Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. La ripresa del campionato di serie C femminile di calcio a 5 arriva al giro di boa con la terza giornata in programma domenica 16 maggio. Al PalaFiorentini è la volta di Nox Molfetta e Soccer Massafra, prima e ultima in classifica. Capitan Narsete e compagne non possono commettere passi falsi: per conservare il primato devono vincere e farlo con quanti più gol di scarto. Dall'altra parte ci sarà il Massafra, neo compagine del futsal in rosa pugliese che punta tutto sulla freschezza e sull'entusiasmo di giocatrici giovanissime ma di prospettiva.
Nell'altra gara, invece, Altamura e Mola, entrambe a tre punti. Il fischio d'inizio sarà alle ore 16.00.
Il match, a porte chiuse, sarà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook "La Puglia in diretta" e poi in differita sul canale 174 del digitale terrestre "Antenna sud event".

 

MOLFETTA. Domenica 16 maggio con fischio d’inizio previsto alle ore 16.00 andrà in scena Molfetta Calcio- Taranto: match di cartello valevole per la 30esima giornata del campionato di serie D girone H. I biancorossi, virtualmente salvi, vorranno rimediare alla sconfitta rimediata a Gravina e proseguire nel proprio positivo score casalingo (8 V, 5 P, 1 S al Poli in stagione) mentre gli ospiti, attualmente primi in classifica, vorranno riprendere a far punti dopo la sconfitta interna rimediata con il Portici (risultato non ancora omologato ndr) e la pressione esercitata dalle dirette inseguitrici. Nel match di andata si imposero gli jonici per 3-1 grazie alle reti di Serafino, Diaz e Corvino. Per i biancorossi a segno Strambelli (ex di turno al pari di capitan Di Bari). Il match sarà trasmesso in diretta da Antenna Sud- canale 85. Le parole di mister Bartoli :“Si tratta di un match importante: per il Taranto sarà una sfida decisiva mentre per noi si tratta di una partita che può consentirci di far punti per ambire ad una posizione di classifica migliore; anche se ovviamente non è facile. Dal punto di vista mentale e fisico, i ragazzi hanno dato tantissimo sinora per raggiungere l’obiettivo della salvezza (non ancora aritmetico ma di fatto consolidato ndr); hanno bruciato tante energie nervose e fisiche: qualcuno ha giocato tutte le gare e ora sta risentendo un po'. Pian piano, come è già avvenuto nelle ultime gare, faremo giocare anche ragazzi che hanno giocato meno. È giusto dare la possibilità a tutti di esprimersi e di dimostrare alla società del Molfetta che potrebbero essere calciatori importanti anche per la prossima stagione. Di qui sino alla fine della stagione, prepareremo ovviamente ogni gara come sempre e cercheremo di dare il massimo con la tranquillità di aver praticamente raggiunto un traguardo importante come quello della salvezza. Fare risultato con il Taranto è difficilissimo. Ci vuole tanto spirito di sacrificio e la voglia di lottare su ogni pallone per scalare ancora di più la classifica; questo di certo non mancherà però è chiaro che per centrare un risultato positivo contro squadre del genere occorrono una serie di fattori. Il corretto approccio mentale per me resta sempre l’aspetto fondamentale sul quale lavorare perché è quello che fa la differenza nella maggior parte dei casi in gara”.

 

Foto di Sergio Porcelli

MOLFETTA. Terminati i lavori della Terza commissione consiliare per la stesura del nuovo regolamento del mercato ortofrutticolo all’ingrosso. L’ultima seduta si è tenuta all’interno della struttura, alla presenza di Sergio de Candia presidente della commissione, Rosalba Secchi, Gianni Facchini, Beppe Zanna, consiglieri, per verificare lo stato dei luoghi. Presente anche il dottor Tiziano Scagliola, Mauro De Ruvo, presidente di Coldiretti Molfetta, e il consigliere comunale Giuseppe Balestra. Il Nuovo regolamento del mercato ortofrutticolo si compone di 45 articoli e sarà portato all’attenzione del Consiglio comunale per l’approvazione. Il Sindaco ringrazia per i lavori svolti dalla Commissione consiliare che presto approderanno in Consiglio comunale.
La terza commissione consegna così il suo 4 regolamento e attende la discussione in consiglio del già concluso regolamento del consiglio comunale. Con l’assistenza del dottor Scagliola i componenti della Commissione hanno potuto verificare le migliorate condizioni generali del mercato nel pieno rispetto delle norme anti Covid.

 

MOLFETTA. Dalla Prefettura  comunicano che gli attualmente positivi complessivamente in città sono 237, con un decesso. La scorsa settimana erano 347, con una diminuzione di 110. Il rapporto Asl riporta i dati delle vaccinazioni effettuate. Dopo Bari, Molfetta si conferma la seconda città dell'Asl provinciale per numero di dosi somministrate presso l'hub "Cozzoli" che in totale sono state 26.039, di cui 19.643 con una dose e 6.396 con due. Quasi 20mila molfettesi su 59mila hanno quindi ricevuto almeno la prima dose: un cittadino su 3. 

Foto di Gerd Altmann da Pixabay

 

MOLFETTA. Anche quest’anno la grande manifestazione di piazza del FAI, dal 1993 il più importante evento dedicato al patrimonio culturale che celebra arte, storia e natura, torna a coinvolgere i volontari del Gruppo FAI di Giovinazzo, Molfetta, Terlizzi, Bitonto nell’entusiasmante scoperta delle bellezze che ci circondano, grazie all’apertura della Torre Paglia, detta delle pietre rosse a Giovinazzo e della chiesa della Madonna della Rosa e Lama Martina a Molfetta, visitabili in totale sicurezza e nel rispetto delle normative vigenti. I posti disponibili sono limitati. La prenotazione è obbligatoria e sarà possibile effettuarla sul sito www.giornatefai.it fino a esaurimento dei posti disponibili ed entro la mezzanotte di oggi o di sabato, a seconda della scelta del giorno di visita. Chi deciderà di partecipare contribuirà ad aiutare la Fondazione, in un momento delicato come quello che stiamo vivendo, a portare avanti la sua missione e a compiere tanti altri “miracoli” di cui essere orgogliosi. Per prenotarsi e prendere parte all’iniziativa è richiesto un contributo minimo di 3 €. Chi lo vorrà, potrà sostenere ulteriormente il FAI con contributi di importo maggiore oppure attraverso l’iscrizione annuale - sottoscrivibile online o in piazza in occasione dell’evento - o ancora con l’invio di un sms solidale al numero 45586, attivo dal 6 al 23 maggio 2021. In questi giorni alle Giornate FAI di Primavera è stata conferita la Targa del Presidente della Repubblica. Il riconoscimento ci incoraggia a fare sempre meglio e a svolgere con sempre maggior efficacia il principio di sussidiarietà, sancito dalla Costituzione, che è alla base dell’agire quotidiano della Fondazione. In questa occasione il Gruppo FAI di Giovinazzo, Molfetta, Terlizzi e Bitonto, grazie ai volontari di Giovinazzo, riapre eccezionalmente la torre medioevale della famiglia nobile dei Paglia, detta delle “pietre rosse” databile per epoca di costruzione intorno al 1200, e che nel corso dei secoli ha assolto la funzione principale di torre di avvistamento e segnalazione all’interno di un più esteso sistema territoriale di difesa. In epoca più recente ha assunto la funzione complementare di torre colombaia, rappresentando una ricca fonte economica e segno tangibile del potere personale ed economico del ricco proprietario terriero che la deteneva. A conclusione dell’intervento di restauro in parte cofinanziato dal GAL Fior d’Olivi, essa intende realizzare un piccolo centro documentale del sistema delle torri difensive e dell’economia agraria delle torri colombarie. Nell’agrumeto della Torre ci saranno allestimenti della pittrice Ilaria Lafronza, con le vedute su Giovinazzo in miniatura, interventi d'arte a cura di Ra contemporay Art e Liceo Artistico “Federico II Stupor Mundi”, intermezzi musicali degli allievi della Scuola Comunale di Musica "Filippo Cortese” e il banco di scrittura e storia degli amanuensi dell’associazione Stupor Mundi. L'apertura della Torre delle Pietre Rosse a Giovinazzo, struttura privata e normalmente chiusa al pubblico, è prevista per entrambe le Giornate con orario continuato sabato 15 maggio dalle ore 10.00 alle ore 18,00 (ultima visita) domenica 16 maggio dalle ore 9.00 alle ore 18.00 (ultima visita). Le visite si svolgeranno ogni ora con un gruppo da 15 persone. Grazie ai volontari di Molfetta si apre la chiesa della Madonna della Rosa, lungo la via vecchia per Bitonto, mentre domenica mattina eccezionalmente sono previste due passeggiate nel vicino Parco Naturale di Lama Martina in collaborazione con l'associazione Terrae e con il Centro di educazione ambientale Ophrys, guidati dal prof. Raffaele Annes. La Chiesa della Madonna delle Rose, dalla datazione incerta presenta una tipologia tipica delle torri difensive sorte nel territorio tra il secolo XI e il secolo XVI. Alta 12 m e larga 13 m, si sviluppa su 2 piani. Dalla prima metà dell'800 la Cappella è meta di festeggiamenti il martedì dell'ottava dopo Pasqua per la festa delle scarcelle, tipico dolce pasquale della tradizione molfettese. Le passeggiate in Lama Martina, si inseriscono nella recente istituzione del Parco Naturale di Lama Martina che ha restituito alla collettività molfettese un pezzo della sua cultura. Attraverso percorsi ciclopedonali e di orienteering si possono cogliere i segni di una antropizzazione sostenibile, ormai dimenticata, come pagliai, muretti a secco ed opere di ingegneria idraulica, ma anche la sopravvivenza di specie botaniche di elevato pregio naturalistico, quali orchidee selvatiche, carrubi secolari, lecci e roverelle. Le visite alla chiesa della Madonna delle Rose a Molfetta, struttura solitamente chiusa, si terranno nel pomeriggio di sabato 15 maggio dalle 15.30 alle 18.00 (ultima visita) nonché nella intera giornata del 16 maggio dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 18.00 (ultima visita). Le visite si svolgeranno ogni trenta minuti con gruppo da 8 persone. La due passeggiate nel Parco Naturale di Lama Martina, dureranno un’ora ciascuno e si terranno la mattina di domenica 16 rispettivamente alla 10.30 e alle 11.30 con gruppi da 15 persone. Prenotazione online obbligatoria sul sito www.giornatefai.it I posti sono limitati. Le visite saranno possibili solo se muniti di mascherina e con suddivisione rigorosa per gruppi.

 

MOLFETTA. Tutti coloro, di età compresa tra i 79 e i 70 anni, non ancora vaccinati con la prima dose, possono inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., indicando nome, cognome, data di nascita, numero di telefono, inserendo come oggetto “Vaccini over 70”.I dati saranno trasmessi al Dipartimento di Prevenzione della Asl. I volontari, coordinati dal Comune, provvederanno a chiamarli per fissare l'appuntamento per effettuare la prima dose di vaccinazione presso l’hub di Molfetta, Stadio Cozzoli, in Via Salvo D’Acquisto. «E’ un servizio che, su sollecitazione del Sindaco, Tommaso Minervini, d’intesa con il Dipartimento di prevenzione – spiega il dottor Ottavio Balducci, responsabile per il Comune della Campagna vaccinale – abbiamo già sperimentato, con successo, per completare le vaccinazioni degli ultra 80enni e che ora riproponiamo per gli over 70».

 

MOLFETTA. Da più giorni la cronaca cittadina sta raccontando eventi preoccupanti, espressione di un tessuto urbano infiltrato dalla delinquenza. Ieri mattina, l’ennesimo risveglio in pieno centro con le fiamme provenienti da un dehor andato a fuoco, insieme ad auto e strutture vicine. Occorre che gli organi preposti pongano attenzione alla sicurezza e che, al contempo, i cittadini non vengano lasciati ad assistere impotenti a tali situazioni, nell’attesa di risposte istituzionali. In questo momento, appare perciò necessaria una lettura sociale del fenomeno attraverso dati riferibili alla città di Molfetta, riguardanti anche le azioni messe in campo dall’Amministrazione per la prevenzione e la sicurezza. Dal 26 novembre del 2015 esiste un Comitato Comunale di monitoraggio dei fenomeni delinquenziali - di cui anche il presidio di Libera “G. Carnicella” fa parte – che ha l’intento di assistere il Consiglio Comunale e la Giunta Comunale nell’analisi e nel monitoraggio dei fenomeni delinquenziali, in particolare riguardo alla micro delinquenza, la criminalità organizzata, il narcotraffico e l’usura. Il Comitato ha operato fino al mese di luglio 2019. Le motivazioni della sospensione del suo operato non sono state comunicate, né, certamente, i fenomeni delinquenziali si sono arrestati tanto da poter giustificare lo smantellamento del Comitato stesso. Il presidio di Libera, perciò, chiede che venga quanto prima convocato il Comitato di monitoraggio, perché, con i rappresentanti delle istituzioni e i cittadini appartenenti alle tante realtà impegnate nel sociale, si possano individuare percorsi chiari, lineari e azioni di coinvolgimento a tutti i livelli, a partire dalle famiglie, fino alle scuole, alle parrocchie e alle associazioni, per contrastare tali fenomeni e rendere la città più sicura e vivibile. Inoltre, il presidio auspica che le autorità competenti facciano chiarezza sulle dinamiche dei recenti episodi delinquenziali, per accertare la verità dell’accaduto e fare giustizia.

 

MOLFETTA. Il musicista molfettese Michele Salvemini, alias Caparezza, e l'artista di origini biscegliesi hanno collaborato alla realizzazione dell'Art Work dell’album Exuvia. L'idea di mettere in contatto i due artisti è stata del sempre più poliedrico Albert D'Andrea, fotografo e direttore artistico per lo stesso album, come per molti dei progetti precedenti di Caparezza, nonché cofondatore con Tony Cassanelli e Carmine Croce dello studio per la produzione di Video Arte 'SubVision Project'. Nasce così tra i tre artisti, l'idea di far posare dal vivo Caparezza, per la nascita di quella che il cantante desiderava fosse la sua Exuvia, creando una nuova fusione tra Scultura e Musica. Il termine latino Exuvia definisce l’esoscheletro che molti insetti o artropodi in generale, abbandonano in natura dopo la muta, un esempio noto a tutti è quello della cicala. A seguito di questo studio dal vero, l’opera eseguita da Cassanelli rappresenta dunque, in una vera e propria scultura, il guscio di vuoto del cantante, che uscendo da esso, ha lasciato uno squarcio lungo tutto il dorso della sua antica pelle, ora rimasta abbandonata nel mistero della foresta. La scultura dell’artista che da anni vive e lavora tra Toscana e Portogallo, è stata eseguita con tecniche tradizionali sempre più in disuso, proprio a simboleggiare, in coerenza con il concetto di Exuvia - l’idea di qualcosa che si stia perdendo, una materia in abbandono a causa dell’inevitabile mutare dei tempi- come afferma egli stesso. L'Opera è modellata in creta e formata in gesso con una tecnica antica detta "a tasselli", e successivamente patinata con la tecnica dell'Encausto, tecnica in cui la cerasi mischia al colore fondendosi sul gesso dell'opera.  “Stimo profondamente il lavoro di Michele quanto la sua persona, è un artista attento ad ogni dettaglio della sua opera, ad ogni sfumatura della sua poetica ed ancor più importante e raro, è un artista umanamente e professionalmente coerente coni contenuti della sua arte, questo fa di lui una perla rara nel panorama artistico contemporaneo. Incontrare attraverso le nostre conversazioni un'empatia sempre più reale e profonda con le sue intenzioni mi aiutò ad allinearmi al suo stesso flusso d’ispirazione ed anche a quello di Albert per quella che oggi rappresenta il vero e proprio frutto di una fusione di linguaggi artistici e percezioni esistenziali condivise. Per questo ho firmato l'opera con i nostri tre nomi, considerandola fin da principio figlia delle nostre tre sensibilità unite” ha dichiarato Tony Cassanelli. La soddisfazione per il risultato raggiunto si legge con chiarezza nelle parole che gli artisti sono scambiati sui rispettivi profili Instagram e che denotano un rapporto basato su una profonda stima personale e artistica.

 

 

 

MOLFETTA. Altra vittoria al cardiopalma per la Dai Optical Virtus Molfetta che si impone in trasferta 95-97 sul campo della Nuova Matteotti Corato dopo un tempo supplementare e al termine di un match ricco di colpi di scena. Le due compagini si ritrovano nuovamente contro dopo l’incontro di giovedì scorso al Palapoli. La Dai Optical recupera Comollo, ancora out MusciBaraschi Calasso. Corato invece deve fare sempre a meno dei giocatori fermi per covid. L’inizio del match è molto equilibrato. Le difese sono poco attente mentre in attacco si scatenano i tiratori: Mascoli e Oulic sono letali da tre punti mentre per Dai Optical trova in Samenas il suo cecchino perfetto. OrlandoFiusco Frattoni non sbagliano per Molfetta mentre Calò e il rientrante Comollo portano la Dai Optical sul + 2 ma la tripla a fil di sirena di Mascoli chiude il primo quarto sul 27-26. Secondo quarto sulla falsariga del primo con Corato che mantiene il vantaggio grazie alle triple di Gatta e di Sedena. Samenas è sempre preciso da tre punti per Molfetta. CalòComollo Macernis realizzano per Molfetta mentre il gioco da tre punti di Verile manda le squadre al riposo lungo sul 50-46. Anche nel terzo quarto Corato riesce a mantenere il vantaggio grazie ad uno scatenato Sedena e al solito Oulic, dominante dentro il pitturato. SamenasMacernis Comollo consentono alla Dai Optical di rimanere a soli 5 punti di distacco (67-62). Nell’ultimo quarto però cambia l’inerzia del match. La Dai Optical Virtus Molfetta ribalta la situazione. Salgono in cattedra Calò Fiusco, mentre Corato si affida alle triple di Gatta e Sedena. Un eroico Macernis piazza due bombe consecutive, per i padroni di casa rispondono Mascoli e ancora Sedena. Il + 3 Dai Optical a pochi secondi dal termine viene vanificato dal 3/3 dalla lunetta di Gatta che porta le squadre al supplementare. E’ ancora Calò a realizzare per la Dai Optical, mentre Rutigliani pizza l’ennesima bomba di Corato. Orlando e l'instancabile Calò realizzano per gli ospiti ma Oulic pareggia subito i conti con il 2/2 dalla lunetta. Uno stanchissimo Comollo però è bravo a subire fallo ed è glaciale e preciso dalla lunetta nel realizzare i due punti decisivi. Negli ultimi 24 secondi Corato non trova la via del canestro e l’incontro termina 95-97. Quarta vittoria consecutiva per la Dai Optical Virtus Molfetta che espugna il Palalosito al termine di un incontro al cardiopalma e giocato con grande intensità da entrambe le squadre. Prossimo impegno per i biancoazzurri il recupero di giovedì 13 Maggio, alle ore 20.00, al Palapoli, contro Quarta Caffè Monteroni.

Nuova Matteotti Corato – Dai Optical Virtus Molfetta – 95-97 dts

Nuova Matteotti Corato: Mascoli 19, Gatta C. 21, Verile 4, Bassilekin 3, Oluic 29, Piccarreta, Sedena 14, Rutigliani 5. All: Lerro

Dai Optical Virtus Molfetta: Hamluoi, Frattoni 3, Samenas 25, Orlando 13, Comollo 8, Calò 18, Fiusco 12, Macernis 16, Musci ne, Bellinzona 2. All. Delli Carri/De Bellis

Arbitri: Anselmi Francesco di Ruvo di Puglia e Laterza Ambrogio di Mola di Bari

MOLFETTA. Vittoria doveva essere e vittoria è stata: la Nox Molfetta si è imposta per 1-10 sul Città di Mola nel big match della seconda giornata della ripresa del campionato 2020/2021 di calcio a 5 femminile. Dopo la vittoria contro la Soccer Altamura nel primo turno della serie C, le biancorosse di Mister de Bari erano chiamate a dare ulteriori segnali forti alle altre squadre e non si sono fatte attendere: il parziale segnava già 0-8 per Capitan Narsete e compagne. Nella ripresa, invece, i due gol biancorossi e la marcatura molese per il risultato conclusivo. Quattro le reti messe a segno da Cangiano, doppietta per dell'Ernia, reti per Giacò e Tetro e due autoreti molesi sul tabellino dei marcatori attestano la prova corale della squadra del presidente Luciano Savi, capace di far ruotare tutte le giocatrici a disposizione e imporsi per tutta la partita nella metà campo avversaria, anche se con assenze pesanti come quella di Barbaro, mattatrice della vittoria contro l'Altamura.
«Sono molto contenta per la prestazione della squadra, abbiano dimostrato carattere sin da subito», sono le parole di Cangiano. «Era importante sbloccare la partita e, soprattutto, portare a casa i tre punti per dare continuità alla vittoria con l'Altamura», ha proseguito la numero 10.
«Sono felice per i gol, ci tenevo a sbloccarmi e di questo ringrazio tutta la squadra/società che ha creduto in me».
Prossima sfida al PalaFiorentini contro il Soccer Massafra domenica 16 maggio alle ore 16.00  

Pagina 1 di 1388

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino