Redazione_Online

Redazione_Online

IL GHIGNOMOLFETTA – Anche quest’anno, organizzato dalla libreria il Ghigno partirà il “Festival Storie Italiane”.  Il primo festival indipendente di letteratura a Molfetta. Un intreccio di racconti per leggere quello che siamo stati, siamo e quello che saremo. E’ un festival autofinanziato, partecipato a cui tutti possono partecipare e quindi aperto alla intera città, che si snoda per tutta l’estate. Un “Concept Festival”, più sistematico degli incontri con gli autori e degli scrittori, proposto alla città di Molfetta e a tutti coloro che saranno ospiti. Il Festival Storie Italiane vanta un alto profilo culturale con un budget minimo, ospitando sempre autori importanti del panorama nazionale, eventi improntati alla sobrietà e all’attenzione economica ma avendo l’obiettivo di coinvolgere più lettori di tutte le età, che amano leggere e consumare cultura. Un’ esperienza indimenticabile a cui partecipare e dove interagire direttamente con gli scrittori, attori, giornalisti, artisti, sognare nuove vite, leggere il mondo e conoscere altri lettori folli come noi… Mai come questo anno sentiamo il bisogno di incontrare autori, scrittori per sognare un futuro migliore, partendo da storie vicine al nostro territorio ma spaziando al di là del nostri occhi. Anche questo anno, ci connotiamo per la scelta, di autori e tematiche e per la prima volta Storie italiane ha il direttore artistico di cui non sveliamo il nome, ma lo scoprirete nella prima serata. Una scelta che arricchirà il festival che continuerà a raccontare grandi e piccole storie attraverso la vivida voce di autori italiani e che provengono dal mondo. Una particolare attenzione all’attualità e un abbraccio ai popoli del mediterraneo. Lo spirito che ci accompagna da sempre è in direzione ostinata e contraria …..

Siamo pronti per partire, per una nuova avventura, il Festival Storie Italiane quarta edizione vi da appuntamento per la prima serata martedi’ 21 giugno 2016 dalle 19,00 …..

https://storieitalianeilprimofestivaldiletteraturamolfetta.wordpress.com/

https://www.facebook.com/pages/Storie-Italiane-il-primo-festival-di-letteratura-a-Molfetta/603037126388335

https://ilghignolibreria.wordpress.com/

DON PAPPAGALLOMOLFETTA - Dopo il pregevole viaggio attraverso l’arte organaria napoletana a Molfetta tra il XVI ed il XIX Secolo di “Affetti e Tastiature”, l’etichetta pugliese prosegue la sua opera di valorizzazione del repertorio classico e sacro legato alla Puglia con “Don Salvatore Pappagallo. Maesto Visionario”, omaggio all’indimenticato sacerdote e compositore molfettese (1931-2011), dal cui repertorio sono proposte sette composizioni eseguite dal Coro e Orchestra “Josquino Salepico” e dall’Ensemble “Dvorak” di cui lui stesso fu fondatore. Spaziando dalle suggestive alchimie musicali de “Le Nozze di Cana”, dove tra i solisti campeggia la voce di Roberto de Candia, allo stupefacente mottetto per coro a tre voci femminili che è “Cessate di uccidere i morti” su testo di Ungaretti, il disco ci regala momenti di rara bellezza come “Alleluja e Salmo Messianico”, invenzione in cinque parti per organo sui temi dell’Allejuia Gregoriano e del Corale della “Passione Secondo Matteo” di J.S. Bach, o le cantate “Le Beatitudini” e “Jerusalem”, espressione di una vena ispiratrice feconda come non mai, fino a toccare la conclusiva “Coelorum lumen influit”, mottetto inedito, concepito con la solita deferenza verso il paradigma dell'antica polifonia classica, ma capace di sbalordire e di intrigare quando si tenti di decostruirne l’impianto compositivo. Insomma, questo disco non è un semplice omaggio, ma la celebrazione di un genio musicale dalla fede vibrante ed intensa. Don Girolamo Samarelli, fondatore e direttore artistico di Digressione Music, nel presentare questa nuova pubblicazione scrive: “Questo disco viene pubblicato con l’intento di far conoscere don Salvatore Pappagallo a chi non ne ha avuto l’opportunità. L’ascolto della sua musica, la conoscenza della sua attività didattica in Conservatorio e nella Scuola Popolare da lui fondata, la Dvorak, contribuiscono a rafforzare la consapevolezza del patrimonio umano e artistico che il nostro Paese possiede. Tanti sono stati i suoi allievi che si sono affermati nel mondo musicale; ancora di più coloro che hanno potuto attingere all’intelligenza della musica attraverso il canto e l’avviamento musicale. Di non minore importanza l’apporto testimoniale da lui offerto nel dibattito post conciliare della Chiesa cattolica, sia liturgico che teologico; un prete a tutto tondo che ha saputo coniugare l’arte e la prassi con autentica passione e visionaria intuizione. Da questa iniziativa discografica, altri sapranno cogliere spunti di riflessione sull’oblio dei nostri talenti e sulla inefficienza dei nostri sistemi culturali. Io mi sono riservato il privilegio di testimoniare il debito di riconoscenza che la comunità cittadina e la chiesa locale devono contabilizzare nel bilancio della loro storia per evitare che queste vite scompaiano relegate nelle spese ordinarie”. “Don Salvatore Pappagallo. Maestro Visionario” viene presentato oggi 17 giugno alle ore 21,00 a Molfetta presso il museo diocesano in occasione del quinto anniversario della morte del sacerdote e compositore pugliese. Interverranno il prof. Giovanni Antonio del Vescovo; il M° Mauro Pappagallo, già docente di organo e composizione organistica presso i conservatori di Torino e Pescara, fratello di don Salvatore Pappagallo; il M° Gianpaolo Schiavo, direttore del conservatorio di Bari; il M° Nicola Scardicchio, compositore, docente di storia della musica del conservatorio di Bari; don Girolamo Samarelli, in qualità di direttore artistico dell’etichetta discografica Digressione Music; Lazzaro Nicolò Ciccolella, presidente della scuola Dvorak di Molfetta; Concluderà la serata l’esecuzione in prima assoluta di “Caelorum lumen influit”, lo splendido mottetto a cappella di don Salvatore Pappagallo dedicato a San Bernardino. L’esecuzione, a cura dell’Ensemble vocale Dvorak, è diretta dal M° Matteo Salvemini.

capotorti operavostra manifesto def 2MOLFETTA – Rilanciamo una nota del Dr. Vito Mastrorilli in merito al nuovo spettacolo musicale dal titolo ‘E’ Opera Vostra!’ realizzato in occasione dei 25 anni di attività dell'associazione 'Luigi Capotorti': “Sono stati anni intensi per i nostri associati e per la nostra Corale Polifonica “L. Capotorti” che ha riscosso consensi di pubblico e di critica nei tantissimi concerti ed iniziative realizzate non soltanto in ambito locale ma anche provinciale e regionale. Per sottolineare tale ricorrenza, abbiamo allestito uno spettacolo musicale dal titolo “ E’ OPERA VOSTRA! “ che si terrà in data 9 luglio 2016 presso il Teatro di Ponente a MOLFETTA (sipario ore 20,30). Si tratta di uno spettacolo che unisce più forme artistiche al fine di meglio spiegare e guidare il pubblico all’Opera Lirica che da sempre parla alla gente, senza distinzioni. In passato erroneamente si è travisato il messaggio e la consistenza anche Popolare dell’Opera stessa, allontanandola dal pubblico “Minuto” (il pubblico non aduso alla frequentazione dei teatri Lirici), mentre l’ ”Opera” è opera del popolo della gente, le cui storie hanno ispirato e ispirano ancora oggi la tradizione melodrammatica della musica cosiddetta “Colta”.

“E’ Opera Vostra!” è uno spettacolo d’Opera come mai si era visto prima a Molfetta, ispirato alla tradizione della così detta Opera Buffa. Insieme al Coro Polifonico dell’Associazione diretto dal M° Nicola Petruzzella che esalterà le voci solistiche che interverranno (Lopez, Candirri, Petruzzella, Sannicandro), ci sarà il Teatro a guidare il pubblico nei lavori compositivi di Mozart, Rossini e Donizetti. Un’arte, quella teatrale, che da sempre trova linfa in questa forma di spettacolo (si pensi ai gesti, ai movimenti dei cantanti nell’Opera Classica) che in questo progetto particolare, sarà un gioco serio, gioco che vedrà gli interpreti, il Coro, i cantanti e il Pubblico, coinvolti nel corso della serata.La regia di Pantaleo Annese del Carro dei Comici di Molfetta guiderà lo spettatore, ripercorrendo la tradizione Operistica brillante, all’ascolto del programma musicale che una volta di più racconterà che L’ “Opera” è di tutti e per tutti! E che, anzi, i più , da sempre sono i protagonisti di questa meravigliosa forma d’arte. Gli inviti si possono ritirare presso l'ufficio IAT di Molfetta in via Piazza e presso la sede della Associazione in via federico Campanella (palazzo BNL). info 3476802707. Grazie.

 

Dr. Vito Mastrorilli”

UCI CINEMAMOLFETTA - Dal 27 al 29 giugno negli UCI Cinemas torna in una versione integrale con 30 minuti di inediti La Grande Bellezza, l’indimenticabile film di Sorrentino che racconta la storia di Jep Gambardella, un giornalista disincantato dotato di un’ironia pungente Proposto al cinema nella versione integrale da Indigo Film, Medusa Film e Nexo Digital, il film interpretato da Toni Servillo è stato presentato al Festival di Cannes 2013, ha ottenuto il Premio Oscar® come Miglior Film Straniero, il Golden Globe® e il BAFTA, quattro European Film Awards, nove David di Donatello, cinque Nastri d'Argento e numerosi altri premi internazionali. Per gli orari e il prezzo consultare il sito www.ucicinemas.it. È possibile acquistare i biglietti elettronici in prevendita tramite la nuova App gratuita di UCI Cinemas,disponibile per dispositivi Apple, Android e Windows Phone, e sul sito www.ucicinemas.it. I biglietti paper-less sono disponibili nell’apposita sezione “My UCI” dell’App e danno la possibilità di usufruire del SALTA LA FILA alle casse e avere accesso diretto nelle sale del Circuito. Il SALTA LA FILA è valido anche con la stampa del biglietto acquistato tramite sito. I clienti possono comunque acquistare i biglietti anche presso le casse delle multisale e le biglietterie automatiche self-service presenti sul posto o tramite call center (892.960). Per maggiori informazioni visitare il sito www.ucicinemas.it o la pagina ufficiale di Facebook di UCI Cinemas all’indirizzo: www.facebook.com/home.php#!/ucicinemasitalia. In alternativa contattare il call center al numero 892.960.

Sinossi del film:

Dame dell’alta società, parvenu, politici, criminali d’alto bordo, giornalisti, attori, nobili decaduti, alti prelati, artisti e intellettuali veri o presunti tessono trame di rapporti inconsistenti, fagocitati in una babilonia disperata che si agita nei palazzi antichi, le ville sterminate, le terrazze più belle della città. Ci sono dentro tutti. E non ci fanno una bella figura. Jep Gambardella, sessantacinque anni, scrittore e giornalista, dolente e disincantato, gli occhi perennemente annacquati di gin tonic, assiste a questa sfilata di un’umanità vacua e disfatta, potente e deprimente. Tutta la fatica della vita, travestita da capzioso, distratto divertimento. Un’atonia morale da far venire le vertigini. E lì dietro, Roma, in estate. Bellissima e indifferente. Come una diva morta.

La versione integrale de La grande bellezza di Paolo Sorrentino viene presentata al cinema dal 27 al 29 giugno da Indigo Film, Medusa Film e Nexo Digital assieme ai media partner Radio DEEJAY e MYmovies.it e in collaborazione con Sky Cinema HD.

Accanto a Toni Servillo un cast straordinario: Carlo Verdone, Sabrina Ferilli, Carlo Buccirosso, Iaia Forte, Pamela Villoresi, Galatea Ranzi, Anna Della Rosa, Giovanna Vignola, Roberto Herlitzka, Massimo De Francovich, Giusi Merli, Giorgio Pasotti, Massimo Popolizio, Isabella Ferrari, Franco Graziosi, Sonia Gessner, Luca Marinelli, Dario Cantarelli, Ivan Franek, Anita Kravos, Luciano Virgilio, Vernon Dobtcheff, Serena Grandi, Lillo Petrolo.

turci2MOLFETTA - Giovedì Friendly tutto al femminile domani sera,  sul palco dell’Eremo Club di Molfetta arriva un grande nome della musica d’autore italiana, Paola Turci in un esclusivo unplugged set, preceduto dall'opening act di Una, nome d'arte della cantante barese Marzia Stano. Fascino, intensità e coraggio. Tre qualità che hanno contraddistinto senza dubbio la carriera di Paola Turci, ma che non bastano a riassumere trent’anni di canzoni, contenute in 16 dischi, tra album, raccolte, live ed omaggi a grandi artisti, un bagaglio emozionale che la rende una eroina della canzone d'autore per diverse generazioni di pubblico. Il suo ultimo lavoro discografico, intitolato Io sono (prodotto da Federico Dragogna de I Ministri), è uscito ad aprile 2015 e contiene dodici canzoni del passato risuonate in chiave acustico-elettronica, oltre a tre inediti. La title-track, composta a quattro mani con il leader dei Baustelle, Francesco Bianconi, è l'inizio di un percorso che porterà a un nuovo romanzo di Paola Turci, dopo l'autobiografia “Mi amerò lo stesso” (ed. Mondadori) e ad un progetto teatrale. Prossime tappe attese - oltre al nuovo disco di inediti, la cui uscita è prevista per fine 2016 - di una lunghissima carriera, iniziata nel 1986 con il brano L'uomo di ieri, presentato sul palco del Festival di Sanremo.

L’esclusivo set unplugged di Paola Turci avrà inizio alle 22, preceduto dall'opening act di Una, nome d'arte della cantante barese Marzia Stano, e arricchito dall'esposizione di Domenico Posteraro, l'aperitivo curato da Sapemore e dai percorsi musicali di Misspia, Djones e Elmuezzin.La direzione dell’Eremo Club consiglia di prender parte all'evento, a partire dall'apertura porte, prevista alle 20.30.

GIOVEDì FRIENDLY  - La quinta edizione del Giovedì Friendly dell’Eremo Club proseguirà nelle prossime settimane con Dardust, nuovo progetto neoclassico/elettronico del musicista marchigiano Dario Faini, già autore per Fiorella Mannoia, Marco Mengoni e Luca Carboni. Altri ospiti di spicco, attesi nella rassegna più friendly di Puglia nei prossimi mesi, sono Rachele Bastreghi, voce dei Baustelle, e Francesco Motta, esordio solista del membro dei Criminal Jokers, prodotto da Riccardo Sinigallia.

Giovedì 16 giugno

Rassegna Giovedì Friendly presenta: PAOLA TURCI (unplugged)/opening act: UNA

Ticket: 1€

Start: aperture porte 20.30

EREMO CLUB – Molfetta (Ba)

S.S. Molfetta-Giovinazzo Km. 779 (uscita Cola Olidda)

horseman prince fattyMOLFETTA - Produttore e arrangiatore di fama mondiale, PRINCE FATTY sarà protagonista di un altro grande show al ritmo di reggae music, dub e hip-hop, promosso dalle associazioni Link Up e  Just Music Promotion. Sabato 18 giugno, a partire dalle 22.30, l’Eremo Club di Molfetta (accoglierà il producer londinese accompagnato dal “fido” mc HORSEMEN, asso della batteria, ma ancor più letale con il microfono in mano: i suoi beat hanno fatto da base ai migliori artisti reggae del globo, da Max Romeo a Little Roy e Gregory Isaacs e tanti altri.

Mike “Prince Fatty” Pelanconi ha attraversato i generi musicali, iniziando con l’acid jazz e il rock negli anni ’90, ma il meglio di sé lo ha dato collaborando con musicisti come Hollie Cook (cantante delle The Slits e figlia del chitarrista dei Sex Pistols), Manu Chao e  A Tribe Called Quest. Le sue sonorità reggae vintage fanno ballare da decenni tutto il mondo, anche grazie alla incredibile voce trainante di Horsemen.

In apertura di serata, ci sarà spazio sul palco per i Bari Jungle Brothers che con le loro rime raccontano storie ed esperienze di tre generazioni di mc’s locali, Reverendo, Torto, Walino, Il Nano e Ufo. A settembre, arriva il loro nuovo album anticipato dall’uscita, in questi giorni, del singolo “Lungomare” feat. Clementino.

Inoltre, prima e dopo gli show degli ospiti, selezioni musicali dei dj del collettivo Hot Chocolate Black'n'Vibes: South Love Vibration , SMORF SOUND, Dj Fato aka Supayouth e Purple crew.
In sala 2, il collettivo Easy presenta Whatsapp Party - Pop and more  con  Danny Dee e HARDEED.

Prevendite su bookingshow

Start: apertura cancelli 22.30
Ingresso 8 euro (prima di mezzanotte, dopo 10 euro)

Info: 340/6156380, 328/2828244

Eremo Club, SS Molfetta-Giovinazzo Km. 779 (uscita Cola Olidda)

MasciaraeMOLFETTA - Inaspettata appare l’accoglienza riservata in Nord America al cortometraggio “Masciarae” del Gruppo Farfa, per la regia di Mimmo de Ceglia, Serena Porta e la fotografia di Giordano Balsamo, che, dopo l’American Premiere in Florida dove è stato premiato come migliore cortometraggio straniero all'L-DUB Film Festival - Lake Worth, si appresta alla Premiere canadese, prima al Niagara Integrated Film Festival e, tra qualche giorno, a Toronto, all’ICFF  Italian Contemporary Film Festival, in una selezione dei più apprezzabili lavori italiani di lungometraggio, documentario e cortometraggio dell’ultimo anno. Qui “Masciarae” il 14 e il 15 giugno avrà l’onore di aprire le proiezioni di due film pugliesi di indiscusso successo, “Quo vado” di Gennaro Nunziante e “La prima luce” di Vincenzo Marra. Dopo il Canada sarà nuovamente presentato negli Stati Uniti allo Scout Film Festival in Vermont, una manifestazione dedicata al cinema dei ragazzi. Il cortometraggio “Masciarae”, infatti, nasce come ultimo segmento di un workshop gratuito per ragazzi, i quali hanno partecipato attivamente ad ogni fase della realizzazione. Il 23 giugno, ancora negli USA, sarà al Doc Sunback Film Festival e in luglio al Lima Bean Film Festival. Il cortometraggio, che può già contare 4 premi e quasi 30 selezioni nazionali e internazionali negli ultimi mesi, parla di un gruppo di ragazzi che nel giorno del sabba rincorrono curiosi una strega, la ‘masciara’ appunto, una donna emarginata e bandita, deformando la visione di ciò che accade mediante il filtro della superstizione e del pregiudizio. Il cortometraggio, un ‘low-budget’, tratto da un racconto di Orazio Panunzio in “Molfetta attraverso le costellazioni”, è stato quasi interamente auto-prodotto con l’importante sostegno del Comune di Molfetta, dell’Associazione Rearte e dell’IISS Mons. A. Bello di Molfetta, che ha fornito l'apporto del suo settore di Grafica e Comunicazione Tecnologica.

ZIROBOP webMOLFETTA - Continua la stagione musicale al The Empty Space di Molfetta (piazza Effrem 11) Sabato 25 giugno 2016 alle ore 21, in programma il concerto di Ziro Bop, con uno tra i più versatili e creativi batteristi italiani, Enzo Zirilli, alla testa del suo quartetto che comprende, accanto ai chitarristi Alessandro Chiappetta e Rob Luft, il talentuoso contrabbassista, compositore e arrangiatore Misha Mullova-Abbado, figlio d'arte (il padre era il grande direttore d'orchestra Claudio Abbado e la madre è la violinista Viktoria Mullova).

Enzo Zirilli si sposta a Londra, nel 2004 da Torino, diventando rapidamente uno dei batteristi più richiesti nel Regno Unito, cosi come in Europa. Ha registrato e realizzato tournee in tutto il mondo con tanti artisti provenienti dal jazz, world music, latin, funk e scena pop. ZiroBop è un viaggio a 360 gradi nella musica, dall’early jazz, attraverso il bebop e l’hard bop fino al funk, prog rock, musica indiana e latino-americana.

Per la serata al The Empty Space verranno presentate le dodici tracce dell’omonimo cd ZiroBop ( UR records) pubblicato lo scorso anno. Contenuti intensamente meditativi si alternano ad altri più movimentati, intrisi da autentico swing, un paesaggio ricco di sfumature multicolori.

Sul palco Enzo Zirilli (batteria), Rob Luft (chitarra), Misha Mullov-Abbado (contrabbasso) e Alessandro Chiappetta (chitarra)

Nel pomeriggio di Sabato 25 Giugno  dalle 16 alle 19 ci sarà un workshop di musica d'insieme con il quartetto.

Informazioni e prenotazioni: 393.8170201; 340.6436415

www.theemptyspace.eu

GIOCHIMOLFETTA - In una splendido ultimo giorno di scuola, mercoledì 8 giugno, si è svolta la manifestazione conclusiva del progetto Una storia per Molfetta”,  che è stato condotto nelle classi quarte di quest’anno,  dall’esperto Pietro Capurso. Attraverso il racconto di una nonna, alquanto moderna, per la verità, (ma si sa, i tempi sono cambiati!) e con la partecipazione speciale di “Cumma Gatte” affacciata alla finestra come special guest…si sono susseguite, rappresentate dai bambini, scene di vita popolare legate alle tradizioni, usanze, costumi molfettesi degli inizi del 900 appartenenti ad un tempo ormai andato, ma che è bene far conoscere alle nuove generazioni, intervallate da situazioni di gioco che hanno accomunato genitori e figli in momenti di allegria. La storia di Rosa Picca, rivista e raccontata da un’alunna; laspetto religioso, le preghiere e le litanie, il gioco del tiro alla fune che, naturalmente, ha visto vittoriosi i figli sui genitori, Il gioco delle pecore (ogni mamma pecora doveva riconoscere il suo agnellino), Il gioco dei palloncini…e dei greggi,…le zingarelle e u conza siegge, i giochi popolari (u tundre, le cinque pietre…la gomme e moscacieca), la meiestre, a la lembe a la lembe e u presepe, Il correre saltando...e per concludere… un gioioso ballo finale!

Per ulteriori informazioni consultare il sito istituzionale

www.scardignosaviomolfetta.gov.it

profgiovineMOLFETTA – Grande orgoglio cittadino per Il prof. Cosimo Giovine, vincitore per l’anno 2016 del premio JA Teacher Award, nell'ambito del Programma di Junior Achievement Impresa in Azione. Con questo riconoscimento l’associazione no-profit, Junior Achievement, premia quei docenti che, attraverso il programma "impresa in Azione", offrono professionalità, tempo, passioni e relazioni negli studenti e nella scuola. Cosimo Giovine, Nasce a Molfetta nel 1966, è docente di Gestione Progetto e Organizzazione d’Impresa presso l’ITIS Sen. Jannuzzi di Andria. Il premio JA Teacher Award, nasce in un momento in cui a livello mondiale si vuole riconoscere il ruolo fondamentale dei docenti tramite il lancio del Global Teacher Prize, anche Junior Achievement conferma il desiderio di investire sui docenti che, attraverso il programma Impresa in azione, offrono professionalità, tempo, passione e relazioni negli studenti e nella Scuola. Il vincitore del premio, viene insignito sulla base di criteri di eccellenza, efficacia e innovazione per essersi distinto in una o più delle seguenti aree:

  • riadattamento e miglioramento dei contenuti didattici
  • successi ottenuti
  • attenzione al contesto e alla comunità locale
  • attenzione al contesto globale
  • attività di mentoring con nuovi colleghi

Scelto da una giuria interna, il prof. Giovine ha ricevuto un premio economico di 500 euro, che sarà destinato a esperienze di formazione e aggiornamento professionale.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino