Redazione_Online

Redazione_Online

 Molfetta. La responsabilità tecnica del settore giovanile sarà affidato a Girma Gadaleta, Tiziana Liuzzo e Federica Mezzatesta

molfettanoxsettoregiovanileC230822Al secondo anno di attività, il settore giovanile della Nox Molfetta è pronto a ricominciare. Si parte venerdì 2 settembre per terminare a fine maggio 2023. Le piccole calciatrici biancorosse vivranno nove mesi di gioco, divertimento, ma soprattutto partite e tornei di calcio a 5 femminile.

La prima novità riguarda il fatto che le bambine e le ragazze saranno divise in due gruppi a seconda delle fasce d'età. Doppi gli allenamenti che si svolgeranno al chiuso e all'aperto due volte a settimana.

Ad allenare, uno staff rigorosamente al femminile. La responsabile tecnica del settore giovanile sarà ancora Girma Gadaleta, allenatore di calcio a 5 abilitata dalla FIGC. Con lei il portiere della prima squadra Tiziana Liuzzo, laureata in scienze motorie e insegnante di educazione fisica, e la giocatrice della prima squadra Federica Mezzatesta, già vincitrice di Scudetto e Supercoppa italiana.

A rappresentare la società, come dirigente responsabile del settore giovanile, Mariella Spadavecchia, new entry ma con grande esperienza di organizzazione sportiva alle spalle maturata negli anni.

Come già dallo scorso anno, inoltre, diretto il filo con la prima squadra, visto che non mancheranno allenamenti con il Mister della Nox, Alessandra de Bari, pronta a guidare le molfettesi in Serie A2 nella seconda stagione consecutiva. Altresì continua la programmazione con la collaborazione della dottoressa Porzia Marino, non solo preparatrice atletica della prima squadra ma anche psicomotricista di professione.

In fase di organizzazione anche tornei e gare amichevoli con le pari età del circondario.

Molfetta. Il manager molfettese ricoprirà il ruolo di Amministratore Delegato e Responsabile ad Interim dell'area Sud Est Mediterraneo

molfettaandreamissoriSi chiama Andrea Missori, è molfettese e dal 1°settembre 2022 ricoprirà il ruolo di Amministratore Delegato di Ericsson Italia, la nota multinazionale svedese operante nella fornitura di tecnologie e servizi di telecomunicazioni. Oltre al ruolo di Amministratore Delegato, Missori svolgerà anche quello di Responsabile ad interim dell'area Sud Est Mediterraneo sempre della Ericsson.

Missori che vanta più di 20 anni di esperienza nella nota multinazionale svedese, succede a Emanuele Iannetti. L' ex Amministratore Delegato, infatti, resterà in carica sino al 30 settembre 2022 in modo che il passaggio del testimone avvenga in modo fluido ed efficiente senza ripercussioni su dipendenti e clienti.

Il manager molfettese oltre che con la Ericsson ha lavorato con i più importanti operatori di telecomunicazioni sia in Italia sia all'estero. Attualmente Missori è responsabile della gestione del cliente Telecom Italia e Country Manager di Ericsson in Libia.

«Sono onorato di assumere questo nuovo incarico, essendo legato all'azienda da oltre 20 anni, durante i quali ho potuto conoscere ed apprezzare la qualità di Ericsson e delle sue persone – ha commentato Missori - Sono certo che anche in questa nuova veste potrò contare sull'impegno e sulla professionalità di tutti per affrontare le sfide più importanti legate alla transizione digitale ed ecologica».

Giungono a stretto giro le congratulazioni del sindaco Tommaso Minervini, che dichiara: «Certo di interpretare il pensiero di tutta l’amministrazione e della città formulo i miei più sinceri auguri ad Andrea Missori, nuovo responsabile ad interim dell’area Sud Est Mediterraneo di Ericsson e Amministratore delegato di Ericsson in Italia.

Andrea ha maturato, negli ultimi 20 anni, esperienze importanti. Entra ufficilamente in quell’elenco di giovani professionisti, che, lo dico con una punta di orgoglio, portano nel mondo il nome di Molfetta ai massimi livelli».

Anche la Redazione de Il Fatto augura ad Andrea Missori, altro importante fiore all'occhiello della nostra città, un grande in bocca al lupo.

Molfetta. Ha avuto inizio ieri lunedì 22 agosto la preparazione atletica che condurrà la squadra biancorossa al prossimo campionato

molfettavirtuscalcio230822Agli ordini di mister Attilio Presutto, del suo vice Nico Mininni, si sono radunati nella giornata di ieri, i biancorossi autori di un’incredibile stagione. Sono partiti con l’obiettivo salvezza, i virtussini al girone di boa erano stabilmente nelle prime cinque posizioni.

Qualche peccato d’ingenuità, sommato al campionato stratosferico condotto dal Nuova Daunia Foggia e Virtus Palese ha fatto sì che la forbice tra i baresi, secondi, e i biancorossi, quinti, fosse troppo ampia per far disputare il post season ai molfettesi.

Un occhio alla passata esaltante stagione, l’altro a quella che verrà. «Vedere tutte le squadre andate ai playoff essere ripescate in Promozione, mi lascia un qualcosa che deve essere tramutato in cattiveria sportiva in campo – le parole di Attilio Presutto ai suoi uomini – Abbiamo un anno di esperienza, nel foggiano ci sono squadroni, ma noi dobbiamo lottare fino in fondo per prenderci il nostro sogno».

La Virtus partirà con l’ambizione di abitare stabilmente la zona sinistra della classifica, puntando a quei playoff che sono sfuggiti per una manciata di punti. Tra le novità il ritorno in casa biancorossa di Beppe de Candia. Contestualmente, salutano il Petrone Germano de Gennaro, accasatosi al Don Uva Bisceglie in Promozione, e l’attaccante Angelantonio De Palma.

Nei prossimi giorni saranno annunciati i nuovi atleti su cui può puntare il sodalizio del presidente Nicola Spadavecchia.

Molfetta. La kermesse è dedicata al rapporto tra mito e contemporaneo con spettacoli e visite guidate

molfettasottoilcielodeimitiC220822Torna a Molfetta da giovedì 25 agosto la seconda edizione della rassegna Sotto il Cielo dei miti -Teatro tra archeologia e contemporaneo, promossa da Teatrermitage con il sostegno del Comune di Molfetta nella cornice dell’incantevole uliveto del Giardino del Museo Archeologico del Pulo.

Un affascinante viaggio con spettacoli messi in scena da straordinari artisti. Tutti autentici gioielli di narrazione al passato capaci di restituire uno sguardo interessante sul nostro presente.

I miti stimolano l’immaginazione ad andare oltre il visibile, al di là dell’udibile. Eppure, sono ancorati al qui ed ora per la loro straordinaria vitalità. Carichi di verità che hanno attraversato millenni di storia, mostrano sconvolgenti analogie con gli accadimenti presenti.

Eroi, ninfe, dei o uomini, protagonisti di semplici o intricate finzioni letterarie, ci aiutano a dare chiarezza a quanto realmente accade o può accadere. Complice il teatro, che con le sue molteplici suggestioni e i suoi linguaggi plurimi riesce a tessere straordinarie narrazioni per mutuare dal mito urgenze moderne, bisognose di riflessioni che orientino noi mortali nei labirinti del quotidiano.

La rassegna si aprirà il 25 agosto con un maestro della narrazione italiana, Roberto Anglisani, che porterà in scena lo spettacolo Il Minotauro una produzione del CSS Teatro stabile di innovazione del FVG, regia di Maria Maglietta e testo di Gaetano Colella ispirato all’opera letteraria di Durenmatt, Il Minotauro, con alcuni riferimenti a Borges ed in particolare a La casa di Asterione.

La storia del Minotauro e del labirinto sono il centro dello spettacolo e il tema della diversità e delle paure che essa genera, ne è il cuore.

Il secondo appuntamento sarà il 30 agosto con Amore e Psiche di e con Daria Paoletta, produzione della Compagnia Burambò.

Lo spettacolo vincitore del Premio Eolo Awards 2015, è tratto dalla novella delle Metamorfosi di Apuleio e narra con grande ironia le vicende di un amore travagliato tra il Dio Amore e l’umana Psiche, donna ribelle al volere di tutti e capace di porre le sue scelte al centro della sua esistenza.

Il 31 agosto chiuderà la rassegna Corri, Dafne!, una coproduzione Tessuto Corporeo/Factory Compagnia Transadriatica, di e con Ilaria Carlucci, con la regia di Alberto Cacopardi. 

Una storia antica, tratta dalle Metamorfosi di Ovidio, narrata con leggerezza e con nient’altro che un corpo e una voce, che si fa metafora credibilissima della libertà di essere, a dispetto dalle costrizioni e delle convenienze. Spettacolo vincitore del festival Voci Dell’anima 2019 e del Premio Confine Corpo Creature Ribelli.

La rassegna propone inoltre nelle giornate di spettacolo le Icursioni Acheologiche, itinerari alla scoperta della bellezza dei luoghi, con visite guidate gratuite al sito neolitico del Pulo e al Museo Archeologico, tramite prenotazione all’Info Point Molfetta e con una apertura straordinaria della Cava S. Leonardo con esplorazioni alle Orme dei Dinosauri, su gentile concessione di Carmela e Giuseppe Piccininni. 

Programma, modalità di partecipazione agli spettacoli e alle visite guidate sono disponibili sul sito www.spaziolearti.it

Info e Prenotazioni: Teatrermitage/SPAZIOleARTI - tel. 340.8643487 mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Molfetta. Nella giornata di domenica 28 agosto verrà svelato il vincitore della sfida tra DJ lunga due mesi

molfettacontestdj220822Arriva al gran finale ilContest DjDomenica 28 agosto terminerà la gara che ha visto sfidarsi nelle gallerie del Gran Shopping Mongolfiera ogni venerdì di luglio e agosto, sia semplici appassionati che professionisti della musica da club.

In due mesi la sfida ha raccolto iscrizioni da tutta la Puglia, vedendo in consolle ben 27 dj che hanno man mano conquistato il pubblico presente in galleria fino ad arrivare alla grande finale ricca di ospiti e musica.

Domenica 28 agosto, l’atteso ed esplosivo evento finale che inizierà con la battle tra i migliori dj arrivati in finale grazie alla giuria popolare, che avranno l’onere e l’onore di essere valutati da tre grandissimi esperti della dancehall.

I loro pareri e giudizi sulla performance dei tre dj arrivati in finale decreteranno il vincitore assoluto del Contest Dj, che potrà aggiudicarsi anche una dj station Pioneer DJ Controller, strumento indispensabile alla consolle.

La serata, già ricca di musica e adrenalina, si concluderà con uno show pazzesco a cura di uno tra i migliori dj italiani: Molella, direttamente dal Deejay Time, volto storico di radio Deejay e M20. 

 

Molfetta. Gli eventi si svolgeranno a partire da sabato 27 agosto presso il Chiostro della Basilica della Madonna dei Martiri

molfettamadonnadeimartiriC220822Torna a Molfetta anche quest'anno la rassegna culturale Ave Maris Stella organizzato e promosso dall'associazione Scorci di storia, folklore e artigianato e patrocinato dal Comune di Molfetta.

La rassegna, che avrà inizio sabato 27 agosto, prevede tantissimi incontri e appuntamenti pensati in concomitanza con l'attesissima festa patronale dedicata alla Santa Patrona Maria protettrice dei martiri del mare. Tutti gli eventi si svolgeranno presso il Chiostro della Basilica della Madonna dei Martiri.

Si parte sabato 27 agosto. Alle ore 18, il complesso bandistico della Bassa Musica Città di Giovinazzo allieterà con la sua musica il rione Madonna dei Martiri.

Alle ore 20, presso il Chiostro del Convento della Madonna dei Martiri ed esattamente nell'Atrio dei Pellegrini, si terrà l'inaugurazione della mostra Ave Maris Stella, seguirà il concerto lirico con brani di musica sacra. In questa giornata si potranno acquistare i biglietti della lotteria associati alla rassegna culturale. La vendita sarà effettuata presso il Chiostro della Basilica e presso la sede dell'Associazione Scorci di storia, folklore e artigianato, sito in via Carlo Alberto, 34.

Gli eventi continueranno mercoledì 7 settembre, al termine della celebrazione eucaristica, tutti i visitatori che avranno acquistato o acquisteranno il biglietto della lotteria Ave Maris Stella, sarà regalata una Rosa della Madonna. Il ricavato della vendita dei biglietti della lotteria sarà devoluto per le opere di carità effettuate dalla Basilica.

Giovedì 8 settembre, giornata clou della festa patronale, a cura e devozione del Sodalizio, il complesso bandistico Bassa Musica di Giovinazzo girerà e allieterà con la sua musica il quartiere Immacolata e il quartiere Paradiso.

Domenica 11 settembre, alle ore 10, presso la sede Auser Onlus in Piazza Paradiso si svolgerà l'estrazione della lotteria Ave Maris Stella. I premi potranno essere ritirati presso la sede dell'Associazione Scorci di storia, folklore e artigianato.

 

Foto: archivio Facebook Comitato Feste Patronali



Molfetta. La goleador sarà ancora una volta il punto di riferimento in campo e fuori

molfettanoxnanà220822La Nox Molfetta in Serie A2 non è immaginabile senza Fernanda Borzuk de Lima, per tutti Nanà. La campionessa brasiliana, infatti, sarà, ancora una volta il pivot della squadra allenata da Alessandra de Bari.

Il PalaFiorentini l'ha accolta come una regina, regalandole standing ovation e amore. Ricambiato dalla numero 22 verdeoro a suon di prestazioni di qualità e quantità e con il marchio della casa, il gol, 26 in totale quelli messi a segno nella passata stagione, abbastanza da riconfermarsi goleador e vincere la classica marcatori del girone C e contribuire al miglior attacco dello stesso, appunto quello della Nox.

Nanà, così, sarà ancora una volta il punto di riferimento in campo e fuori, la beniamina delle bambine del settore giovanile grazie allo sforzo della società biancorossa di legare ancora alla propria maglia la brasiliana e la volontà della stessa carioca di non lasciare un ambiente che l'ha amata da subito.

«Qui a Molfetta mi sono trovata benissimo da subito. È un ambiente ancora puro, dove lo sport si vive con passione e semplicità, senza pressioni negative, ma solo con la voglia di una sana competizione e di godere del gruppo e delle cose che si fanno insieme - sono le parole della giocatrice -

Sono contenta di essere restata qui a Molfetta. La partita di playoff che ho saltato l'anno scorso devo ancora giocarla, quindi per forza devo chiedere alle mie compagne e allo staff di portarmi di nuovo a giocare una partita così importante! Io darò tutta me stessa per aiutare la squadra, come ho sempre fatto nella mia vita, per qualcosa che mi piace e mi appassiona».

 

Foto: Martina Camporeale

Molfetta. Ha lottato fino alla fine il pasticcere dal cuore d'oro e dal grande sorriso

molfettamarco210822

Morire a 39 anni per una polmonite fulminante, ti sconvolge, ti lascia spiazzato, senza fiato. Soprattutto quando a perdere la vita è una persona che la ama, la desidera e la vive a pieno come Marco Crico, campione di bocce e tifoso sfegatato del Milan.

Marco, originario di Noventa Di Piave, provincia di Venezia, circa 14 anni fa si era trasferito a Molfetta, raggiungendo la madre e lavorando con lei presso la gelateria- pizzeria Officina del gusto.

Marco infatti era diplomato all'Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione, e di mestiere faceva il gelataio e il pasticcere, lavoro che gli si addiceva, riuscendo a trasformare la sua dolcezza caratteriale in dolci leccornie.

Molto apprezzato nel suo settore, aveva alle spalle diverse esperienze lavorative anche all'estero e di recente ne aveva concluso una in Lussemburgo.

Una ventina di giorni fa il ricovero in rianimazione toracica presso il Policlinico di Foggia per una polmonite batterica aggravata da un problema cardiaco, che purtroppo alle luci dell'alba di venerdì 19 agosto se lo è portato via, lontano dai suoi genitori, dai suoi nonni e dai tantissimi amici molfettesi e noventani.

«Marco soffriva da tempo di problemi cardiaci. Ad aggravare la sua condizione è stata una polmonite. Quasi un presentimento - racconta la madre in una breve intervista rilasciata al Gazzettino.it Venezia - nei giorni scorsi mi aveva detto: “mamma sono stanco”, aggiungendo, “se morirò fammi cremare”. Come da suo desiderio tornerà a Noventa».

I funerali svolgeranno giovedì 25 agosto presso il cimitero di Noventa di Piave. La redazione si stringe al dolore della famiglia e di quanti lo hanno conosciuto e voluto bene.

 

 

Molfetta. Per l'occasione l'Orchestra Filarmonica Pugliese aprirà le porte della prova generale a tutti gli studenti delle scuole di musica e delle scuole medie con indirizzo musicale

molfettaOFP210822CDopo il grande successo del concerto dedicato a Morricone tenutosi a Giovinazzo lo scorso venerdì 19 agosto, l'Orchestra Filarmonica Pugliese torna a Molfetta. Nella serata di oggi, domenica 21 agosto, alle ore 20.30, presso la Terrazza Minore del Parco della Musica di Sant'Achille si terrà il concerto finale diretto dagli allievi della Masterclass di Direzione d'Orchestra tenuta dal M° Fabrizio Dorsi.

Saranno sei gli allievi del corso che dirigeranno il concerto finale e proporranno la Sinfonia n.4 di Beethoven, la Sinfonia dal Barbiere di Siviglia, l'Overtour delle Ebridi e l'intermezzo n. II del terzo atto di Rosamunda.

Al miglior allievo direttore sarà offerta la direzione di un concerto nella programmazione della Stagione Concertistica della OFP nel 2023 e a scegliere il più meritevole sarà il voto della stessa orchestra, il voto di una giuria tecnica composta dal Prof. Defronzo, dal Prof. Sterlaccio e dal Dott. Coletta e dal voto del pubblico.

Costo del biglietto 5 euro intero, mentre per disabili il costo del biglietto avrà una riduzione di un 1 euro.

Inoltre l'Orchestra Filarmonica Pugliese per l'occasione aprirà le porte della prova generale agli studenti delle scuole di musica e delle scuole medie con indirizzo musicale.

 

Molfetta. Attivo dal 3 giugno il parcheggio per biciclette subirà dei cambiamenti orari soprattutto nei giorni feriali

molfettaaperturavelostazione 4Dallo scorso mercoledì 17 agosto e fino a nuove disposizioni la velostazione di Molfetta, situata in Piazza Aldo Moro, accanto alla stazione, sarà attiva dal lunedì al sabato dalle ore 7 alle ore 19, e la domenica solo di mattina dalle ore 9 alle 13.

Per maggiori informazioni o per chi fosse interessato al servizio sarà possibile contattare il numero telefonico dedicato che si trova presso la velostazione.

 

 

 

 

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino