MOLFETTA. Il Cantastorie: “Zingarèlle”

By Febbraio 25, 2011

Il_cantastorie_ZingarlleMolfetta - Durante il periodo di carnevale, nei tempi passati, una della maschere più diffuse e più semplici da realizzare era “la zingarella”. Specialmente le bambine si mascheravano con delle lunghe gonne della madri o delle nonne e andavano in visita a casa di parenti e amici dove recitavano una poesia in cambio di dolci o denaro. Gli esempi di “zingarella” che riportiamo sono tratti dalla tradizione popolare.

GUARDA IL VIDEO...

So’ né povera zingarèlle
da l’Egitte so’ venute
ci me daiete né cosètte,
v’addevine l’avvèndure.
So’ venute da lendène
e te vogghie chenzelà,
so’ venute stramètine
e te vogghie addevenè.
Vite, vite ind’o stepoene
ci tu tiene né cosa boene,
tiene né tacche de felètte
pe mèritte mèlate o liette,
tiene brascioele de cavadde
e mèrenge gadde gadde,
tiene recotte e mozzarèlle
pe stà povera zingarèlle.
La chènzoene sacce chèndà
e voeche cerchènne la caretà,
ie solte nen tènghe mè,
senza terrise, come se stè?
La chenzoene ve so chèndate,
mò faciteme la caretate.

Zingarella vagabbònde
Viene a casa ca t’abbotte
Ca t’abbotte de fiche seccate
Zingarella vagabbonde

Last modified on Mercoledì, 02 Dicembre 2020 11:58

NOTIZIE PIU' LETTE

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino