a Gallipoli. Mi sembra che negli ultimi anni, con lo sviluppo del settore turistico, abbiamo capito quello che vogliamo. Bene, è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche e lavorare in questo senso, concentrandosi cioè su un modello di crescita economica e turistica che rispetti la nostra identità e valorizzi la nostra autenticità. In un anno il centro storico ha già fatto un grande passo avanti, ore è importare dare la giusta continuità al progetto affinché produca i risultati attesi. Il Covid ha rallentato un po' l'iter, ma siamo certi che la strada intrapresa sia quella giusta».

Molfetta. Mons. Cornacchia estende i suoi auguri alla comunità locale, ricordando don Tonino Bello

molfettacollocazioneprovvisoriapasqua2022«Finalmente siamo protagonisti, ciascuno come può, di una lenta, ma progressiva ripresa verso il recupero anche delle manifestazioni liturgiche o inerenti la pietà popolare, intrise di autentica fede.

Ringraziamo davvero il Signore!

La bellezza di quanto stiamo celebrando, tuttavia, è offuscata dai roboanti lanci di bombe su molte città e villaggi dell’Ucraina, con migliaia di morti tra bambini, anziani, deboli, indifesi; senza contare quei giovani ed inesperti militari. Quanta inutile sofferenza! Quante famiglie non saranno più come prima, con lutti, feriti, sfratti subiti, emigrazione forzata verso Paesi dalle frontiere aperte.

Siamo tutti testimoni della gara di solidarietà scattata in ogni dove e da ogni persona, singola o collettiva, per alleviare, almeno in parte, questa mole di dolore. Un grande, grande grazie a quelle persone e strutture che hanno accolto famiglie di profughi, qui in Diocesi.

Celebriamo la Pasqua, che è la più grande e solenne festa per noi cristiani. I giorni della Settimana Santa sono sempre un’occasione per rivivere l’emozione dei tempi della nostra infanzia, ma soprattutto per dare un’impronta indelebile alla nostra fede in ogni stagione della vita. In questi giorni celebriamo il memoriale della Passione, Morte e Risurrezione del nostro Redentore. Noi pure possiamo pre-gustare la vittoria che ha visto Cristo come protagonista. L’antico inno dell’Exultet, che ha dato inizio alla Veglia di tutte le Veglie, la notte di Pasqua, tra l’altro afferma: Gioisca la terra. La luce del Re eterno ha vinto le tenebre del mondo! E ancora, il bellissimo inno Victimae paschali laudes, del giorno e dell’ottava di Pasqua, così dice: Morte e vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto; ma ora, vivo, trionfa.

Oggi purtroppo, si ripete il doloroso duello, con la differenza che, se con Gesù a vincere è stata la vita, ora a prevalere è la morte. Sembra che sia l’odio a prendere il sopravvento, con la disfatta dei poveri, innocenti ed indifesi.

Proviamo ad invertire il senso di marcia!

Carissimi, il Venerabile Don Tonino in una catechesi pasquale affermò: “Pasqua è la Festa dei macigni rotolati”! L’augurio che formulo per ognuno di noi, per le nostre comunità e per il mondo intero è che ciascuno si impegni a rotolare quei massi, dai più piccoli ai più grandi, che impediscono di far esplodere la vita, l’amore e ogni forma di pace duratura. E, se non riusciamo da soli, diamoci una mano gli uni gli altri.

Questa è la vera Pasqua. Auguri»!

Molfetta. La storica manifestazione ha preso il via ieri all’interno del PalaPoli e si concluderà domani

molfettatennistavolohomeLa Coppa delle Regioni, storica manifestazione giovanile del calendario pongistico, torna dopo due anni di assenza per festeggiare un’edizione simbolo: la quarantesima. Organizzata dal Circolo Tennistavolo Molfetta, è la prima senza Elvira Gattulli, che ne è stata l’anima per molti anni. La manifestazione a lei intitolata sarà l’occasione per ricordarla, a fianco di Domenico Esposito, illuminato e indimenticato dirigente molisano.

Iniziata ieri, giovedì 14 aprile, la competizione si concluderà domani, sabato 16 aprile. Sui tavoli del Palasport “Giosuè Poli” di Molfetta si stanno dando battaglia le rappresentative Under 15 di 18 Regioni: Abruzzo, Alto Adige, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino, Umbria e Veneto. Sono in gara 48 atleti e 28 atlete.

Le squadre sono suddivise in sei gironi da tre e ieri si sono disputati i tre round d’incontri iniziali. Le prime due squadre di ogni raggruppamento accederanno a un tabellone per designare tutte le posizioni dalla prima alla dodicesima. Le terze confluiranno invece in due gironi da tre, al termine dei quali si giocheranno le finali per il 13°/14° posto, per il 15°/16° e per il 17°/18°.

Questa mattina alle 9 andranno in scena i quarti di finale e alle 11 le semifinali. Il pomeriggio sarà invece dedicato ai gironi dei singolari e all’inizio dei tabelloni.

Domani sarà la giornata conclusiva, con alle 8.30 le finali a squadre, alle 10.30 le semifinali individuali e alle 11.30 le finali.

 

Molfetta. Tutti gli eventi in programma si svolgeranno in Cattedrale

molfettacelebrazionidiesnatalisdontoninobellocontentIn occasione del 29° anniversario del dies natalis del venerabile don Tonino Bello, il prossimo 20 aprile, la diocesi promuove tre appuntamenti per approfondire le virtù umane e cristiane del “vescovo con il grembiule”.

 Si inizia martedì 19 aprile, ore 19.30 in Cattedrale a Molfetta, con Piedi Sporchi, spettacolo teatrale sui passi di don Tonino di e con Corrado la Grasta. Sempre in Cattedrale mercoledì 20 aprile, giorno dell’anniversario della morte di don Tonino, alle ore 19.30 S.E. Mons. Domenico Battaglia, arcivescovo di Napoli, presiederà la solenne concelebrazione. La celebrazione sarà trasmetta in diretta TV su Tele Dehon (canale 19). 

Giovedì 21 aprile alle ore 19.30, invece, si svolgerà il Convegno: Don Tonino Venerabile; dopo i saluti del vescovo diocesano S.E. Mons. Domenico Cornacchia e del vescovo di Ugento-S. Maria di Leuca S.E. Mons. Vito Angiuli, interverranno il prof. Ulderico Parenteestensore della Positio super Virtutibus del venerabile don Tonino Bello, e il dott. Giancarlo Piccinni, presidente della Fondazione don Tonino Bello di Alessano.

La serata, trasmessa in diretta streaming sui canali diocesani, sarà moderata dal prof. Luigi Sparapanodirettore del settimanale diocesano “Luce e Vita”.

La partecipazione agli eventi è gratuita sino a riempimento della Cattedrale e nel rispetto delle normative vigenti in materia di contrasto al Covid-19.

 

Foto: Diocesi di Molfetta - Ruvo - Giovinazzo - Terlizzi

Molfetta. Gli alunni della 2ACat si sono aggiudicati il secondo posto con l’inchiesta giornalistica sull'omicidio del sindaco Gianni Carnicella

molfettaitetsalveminihomeIl delitto Carnicella. Per non dimenticare il coraggio e la responsabilità”. Con questa inchiesta su Gianni Carnicella i ragazzi della 2ACat dell’Itet “G. Salvemini” di Molfetta si sono aggiudicati il secondo posto al Concorso Nazionale “Premio Libero Grassi".

“Chi ha sparato non è un mostro…è un “nostro”!” Queste le parole forti pronunciate dal Vescovo

don Tonino Bello il 9 luglio 1992, durante il funerale del sindaco Gianni Carnicella, ucciso sul

sagrato della chiesa di San Bernardino il 7 luglio. Sono ormai passati quasi 30 anni e la classe 2A Cat dell’Itet “G.Salvemini” di Molfetta ha partecipato al Concorso nazionale Premio Libero Grassi, bandito dall’Onlus Solidaria di Palermo, con l’inchiesta giornalistica “Il delitto Carnicella.

Per non dimenticare il coraggio e la responsabilità.

Il tema del Concorso per questa edizione era “Conoscere il territorio per una cittadinanza attiva e responsabile”. Il 10 aprile 2022 sono stati resi noti i primi 3 classificati scelti dalla Giuria e l’inchiesta firmata dalla classe 2A Cat è stata premiata con il secondo posto. Per realizzarla gli studenti, guidati dalla prof.ssa Salvemini Tiziana, hanno letto vari articoli della stampa locale e nazionale dell’epoca ed hanno intervistato la prof.ssa Palombella Marta, in quegli anni consigliera comunale, che si è resa disponibile per aiutarli a conoscere e comprendere una vicenda che, purtroppo, risulta ancora poco nota a molti. Carnicella, primo sindaco ucciso “nell’esercizio delle sue funzioni”, è morto semplicemente per aver fatto rispettare le regole.

L’indifferenza, l’omertà, il silenzio sono atteggiamenti che vanno sconfitti per il bene di tutti, delle nuove generazioni e della società in cui viviamo. Questo il nostro impegno, conoscere, ricordare e non restare indifferenti.” L’Itet “G.Salvemini” crede che il “cambiamento” possa partire dalle giovani generazioni, da questi ragazzi e queste ragazze, che scelgono di “non essere indifferenti”!

Molfetta. L'ente comunale e l'associazione hanno sottoscritto un protocollo d'intesa che definisce obiettivi e modalità di collaborazione 

molfettaplasticfreePer contrastare l'uso e l'abbandono indiscriminato di rifiuti, in special modo della plastica, il Comune di Molfetta e l'associazione Plastic Free – Terrae hanno sottoscritto un protocollo d'intesa.

"La questione ambientale – si legge nella delibera di giunta che approva la sottoscrizione del documento condiviso – la salvaguardia dell'ecosistema di cui l'uomo è parte, sono diventati argomenti di primo interesse a livello planetario, tanto che è divenuto obbligo istituire un nuovo modello di società che azzeri l'impatto negativo dell'uomo sull'ambiente, non produca rifiuti e sappia piuttosto creare ricchezza e benessere con il riutilizzo e la rigenerazione delle risorse di rigetto prodotte e, perché questo accada, è divenuto necessario, anzi obbligo, un profondo cambio di mentalità che coinvolga le istituzioni, le imprese e le singole persone”.

Per aderire concretamente a un modello virtuoso di salvaguardia dell'ambiente naturale e del territorio, semplificando i passaggi burocratici e creando un canale diretto di comunicazione tra associazione e Comune, il protocollo d'intesa intende agevolare le attività di sensibilizzazione condotte, a titolo gratuito da Plastic Free – Terrae Molfetta.

Nello specifico si prevede l'organizzazione di appuntamenti dedicati alla raccolta della plastica e dei rifiuti non pericolosi, nonché di lezioni di educazione ambientale nelle scuole, in presenza e da remoto; attività di informazione online e dal vivo; l'organizzazione di passeggiate ecologiche e turistiche; la segnalazione di abbandono abusivo dei rifiuti.

A fronte di tali attività, il Comune si impegna a supportare l'associazione garantendo il patrocinio gratuito delle iniziative promosse e l'intervento dell'azienda di raccolta rifiuti per il ritiro dei rifiuti raccolti. L'ente comunale si impegna inoltre a intervenire sulle segnalazioni di degrado fatte dai referenti di Plastic Free – Terrae e autorizzare l'occupazione gratuita di suolo pubblico, non in dimora fissa, per l'installazione di uno stand per informare e sensibilizzare i cittadini sulle tematiche ambientali.

Molfetta. L'avvocato Logrieco ha ricevuto l'incarico dal Coordinamento provinciale e regionale di Fratelli d’Italia, poco prima dell'ufficializzazione della candidatura a sindaco di Pietro Mastropasqua

molfettaadamologriecocontentFratelli d'Italia può contare a Molfetta su un nuovo coordinatore cittadino: l'avvocato Adamo Logrieco, nominato dal coordinamento provinciale e regionale del partito che fa capo a Giorgia Meloni.

«Mi onora profondamente il sostegno ricevuto dal Coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, On.le Marcello Gemmato, e dal Coordinatore provinciale, Michele Picaro, ai quali va il mio più grande ringraziamento per la fiducia che hanno voluto accordarmi in questo fondamentale momento per la politica molfettese», dichiara Logrieco.

Il cambio ai vertici della divisione molfettese di Fratelli d'Italia coincide con l'ufficializzazione, non ancora formalizzata, della candidatura a sindaco di Pietro Mastropasqua, già assessore dell'esecutivo guidato dal sindaco uscente, su cui troveranno convergenza i movimenti civici di centrodetsra.

«Il primo atto politico di questo nuovo corso – spiega Logrieco – è stato formalizzare l’adesione di Fratelli d’Italia alla coalizione civico-politica “Molfetta Vincente”, con l’incondizionato sostegno ad un candidato sindaco giovane e preparato, che ufficializzerà la propria candidatura nei prossimi giorni. Siamo un partito formato da giovani e che ripartirà dai giovani! Le porte della nostra sede di Via San Domenico sono sempre aperte a iscritti e simpatizzanti, che invito a partecipare ai numerosi incontri che si susseguiranno in questa fase di fermento elettorale. Un solo scopo ci muove, il benessere sociale e culturale dei cittadini molfettesi».

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino