Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. Barba bianca e un sacco pieno di regali. Tutti i bimbi, anche quelli meno fortunati, in queste ore riceveranno doni, da San Nicola in persona, grazie all’iniziativa promossa dal Comune di Molfetta in collaborazione con Sermolfetta, Auser, Koinos, Gruppi Volontariato Vincenziano. Sono circa 800 i bimbi che riceveranno i doni. «Come ho avuto modo di sottolineare anche in altre circostanze le condizioni di disagio in cui sono costrette a vivere numerose famiglie non deve mai colpire i più piccoli. I bambini – dice il sindaco, Tommaso Minervini - sono tutti uguali, hanno uguali diritti e devono essere protetti e tutelati. Ringrazio per la collaborazione le associazioni di volontariato della nostra città che ancora una volta hanno dimostrato di essere presenti per questa lodevole iniziativa che ha coinvolto centinaia di bambini». «Anche quest’anno il sorriso dei bambini – aggiunge l’assessore alla socialità Germana Carrieri - ci ha ripagato di tutto l’impegno profuso. Preziosa è stata anche la collaborazione delle aziende private del nostro territorio, Gran Shopping Mongolfiera, Puglia Outlet Village, Noi Energia, dell’associazione Imprenditori dell’area industriale di Molfetta e del Rotaract che ringraziamo per la grande sensibilità mostrata, e dei privati cittadini».

 

MOLFETTA. Sesta vittoria consecutiva per la Dai Optical Virtus Molfetta che batte in trasferta il Calzaturificio Lotti Trani con il punteggio di 67-94 e mantiene la testa della classifica in coabitazione con l’Adriatica Industriale Basket Corato. Nel primo quarto le due squadre si affrontano a viso aperto. Gli ospiti soffrono la veemenza e il gioco rapido dei padroni di casa, trascinati da Volpe e Mariani. Nella Dai Optical i soliti Delic Buljan realizzano da sotto le plance. Il primo quarto termina 27-26 con la difesa biancoazzurra completamente da rivedere. La musica cambia nel secondo quarto. Coach Gallo si fa sentire in panchina: sale in cattedra ancora Zvonko Buljan, anche stasera uno dei migliori. La Virtus acquisisce un buon margine di vantaggio , concedendo solo 10 punti all’avversario e si va al riposo lungo sul punteggio di 37-55.
Al rientro dal riposo lungo coach Gallo ruota ancora tutti i suoi giocatori a disposizione. Negli ospiti realizzano FormicaCalisi Liso, mentre Trani si affida a Volpe e Miccoli e il terzo quarto termina 56-75.
L’ultimo quarto è simile al terzo. La Dai Optical, a risultato ormai acquisito, concede qualcosa di troppo agli attacchi dei padroni di casa, pur continuando a trovare la via del canestro con OrlandoCalisi Formica. L’incontro termina 67-94 con la squadra biancoazzurra che centra la sesta vittoria consecutiva e si conferma in testa alla classifica assieme all’Adriatica Industriale Basket Corato.
Prossimo impegno per la squadra del presidente Bellifeminelunedì 13 Dicembre, alle ore 20.00, al Palapoli, contro la Valentino Castellaneta.

Calzaturificio Lotti Trani – Dai Optical Virtus Molfetta 67-94

Calzaturificio Lotti Trani: D’arrigo ne, Mariani 9, Verzotto 9, Serio ne, Vescia 6, Ventura 9, Volpe 21, Miccoli 8, Angarano 2, Ragni ne, Garcia 3, Annese ne. All: Cadeo
Dai Optical Molfetta: Bellinzona 4, Buljan 32, Formica 13, Orlando 6, Feruglio 2, Ricciardi ne, Calisi 10, Delic 21, Liso 6, Rybelis, All: Gallo

Arbitri: Menelao Francesco di Mola di Bari e Marco Mitrugno di Mesagne

MOLFETTA. È stata inaugurata venerdì 3 dicembre la mostra di Gaetano Grillo “I fiori e la neve” nella galleria Arte 54 di Molfetta. La personale, che sarà aperta fino al prossimo 31 dicembre, gode del patrocinio del Comune. La mostra presenta un’opera di grandi dimensioni e otto opere più piccole, tutte accomunate dal recente tema dei “Fiori”, tema che segue il precedente “Cultura torna Natura”. Grillo vuole lanciare così continui messaggi richiamando l’uomo a modificare il suo rapporto con la natura passando dal vecchio atteggiamento predatorio ad uno nuovo, che trovi la ragione della sopravvivenza del nostro stesso pianeta in un nuovo ordine armonico. Invito tutta al cittadinanza – afferma il sindaco Tommaso Minervini – a visitare la mostra di uno degli artisti più rappresentativi della nostra città, a cui siamo molto legati. Infatti, all’ingresso della nostra città, arrivando da Terlizzi, svettano le due torri del maestro  con il suo alfabeto grillico, espressione del nostro tempo in cui tutte le culture si stanno fondendo in un nuovo linguaggio globale”.

 

MOLFETTA. Il viaggio inteso come crescita, ma anche come addio, come una riscoperta e una ricerca di se stessi. Questo il tema centrale di “Parto E Poi Ritorno … Forse”, evento di spettacolo in programma sabato 11 dicembre alla Cittadella degli Artisti e ideato dal Collettivo Magnitudo per festeggiare insieme l’arrivo del Natale e evocare il suo valore più profondo e universale di unione e rinascita. D’altra parte, Natale è il momento in cui si riuniscono le famiglie, chi è lontano spesso torna a casa ritrovando nel proprio luogo d’origine quel senso di accoglienza che solo la propria terra e i propri cari sono in grado di donare. Durante la serata, dunque, il tema del viaggio sarà raccontato attraverso l’arte, tra teatro, danza e yoga. Inizio alle ore 20.30 con la performance teatrale di e con Isabella Ragno dal titolo “Ti scrivo una lettera. Il viaggio di Edda”. Ispirato allo spettacolo “Effetto San Domino” di Enrica del Rosso, vedrà la protagonista confrontarsi con il pubblico sulle difficoltà di partire e di tornare, condite da speranze e delusioni. A seguire, andrà in scena lo spettacolo “Digiuno”, coprodotto dal Collettivo Magnitudo e dalla Compagnia Oltredanza di Matera. Filo conduttore della performance è il tentativo di rispondere a una domanda, complessa quanto attuale: la fuga nei giovani è una necessità o una condizione? Lo spettacolo, con regia e coreografia a cura di Lidia Di Girolamo e la consulenza coreografica di Marco Magrino, vede nel cast i danzatori Serena Di Lecce, Stefania De Mattia e Mauro Losapio. Oltre agli spettacoli, nello stesso pomeriggio si terrà il laboratorio di yoga condotto da Susanna Petruzzella, insegnante del metodo Iyengar dello studio Namas di Bisceglie. Un’occasione rivolta sia a principianti che esperti per esplorare le possibilità del proprio corpo e imparare a migliorarsi, attraverso il fluire del respiro, raggiungendo la versione migliore di noi stessi. A conclusione del laboratorio, seguirà un break conviviale, allietato da una calda tisana, durante il quale saranno presentati i prossimi appuntamenti del progetto “In&Out. Giovani in relAZIONE” destinati ai ragazzi under-30 in collaborazione con Malalingua e Progetto Creazioni. Per prenotazioni e informazioni sull’evento e sul laboratorio: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | Whatsapp: 392 163 8782

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/419811336519573

 

MOLFETTA. Riprende nuovamente quest’anno l’attività del “Circolo dei lettori”, formatosi all’interno dell’istituto I.I.S.S. “Galileo Ferraris” di Molfetta, un gruppo di ragazzi e ragazze che attraverso la lettura di libri e d’incontri con gli autori, affrontano tematiche diverse, di attualità o legate ai processi adolescenziali. Un progetto quindi che accompagna la crescita sociale e intellettuale degli studenti dell'istituto molfettese, fortemente voluto dal dirigente scolastico prof. Luigi Melpignano e portato avanti grazie all’impegno delle docenti prof.ssa Clara Spagnoletta e prof.ssa Beatrice Scava. Per questo sesto anno di attività, il “Circolo dei lettori” dell’I.I.S.S. “Galileo Ferraris” ha promosso il progetto lettura intitolato: "Siamo noi le storie". Durante il secondo appuntamento tenutosi il 3 dicembre presso l’aula magna del liceo OSA “Rita Levi Montalcini”, i ragazzi e le ragazze hanno incontrato Antonella De Biasi autrice del romanzo “Zehra – La ragazza che dipingeva la guerra”. Dopo la visione del booktrailer e il reading di alcuni estratti del libro che più hanno colpito i ragazzi, la scrittrice e giornalista ha introdotto brevemente la storia di Zhera protagonista del suo romanzo. L’autrice ha da subito evidenziato le diverse problematiche che affliggono il popolo del Kurdistan che non può ascoltare musica curda, non può indossare i colori della tradizione curda, non può parlare la propria lingua. Zehra attraverso i suoi disegni cerca di combattere questa repressione, anche a costo di essere incarcerata, com’è effettivamente accaduto. Ma anche in carcere non ha mai smesso di disegnare utilizzando un qualsiasi materiale in grado di sprigionare colore, e soprattutto non ha mai abbassato la testa nonostante le umiliazioni e le sofferenze subite ogni giorno. L’autrice ha da subito evidenziato le diverse problematiche che affliggono il popolo del Kurdistan che non può ascoltare musica curda, non può indossare i colori della tradizione curda, non può parlare la propria lingua e questo solo perché ha avuto la sfortuna di nascere su una terra di confine, un confine d’ideologie opposte. La giornalista si occupa da quindici anni del problema dei curdi che lei stessa considera “un grande rompicapo” soprattutto perché poco studiato. Una delle poche soluzioni la vede nei giovani perché secondo l’autrice: “La forza dipende sicuramente dall’incoscienza e molto spesso i giovani grazie a questa incoscienza riescono a battersi contro le ingiustizie. Anche in Italia 70 anni fa avevamo una dittatura, e dei giovani hanno preso le armi e hanno combattuto per farci avere la democrazia. I ragazzi al giorno d’oggi sono più maturi degli adulti poiché fanno i conti anche con ciò che caratterizzerà il proprio futuro per questo sono incoraggiati a battersi per cambiare la realtà”. Questo è stato un evento molto apprezzato dal “Circolo dei lettori” dell’I.I.S.S. “Galileo Ferraris” di Molfetta perché ha portato i ragazzi a una crescita formativa, facendoli riflettere sulla situazione difficile vissuta da questo popolo e la nostra fortuna di essere liberi.

MOLFETTA. Nell’anticipo della nona giornata di campionato di serie B, girone G, le Aquile conquistano un pareggio nel big match contro il Capurso con il punteggio di 2-2.  Quattro gol, tante occasioni ed emozioni in una partita che non ha deluso le aspettative di due grandi pugliesi. Dopo lo 0-0 della prima frazione, molfettesi (privi di Murolo e Koseky) si portano in vantaggio con il gran goal di Adami, Elia pareggia, Dell’Olio sigla il nuovo vantaggio e Console mette a segno il definitivo 2-2.

Primo tempo Prima del fischio iniziale solito e insostituibile unione tra il presidente de Giglio, dirigenza, staff tecnico e calcettisti con il grande grido di battaglia: Vincenzo!!  Il quintetto iniziale scelto da mister Rutigliani è composto da: Lopopolo tra i pali, Adami, Ortiz, Dell’Olio e Zurdo. L’avvio è molto equilibrato ed entrambe le squadre si studiano: Adami salva un gran tiro di Leggero ed Ortiz calcia di poco fuori. Le Aquile premono alla ricerca del vantaggio con Ortiz ed Toma ma il portiere del Capurso non fa sconti e blinda la porta. Fioccano le occasioni da entrambe le parti: Di Ciaula risponde presente sulla conclusione di Adami e Dell’Olio salva sulla linea il tiro di Console. Il finale della prima frazione è tutto degli ospiti ma Lopopolo sale in cattedra ed abbassa la saracinesca sulle conclusioni dalla distanza di Leggero ed Elia. Ancora lo stesso Elia colpisce il palo e Dammacco calcia di poco fuori. Secondo tempo Ripresa di gioco in cui ancora Di Ciaula fa buona guardia su Dell’Olio ma non può nulla al 5’53’’ sulla bordata al volo di un super Adami all’incrocio dei pali: un occhio in tribuna alla sua famiglia e corsa verso la dirigenza molfettese. In meno di 3’ esattamente al 8’28’’ Elia mette a segno il pareggio dopo un’imbucata perfetta tra la difesa del Molfetta. Il derby s’infiamma ed entrambe le squadre cercano la vittoria: Nitti si gira in aria di rigore e Dell’Olio al 9’04’’ va in goal abile sulla ribattuta corta dell’estremo difensore del Capurso. Non c’è un attimo di tregua e tanti sono i capovolgimenti di fronte infatti al 14’33’’ Console supera in maniera esemplare Toma e sigla il nuovo pareggio. Ancora i portieri protagonisti: Di Ciaula con un grande riflesso nega il goal a Dibenedetto mentre Lopopolo risponde in angolo la conclusione di un super Leggero. Sul finale il Capurso commette il quinto fallo ma Zurdo e Dell’Olio non riescono a siglare la rete della vittoria. 

Adesso come previsto da calendario la Sefa Molfetta affronterà la Gear Siaz: sabato 11 dicembre con relativo fischio d’inizio fissato alle 16:00.

 

MOLFETTA. Gli uomini di Presutto dopo lo scoppiettante match del Petrone di una settimana fa, sono attesi dal Troia, squadra capace di collezionare 12 punti in classifica, frutto di tre vittorie e altrettanti pareggi e quattro sconfitte. Troia è una squadra molto “casalinga”. Sono 7 i punti conquistati tra le mura amiche: solo la capolista Palese, sin qui, ha conquistato l’intera posta in palio a Troia. Banco di prova importante per capitan Porcelli e compagni. Mancheranno gli squalificati Manè e La Forgia, ma Presutto può far affidamento su un gruppo solido che, domenica dopo domenica, si sta imponendo come la rivelazione del girone, nonostante l’età media piuttosto bassa della rosa virtussina. I biancorossi stanno dimostrando di non soffrire di vertigini e stanno abitando, costantemente, i piani nobili della classifica. Vincere in un impianto ostico darebbe un ulteriore iniezione di “pepe” al gruppo allenato dal duo Presutto – Mininni. Fischio d’inizio fissato per domenica 5 dicembre, alle ore 11.00.

 

MOLFETTA. Lunedì 13 e mercoledì 15 dicembre la Dirigente Scolastica e gli insegnanti dell'Istituto Comprensivo “R. Scardigno - San D. Savio” invitano i genitori interessati a partecipare agli Open Day. Durante gli incontri che avverranno in modalità telematica, sarà presentata l'Offerta Formativa per l'anno scolastico 2022/2023. L'evento si terrà attraverso la piattaforma Zoom Cloud Meetings. Per prenotarsi occorre accedere al sito www.scardignosaviomolfetta.edu.it e compilare il modulo on line relativo al grado di scuola a cui si è interessati. Le credenziali d'accesso alle riunioni saranno comunicate all'indirizzo e-mail indicato nel modulo di registrazione entro lunedì 13 dicembre.

MOLFETTA. Dal 6 gennaio prossimo viene Introdotto il green pass “rafforzato” che si ottiene solo con vaccinazione o guarigione. Di seguito le norme del nuovo Decreto.

- la validità del green pass “rafforzato” scende da 12 a 9 mesi;
dal 6/12/2021 al 15/1/2022 valgono le nuove regole transitorie per le zone colorate;
- il green pass “base” sarà obbligatorio dal 6/12 anche per: alberghi, spogliatoi per l’attività sportiva, trasporto ferroviario regionale e trasporto pubblico locale;
- l’accesso a spettacoli, eventi sportivi, bar e ristoranti al chiuso, feste e discoteche, cerimonie pubbliche sarà consentito in zona bianca e gialla solo ai possessori di “green pass rafforzato”;
- ulteriori limitazioni della zona arancione valide solo per chi non possiede il “green pass rafforzato”;
- vaccinazione obbligatoria estesa a personale amministrativo sanità, docenti e personale amministrativo scuola, militari, forze di polizia, soccorso pubblico dal 15/12;
- richiamo obbligatorio per professioni sanitarie dal 15/12;
- rafforzamento sistema dei controlli: entro 3 giorni dall’entrata in vigore del dl, i Prefetti sentono i Comitati provinciali ordine e sicurezza, entro 5 giorni adottano il nuovo piano di controlli coinvolgendo tutte le forze di polizia, relazionando periodicamente.

Norme che non sono cambiate:
• la mascherina resta non obbligatoria all’aperto in zona bianca e obbligatoria all’aperto e al chiuso in zona gialla, arancione e rossa. Sempre obbligatorio in tutte le zone portarla con sé e indossarla in caso di potenziali assembramenti o affollamenti;
• restano invariate le tipologie e la durata dei tamponi.

 

MOLFETTA. Per tutto il mese di dicembre l’hub vaccinale Cozzoli sarà aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, il sabato dalle 9 alle 13. Resterà chiuso la domenica e nei festivi. La decisione è stata assunta a seguito del riscontro dell’elevato numero di richieste per le vaccinazioni, prime, seconde e terze dosi e delle ripetute richieste avanzate dal Primo cittadino, Tommaso Minervini. «Siamo in continuo e costante contatto con i vertici della Asl, con il dottor Giorgio Di Leone e con il responsabile dell’hub vaccinale, il dottor Gaetano Petitti che – precisa il Sindaco Minervini - con il suo staff sta affrontando con grande professionalità la nuova grande ondata di vaccinazioni. Ringrazio loro e i volontari che, in questa fase, tornano ad essere indispensabili per la buona riuscita della campagna vaccinale. Mi riferisco sia al volontariato strutturato sia – continua il Sindaco - a quello composto da gente comune sorto a seguito di una intuizione del dottor Ottavio Balducci. Uomini, donne, giovani e meno giovani che, in assoluta gratuità, mettono il loro tempo e le loro energie a disposizione della collettività. Grazie a tutti. Un grazie particolare alla nostra Polizia locale. Colgo l’occasione per raccomandare a tutti, ancora una volta, di vaccinarsi con responsabilità e maturità per non tornare alle chiusure, prenotarsi sia per la prima dose per chi ancora non l'avesse fatta, che per la seconda e la terza. Ringrazio gli operatori del Dipartimento e i medici di famiglia che hanno aderito alla campagna vaccinale».

 

Pagina 1 di 1428

JoomBall - Cookies

© 2021 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino