Redazione_Online

Redazione_Online

Molfetta. L’orchestra sinfonica della Città metropolitana si esibirà nella Chiesa della Madonna della Pace

molfettamusicadegenerata250122 2La Giornata della Memoria sarà celebrata quest’anno con un concerto dal titolo provocatorio. Si chiama infatti “Musica Degenerata” l’evento che andrà in scena dopodomani, giovedì 27 gennaio, a partire dalle 19 presso la Chiesa Madonna della Pace.

Il concerto, patrocinato dall’assessorato alla cultura del Comune di Molfetta, prevede in apertura l’esecuzione di una ouverture di Niccolò Piccinni. Intende stigmatizzare l’etichetta, spregiativa, con la quale il regime nazista indicava forme musicali considerate decadenti e la produzione artistica di compositori ebrei quali Mendelssohn, Sinigaglia (compositore italiano morto nei campi di concentramento) e Gershwin. Un vasto repertorio che, se la storia fosse andata in altra direzione, oggi non avremmo la possibilità di ascoltare.

La serata sarà aperta da un Reading teatrale di Corrado La Forgia che accompagnerà i presenti in un viaggio nell’ignoto attraverso le parole di chi ha vissuto l’Inferno della deportazione con testi di Anna Frank, di Liliana Segre, di Primo Levi, di Etty Hillesum, Joseph Joffo, di Elisa Springer.

«Esistono – spiega il Sindaco, Tommaso Minervinile pagine nere della storia, esistono i periodi bui per gli esseri umani. Molto spesso ci sentiamo vittime di una congiura, avviliti dagli avvenimenti, devastati negli affetti. Questi ultimi due anni ci hanno provato, hanno scosso la nostra esistenza civilizzata e ci è sembrato che nulla fosse più buio del presente. La storia ci dice che vi è stato un tempo più buio, il tempo del dolore era affiancato dal tempo del terrore. La paura, l’ingiustizia, l’odio, la guerra sono stati i pilastri dell’edificio più tetro che la nostra civiltà abbia edificato, alla cui ombra le libertà individuali sono state calpestate e l’essere umano è stato annientato.

Non è stata solo una pagina di guerra, non è stata solo una pagina di abominio del potere. È stato l’Olocausto. Ne parliamo ogni 27 gennaio, ci impegniamo a non dimenticare. Ma il vero senso di questo giorno è non fingere di ignorare tutte le volte che le libertà individuali vengono calpestate, non voltare lo sguardo dall’altra parte quando assistiamo alle discriminazioni e non arrendersi ai soprusi su chi giudica l’altro diverso in base al colore della pelle, alla religione, agli orientamenti politici e di genere. Non dobbiamo pensare che – aggiunge il Primo cittadino - ciò che è drammaticamente avvenuto non possa più tornare, perché questo pensiero non ci permette di vedere che, ancora oggi, vi sono popoli oppressi, vi sono libertà negate, esseri umani annientati. E tutto questo accade ogni giorno.

Invito gli studenti e la comunità cittadina ad intervenire giovedì 27 gennaio, alle ore 19, nella chiesa della Madonna della pace per fare memoria attraverso la musica dell’Orchestra sinfonica della Città metropolitana. Ringrazio – conclude il sindaco Minervini – i consiglieri metropolitani, Gianni Facchini e Dario de Robertis, per averci segnalato questo significativo concerto».

Al concerto si accede gratuitamente fino ad esaurimento dei posti, muniti di mascherina e green pass rafforzato nel rispetto delle normative vigenti.

Foto in Home page by Pixabay

MOLFETTA. I festeggiamenti inizieranno il 30 gennaio. Per la prima volta il busto reliquiario del Santo verrà intronizzato pubblicamente nel cappellone dedicato ai Santi Pietro e Paolo in Cattedrale

molfettabustosancorrado250122 2Torna la Festa di San Corrado. Molfetta si prepara a celebrare il Santo Patrono della città e della Diocesi con un programma di festeggiamenti condizionato dalle restrizioni anti Covid-19.

Nella giornata di domenica 30 gennaio alle ore 19 durante la santa messa il busto reliquiario del Santo eremita, per la prima volta sarà pubblicamente deposto nel cappellone dedicato ai Santi Pietro e Paolo in Cattedrale, alla presenza del Presidente e dei componenti del Comitato Feste Patronali, del delegato vescovile don Pasquale Rubini e dei fedeli tutti.

Non mancheranno gli elementi tipici della tradizione come le luminarie che impreziosiranno la facciata barocca della Cattedrale, la consueta diana mattutina prevista il giorno 9 e la Bassa Musica che allieterà le vie cittadine nella giornata dedicata alla ricorrenza.

Sarà purtroppo inevitabile rinunciare, per il secondo anno consecutivo, ai riti del fuoco tipici della festa di San Corrado. Il Comitato Feste Patronali invita la cittadinanza a prender parte alle celebrazioni in onore di San Corrado con la novena in Cattedrale a partire da lunedì 31 gennaio e si concluderanno con il Solenne Pontificale di mercoledì 9 febbraio presieduto dal Vescovo mons. Domenico Cornacchia alla presenza del Capitolo Cattedrale, del clero cittadino, delle autorità civili e militari, delle amministrazioni degli ordini cavallereschi e delle Confraternite.

Si ricorda ai fedeli che la partecipazione alle celebrazioni eucaristiche è vincolata dal numero massimo di fedeli ospitabili in Cattedrale e dalle norme anticontagio (mascherina, sanificazione delle mani, distanziamento) cui si ha l’obbligo di attenersi.

Proprio per consentire a tutti i fedeli di assistere alla celebrazione, il Comitato ha organizzato una diretta televisiva del Pontificale alle ore 19, che sarà trasmessa in diretta suTeledehon (canale 18).  

Foto d'archivio di Pasquale Magarelli

Molfetta. Proiezioni alle ore 18 e 20.25 da oggi fino a mercoledì presso l’UCI Cinemas

torreggriani250122"Ero in guerra ma non lo sapevo" è il racconto degli ultimi giorni di vita di Pierluigi Torregiani, gioielliere e orologiaio milanese ucciso in un agguato dai PAC – Proletari Armati per il Comunismo, nel 1979. Il film, uscito oggi, lunedì 24 gennaio, nelle sale italiane, sarà proiettato a Molfetta presso l’UCI Cinemas fino a mercoledì prossimo con doppia programmazione, alle ore 18 e alle ore 20.25.

Diretto da Fabio Resinaro e interpretato da Francesco Montanari, il film è tratto dall’omonimo libro scritto nel 2019 da Alberto Torregiani, figlio della vittima, e da Stefano Rabozzi, per raccontare il tragico epilogo toccato a un uomo come tanti di appena quarant’anni.

Sono gli anni di piombo, Torregiani è a cena al ristorante con la famiglia e subisce un tentativo di rapina, mandata a monte proprio a causa di una sua impulsiva reazione. Uno dei rapinatori minaccia sua figlia Marisa puntandole addosso una pistola e Torregiani estrae l'arma che anche lui porta con sé. Nella sparatoria resta ucciso uno dei rapinatori, non è stato Torregiani a sparargli ma è lui che viene preso di mira e condannato a morte dai rivoluzionari di estrema sinistra, in quanto “giustiziere borghese e fascista”.

Ha inizio un’escalation di violenza ai danni del gioielliere e della sua famiglia, che culmina il 16 febbraio 1979 con il suo assassinio per mano dei terroristi guidati da Cesare Battisti, che fu condannato come mandante.

 

Italia. Il Ministro Speranza potrebbe decidere a breve di non prorogare l’obbligo oltre il 31 gennaio

molfettaviaggidiagata240122Mentre cresce l'attesa per la nuova ordinanza del Ministro della Salute, da fonti governative arrivano segnali di allentamento delle attuali misure in vigore fino al 31 gennaio 2022.

La più significativa riguarda la possibile eliminazione del tampone per chi rientra in Italia dopo un viaggio all'estero.

Dopo Spagna, Francia e Irlanda anche l'Italia sarebbe pronta ad alleggerire i divieti ai viaggi internazionali. L'obbligo del test ha finora scoraggiato i viaggi all'estero per due principali motivi: la difficoltà nel trovare un luogo dove effettuare il tampone e la paura di risultare positivi al test con conseguente quarantena in uno Stato straniero.

Per questo l'idea del Ministro Speranza sarebbe quella di non prorogare tale obbligo oltre il 31 gennaio. Anche sui Corridoi Turistici il Ministro valuta un allargamento ad altre Nazioni. Sarebbero riconfermate Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana, Egitto (Sharm el Sheikh e Marsa Alam), e si prevedono almeno altri 3 ingressi, Oman, Thailandia e Capo Verde.

 

Foto di Jan Vašek da Pixabay 

 

 

MOLFETTA. Le richieste on line potranno essere inviate da oggi 24 gennaio sino alle ore 14 del 14 febbraio 2022

molfettacontributocase240122A partire da oggi 24 gennaio è possibile presentare, esclusivamente via web sul sito web www.molfettasociale.it, le domande per ottenere contributi per gli affitti e le utenze domestiche per coloro che, a causa dell’emergenza sanitaria, hanno subito la perdita del lavoro; la sospensione per più mesi o chiusure delle attività; lavori intermittenti, resi critici dalle attuali oscillazioni del mercato; e per quanti hanno subito sostanziali riduzioni del reddito per forzata riduzione dell'orario di lavoro e del fatturato per cause indipendenti dalla loro volontà.

Le domande si possono presentare entro le ore 14 del 14 febbraio 2022.
L’avviso riguarda esclusivamente chi possiede un ISEE pari o inferiore a 18mila euro.
Sono previsti contributi per gli affitti d’immobili residenziali e/o locali commerciali fino ad un massimo di 1.000 euro; oppure contributi per le utenze gas, acqua, energia elettrica, sempre per immobili residenziali e/o locali commerciali, fino ad un massimo di 500 euro.
I due contributi non sono cumulabili e sarà possibile effettuare esclusivamente una domanda di contribuzione.

Per informazioni circa i criteri di attribuzione dei contributi è possibile chiamare all’apposito servizio istituito al numero di telefono 0803374635.

 

Molfetta. Nona vittoria consecutiva per la Dai Optical Virtus Molfetta che al Palapoli batte 92-80 la Cestistica Ostuni e si conferma capolista solitaria in classifica

molfettdaiopticalvirtus240122La squadra del presidente Bellifemine è costretta a rinunciare a Buljan squalificato e Bellinzona infortunato. Esordio invece per i nuovi acquisti Lo Piccolo e Guzman.
L’inizio del match è di marca ostunese. Gli ospiti sorprendono i padroni di casa con la loro velocità e realizzano con Razic e Ciric. La Dai Optical fa fatica a trovare la via del canestro e si affida al solo Feruglio, vero e proprio dominatore sotto le plance. Razic realizza ancora mentre Feruglio, dopo la tripla iniziale, realizza da sotto e subisce fallo in due azioni consecutive consentendo alla Virtus di chiudere il primo quarto in vantaggio 15-13.

L’equilibrio del primo quarto è confermato anche nella seconda frazione. La Dai Optical Virtus cerca l’allungo con i canestri di Delic e le triple di Liso ma Ostuni è brava a ricucire lo strappo grazie alle realizzazioni di Stankovic e soprattutto ai guizzi del suo play Maksimovic e si va al riposo lungo sul punteggio di 41-40.

Al rientro dal riposo lungo i padroni di casa tentano di distanziare gli avversari con uno scatenato Delic e con le triple del play Liso. Ostuni però non demorde e resta in partita grazie a Razic, Stankovic, Maksimovic e Mazburss e terzo quarto che termina 66-61.

Nell’ultima frazione la Dai Optical Virtus Molfetta cambia registro: Delic, Liso, Formica e Calisi portano i biancoazzurri sul +15. Ostuni continua a realizzare ma la Virtus trova maggior precisione al tiro. Razic è l’ultimo ad arrendersi mentre Delic, mattatore di serata con 35 punti, trova ancora la via del canestro. L’incontro termina 92-80 con i padroni di casa che confermano il primato in classifica.Vittoria doveva essere e vittoria è stata per la Dai Optical Virtus Molfetta che nonostante una gara con molti errori al tiro riesce a centrare la nona vittoria consecutiva trascinata dal trio Delic, Feruglio e Liso.

Grandi meriti vanno comunque riconosciuti alla squadra ostunese di coach Curiale capace di mettere in difficoltà la squadra di casa e di rimanere in partita fino alla fine.

Prossimo impegno per la Dai Optical Virtus Molfetta, giovedì 27 Gennaio, alle ore 20.00, al Palapoli contro la GMC Adria Bari, recupero della nona giornata d’andata.

Dai Optical Virtus Molfetta – Cestistica Ostuni 92-80Dai Optical Molfetta: Formica 9, Guzman, Orlando 2, Lo Piccolo 2, Feruglio 20, Calisi 9, Delic 35, Liso 15.
All: GalloCestistica Ostuni: Ciric 4, Maksimovic 15, Vukobrat 9, Razic 26, Stankovic 18, Danese ne, Mazburss 9, Zaccaria,
All: CurialeArbitri: Caposiena Mario e Settembre Gaetano

MOLFETTA. Con un sonoro 8-3 le Aquile biancorosse conquistano la prima vittoria del 2022

molfettaaquilevittoria240122 1Al PalaPoli i molfettesi tornano finalmente alla vittoria vincendo nel derby contro l'Atletico Cassano. Con questa vittoria le Aquile Molfetta tornano in piena corsa salvezza. Ortiz e compagni vanno subito sul 3-0 con le reti di Zurdo, Koseky e Murolo. Alemao accorcia per il Cassano, Adami porta le Aquile sul 4-1.

Nella ripresa, Dell’Olio va in goal e Recchia inserisce subito il quinto di movimento: Alemao e Raid riaprono l’incontro ma le doppiette di Koseky, Dell’Olio e Zurdo mettono il punto esclamativo. 

Nel primo tempo mister Rutigliani sceglie il quintetto inziale composto da: Lopopolo tra i pali, Adami, Ortiz, Dell’Olio e Koseky. Di Dell’Olio e Raid i primi spunti del match, le Aquile all’821’’ vanno in goal con Zurdo che mette a sedere Pellecchia dopo il passaggio telecomandato di Ortiz.

Il Cassano privo di Dibenedetto e Barbosa prova a pareggiare subito l’incontro con Perri, ma Lopopolo si rifugia con un grande intervento in angolo. La voglia del Molfetta di vincere la si nota subito e in meno di 1’ i biancorossi di portano sul 3-0.

Al 10’31’’ assist perfetto di Zurdo e Koseky che con gran freddezza non sbaglia e al 10’51’’ Murolo sigla la prima rete in A2, con le Aquile complice anche una deviazione dei “pellicani”. Il Cassano prova a reagire ma ancora Lopopolo risponde presente su Perri che deve arrendersi a capitan Alemao al 17’19’’. Sul punteggio di 3-1 al 18’47’’ in goal ci và anche Adami abile sul tap-in sotto porta, servito in maniera esemplare dal solito Ortiz da banda destra.

Al secondo tempo, nella ripresa le Aquile rientrano in campo ancora con la giusta cattiveria agonistica, infatti al 5’07’’ c’è l’imbucata perfetta di Dell’Olio che supera tre avversari e trafigge Pellechia. Mister Recchia inserisce subito il quinto di movimento ed in meno di 1’ l’Atletico Cassano mette a segno due reti. Al 10’28’’ Alemao sigla la sua doppietta personale abile sul secondo palo e all’11’24’’ con il goal di Raid.

Le Aquile si difendono con intelligenza e al 12’54’’ Lopopolo rilancia, Koseky di testa sigla il 6-3 vista l’assenza del portiere. Il Cassano non demorde pur subendo il calo fisico viste le diverse defezioni di formazioni ma Lopopolo ancora una volta nega la gioia del goal a Garcia e Lestingi e al 14’04’’ e al 15’38’’ Dell’Olio e Zurdo siglano le loro doppiette personali chiudendo l’incontro con il punteggio di 8-3.

Testa al recupero dell’11^ giornata, al PalaPoli, con l’Or.Sa Bernalda Futsal: martedì 25 gennaio alle 19.

Molfetta. La presentazione ufficiale dell'inedito percorso formativo si terrà martedì 25 gennaio, alle ore 17 in via Togliatti

molfettafuture4you230122 2Il Liceo Scientifico “A. Einstein” di Molfetta arricchisce la propria offerta formativa con il Liceo Scientifico Quadriennale, un percorso di respiro europeo per giovani intraprendenti e dinamici. Strutturato in 33 ore settimanali, 3 delle quali online, articolate in 5 giorni, ottimizza i tempi di formazione per un accesso anticipato al mondo della formazione universitaria e del lavoro.

Oltre alle tradizionali discipline curriculari, offre gli insegnamenti opzionali di seconda lingua comunitaria (a scelta tra Francese, Spagnolo e Tedesco) o ICT nel primo biennio, Diritto ed Economia o Laboratorio CAD nel secondo biennio, oltre all’inserimento della disciplina Bioeconomia.Metodologie didattiche innovative in linea con gli standard europei, la personalizzazione dei programmi, il conseguimento della Certificazione Linguistica Cambridge B2 assicurano il successo formativo degli studenti all'interno di una scuola che, proiettata nel futuro, collabora costantemente con università e aziende attente alle nuove professioni.Vi aspettiamo martedì 25 gennaio, alle ore 17, in Via Togliatti per la presentazione ufficiale del team e del percorso, autorizzato dal Ministero dell’Istruzione. Concludi la tua formazione un anno prima: four is better than five!

Per maggiori informazioni e curiosità https://www.liceimolfetta.edu.it/

 

 

MOLFETTA. La messa presieduta dal Vescovo Domenico Cornacchia si terrà presso la parrocchia S. Achille alle ore 18.30

molfettamoncornacchia230122Lunedì 24 gennaio, in occasione della festa di S. Francesco di Sales, patrono dei giornalisti e degli operatori della comunicazione, l'Ufficio delle Comunicazioni Sociali della Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi festeggia l'appuntamento con la Santa Messa presieduta dal vescovo S.E. Mons. Domenico Cornacchia, che sarà celebrata alle ore 18.30, nella parrocchia S. Achille in Molfetta.

Il tema che il Santo Padre Francesco ha scelto per la 56.ma Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, che si celebrerà nel 2022 è: Ascoltate!

Dopo il Messaggio del 2021, centrato sull’andare e vedere, nel suo nuovo Messaggio per la Giornata Mondiale del 2022 Papa Francesco chiede al mondo della comunicazione di reimparare ad ascoltare.

La pandemia ha colpito e ferito tutti e tutti hanno bisogno di essere ascoltati e confortati.

L'ascolto è fondamentale anche per una buona informazione. La ricerca della verità comincia dall'ascolto. E così anche la testimonianza attraverso i mezzi della comunicazione sociale. Ogni dialogo, ogni relazione comincia dall’ascolto. Per questo, per poter crescere, anche professionalmente, come comunicatori, bisogna reimparare ad ascoltare tanto.

Gesù stesso ci chiede di fare attenzione a come ascoltiamo (cf Lc 8,18). Per poter veramente ascoltare ci vuole coraggio, ci vuole un cuore libero e aperto, senza pregiudizi.

In questo tempo nel quale la Chiesa tutta è invitata a mettersi in ascolto per imparare ad essere una Chiesa sinodale, tutti siamo invitati a riscoprire l’ascolto come essenziale per una buona comunicazione.

Per la celebrazione eucaristica saranno rispettate le disposizioni anti Covid: distanziamento e mascherina (raccomandata FFP2).

 

 

Molfetta. Inserito nel nuovo Piano regionale per la gestione dei rifiuti, il progetto prevede il recupero dello stabilimento in contrada Torre di Pettine

C’è anche Molfetta tra i comuni pugliesi candidati ad accogliere un impianto di compostaggio, pronto a sorgere sul vecchio stabilimento in contrada Torre di Pettine. Mancano solo venti giorni alla presentazione del nuovo Piano regionale per l’ottimizzazione della gestione dei rifiuti al Ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani.

Per l’attuazione del Piano la Regione Puglia avrebbe bisogno di circa 80 milioni di euro, da reperire grazie ai fondi stanziati per il PNRR entro il prossimo 12 febbraio. All’interno del Piano regionale sono considerati di necessaria importanza nove impianti di compostaggio. Di questi, tre sono già esistenti ma inutilizzati, come appunto quello molfettese, che versa in stato di abbandono dal 2003 a causa di procedimenti giudiziari ed arbitrali attivati nei confronti del precedente gestore, conclusi nell’agosto del 2010 con il ritorno dell’impianto nella disponibilità dell’Ente locale.

Se il ministero per la Transizione ecologica ammetterà il progetto a finanziamento, si procederà per stralci. Due quelli previsti: il primo potrà partire con il cantiere già il prossimo autunno. Tempo di realizzazione: 18 mesi. D’importanza strategica per il territorio del nord barese, l’impianto di Molfetta possiede una capacità stimata di 29.200 tonnellate all’anno, a fronte di un progetto esecutivo già autorizzato dall’attuale amministrazione, che prevede un investimento complessivo di circa 15 milioni di euro.

Il progetto per la realizzazione dell’impianto in contrada Torre di Pettine è già stato sottoposto all’Autorizzazione integrata ambientale e il Comune, che ha portato avanti l’iniziativa con convinzione, se arrivano le somme necessarie dovrà procedere soltanto alla definizione del bando di gara e all’individuazione dell’azienda che si occuperà di eseguire i lavori.

 
 
 
Pagina 1 di 1440

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino