Redazione_Online

Redazione_Online

Molfetta. La città non può correre il rischio di una gestione commissariale che porterebbe alla perdita di milioni di euro del PNRR

molfettatommaso140622«Domenica 26 giugno, in occasione del ballottaggio, i molfettesi confermano la maggioranza solida già votata il 12 giugno che continuerà il cambiamento o un'anatra zoppa- esordisce Tommaso Minervini-  che porterà all'immediato arrivo del Commissario prefettizio e alla totale paralisi della città».

Con la conferma del Sindaco uscente Minervini, infatti, la maggioranza, oggi già di 13 consiglieri, le 11 liste di Minervini hanno totalizzato oltre il 52,61% dei voti di lista, potrà diventare di 16 consiglieri.

Gli elettori il 26 giugno scelgono il Sindaco dei Molfettesi. Scelgono il Sindaco che più utilmente può da subito riprendere a lavorare per la Città. Scelgono l’esperienza di un Sindaco, scelgono il coraggio del fare. Scelgono di continuare nel cambiamento già in atto per una Molfetta davvero migliore con più lavoro.

La scelta del Sindaco è naturale in quanto Minervini è il capo della coalizione maggioritaria già eletta nel consiglio.

Molfetta non può correre rischi di altre lunghe gestioni commissariali con la sicura perdita di milioni di euro del PNRR.

Non scattando più il premio di maggioranza l'altro candidato sindaco in ogni caso disporrebbe soltanto di 5 consiglieri comunali su 24 cioè un futuro di ingovernabilità o alla meglio grande instabilità o di grandi mercimoni.

«È bene - conclude Minervini - che i molfettesi siano al corrente dei rischi a cui vanno incontro. Le istituzioni zoppe non camminano e sullo sfondo c’è il commissario prefettizio e la perdita di milioni di euro del PNRR, che comprometterebbero il presente e il futuro della città. Dobbiamo invece correre, il 26 giugno al ballottaggio votiamo con coerenza e responsabilità per il bene della nostra comunità. Tutti tornino a confermare il voto al Sindaco dei molfettesi, al sindaco del coraggio del fare, per continuare il cambiamento. Si vota tutti Tommaso Minervini».

Molfetta. Il candidato sindaco Lillino Drago incita la città a voltare pagina con la chance offerta dal ballottaggio del 26 giugno e invita il suo elettorato a partecipare all'assemblea di questa sera presso Corso Umberto

molfettalillinodrago«Il ballottaggio di domenica 26 giugno rappresenta un’occasione storica per Molfetta, per chiudere definitivamente con la sciagurata amministrazione di Tommaso Minervini e per aprire finalmente una nuova stagione di buona politica per la nostra città”.

Con queste parole il candidato sindaco Lillino Drago lancia la carica in vista del secondo turno delle elezioni amministrative e dà appuntamento ai candidati delle sue liste, ai sostenitori, ai simpatizzanti e a tutta la città per una assemblea pubblica che si svolgerà giovedì 16 giugno, alle ore 19 presso il Corso Umberto – Altezza Liceo Classico.

«Il raggiungimento del ballottaggio rappresenta per la nostra coalizione un primo risultato molto positivo. Sono stati smentiti, infatti, tutti coloro che, a urne ancora aperte, già annunciavano la vittoria al primo turno del sindaco uscente.

La maggioranza degli elettori, in realtà, ha bocciato l’operato di Tommaso Minervini e ha espresso il suo giudizio negativo su questi cinque anni di amministrazione, caratterizzati da scandali giudiziari, incuria, degrado e abbandono per la città.

Il sindaco uscente ha addirittura ottenuto meno voti della sua coalizione, a differenza del sottoscritto e dei candidati Mastropasqua e Infante, e questo dimostra quanto sia mal sopportato anche dai suoi stessi sostenitori.

Ora bisogna completare l’opera e chiudere una volta per tutte l’infinita era targata Minervini che, in un modo o nell’altro, amministra Molfetta da oltre trent’anni, avendo cambiato più volte casacca».

«I molfettesi – prosegue Drago – tra pochi giorni avranno la possibilità, con il loro voto finalmente libero da ogni condizionamento, di mettersi alle spalle il sistema di potere rappresentato da questo sindaco e dalla sua coalizione fintamente civica e trasversale, popolata dai soliti trasformisti e opportunisti, che sta bloccando la crescita e lo sviluppo della città.

Per questo auspico che tutti coloro che si oppongono al modello di città trasandata e trascurata che ha realizzato concretamente Minervini, e che hanno già dimostrato nelle urne del 12 giugno la loro contrarietà a questo tentacolare sistema clientelare, convergano sulla mia candidatura e sul modello alternativo che noi proponiamo fatto di decoro urbano, cura della città, sviluppo sostenibile, sostegno alle fasce più fragili e rilancio turistico.

Bisogna restituire a Molfetta la possibilità di guardare con fiducia e speranza al futuro. La nostra città ha bisogno delle sue migliori energie per tornare a spiccare il volo. Noi siamo pronti a metterci completamente al servizio di Molfetta con tutti coloro che vorranno contribuire a questo scopo».

Molfetta. Il 26 giugno si torna alle urne. Le parole del candidato sindaco Tommaso Minervini in piazza Municipio: « Dobbiamo confermare quanto deciso al primo turno, non esistono alternative»

molfettaminervini3150622Ieri sera il candidato Sindaco Tommaso Minervini ha incontrato il suo elettorato in piazza Municipio. Dopo aver ringraziato quanti hanno sostenuto la coalizione al primo turno di elezioni, invita a non demordere e a rimanere uniti per raggiungere l'ultima tappa, quella della vittoria. «I molfettesi hanno già scelto la maggioranza in Consiglio comunale e lo hanno fatto perché condividono una visione di sviluppo incentrata su occupazione e crescita economica».

Lo ha affermato ieri sera il sindaco Tommaso Minervini nel comizio di piazza Municipio. «È un risultato splendido - continua il primo cittadino - e per questo ringrazio tutti gli elettori e i 260 candidati delle 11 liste a sostegno del nostro progetto. Abbiamo fatto tutti insieme una straordinaria operazione di cucitura della nostra comunità.

Nessuno si senta escluso perché siamo una grande comunità di destino. Sarà un ballottaggio strano, ma nessuno potrà dividere, sgranare e lacerare ciò che democraticamente è stato fatto dalla nostra maggioranza operosa.

Dobbiamo confermare quanto deciso al primo turno perché non esistono alternative, a meno che si pensi a inciuci e compravendite che porterebbero nel degrado questa città. Manca l'ultimo miglio, ma sarà un grande passo per il futuro di Molfetta».

Molfetta. Per l'ultima partita di stagione la Molfetta Calcio Femminile sfiderà le ragazze del Nitor Brindisi

molfettacfemminile140622Atto finale del campionato d’Eccellenza Femminile. Questa sera le ragazze di Loredana Lezoche sono chiamate agli ultimi novanta minuti in trasferta a Brindisi contro la Nitor in programma alle ore 18.

Dopo l’amaro pareggio rimediato la scorsa settimana a tempo praticamente scaduto contro il Phoenix Trani, la Molfetta Calcio Femminile è chiamata, ancora una volta, ad una gara di riscatto, alla conquista della prima vittoria in questo campionato.

Un torneo all’insegna dell'equilibrio dove in cinque giornate a dominare è stato il pareggio, ad eccezione proprio della gara d’andata tra Molfetta Calcio e Nitor Brindisi con le salentine capaci di ottenere i tre punti al P.Poli. L’obiettivo è quello di chiudere la stagione in bellezza con una vittoria che potrebbe lasciare ancora una speranza alle biancorosse per la conquista del torneo. Alla fine della regular season tutte e tre le squadre potrebbero addirittura trovarsi a pari punti.

La maggior parte delle ragazze sono state recuperate dai diversi infortuni che le hanno afflitte durante la stagione, ma il tecnico in seconda, Nico Messina, che sarà in panchina in sostituzione del mister Vincenzo Petruzzella, dovrà fare a meno di Arianna Cimadomo fuori per squalifica.

La gara della scorsa settimana contro il Phoenix Trani ha dimostrato crescita, ma anche carattere: sotto di due gol, le biancorosse sono riuscite a ribaltare il risultato prima del pareggio delle tranesi giunto solo al 94’.

«E’ stata una stagione importante dal punto di vista della crescita atletica di queste ragazze – ha commentato Messina – dove buona parte del lavoro è stato assimilato e messo in pratica dalla squadra. Il nostro obiettivo è sempre quello di far meglio e una vittoria contro il Nitor Brindisi sarebbe importante proprio per questo motivo».

Molfetta. A conclusione del progetto PON "Back to school-back to life" giovedì 16 giugno gli studenti del Liceo Classico Da Vinci reciteranno in lingua inglese I ciechi di Maurice Maeterlinck

molfettaciechicontent140622Il ministro Bianchi si è recentemente espresso a favore di una scuola che faccia «diventare i linguaggi del teatro e dell’audiovisivo strumenti per innovare la didattica in aula e per sollecitare le ragazze e i ragazzi a partecipare di più in classe, a lavorare in gruppo, a sviluppare la capacità di risolvere problemi con la loro creatività, a parlare in pubblico».

Obiettivi che sono stati perseguiti dal PON ‘Back to school-Back to life’ Lingua e teatro - Percorso DRAMA. Trenta e più ore di sperimentazione, di utilizzo della lingua inglese fuori dai canoni abituali dell’esercizio o della pagina di letteratura, di conoscenza di se stessi e reciproca per una trentina di alunni del Liceo Classico, fra biennio e triennio.

Un PON che culmina nella messa in scena di giovedì 16 giugno, alle ore 20, nell’auditorium della sede in via Togliatti.

Le ragazze e i ragazzi hanno lavorato con il prof. Andrew Sheldon, loro docente madrelingua ed esperto di teatro, supportato come tutor dalla prof.ssa Vittoria Mezzina. Il prof. Sheldon ha allestito una sua versione de I ciechi, di Maurice Maeterlinck. Nella drammaturgia originale in scena ci sono dodici ciechi, sei uomini e sei donne, perduti in una foresta tenebrosa, che s'interrogano sul motivo della scomparsa della loro guida, temendo per la propria sorte.

Il lavoro sul testo, la sperimentazione con gli alunni, lo stesso confronto con i tempi che stiamo vivendo, lo ha portato a una particolare rilettura, dove The sightless - I ciechi, questo il titolo dello spettacolo, nella società contemporanea sono diventati coloro che sono persi nello schermo dello smartphone.

Uno studio della condizione dell’uomo, marionetta nelle mani di un burattinaio insondabile e inconoscibile, che nel mondo odierno non può neppure più essere inteso come Fato, Destino o Necessità, ma come uno schermo cui affidiamo il nostro bisogno di socialità, di risposte, di senso; quel senso che in definitiva non c’è. Prima dello spettacolo e parte integrante di esso una esposizione di foto e un video backstage.

La Dirigente scolastica, dott.ssa Giuseppina Bassi, ha fortemente sostenuto l’iniziativa, nella consapevolezza che in questo periodo incerto e confuso, di cui i giovani rischiano di risentire in particolar modo, l’esperienza del fare teatro, del ‘play’, il gioco del diventare altro da sé, del mascheramento, della trasformazione, consente di tirare fuori emozioni represse, per liberarsene e può essere assai importante per gli adolescenti.

Molfetta. Fotografia, disegno, pittura e molto altro in un laboratorio creativo che stimolerà la fantasia e la conoscenza di sé

molfettateslaatelier140622L'associazione culturale T.ES.LA – Tempi e Spazi Liberamente Attivi, ha ideato e organizzato l'Atelier Creativo, un laboratorio artistico pensato per ragazze e ragazzi dai 10 ai 13 anni.

Il corso sarà incentrato sulla sperimentazione fotografica, disegno, pittura e riciclo creativo e si svolgerà in otto incontri da due ore, dalle 16.30 alle 18.30. I primi due laboratori si terranno il 21 e il 22 giugno, a questi seguiranno gli appuntamenti del 28 e 29 giugno. A luglio invece gli incontri si svolgeranno il 5, il 6, il 12 e il 13 luglio.

La partecipazione a tutti gli incontri prevede un costo d'iscrizione di 80 euro. Nei prossimi giorni verranno comunicati ulteriori dettagli.

Tutti gli incontri si terranno presso la Cittadella degli Artisti, di Molfetta, in via Bisceglie 775. Per informazioni e per iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., in alternativa si potrà contattare il seguente numero 3486434730.

Molfetta. All'indomani dello spoglio elettorale il sindaco Tommaso Minervini ringrazia i concittadini esortando chi si è astenuto al primo turno di unire le forze per raggiungere la vittoria

molfettatommaso140622«Siamo la prima forza a Molfetta. La città ha premiato la coalizione dei fatti concreti, delle politiche e dei progetti. Ci avviciniamo al secondo turno con fiducia, certi che il cambiamento iniziato cinque anni fa proseguirà con la prossima consiliatura. Con l'auspicio di riuscire a risvegliare la passione e la partecipazione dei nostri concittadini che, al primo turno, si sono astenuti dalla partecipazione attiva». Lo afferma all'indomani dal voto Tommaso Minervini, che stasera alle ore 20, in piazza Municipio, incontrerà gli elettori.

«Ringrazio ad uno ad uno - continua il primo cittadino - tutti coloro che hanno voluto condividere un momento vero di democrazia e di partecipazione popolare non rinunciando al voto. Ma non è finita. Ora è il momento di raccogliere tutte le energie per percorrere, uniti, quell’ultimo miglio che ci separa dalla vittoria. Dall’affermazione di una Molfetta libera dai giochi di partito imposti dall’alto, forte e coesa, pronta ad affrontare le sfide del PNRR e a guardare al futuro con fiducia. Insieme possiamo farlo».

Molfetta. Trafugati il materiale informatico e un televisore

molfettalillinodragoAppena terminate le operazioni di spoglio il Comitato elettorale di Lillino Drago, in Piazza Vittorio Emanuele, è stato saccheggiato da ignoti. Bottino della refurtiva, materiale informatico presente e un televisore. I delinquenti hanno provato a portarsi a casa anche il sistema di amplificazione, ma l'arrivo tempestivo di alcuni candidati, avvisati dai passanti li ha messi in fuga.

«Siamo davvero sconvolti da quanto accaduto – è il commento del candidato sindaco Lillino Drago -. Abbiamo trascorso al Comitato, con tantissimi elettori e simpatizzanti, una serata di attesa e di entusiasmo per il raggiungimento del ballottaggio, ricevendo anche la graditissima visita del Presidente Emiliano. Quando siamo andati via, poi, c’è stata questa intrusione nella nostra sede. Si tratta di un segnale inquietante per le modalità in cui si è svolto e per la tempistica, a poche ore dalla fine dello spoglio elettorale. Se qualcuno ci vuole intimidire con questi metodi criminali, resterà deluso perché noi non faremo nessun passo indietro nella nostra battaglia di legalità per questa città. È evidente che Molfetta ha bisogno di voltare pagina. Non è più tollerabile che ci siano zone franche, tanto in pieno centro cittadino quanto in periferia, in cui vige solo la legge del più forte. È indispensabile che la sicurezza torni a essere una priorità per Molfetta. Ne va della serenità dei cittadini».

L’episodio è stato immediatamente denunciato ai Carabinieri, intervenuti sul posto per i rilievi del caso.

Molfetta. Per una settimana 37 ragazzi di 5 nazioni si incontreranno a Molfetta per acquisire competenze finanziarie

molfettaincolocandina130622Economia personale, housing, gestione del proprio pocket money, competenze finanziarie.
Sono questi gli argomenti che 37 giovani provenienti da Italia, Lituania, Lettonia, Spagna, Croazia, Bulgaria affronteranno grazie allo youth exchange promosso dall’Associazione InCo Molfetta – Aps.

Da oggi 14 giugno, per una settimana, ancora una volta Molfetta diventerà centro nevralgico di confronto e formazione europea attraverso il progetto europeo denominato Financial Literacy for Youth.Lo scambio mira a lavorare con i ragazzi e per i ragazzi su questioni di carattere finanziario e le loro potenzialità.


Obiettivo finale: fornire ai giovani gli strumenti necessari per essere cittadini attivi, indipendenti e consapevoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto di copertina da Pixabay

Molfetta. Un curioso e fascinoso tour storico nel ventre della nostra città

molfettatourfai3Dopo il grande successo del primo appuntamento tenutosi il 15 maggio scorso, sabato 18 giugno si replica con il tour Storia e leggende nella Città Vecchia, a cura del gruppo di volontari FAI di Molfetta coadiuvati dagli studenti del Liceo Classico Leonardo da Vinci.

Si partirà alle ore 18.30 da Piazza Municipio, dove ad attendervi ci saranno i volontari FAI e una guida d'eccezione Pietro Capurso che vi accompagnerà in un viaggio nel tempo alla scoperta di antiche leggende e fatti storici della nostra bella Molfetta.

Capurso, esperto di storia locale, attraverso coinvolgenti racconti e la visita di alcuni tra i luoghi più significativi della città vecchia, rievocherà episodi storici come il sacco di Molfetta, avvenuto ad opera dei francesi nel 1529. Tra le fonti, la traduzione della cronaca del Sacco di Molfetta, scritto nel XVI secolo da Giuseppe Marinelli, tradotto da Mirella Cives, e ridotto e rielaborato per la messa in scena da Maria Teresa Mezzina e Marta Giancaspro.

Oltre le fonti cartacee una diretta testimonianza di quei fatti, accaduti nel lontano 1529, sarà raccontata da alcuni personaggi dell'epoca che magicamente appariranno tra le vie di Molfetta Vecchia.

Per partecipare all'evento è richiesto un contributo minimo di 5 euro e la prenotazione al seguente numero 346 4760192.

 

 





JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino