Redazione_Online

Redazione_Online

alberi funghi 4Molfetta - Una nostra lettrice ci scrive la seguente e-mail per segnalare un problema che sta interessando molti alberi della nostra città:
"Sono una cittadina molfettese e non sono l'unica che si è resa conto che i nostri alberi, sia quelli presenti sulla zona lungomare che quelli presenti in zona park-club, presentano sulla corteccia delle protuberanze simili a dei grossi funghi di campo. Peccato però che non lo siano affatto. Ho personalmente approfondito la questione facendo numerose ricerche su diversi siti internet, ma ovviamente, non essendo un esperto, non posso dirvi se queste siano veritiere al 100%. Secondo le mie ricerche (in particolare questa), le protuberanze presenti sui nostri alberi altro non sono che una malattia molto pericolosa che colpisce il legno e ne provoca la distruzione. In particolar modo, vorrei sottolinearvi la sorprendente somiglianza con la specie Fomes Fomentarius.

LOCALIZZA IL PUNTO...

piazzetta via generale dalla chiesa 4Molfetta - Un nostro lettore ci scrive per segnalarci lo stato di degrado e di totale incuranza della piazzetta sita nelle vicinanze dell'incrocio tra via Giuseppe Ungaretti e via Madonna della Rosa.
"Avevo all'incirca 10-11 anni - racconta l'autore della segnalazione - quando ogni santo giorno mi recavo nella medesima a giocarvi con i miei amici a calcio e a nascondino. Abbiamo passato la nostra infanzia a sbucciarci le ginocchia in quella piazzetta ed ora a distanza di anni noto che essa è in uno stato pietoso. Si può notare ad occhcio nudo che la pavimentazione è completamente rovinata a causa delle radici per non parlare della formazione di una cunetta formatasi a seguito di infiltrazione d'acqua all'interno del massetto (lo starto su cui poggia la pavimentazione stessa con il relativo collante) creando così un dislivello notevole."

bidone via baccarini puzza pesceMolfetta - Alcuni abitanti di via Baccarini, altezza scuola dell'infanzia Filipetto, ci scrivono stanchi di dover ogni notte annusare i "buoni odori" provenienti dal bidone dell'immondizia che vedete in foto e all'interno del quale vengono gettati gli scarti di una vicina pescheria.

sacchetto-tre-settimane-4Molfetta - Riceviamo una singolare segnalazione da parte di un nostro concittadino, residente nel comparto 15 della città, che ci scrive chiedendo il nostro aiuto:
"Come residente nel comparto 15 e quindi come cittadino di serie B, per risolvere le problematiche quotidiane di un quartiere periferico abbandonato a se stesso dall'Amministrazione, ho come unica speranza quella di segnalarle alla stampa. Scrivo per segnalare la presenza di questo sacchetto di rifiuti, ormai giunto alla terza settimana di vita/presenza a centro strada, si si proprio a centro strada. La strada in questione è la parallela sud di viale Monsignor Bello. Sorvolando sull'educazione civica dell'animale a due gambe che ha abbandonato il sacchetto in strada, la cosa più stupefacente è che in queste tre settimane, nessun mezzo dell'ASM si sia degnato di passare (anche per sbaglio) in queste strade. Avevo già personalmente segnalato in passato come in questo quartiere, i mezzi dell'ASM non passano mai, anzi forse fanno passaggi bisestili visto che negli ultimi 5 anni sono "apparsi" un paio di volte tra lo stupore generale.

topi lungomare 10Molfetta - Riceviamo e pubblichiamo una singolare segnalazione da parte di un nostro lettore che, mentre era intento a godersi il paesaggio che si gode dal lungomare della nostra città, ha notato, tra le ormai solite cartacce e lattine vuote, anche qualcos'altro di strano: dei simpatici ma decisamente poco igienici topi che scorazzano liberamente tra gli scogli oltre la muraglia. Sono numerose le foto che il lettore ha scattato nel tratto del lungomare Colonna alle spalle della villa Comunale per testimoniare la presenza dei numerosi animali. Oltre a chiedersi la provenienza di tali topi (ricordiamo che ultimamente avevamo segnalato proprio nelle vicinanze di tale zona la fuoriuscita di liquido fognario in mare), urgerebbe al più presto una disinfestazione completa della zona.

via maranta molfettaMolfetta - Una nostra concittadina ci scrive per denunciare l'incuranza e l'inadempienza delle autorità competenti al servizio di igiene pubblica e delle autorità competenti al controllo: "Risiedo in via Maranta e posso garantirvi che il cattivo odore prodotto dai cassonetti prospicienti la via Antonello de Lacertis è assolutamente sconcertante. Purtroppo, non tutti i cittadini rispettano l'ambiente, ma posso garantirvi che l'incuranza della detta via non trova rivali.

Siamo in pieno centro cittadino e purtroppo l'elenco da fare è molto lungo: dai cassonetti maleodoranti, alle aiuole "secche" (solo nel periodo natalizio furono impiantate le cosiddette "cime" durate ben poco) ma ricche di feci animali, per non parlare del marciapiede confinate la scuola media Giovanni Pascoli ormai parcheggio di "scorte alimentari" per gli animali che vagabondano in città (spine di pesce, budella, pasta ed ogni altro avanzo in vaschetta di alluminio usa e getta o plastica al seguito, oltre ad arredamento vario, WC, ...).

trenoMolfetta - Dopo l’articolo apparso il 9 ottobre 2012 sulla Gazzetta di Bari circa la tentata violenza da parte di due extracomunitari ai danni di una donna di cinquant'anni in piazza Cesare Battisti (pieno centro cittadino di Bari), alle ore 5.00, mentre attendeva l’autobus per recarsi a lavoro, un nostro lettore ci scrive per condividere "un episodio di ordinaria ingiustizia e micro delinquenza verso cui purtroppo stiamo diventando sempre più rassegnati e indifferenti".

"Sono le ore 19.22 di giovedì 4 ottobre. Una mia collega ed io stiamo rientrando a casa da lavoro. Saliamo sul metrò/treno regionale che collega Mola di Bari a Molfetta. Sul vagone viaggia un extracomunitario, uno dei tanti vagabondi senza fissa dimora che troviamo quotidianamente sui treni, molti dei quali sono spesso senza biglietto; si siede ai sedili posti di fronte a quello dove eravamo sedute. Il vagone è stranamente vuoto visto l’orario di punta. In prossimità di Bari-Palese iniziano gli "atti libidinosi" che esercita senza alcun pudore e ritegno.

allievi carabinieriMolfetta - Un giovane molfettese ci scrive la seguente e-mail per raccontarci la sua esperienza avuta con il concorso per il reclutamento di 1886 allievi Carabinieri:
"Sono un ragazzo partecipante al concorso per il reclutamento di 1886 allievi Carabinieri; concorso che si è ultimato qualche giorno fa con la pubblicazione finale della graduatoria, e le relative partenze per le scuole. Credo di parlare a nome di circa 3000 ragazzi che come me, hanno dedicato anima e corpo per un anno intero, con sacrifici, sudore e spese da affrontare, da parte nostra e delle nostre famiglie, per cercare di realizzarsi indossando la tanto sognata divisa della prestigiosa Arma dei Carabinieri.

Ma, con l'approvazione della Spending Review, nello specifico con il blocco del turn over al 20%, vediamo troncati tutti i nostri sacrifici, i nostri sogni e le nostre aspirazioni. Si, proprio quando tutto sembrava già deciso, e con il concorso praticamente già concluso, sono stati arruolati solo 370 ragazzi; di cui 211 rientrano come carabinieri effettivi, e gli ultimi 159 partono come VFP4 esercito, piuttosto che 1886 come stabilito da bando di concorso.

panchine calvario 1Molfetta - Un nostro lettore ci scrive inviandoci delle foto che denunciano lo stato in cui versano le panchine pubbliche installate nei pressi del Calvario, a due passi dalla villa comunale. Le panchine in questione risultano da tempo malconce a causa dell'incivilità di alcuni vandali. L'autore della segnalazione ci chiede, e si chiede, quale sia il motivo per il quale, dopo cosi tanto tempo, tali panchine non siano state ancora ripristinate.

via capotorti piastrelle marciapiedeMolfetta - Ci giunge segnalazione da parte di un nostro lettore di un marciapiede in via Capotorti, ad altezza del civico 117, che da tempo attende il livellamento di alcune piastrelle, causa di frequenti cadute dei passanti.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino