Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. Domenica 25 luglio alle ore 20.30, presso il Museo Civico Archeologico del Pulo (in via Mayer), andrà in scena “Amor Mortis” spettacolo di teatro e canzone di e con Gianbattista Rossi, Loredana de Giglio e Giuseppe Piazzolla. L'evento presentato dalla compagnia teatrale “Fattoria degli Artisti” è inserito nel cartellone dell'estate molfettese 2021. L'ingresso è gratuito con prenotazione tramite WhatsApp ai seguenti numeri 347 7732676 – 3920564201 – 334 9284325. Lo spettacolo che ha come protagonisti Pulcinella e una servetta barese di nome Marietta, affronta e si concede una riflessione profonda e giocosa sul senso dell'arte e della vita. Il tutto sarà accompagnato da canzoni popolari del repertorio classico napoletano e barese e da danze tipiche della tradizione pugliese come la tarantella e la pizzica.

MOLFETTA. Mercoledì 21 luglio, alle 21, nel Teatro di Ponente di Molfetta (via Enrico Fermi 11), andrà in scena «Biancaneve e l’Ottavo nano», scritto, diretto e interpretato da Francesco Tammacco e Oreste Castagna (volto noto ad amatissimo, quest’ultimo, dal pubblico dei bambini). Lo spettacolo teatrale è organizzato dall’associazione «Il Carro dei Comici», ed è inserito negli eventi di Estate Molfetta 2021, con il patrocinio del Comune di Molfetta e del Teatro Pubblico Pugliese, e la collaborazione dell’associazione «Cips» di Maria Giovanna De Biase. Biglietto singolo a 5 euro, prevendita all’infopoint di Molfetta (Via Piazza 27, infotel: 351.986.94.33, 333.625.91.12, ingresso dalle 20,30).
Con le musiche originali di Pantaleo Annese e le scene di Nico Ciccolella, il tema dello spettacolo, diretto a un pubblico di bambini (dai 5 anni in su) e adulti, è quello dell’amicizia e dell’arricchimento che deriva dalla diversità. Pino, detto «Ottavo», è il nome di un ottavo nano, nato però sotto una cattiva stella. Non è un vero e proprio nano, in realtà: all’interno della famiglia è infatti il più alto e snello. Per questo non è mai potuto entrare nella storia. I fratelli Grimm, Andersen, Rodari e Collodi: tutti ci hanno provato, ma non l’hanno mai potuto inserire nelle loro favole. Perciò Ottavo è andato via da una landa desolata, per ordire una trama fatta di dispetti e un piano di riscossa, che soltanto guardando lo spettacolo si potrà «gustare». Sarà una pièce ricca di colpi di scena, di tecniche teatrali tipiche della poetica di Oreste Castagna (conduttore di programmi televisivi di grande interesse pedagogico per Rai Yoyo, come «Bumbi», «L’albero azzurro» e tanti altri) e del piglio ispirato alla Commedia dell'Arte della compagnia «Il Carro dei Comici». Per una rivisitazione allegra, spensierata e al tempo stesso profonda dei personaggi della favola di Biancaneve.

MOLFETTA. Il progetto legato alla Molfetta Calcio Femminile prosegue. Nonostante la Lega Nazionale Dilettanti non abbia ancora dato certezze sulle date di ripartenza delle competizioni agonistiche legate proprio al calcio femminile, la società è a lavoro per progettare la stagione 2021/2022 già abbondantemente iniziata. Lo scopo è quello di dare continuità a quanto costruito a ridosso dell’inizio del Campionato Regionale di Eccellenza e durante un torneo che ha visto giovanissime atlete confrontarsi con compagini di grande spessore. A questo si aggiunge la voglia della società di puntare su un modello che ha già riscosso successo e a cui si vuole dare necessariamente un seguito.  C’è da sottolineare un aspetto non da poco: la Molfetta Calcio è l’unica società cittadina ad aver investito sul calcio femminile a 11, prossimo ad essere dichiarato sport professionistico. Dopo la riconferma dello staff tecnico, la Molfetta Calcio Femminile ha intenzione di potenziare la squadra che ha partecipato al Campionato Regionale di Eccellenza e creare un vivaio di giovanissime atlete, puntando su quei valori su cui si basa l’intero progetto della Molfetta Calcio. Il riferimento è senza dubbio all’educazione sportiva su cui si vuole continuare a puntare non soltanto nel fair play sul rettangolo di gioco, ma soprattutto nella vita di tutti i giorni. La stagione 2021/2022, già ai nastri di partenza, pone come primo obiettivo proprio il potenziamento e l’allargamento della rosa. Giovedì 22 luglio a partire dalle ore 17 lo stadio “P. Poli”, casa della Molfetta Calcio, aprirà le sue porte per ospitare il primo stage della stagione dedicato ad atlete con la passione del calcio. Donatella Di Bisceglie e Vincenzo Petruzzella (i due allenatori che hanno guidato la squadra femminile nell’ultimo Campionato di Eccellenza) saranno a disposizione per visionare le atlete secondo la seguente modalità:

- la fascia oraria 17,30/18,30 sarà dedicata allo stage delle nate dal 2015 al 2006;

- la fascia oraria 18,45/20,00 sarà dedicata a ragazze nate negli anni successivi.

Porre le basi in questo inizio stagione per affrontare al meglio le prossime competizioni agonistiche. Su questo si è espresso il Club Manager Danilo Scardigno. «L’esperienza nelle giovanili in questi anni – ha sottolineato – mi inducono a ritenere fondamentali questi momenti dedicati agli stage. L’utilità è doppia, sia per gli atleti che si confrontano con nuove figure professionali e con nuove realtà, sia per la stessa società che ha la possibilità di allargare il proprio vivaio. Sono esperienze fondamentali se volgiamo costruire un nuovo modello di calcio che punti finalmente su giovani risorse». Quello di giovedì 22 luglio è il primo stage dedicato alla ricerca di nuove atlete. Nelle prossime settimane saranno comunicate le date di sessioni successive.

 

 

MOLFETTA. A partire da venerdì 23 luglio il patrimonio artistico della Città si arricchisce di una pregevole opera scultorea. Su banchina San Domenico, alle 17.30, sarà inaugurata e donata alla Città la stele monumentale dedicata a Giuseppe Saverio Poli, scienziato e Comandante della Reale Accademia Militare Nunziatella. L’opera, realizzata dallo scultore Mauro Antonio Mezzina, è stata voluta dal discendente omonimo il dottor Giuseppe Saverio Poli. Per l’occasione saranno presenti il Dott. Giuseppe Catenacci, Presidente onorario Associazione nazionale ex Allievi Nunziatella, l’Avv. Giuseppe Izzo, Presidente Associazione nazionale ex Allievi Nunziatella, il Prof. Gaetano Mongelli, Storico dell’Arte, autore di un prezioso quanto interessante studio sulla “statuaria” molfettese da Cozzoli a Mezzina (che sarà possibile leggere sul pieghevole distribuito per l’occasione), l’architetto Marco Mauro Pappagallo, Don Peppino Poli, il Sindaco Tommaso Minervini. «Il busto viene collocato su Banchina San Domenico, di fronte a Casa Poli che – commenta il Sindaco Tommaso Minervini - ancora oggi ospita, nelle sue stanze, le testimonianze lasciate dall’illustre uomo di scienza.
La nostra Città è un scrigno di tesori, testimonianza del passaggio di uomini che, come Giuseppe Saverio Poli, hanno vinto il tempo consegnandosi alla storia attraverso le loro opere, il loro lavoro, il loro ingegno». Perché Giuseppe Saverio Poli, non fu solo fisico sperimentale e naturalista. Si cimentò anche nel componimento poetico, con inni e poemi tanto che in occasione dello svelamento della stele monumentale l’Ensemble Musicainsieme, Direttore Annalisa Andriani, eseguirà due brani “Qualor dell’Alma” e “Dominator Perpetuo”, tratti da Inno al Sole scritto da Millico su testo di Giuseppe Saverio Poli. Prevista, su concessione del Comandante della Scuola Militare Nunziatella, Colonnello Ermanno Lustrino, la presenza degli allievi Martina Catuogno e Antonio Schiralli.

MOLFETTA. È tornato a casa, a Molfetta, il minorenne bloccato a Malta, con altri ottanta studenti in vacanza studio, alcuni dei quali erano risultati positivi al Covid 19. A darne notizia è stata la mamma che ha contattato il Sindaco per ringraziarlo per tutto quanto fatto. «Questo incubo è finito – ha detto - grazie Sindaco per tutto il suo appoggio».  «È una notizia che ci riempie di gioia. Abbiamo da subito compreso le ragioni della preoccupazione dei genitori del ragazzo. Per questo  - ha commentato il Sindaco, Tommaso Minervini - abbiamo interessato e sollecitato il Presidente della Regione e, in modo specifico, il Ministro Di Maio affinché intervenisse quanto prima per consentire ai ragazzi risultati negativi di fare rientro in Italia».

MOLFETTA. Si arricchisce di un tassello prezioso il mosaico dello staff tecnico della Molfetta Calcio in vista della prossima stagione. Ai confermatissimi Martino Traversa, vice allenatore, Ciccio Musacco, preparatore dei portieri, e Nicholas Annoscia, match analyist, si affianca la figura di Pasquale Ambruosi. “La figura di Pasquale Ambruosi va a completare lo staff a mia disposizione – le parole di mister Renato Bartoli – Fino allo scorso anno Nicholas Annoscia ricopriva sia il ruolo di match analyist che preparatore. In questo modo Nicholas potrà fare il suo lavoro e Pasquale potrà lavorare meglio sotto l’aspetto fisico dei nostri atleti”. Un profilo molto importante quello di Pasquale Ambruosi: dal 1994 al 1998 ha portato il Noicattaro, come preparatore atletico, dal campionato di Promozione alla serie D, poi è passato a Rutigliano, sempre in D. Professionale e formativa l’esperienza all’Avellino, in serie C, con mister Nano Galderisi, mentre in serie C ha ricoperto il ruolo di preparatore anche a Gubbio. L’ultima esperienza nel girone H di serie D è datata 2019, con la maglia del Gravina.

MOLFETTA. La Pavimaro Pallacanestro Molfetta è lieta di annunciare di aver raggiunto l’accordo per i prossimi due anni con Francesco Infante. Pivot di 204cm il nuovo acquisto biancorosso è nato a Foggia il 30 Settembre 1992, cresciuto nel settore giovanile della sua città, Infante torna a giocare in Puglia dopo le esperienze con il Basket Corato dal 2009 al 2012 e il Cus Bari. Francesco arriva alla Pavimaro Pallacanestro Molfetta dopo tre anni in Serie B con la maglia della Luiss Roma, nell’ultima stagione ha guidato la formazione universitaria alla semifinale playoff con 16 punti e 8 rimbalzi di media con un high score di 30 punti messo a segno in gara 3 di semifinale contro Nardò. Nel corso della sua carriera ha anche indossato le maglie Roseto, Recanati e Forlì nel campionato di LegaDue e Bakery Piacenza in Serie B per due stagioni dal 2014 al 2016. Con l’arrivo di Infante la Pavimaro Pallacanestro Molfetta ha messo a segno un autentico colpo di mercato, grazie al lavoro del General Manager Scardigno a diretto contatto con il procuratore dell’atleta che lo ha convinto a firmare a Molfetta strappandolo alla concorrenza di diverse squadre. Coach Gesmundo potrà così contare su uno dei migliori lunghi dell’intero campionato di Serie B. La società della Pavimaro Pallacanestro Molfetta ringrazia il procuratore dell’atleta Enzo Garsia dell’agenzia MVP Management, per la disponibilità nel concludere la trattativa. Benvenuto Francesco!

 

MOLFETTA. Nella giornata di oggi, domenica 18 luglio, l'associazione culturale Symposium renderà omaggio al ricordo del magistrato Paolo Borsellino e della sua scorta, organizzando un evento commemorativo in occasione del 29° anniversario della strage di via D'Amelio, dove si consumò l'attentato di stampo terroristico-mafioso avvenuto in Italia il 19 luglio 1992, all'altezza del numero civico 21 a Palermo. In quella tragica domenica d’estate a perdere la vita furono il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta, Agostino Catalano, Emanuela Loi (prima donna a far parte di una scorta e anche prima donna della Polizia di Stato a cadere in servizio), Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Alla presenza delle autorità religiose e politiche, l’associazione culturale Symposium alle ore 9.00 deporrà una corona d’alloro presso la segnaletica di via Paolo Borsellino, angolo via Terlizzi. Inoltre, in questa occasione sarà scoperta la targa commemorativa in onore di Paolo Borsellino donata dalla stessa associazione. Con questo gesto si intende ammonire fortemente tutte le organizzazioni mafiose e criminali presenti sul territorio nazionale. All'evento prenderanno parte il Sindaco Tommaso Minervini e il vicepresidente nazionale FAI Antiracket Renato De Scisciolo oltre al vicario diocesano don Raffaele Tatulli il quale benedirà la targa dedicata al magistrato vittima di mafia. La cittadinanza è invitata.

MOLFETTA. La Pavimaro Pallacanestro comunica di aver raggiunto l’accordo per i prossimi due anni con Lazar Kekovic. L’ala montenegrina classe 1999, alto 204cm per 100kg arriva a Molfetta dopo aver indossato la maglia della Talos Basket Ruvo nella passata stagione, conclusa a 7 punti e 5 rimbalzi di media a partita, con un high score di 19 punti messo a segno al Pala Poli. Lazar, nonostante la giovane età, vanta già importanti esperienze nel campionato di Serie B dove ha già giocato per Teramo e Vicenza, ma il vero salto di qualità avviene nella stagione 2018/2019, quando a Roma sponda Stella Azzurra, viene considerato tra i migliori under del campionato, mettendo a segno 14 punti di media, prima del trasferimento al Basket Corato. Kekovic arriva a Molfetta grazie al prezioso lavoro del General Manager Scardigno che aveva provato a portarlo alla Pavimaro anche la scorsa estate, il nuovo acquisto biancorosso rincontrerà Coach Gesmundo e Maurizio Tassone dopo l’esperienza a Corato. La Pavimaro Pallacanestro Molfetta ringrazia il procuratore dell’atleta Nemanja Zivanovic per la disponibilità nel concludere la trattativa.

Benvenuto a Molfetta Lazar!

MOLFETTA. Il progetto ha visto la partecipazione di diversi enti locali, guidati dall’associazione InCo-Molfetta che ha coordinato un consorzio di partner composto dal Comune di Molfetta, Metropolis e CPIA 1 Bari. Dopo lo stop per emergenza Covid-19 nel 2020, le attività sono riprese nella primavera del 2021. Lo staff degli enti coinvolti ha partecipato a due corsi di formazione all’estero in lingua inglese nel mese di maggio: “Lingua Inglese per Educatori” e “Integrating Minority Migrant and Refugee at European school and society”. Cinque giorni intensi di full-immersion in cui i partecipanti italiani hanno incontrato i rispettivi colleghi europei per confrontarsi sulle tematiche dei corsi, guidati da esperti del settore. Un’occasione unica per lo staff dei quattro enti per comunicare in inglese, lingua veicolare quando si tratta di interagire con giovani e adulti di culture diverse. Ma a cosa servono questi corsi e perché sono realizzati all’estero? Il progetto rientra nella programmazione Erasmus+ 2014-20, finanziata dall’Agenzia Nazionale INDIRE e permette di acquisire competenze chiave in ottica personale e professionale. Seguire una lezione ed interagire in lingua straniera stimola capacità sopite e permette l’acquisizione di nuove skills. Inoltre, il confronto con colleghi e realtà internazionali consente ai partecipanti di fare rete, condividere buone pratiche e pensare a strategie comuni. In particolare i partecipanti di InCo stanno utilizzando le competenze acquisite per comunicare in lingua inglese con immigrati e rifugiati nella fase di accoglienza, il CPIA per comunicare con persone straniere che non conoscono la lingua italiana e il comune di Molfetta per diversi progetti di inclusione sul territorio (come l’orto). Iniziative ed eventi volti a facilitare l’integrazione di persone di diversa cultura si svolgono ogni settimana fra Molfetta, Bisceglie e Bari, coordinati da InCo-Molfetta. “Si tratta di un progetto trasversale che ci dota degli strumenti necessari per svolgere attività di qualità che hanno un impatto sulla persona e sulla comunità locale” riferisce il coordinatore di InCo, Luigi Balacco. Le attività sul territorio sono aperte alla cittadinanza. Per partecipare e per maggiori info si possono seguire le pagine instagram (@InCoMolfetta) e facebook (@AssociazioneInCoMolfetta) dell’associazione.

Aggiornamenti sul progetto sono anche disponibili al seguente link: https://www.incoweb.org/ita/News/Esiti-delle-selezioni-progetto-Erasmus-KA104-Tools-for-Inclusion

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino