Redazione_Online

Redazione_Online

10945547 10203760770076509 7001563674596433637 nMOLFETTA - Le nostre associazioni (combattentistiche e d'arma: Ass. Eredi della Storia, Fondazione ANMIG e ANCR) hanno come scopo quello di preservare la memoria storica ed il ricordo dei nostri predecessori, senza strumentalizzazioni di sorta o censure di eventi “scomodi” per le varie fazioni politiche. 

Una storia per molti anni dimenticata e solo recentemente venuta alla luce è quella del complesso fenomeno noto col nome di “Foibe”, dal nome delle cavità carsiche in cui numerosi italiani istriani e dalmati, religiosi furono gettati dopo essere stati torturati e/o uccisi o in alcuni casi gettati vivi (come accadde a ben 16500 italiani) durante il periodo che va dagli ultimi anni della seconda guerra mondiale fino al ritorno di Trieste nei confini nazionali (1953).

10994154 415982461911293 1642873003778347391 nL’odio scatenato dalla “pulizia etnica” operata dai titini durò per molti decenni e solo con lo scoppio della guerra nella ex Jugoslavia per l’indipendenza delle repubbliche che erano state unificate sotto la dittatura di Tito, molte coscienze sono state “smosse” e questi fatti sono venuti alla luce. Ben 300.000 italiani dovettero fuggire abbandonando tutti i loro beni e nel porto di Trieste, nel “magazzino 18”, sono ancora presenti numerosi oggetti appartenenti ai profughi.

Diversi furono i molfettesi che, come molti altri italiani nati e/o vissuti in quelle terre (i quali erano addirittura giunti a possedere diversi immobili ed aziende agricole) subirono queste violenze non solo fisiche, ma anche psicologiche. Morirono in questo modo barbaro i molfettesi:

aaaprigionia in Germania 1943 - 1945MOLFETTA - Con la Legge 20 Luglio 2000, n. 211 si istituiva il "Giorno della Memoria" in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.” Come ogni anno l’Associazione Eredi della Storia, la Fondazione A.N.M.I.G. (Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra), l’Istituto Nazionale del Nastro Azzurro, l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci (A.N.C.R.), l’Associazione Nazionale Carabinieri (A.N.C.), L’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia (A.N.F.I.), l’Associazione Nazionale Marinai d’Italia (A.N.M.I.) e il circolo U.N.U.C.I. (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia) di Molfetta per non dimenticare e per ricordare alle nuove generazioni...

Scan ausiliarie rep socialeMOLFETTA - La vicinanza alle donne delle associazioni Eredi della Storia, Fondazione A.N.M.I.G. ed Istituto Nazionale del Nastro Azzurro di Molfetta nella giornata contro la violenza di genere.  

 MG 1369-1-2014MOLFETTA - Arturo in un meraviglioso pomeriggio di Gennaio, soleggiato a sorpresa, passeggiando alla scoperta delle bellezze nascoste della metropoli è attratto da un groviglio di persone e di camion, si avvicina... è un set di non so quale film con non so quale attore. "hei tu" qualcuno gli urla,"hei tu" Arturo si volta, un po' intontito dal sole che picchia e dal dopo pranzo un pò pesante " a me? " , "si , che stai fa! hai da fa'". 

cimiteroingressoMOLFETTA - Oggi 2 novembre si svolge la tradizionale giornata di commemorazione dei defunti. Alle ore 10 sul sagrato della Cappella del Cimitero sua eminenza Mons. Luigi Martella officerà la Santa Messa alla presenza delle autorità e dei fedeli. Seguirà: Lacrymosa, tratto dal Requiem di Mozart, a cura della corale “Sergio Binetti”, diretta dal M° Lucia de Bari e la deposizione delle corone di alloro. 

20141010 220434MOLFETTA - Il tenente Mauro Marzocca nacque a Molfetta il 17 Aprile 1896, da Saverio, agricoltore, e da Natalizia Minervini, casalinga; la sua famiglia, che nel primo dopoguerra ebbe la residenza in via Margherita di Savoia, era composta da sette figli: Vincenzo e Corrado fondarono il caseificio Marzocca con vendita al dettaglio in via Massimo D’Azeglio; Gennaro e Cesareo erano elettricisti; Paolo continuò l'attività paterna; Isabella è vissuta a Molfetta fino alla sua morte, nel 2007.

10676320 10152764682921584 7058896474757012617 nMOLFETTA - Oggi ricorre l'anniversario del terribile attentato che sconvolse l'occidente: quattro attacchi suicidi, da parte di terroristi di Al Qaida, provocarono circa 3.000 morti, di cui 343 vigili del fuoco, 60 poliziotti e, tra i civili, 21 nostri connazionali e un numero imprecisato di feriti, coinvolgendo persone di 70 nazionalità diverse. 

gruppo commemorazioneMOLFETTA - Le associazioni ANFI (Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia) della Puglia e della Basilicata unitamente alle delegazioni dell’Istituto Nazionale del Nastro Azzurro fra Combattenti e Decorati al V. M., della Fondazione ANMIG e dell’Associazione Eredi della Storia di Molfetta, in quel di Cefalonia hanno reso omaggio ai nostri eroi il giorno 27 Agosto con una cerimonia commemorativa. Inoltre sono stati visitati numerosi altri luoghi in cui i nostri soldati hanno combattuto anche con l’eroico sacrificio della propria vita.

Immagine Grande GuerraMOLFETTA - “Tornerete nelle vostre case prima che siano cadute le foglie dagli alberi!” [cit. Guglielmo II]. Alle ore 12 del 28 Luglio 1914 l’impero Austro – Ungarico consegnava la dichiarazione di guerra al regno di Serbia. Questo fu l’atto ufficiale che scatenò la Prima Guerra Mondiale. L’assassinio dell’erede al trono Asburgico del 28 Giugno aveva aperto una crisi diplomatica infuocatissima passata alla storia come la “Crisi di Luglio”.

festa marina eredi della storia 2MOLFETTA - La Marina Militare celebra la propria festa nell'anniversario dell'impresa di Premuda, con la quale nel 1918 pone fine ai piani espansionistici dell'Impero Austro-Ungarico sul mare Adriatico: questo successo, rilevante sul piano strategico e nondimeno su quello del morale, sancisce la supremazia italiana ed è l'ultimo capitolo di una guerra sul mare parallela a quella combattuta lungo la frontiera nord-orientale della penisola. 

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino