Redazione_Online

Redazione_Online

don 02MOLFETTA - In occasione del primo quinquennale della scomparsa del M° don Salvatore Pappagallo, la Scuola Dvorak, in collaborazione con l’etichetta discografica Digressione Music e la cooperativa FeArT presenta il primo volume dei “Quaderni di cultura musicale”. Autore del volume “don Salvatore Pappagallo, storia di un musicista carismatico” è il prof. Giovanni Antonio del Vescovo. Nella stessa occasione sarà presentato il primo CD di una serie di produzioni discografiche su don Salvatore dal titolo “don Salvatore, musicista visionario”. Il disco è pubblicato dall’etichetta discografica Digressione Music di Molfetta.

Interverranno:

il prof. Giovanni Antonio del Vescovo, autore del libro;

il M° Mauro Pappagallo, già docente di organo e composizione organistica presso i conservatori di Torino e Pescara, fratello di don Salvatore Pappagallo;

il M° Gianpaolo Schiavo, direttore del conservatorio di Bari;

il M° Nicola Scardicchio, compositore, docente di storia della musica del conservatorio di Bari;

Girolamo Samarelli, editore musicale (Digressionemusic);

Lazzaro Nicolò Ciccolella, presidente della scuola Dvorak di Molfetta;

Concluderà la serata l’esecuzione in prima assoluta di “Caelorum lumen influit”, mottetto a cappella di don Salvatore Pappagallo. L’esecuzione, a cura dell’Ensemble vocale Dvorak, sarà diretta dal M° Matteo Salvemini.

Molfetta 17 giugno 2016 ore 21.00 museo Diocesano.

MIRAGMOLFETTA - A Miragica la musica giovane è di casa con Puglia Style Music Contest, evento organizzato da Radio Selene,  aperto a cantanti solisti e band. L’evento, gratuito, è dedicato alla promozione di nuovi talenti pugliesi. Tutti i sabato, dall’11 giugno al 13 agosto ci saranno le selezioni. I giovani talenti si esibiranno, alle 15.30, sul palcoscenico del Gran Teatro di Miragica, sullo stesso palco su cui sono saliti Arisa, Cristina D’Avena, Simone Cristicchi, l’Orchestra sinfonica della provincia di Bari, Le più quotate cover band italiane, il premio Oscar, Nicola Piovani, Kledi, Platinette, Antonino e tanti altri. A seguire, le date saranno rese note nelle prossime settimane, ci saranno semifinale e finalissima. Tutti i partecipanti al Contest saranno valutati da una giuria tecnica composta anche da giornalisti e musicisti. In palio Radio Selene mette la registrazione di un EP, o la realizzazione di un videoclip, e la promozione radiofonica del vincitore che potrà anche tenere uno show case nel teatro del parco divertimenti Miragica. Il Regolamento completo è disponibile sul sito www.radioselene.it

SCARDIGNOMOLFETTA - La consapevolezza dell’uso delle proprie emozioni, funzionale al miglioramento dei rapporti interpersonali, è stata il tema conduttore della manifestazione conclusiva del progetto di inclusione scolastica “Emozioni …in rete”, che ha coinvolto le classi 3°C, 3°D e 3°E di Scuola Primaria. L’evento si è svolto lunedì 6 giugno nella Piazza dell’Amicizia della sede ”Scardigno”.

La regia della manifestazione è stata affidata all’esperta dott.ssa Marta Vilardi (psicologa clinica, iscritta all’albo degli psicologi della Regione Puglia, in formazione presso la scuola di psicologia S.P.C.) la quale è riuscita a coinvolgere il numeroso pubblico di parenti e amici creando un intreccio di pensieri e di emozioni tra adulti e bambini. La manifestazione si è aperta con la fruizione di un video riguardante i momenti più significativi del progetto che ha preso avvio con la lettura del libro “La caverna misteriosa” di Bacchini- Di Marco, un racconto liberamente tratto dal celeberrimo Mito della Caverna di Platone. L’esperta ha inizialmente fornito, in maniera esaustiva, informazioni riguardanti il progetto. Successivamente, la classe 3°C ha rappresentato, attraverso una suggestiva coreografia, le emozioni della paura e della rabbia. Gli alunni hanno poi mostrato, coinvolgendo i presenti, la “Rapida manovra anti-rabbia”, procedura che è possibile mettere in atto solo dopo aver capito consapevolmente di essere arrabbiati. A seguire, i bambini della classe 3°D, con una intensa coreografia, hanno messo in scena le emozioni del disgusto e della sorpresa. Hanno poi invitato i presenti ad eseguire insieme a loro “L’esercizio della mongolfiera” consistente nell’azionare pensieri positivi capaci di spingere il più lontano possibile le emozioni negative. E’ giunto poi il momento della spumeggiante coreografia eseguita dagli alunni della classe 3°E ,i quali hanno rappresentato le emozioni della tristezza e della gioia. I bambini hanno coinvolto i presenti in un esercizio di meditazione che si è concluso con la produzione di festose bolle di sapone che hanno idealmente avvolto la tristezza e le preoccupazioni facendole scomparire e lasciando il posto a pensieri di gioia. In conclusione, tutti i bambini hanno espresso a gran voce e in maniera corale un pensiero di E. Breda: “Reprimere le emozioni è come avere una bomba ad orologeria nel corpo”. E’ in questo tipo di progetti che la scienza, in questo caso la psicologia, trova il suo campo di esperienza, il banco di prova delle sue teorie.

Per ulteriori informazioni consultare il sito istituzionale

www.scardignosaviomolfetta.gov.it

IMG 20160607 WA0028MOLFETTA - Il 6 giugno 2016 presso il Teatro Don Bosco di Molfetta si è svolto lo spettacolo dal titolo: “Tra scuola e fantasia”.

I bambini delle classi quinte dell’I. C. “Manzoni - Poli” del plesso “C. Alberto” hanno messo in scena gli usi e i costumi del popolo dell’Antica Roma immedesimandosi nei personaggi del tempo.

A confronto sono stati messi i mezzi e gli strumenti utilizzati nella scuola dell’Antica Roma e quelli di oggi di tipo digitale.

Ad impreziosire la serata il coro “Voci in gioco”, fiore all’occhiello della scuola primaria, diretto dall’Ins. Damiana Spaccavento. Attraverso le canzoni tratte dalle fiabe della Walt Disney il coro ha espresso la bellezza di cantare e narrare le fiabe più amate dai bambini.

Il preside Michele Laudadio, presente a tutta la manifestazione, si è congratulato con insegnanti, bambini e genitori per l’ottimo lavoro svolto durante tutto l’anno.

I bambini di V hanno salutato le loro maestre felici di aver condiviso cinque stupendi anni trascorsi insieme certi, come hanno ben cantato, che “… i sogni diventano davvero realtà …” (canzone dal titolo: “Somewhere over the rainbow”).

Noi, dunque, auguriamo loro un nuovo inizio e parafrasando Cesare Cremonini gli diciamo “Buon viaggio, che sia un’andata o un ritorno, che sia una vita o solo un giorno …” comunque vada e dovunque andrete amerete il finale e lo porterete sempre con voi.

Locandina Fermento Antico locandina 2016MOLFETTA - La birra dei cavalieri rossocrociati e la storia di Molfetta al tempo dei templari,  dal 16 al 18 giugno Molfetta ospita “Fermento Antico”; il primo festival  medievale della birra artigianale.

Sarà una lunga tre giorni dedicata ai Templari, alle crociate, alle birre e alle squisitezze abbinabili al Cibo dei cavalieri rossocrociati, Fermento Antico,  sarà un’occasione imperdibile per il grande pubblico che potrà immergersi nella cultura medievale tra  dimostrazioni, degustazioni guidate, abbinamenti e assaggi.

Si comincia  dalle ore 18 del 16 giugno, con le visite guidate al Duomo Vecchio e  alla Sala dei Templari a cura dello Iat di Molfetta, dalle ore 19 sarà possibile gustare i piatti tipici della cucina medievale da accompagnare  con il nettare di Odino, la birra; per l’occasione saranno allestiti diversi stands di birra artigianale, di origine inglese,  italiana, tedesca e belga.

Alle ore 20  si terrà  in via Piazza, lo spettacolo itinerante “Giullarata di Ranzullo e la sua dolce “Cecchina” con attori e musici, mentre sino a mezzanotte l’associazione Melphicta nel passato darà vita a combattimenti crociati.  

Piazza Amente  sarà il luogo del popolo e dei giochi medievali dove la compagnia de il Carro dei Comici interpreterà giullarate giocose medievali, seguirà alle ore 21 l’esibizione dal titolo “Giocondo Medievale” e alle ore 21.30 “Lina t’indovina”. Piazza Municipio sino a mezzanotte sarà teatro di  giochi di tiro con l’arco medievale e di laboratori didattici dedicati ai piccoli cavalieri.

Si riparte venerdì 17 giugno per il secondo giorno di Fermento Antico  dalle ore 18, con una variazione alle ore 21 in piazza Amente,  dove la compagnia de il Carro dei Comici delizierà, il popolo con una nuova pièce comico teatrale dal titolo “Per tutti i Santi” . Sabato 18 giugno, terzo e ultimo giorno di Fermento Antico, il centro antico  di Molfetta sarà ancora teatro di degustazioni,  pietanze, birre medievali, spettacoli e laboratori.  Il Carro dei Comici alle ore 22, in piazza Amente interpreterà una nuova pièce  musico teatrale dal  titolo “Una gatta a mezzanotte”, mentre le vie del centro antico ospiteranno il corteo medievale con la sfilata di tamburasti e cavalieri, musici e artisti con le compagnie Federicus di Altamura, Fieramosca di Barletta, Imperius di Bitonto, Melphicta nel Passato di Molfetta, Avis Arcieri di Bisceglie e G. Di Montfort di Gravina di Puglia.

Al teatro, alla cultura e all’ intrattenimento storico si unirà la degustazione di venti tipologie di birre artigianali.
Alla degustazione si unirà l’assaggio di cibi da passeggio e ricette dell’epoca all’interno dei locali del centro antico. Per informazioni 340.6663363 - www.facebook.com/fermentoantico  - #‎fermentoantico2016
- email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

UCIMOLFETTA - Si comunica che domani negli UCI Cinemas, nell'ambito della rassegna settimanale Film in English, dedicata ai film in lingua originale, sarà proiettato (con sottotitoli in italiano) WARCRAFT – L'INIZIO, il film diretto da Duncan Jones  e interpretato da Travis Fimmel, la star di Vikings, Paula Patton, Ben Foster, Ruth Negga, Dominic Cooper e Toby Kebbel. Warcraft è l'epica avventura di un conflitto tra mondi in collisione, basata sul celebre videogioco di Blizzard Entertainment. Il pacifico regno di Azeroth è sul piede di guerra e la sua civiltà è costretta ad affrontare una terribile stirpe di invasori: i guerrieri Orchi in fuga dalla loro terra agonizzante e pronti a colonizzarne un'altra. Quando il portale che collega i due mondi si apre, un esercito va incontro alla distruzione, mentre l'altro rischia l'estinzione. Da fronti opposti, due eroi affronteranno un conflitto che deciderà il destino delle loro famiglie, dei loro popoli e della loro terra. Così ha inizio una spettacolare saga di potere e sacrificio, durante la quale la guerra avrà molte facce, e ognuno combatterà per la propria causa. Il prezzo della proiezione è il ridotto previsto per la giornata di mercoledì. Per informazioni e orari consultare il sito www.ucicinemas.it

Papa Francesco Padre Onofrio AntonioMOLFETTA - Lo scorso 26 maggio presso il salone san Francesco, parrocchia san Francesco d’Assisi in Campi Salentina (Le), il nostro conterraneo Padre Onofrio Antonio Farinola, parroco della stessa, ha presentato dinanzi alla stampa e ad una folta platea, il suo ultimo lavoro “DON TONINO E PAPA FRANCESCO. Per una profezia di misericordia” . Il testo, così già lo si evince dal titolo, parla delle innumerevoli somiglianze tra Papa Bergoglio ed il nostro sempre caro e amato Vescovo Don Tonino Bello . Inoltre, l’autore, non è nuovo a pubblicazioni del genere che trattano le molteplici similitudini tra le due figure; infatti un altro testo già da diverso tempo in edicola, è denominato “IL POTERE DEI SEGNI” e che poi egli stesso ha consegnato tra le mani del Santo Padre(come lo si evince nelle foto in allegato alla presente).

 

Il libro di fra’ Onofrio è una litania di temi che approfondiscono, da diverse angolature, le differenti prospettive della profezia cristiana, così come è possibile intravederla in don Tonino e in Papa Francesco. Si tratta di un insieme di melodie che formano la grande sinfonia della profezia evangelica. Una profezia che investe tutta la Chiesa e si manifesta come condivisione di ideali e di orizzonti, e insieme, come enucleazione di forme inedite di “ospitalità della soglia”; una profezia che è partecipazione alla vita del popolo e condivisione del linguaggio, dei gesti,dei simboli; una profezia che ha il sapore di una fede colma di umanità e di prossimità con tutti, soprattutto con i più poveri e i più deboli; una profezia che mantiene sempre aperte le porte, fa il primo passo e si mette al passo con gli ultimi; una profezia che ha il “timbro francescano” e, del Poverello di Assisi, intende riprendere l’anelito alla “perfetta letizia”; una profezia che è, nello stesso tempo, denuncia e annuncio, provocazione e stimolo, preghiera e azione; una profezia che vale per tutti i membri della Chiesa e diventa esortazione speciale per i consacrati.

Così mons. Vito Angiuli, vescovo di Ugento-Santa Maria di Leuca, si è espresso nella presentazione che apre il nuovo lavoro di fra Onofrio Antonio Farinola, frate cappuccino nativo di Molfetta, che senza troppe forzature ha saputo individuare nelle figure del vescovo Tonino Bello e di Papa Francesco due espressioni di profeti di misericordia.

Il libro è una vera e propria litania di tutti quei temi che accomunano i due protagonisti in discussione. Suddividendosi in due capitoli, il testo tratta della “questione” Chiesa e della “questione” mondo. Sembra che la domanda di fondo che congiunge i due capitoli e i paragrafi sia: come oggi il cristiano può vivere la sua vocazione nella Chiesa e nel mondo?

A vedere le due figure si può individuare il modo dell’agire morale del cristiano nella profezia. Il credente in Cristo è fondamentalmente un profeta.

È dalla profezia che nasce l’idea di una “Chiesa povera e per i poveri” (Papa Francesco), o di una “Chiesa estroversa” (don Tonino Bello); è dalla profezia che può svilupparsi il concetto di una Chiesa che vive la periferia (cfr. Papa Francesco) e di una Chiesa capace di mettersi agli incroci delle strade del mondo per annunciare la Parola (cfr. don Tonino); è dalla profezia che possono germogliare sacerdoti e religiosi che profumano di pecore (cfr. Papa Francesco) e che profumano quindi di popolo (cfr. don Tonino); è dalla profezia dei cristiani che la pace può essere un ideale che sia concretamente realizzabile come “prodotto” artigianale (cfr. Papa Francesco), fabbricato cioè da una chiara testimonianza di vita (cfr. don Tonino); è dalla profezia che si evita quella cultura dell’indifferenza e dello scarto (cfr. Papa Francesco), senza far prevalere sull’uomo una economia che uccide i poveri (cfr. Papa Francesco e don Tonino); è dalla profezia che i giovani possono essere grandi sognatori di sogni diurni (cfr. Papa Francesco e don Tonino).

Secondo il nostro Autore don Tonino Bello nel suo agire pastorale ha anticipato quello che oggi Papa Francesco attualizza in favore di una Chiesa che profumi realmente di popolo, di una Chiesa umana, di una Chiesa che sta davvero dalla parte dei poveri, di una Chiesa che non ha paura di annunciare l’eversività del Vangelo.

Quello spirito che ha animato il vescovo di Molfetta e che oggi anima Papa Francesco, uno spirito marcatamente francescano, può e deve animare oggi ogni singolo credente per costruire una Chiesa che viva al fianco del mondo, soprattutto di un mondo segnato dalla sofferenza e dal dolore, dalla povertà e dalla miseria.

Spero, infine, vivamente che questi eventi così acclamati e sentiti in altre parti d’Italia, possano finalmente avere il giusto peso anche nella NOSTRA AMATA MOLFETTA , la quale potrà avere sicuramente mille e mille difetti, dove ogni giorno ad ogni ora si pensa al bene proprio e non a quello comune, ma resterà sempre e comunque LA CITTA’ (DELLA PACE) PIU’ BELLA IN ASSOLUTO!

SAVIOSCARDIGNOMOLFETTA - Ognuno di noi, durante l’infanzia, cresce con miti e leggende diverse; c’è chi conosce tutte le favole dei fratelli Grimm e chi non li ha nemmeno mai sentiti nominare; chi guarda determinate serie di cartoni animati, non perdendosene neppure una puntata e chi, invece,  ascolta determinate canzoni o chi ne impara altre. Ci sono alcune cose, però, che nonostante queste differenze, sembrano contraddistinguere l’infanzia di tutti, una di queste cose sono i film della Disney. “C’era una volta…”  è un’espressione che ha accompagnato tante generazioni nel mondo dei sogni, popolati da principi, principesse, mostri inquietanti e buffe creature, streghe e valorosi cavalieri. A partire dagli anni ’30 le pagine dei libri di favole sono mutate in immagini grazie alla creatività di Walt Disney, un imprenditore americano con un grande talento per la narrazione, che è diventato il padre dei film d’animazione che ancora oggi riscuotono un grande successo. Con il termine “Classici Disney” vengono solitamente definiti in italiano i lungometraggi d’animazione prodotti dalla Walt Disney Animation Studios, uno studio di animazione statunitense con sede a Los Angeles. Lo studio ha prodotto 55 lungometraggi a partire da “Biancaneve e i sette nani”. Su tutti questi film ci sarebbe molto da dire e molto da raccontare, ma oggi ci soffermeremo su alcuni brani musicali, che costituiscono un elemento fondamentale della “magia disneyana”. Con queste canzoni sono cresciute almeno tre generazioni di bambini e sono ancora amatissime anche dai bimbi di oggi. Per i più grandicelli, invece, racchiudono i ricordi d’infanzia ed è impossibile non canticchiarle …

PINOCCHIO: basato sul romanzo di Carlo Collodi “Le Avventure di Pinocchio. Storia di un burattino” del 1883. La colonna sonora “When you wish upon a star”, in italiano “Una stella cade”, è diventata un emblema di tutta l'opera di Walt Disney recitando: "When you wish upon a star, makes no a difference who you are, anything your heart desires will come to you". Letteralmente diventa: “Quando credi in una stella, non importa chi tu sia, tutto quello che il tuo cuore desidera verrà da te”.

CENERENTOLA o CINDERELLA: è basato sulla fiaba di “Cenerentola” di Charles Perrault e dei fratelli Grimm. Il segreto per non rinunciare ai propri desideri sta nel continuare a sognare. E’ l’umiltà che si traveste di tenerezza, è la bontà dell’animo che alimenta la pazienza. Il cuore come unica fonte di sapere. Una scarpetta la sua fortuna. “E il sogno realtà diverrà...” Non bisogna mai smettere di sognare, perché è proprio nei sogni che troviamo la gioia e la speranza: questo è il suo messaggio … un concetto attualissimo!

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE: in tutto il mondo il 4 luglio è l’Alice Day, il giorno in cui si celebra la protagonista di “Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie”, uno dei più famosi libri fantasy della storia. 

LA CARICA DEI 101: è il primo Classico Disney che si presume sia ambientato nell'anno in cui è uscito, poiché tutti i precedenti erano ambientati in un'epoca passata o in un mondo di fantasia con nessuna epoca riconoscibile.

LA SIRENETTA:  il mare e la bellezza degli abissi. Una sirenetta e il suo sogno di una vita diversa. Sacrificare il dono più prezioso per raggiungere il suo amato. È il proprio canto la moneta per il passaggio al mondo degli umani. “Ma lassù cosa mai ci sarà?”

LA BELLA E LA BESTIA: l’inganno dalle apparenze che nasconde la vera bellezza del cuore. Un principe, una fata travestita da mendicante ed un mostruoso incantesimo. Solo il vero amore lo salverà. La prepotenza del tempo che come una rosa sfiorisce. “Chi avrebbe mai potuto amare una bestia...”

IL RE LEONE: l’invidia forza motrice della savana africana. L’eredità di un regno selvaggio contesa tra il bene e il male. Un cucciolo ingenuamente convinto di essere stato la causa di un indomabile caos e che riscopre il senso della vita grazie a due amici spensierati. “Siamo tutti collegati nel grande cerchio della vita...” Hakuna matata è un’espressione di uso estremamente comune in molte regioni dell'Africa centro-orientale, una possibile traduzione in lingua italiana è "non ci sono problemi" o "senza pensieri".

ALLADIN: un genio e tre desideri per cambiare il destino di un giovane. Un giovane che valeva assai più di quanto non apparisse. Un amore impossibile come un tappeto volante  diventa realtà per mezzo di una lampada. “Le notti d'Oriente, fra le spezie e i bazar, son calde lo sai e ti potranno incantar...”

In una magica serata, il 31 maggio, l’orchestra della scuola secondaria di primo grado S. D. Savio e gli alunni delle classi quinte dei plessi R. Scardigno e V. Valente, nella Piazza dell’Amicizia, hanno allietato con musiche e canti genitori, nonni, amici e quanti hanno voluto trascorrere delle ore piacevoli ascoltando canzoni che racchiudono molti ricordi d’infanzia. Al termine, la Preside, dott.ssa Paparella Nicoletta, ha preso la parola per ringraziare tutti gli alunni che hanno mostrato un grande impegno e tutti i docenti che hanno collaborato per la buona riuscita della serata.

Dopo aver salutato gli alunni delle classi terze della scuola secondaria, ha ceduto la parola all’insegnante Morgese Marilina, che, a nome delle colleghe di quinta, ha voluto salutare gli alunni che fra qualche giorno lasceranno i banchi della scuola primaria. Li ha esortati a mettere in campo tutto il loro valore, soprattutto la loro responsabilità, il loro entusiasmo, la loro curiosità conoscitiva con cui hanno impreziosito questi irripetibili e fantastici cinque anni. Cinque anni effervescenti, appassionanti, in cui di fatica ce n’è stata tanta, sicuramente, ma non sono mancati i momenti di divertimento, di gioco, di ricerca e di scoperta. Di certo tutti proveremo un po’ di nostalgia per le intere mattinate trascorse a raccontare, scrivere, numerare, costruire schemi, mappe, progetti, fare musica e altro ancora, ma potremmo continuare idealmente il nostro sodalizio se continueremo ad amare i libri  e le meravigliose avventure che essi fanno vivere. Anche se non staremo più insieme, saremo comunque presenti per spronarvi ed incoraggiarvi. Siate felici, ma felici proprio di quella felicità che fa bene al cuore e per esserlo siate sempre voi stessi, scegliete cosa volete essere e siate il meglio di ciò che avete scelto. Vi abbracciamo tutti, ad uno ad uno, con infinito amore!

Per ulteriori informazioni consultare il sito istituzionale

www.scardignosaviomolfetta.gov.it

scambialibro facebookMOLFETTA - L’iniziativa SCAMBIALIBRO, promossa dalla libreria LUMEN FIDEI in Vle Pio XI a Molfetta in collaborazione con la Prof.ssa Anna Panunzio, con lo IAT, con la tisaneria AMARCORD e la FA’ fiera delle autoproduzioni, ha un duplice obiettivo:

-         dare una “seconda vita” ad un libro                                                                        -         proporre un’offerta di lettura priva di tutte le norme che regolano il prestito o l’acquisto, che non intimidisce o ostacola l’accesso a persone che vogliono un libro senza dover effettuare alcuna operazione.

SCAMBIALIBRO crea la possibilità di lasciare i libri che non si ha più voglia di avere in casa, che si sono letti, che si sono iniziati e che non si finiranno mai, che si sono amati e si vogliono condividere… Insomma offre un’altra vita a un libro che resterebbe altrimenti inutilizzato nella propria libreria di casa.
Chiunque può attingere alle piccole librerie SCAMBIALIBRO, prendere uno dei libri che vi sono a disposizione, senza formalità, senza schede di prestito.
L’invito a tutti è quello di dare un’occhiata e poi di usare queste piccole librerie prendendo e lasciando libri, nell’auspicio che lo spirito dell’iniziativa venga realmente compreso e che non si confonda con un punto di raccolta differenziato, una specie di “svuotacantina”, quella che è la possibilità di scambiarsi in regalo libri da leggere in una cerchia più ampia di quella dei propri amici e conoscenti, considerando così tutti i membri della comunità come se fossero tali.

Ecco il regolamento:

SCAMBIALIBRO

REGOLAMENTO e ISTRUZIONI

Come funziona?

Dovrai recarti presso un punto che ospita le piccole librerie SCAMBIALIBRO. Solo per la tua prima volta donerai un libro di tua proprietà e prenderai un libro che ti interessa.  Quando avrai finito di leggere il libro scambiato potrai restituirlo in un punto qualsiasi del circuito e non necessariamente nel punto in cui l’hai preso.

Dove posso scambiare un libro?

Troverai le piccole librerie SCAMBIALIBRO a Molfetta presso: la libreria LUMEN FIDEI Viale Pio XI , la tisaneria AMARCORD in via Piazza, il punto informazione turistica IAT in via Piazza e la  FA’ Fiera delle Autoproduzioni in P.zza Municipio che si tiene nell’ultima domenica del mese.

Quali libri posso scambiare?

Puoi scambiare qualunque libro di narrativa o poesia, sia di autori italiani, sia di autori stranieri, edito da qualunque casa editrice, nuovo o usato. NON SCAMBIAMO SAGGI, SCOLASTICA, LIBRI PER L’INFANZIA e libri della collana HARMONY. Devo registrarmi, compilare una scheda da qualche parte oppure versare una quota d’iscrizione ?

No!

Sono obbligato a restituire un libro, una volta letto?

Sì!

Posso donare senza scambiare?

Sì, ma SOLO presso la libreria LUMEN FIDEI in Vle Pio XI. Tutti i libri donati saranno etichettati con il logo dell’iniziativa e avranno un posto nelle piccole librerie SCAMBIALIBRO.

Quante volte posso scambiare libri ?

Tutte le volte che vuoi, basta avere almeno un libro da scambiare.



 

AS1MOLFETTA - L’IISS AMERIGO VESPUCCI intende promuovere e valorizzare le Eccellenze della scuola, cioè tutti quegli alunni che nel corso dell’anno scolastico si sono distinti per un maggior impegno non solo nelle attività curricolari , ma anche nelle attività extrascolastiche. Borse di studio , gentilmente concesse dall’OPERA PIA MONTE DI PIETA’ E CONFIDENZE, saranno consegnate agli alunni più meritevoli. Menzioni speciali per gli alunni vincitori di prestigiosi concorsi sia a livello cittadino che regionale e nazionale. Premi per i vincitori delle gare sportive. Particolare attenzione sarà posta per le attività di alternanza scuola-lavoro degli studenti del Vespucci, della sede coordinata Banti di Giovinazzo e del serale. La manifestazione sarà arricchita da una mini sfilata delle alunne del Settore Moda che mostreranno i lavori realizzati nei laboratori di modellistica/confezione e nei laboratori di progettazione. Un’altra eccellenza del nostro Istituto, la calda voce dell’allieva Daniela Gadaleta che introdurrà la serata.Ospite d’eccellenza il baritono Antonio Stragapede. Il Dirigente e tutta la comunità scolastica è lieta di invitare la cittadinanza martedì 7 giugno ore 18.30 Aula Magna dell’IISS A. VESPUCCI.

Il Dirigente

Prof. Francesco Allegretta

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino