Redazione_Online

Redazione_Online

flashmob150217Molfetta. Si terrà sabato 18 febbraio, con inizio alle ore 19,00 una serata dedicata al mare e alle sue creature che si svilupperà in diversi momenti:mostra fotografica dell'OMM "L’INFINITESIMA BELLEZZA DEL MARE"e Flash Mob danzante Mmézzë o Castiëddë di Fabulanova.

Questo il programma nel dettaglio:

- ORE 19:00

Inaugurazione mostra fotografica

"L’INFiNITESIMA BELLEZZA DEL MARE"

DELL'OSSERVATORIO DEL MARE A MOLFETTA

L'OMM espone fotografie di creature microscopiche che popolano gocce d'acqua di mare molfettese.

Durante l'inagurazione FABULANOVA ENSEMBLE riproporrà un pezzo di propria composizione intitolato "Tarandellë du Marënerë" che racconta la vicenda relativa al porto di Molfetta e il nostro mare.

Sala dei Templari - Molfetta

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

pagina FB OMM, Osservatorio del Mare a Molfetta

https://www.facebook.com/OMM-Osservatorio-del-Mare-a-Molfetta-864558106976825/?fref=ts

- ORE 20:00

Flash Mob danzante Mmézzë o Castiëddë

di FABULANOVA

L’ Ass. Fabulanova al termine dell'inaugurazione propone un flash mob danzante in piazza Municipio, quindi  invita tutti gli amici a partecipare per ballare e suonare insieme!

info

https://www.facebook.com/fabulanova

politeama150217Molfetta. Dopo il successo del Concerto dell'Epifania, ritorna puntuale il tradizionale evento del Concerto d'Inverno che si terrà al Teatro Politeama Italia nei giorni 17 e 18 febbraio con la nostra orchestra.

Questo prestigioso evento è uno dei tanti in calendario per onorario al meglio il maestro Biagio Abbate - al quale è intitolata la nostra fondazione - nel centenario della scomparsa..

Quest'anno avremo il piacere di poter apprezzare le doti musicali del Soprano Luisella De Pietro e del Tenore Leonardo Gramegna, artisti del nostro territorio.

L'orchestra, composta da oltre 60 elementi, sarà come sempre diretta dal Maestro Giovanni PELLEGRINI con l'amichevole partecipazione dell'Alter Chorus diretto da Antonio Allegretta.

La prevendita dei biglietti si terrà presso la Torrefazione MA.GI.VA sita in Corso Umberto e presso il botteghino del Teatro Polieama Italia di Bisceglie sito in via Montello.

Per ulteriori informazioni potete consultare il nostro sito web all'indirizzo: www.fondazioneabbate.com oppure scriverci una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

socialcity140217Un percorso in cinque tappe, in cinque diverse città italiane e con il patrocinio dell’ANCI, per raccontare i nuovi servizi per i cittadini attraverso l'infrastruttura di banda ultra larga e le nuove modalità di comunicazione pubblica via web e social network. Questo è #socialcity, un innovativo format di divulgazione e condivisione di buone pratiche per raccontare il lavoro di Open Fiber per la banda ultra larga nelle città e l'attività web e social di enti e aziende pubbliche, a partire dai sindaci e dagli amministratori comunali, che ogni giorno informano e dialogano con i cittadini, attraverso social e chat.

Il percorso #socialcity, ideato da cittadiniditwitter.it, prima testata online specificatamente dedicata alla nuova comunicazione pubblica, nasce con il contributo di Open Fiber, impegnata a portare la banda ultra larga in tutta Italia e in collaborazione con ANCI, l’istituzione rappresentativa della quasi totalità degli ottomila Comuni italiani, da sempre impegnata nello sviluppo e nella promozione di servizi innovativi verso i cittadini.

Dopo la prima tappa di Cagliari del dicembre scorso, mercoledì 1 marzo la seconda tappa sarà a Bari con un evento co-organizzato con il Comune di Bari, il Consiglio regionale della Puglia, l'Ordine dei Giornalisti Puglia, l'Università di Bari e vedrà la partecipazione delle principali esperienze che erogano servizi attraverso i social network e le app di messaggistica ed esperti di nuova comunicazione locale e nazionale. Seguiranno le tappe di Palermo, Napoli e Firenze. Tutti gli eventi saranno in diretta sui social network con hashtag #socialcity.

L'appuntamento a Bari è per mercoledì 1 marzo (10-13.30) presso il Cineporto alla Fiera del Levante. Il convegno sarà moderato dal direttore di cittadiniditwitter.it Francesco Di Costanzo e sarà introdotto dal sindaco di Bari Antonio Decaro, dal presidente del Consiglio regionale della Puglia Mario Loizzo, da Stefano Paggi, direttore network Open Fiber e da Valentino Losito, presidente Ordine dei Giornalisti Puglia.

A seguire due tavole rotonde: "Web, social e chat: velocità, trasparenza, nuovi servizi per i cittadini" con Erica Sirgiovanni, ufficio stampa Agenzia per l’Italia digitale, Marco Laudonio, dirigente Ministero dell’Economia e delle Finanze, Sergio Talamo, giornalista, docente e dirigente Formez, Carlo Caroppo, social media manager Puglia Promozione e Annamaria Monterisi, responsabile comunicazione e relazioni esterne Arti Puglia.

A seguire la seconda tavola rotonda dal titolo: "Con i social una città a portata di cittadino", con Rossella Grasso, social media manager Urp - Comune di Bari, Giulia Murolo, responsabile comunicazione istituzionale Consiglio Regionale Puglia, Rosa Maria Sanrocco, Responsabile Sezione Servizi Istituzionali dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Vito Palumbo, responsabile comunicazione e relazioni esterne Acquedotto Pugliese, Maria Cafagna, referente comunicazione digitale e social media manager Fondazione Petruzzelli e Sara Melelandri, social media manager del Museo Civico di Bari. L'evento sarà in diretta sui social network con l'hashtag #socialcity.

Il convegno riconosce rientra nel calendario della formazione continua per l’Ordine dei giornalisti.

Per Info: Consiglio Regionale della Puglia - Elena Infantini: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 080.5401556 www.consiglio.puglia.it - Comune di Bari - Elda Grazioso: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 080.5772057 – www.comune.bari.it - Cittadiniditwitter.it – Andrea Marrucci – 329.8758475 www.cittadiniditwitter.it/comunicato

progettom140217Molfetta. Può l’ uomo rinunciare all’ arte in tutte le sue forme e abdicare al “Dio” consumismo in una società dove vige la legge dell’ economia e del profitto?

E’ quanto si chiede in maniera veramente efficace, innovativa e dirompente il regista Michele Pinto che, presso la Pinacoteca  Cantatore di Ruvo ha presentato in anteprima nazionale  il suo ultimo lavoro: “ Progetto M”, la terza webserie targata MORPHEUS EGO e girata in Puglia dagli stessi autori delle due precedenti CHIAMAMI e BISHONNEN.

In una sala gremita, alla presenza del sindaco di Ruvo  Pasquale Chieco e dell’ l'assessore alla Cultura Monica Filograno, oltre che di tanti intellettuali, ma anche di tanti amici e curiosi, visto il prestigioso curriculum del regista, la serata ha preso il via  con una conversazione sui legami tra filosofia ed antropologia, sulla funzione dell’ arte, con rimandi al mondo della letteratura, della poesia e del cinema.

La trama è stata tratta da un racconto scritto anni fa dall’ attore teatrale Francesco Tammacco intervenuto all’ evento con alcuni degli attori protagonisti del cortometraggio fra cui: Isabella Ragno, Fabrizio Fallacara, Vincenzo Raguseo e Sara Guastamacchia. La  modella e produttrice cinese Xin Wang era assente in quanto ha appena avuto un bimbo, ma sul palco sono saliti anche il giovanissimo autore della musica finale, un quattordicenne compositore ruvese, già vincitore di tanti riconoscimenti e la truccatrice che ha emaciato, imbruttito e sfigurato gli attori nel cortometraggio.

Nel video si punta l’ attenzione su una “ cupola” di potere denominata PCR (PRODURRE - CONSUMARE- RICICLARE), imperativi della civiltà moderna dominata da povertà e ingiustizie sociali dilaganti, dove viene annientata la creatività e gli artisti, per la legge del contrappasso, vengono privati della loro arte e del modo di esprimerla.

Di grande impatto emotivo l’interpretazione degli attori che hanno reso perfettamente l’ angoscia e la loro impotenza. Un plauso al regista che ha dato un ritmo veloce, ma angosciante, ha permesso di riflettere anche attraverso ricercatezze tecniche, come l’ interruzione del video fra un personaggio e l’ altro che aumenta ancora di più l’ ansia e la tensione emotiva.

Alla produzione dell’opera hanno partecipato  l'associazione di promozione sociale Migrantes liberi, la casa di accoglienza “Santa Maria Goretti” della diocesi di Andria e il gruppo di volontariato Salah, con cui Pinto aveva già realizzato l’anno scorso il cortometraggio Tama kelen sui migranti richiedenti asilo e il regista spera di coinvolgere anche Amnesty Internetional, in quanto si parla anche di negazione dei diritti umani.

L’ animo umano è sempre più forte e, anche in condizione di prigionia, gli artisti cercando di esprimere la loro arte. Non tutto però di questa società è negativo, come ha ribadito il regista, riferendosi al riciclo, bisogna vedere l’ uso che se ne fa.

Tanti i temi su cui riflettere,  per esempio i cervelli dei creativi spediti su Marte; molti gli omaggi fatti al grande cinema, alla filosofia, alla poesia e all’ arte.

Un cortometraggio che, come ha detto l’ autore, può piacere o non piacere, ma non lascia certamente indifferenti e, visti i lunghi e scroscianti applausi, più i complimenti a tutto il cast, salito poi sul palco per ricevere il dovuto tributo, ha sicuramente colpito nel segno.

Project M” inizierà parteciperà  nel corso dell’anno a tutte le più importanti kermesse internazionali del settore. Presto la proiezione del cortometraggio si terrà anche a Molfetta, visto che l’ autore del testo e molti attori sono proprio molfettesi.

auditoriumsdomenica110217Molfetta. Presso il Centro Culturale Auditorium della parrocchia S. Domenico nelle domeniche di febbraio va in scena la musica. Il primo appuntamento ha visto protagoniste le arie d’ opera di Bellini, Donizetti, Verdi e Puccini.

Domenica 12 febbraio, con inizio alle ore 19.00  in programma il concerto in collaborazione con la Fidapa: “ Tre soprani per un pianista . Un viaggio nella musica e nell’ amicizia “ con i  soprani  Federica Altomare, Ester Facchini e Lucrezia Porta che saranno accompagnate al pianoforte dal maestro Emanuele Petruzzella.

Sabato 18 febbraio invece la professoressa Marta Pisani  presenta “ La Passatedde (famiglie di altri tempi) dell’ autrice Rosa Campanale. Alla chitarra ci sarà Gennaro Ciccolella che allieterà la serata con filastrocche  e canti della tradizione.

Domenica 19 si cambia ancora genere con “ In.. canti di oboe e voci” . Ad esibirsi il soprano Stella Roselli e  il baritono  Terenzio Russo.  Luciana Visaggio sarà all’ oboe mentre al pianoforte Adriana de Serio a cui è affidata anche la direzione artistica.

La rassegna musicale si conclude domenica 26 con “ Arie e duetti d’ opera buffa” con il soprano Ester facchini, il basso baritono Onofrio salvemini, al pianoforte e alla direzione Adriana De Serio.

Visto il programma proposto e gli interpreti, gli appuntamenti costituiscono un pregevole e raffinato momento culturale, oltre che distensivo, ascoltando ottima musica.

arte54Molfetta. La galleria 54 Arte Contemporanea ha il piacere di ospitare la mostra dell’artista Anna Zeligowski dal titolo “ARTE, SCIENZA E MEDICINA” presso la propria sede espositiva in via Baccarini 54, Molfetta (Ba).

Questa nuova esposizione, il cui vernissage avrà luogo sabato 18 Febbraio 2017 alle ore 19:00, vedrà una selezione di disegni realizzati con inchiostro di china, pennino e pastello.

Le opere, popolate da mille personaggi estremamente colorati, affrontano varie tematiche, quali scienza, vita quotidiana, medicina, biologia e molto altro.

Cenni biografici:

Anna Zeligowski, ebrea di origini polacche, israeliana e ora italiana che vive nel sud del Paese. Tutte queste sono le sue vere identità, così come lo sono il suo genere, la sua professione e i suoi ruoli all’interno della famiglia, con gli amici e nella comunità. Si muove da un’identità all’altra perdendosi tra esse. Tutte queste identità sono intrecciate, come ogni altra cosa nella sua vita, secondo il suo modo di percepirla e quindi di disegnarla.

Ha tenuto mostre in tutto il mondo, partendo da Bari per arrivare a Milano e poi sbarcare in Brasile (Rio de Janeiro), Slovenia (Ljubljana), Israele (Tel Aviv) e Messico (Ciudad de México).

"Non disegno per analizzare me stessa o per esprimere uno stato d’animo.

Obbedisco a una necessità, comunico i miei sentimenti e le mie sensazioni, e li condivido.

Spesso il disegno sembra quasi prendere vita da sé.

Le figure vengono fuori dall’inchiostro domandando di esistere, chiedendo di essere viste e riconosciute come creature viventi, sia che esse siano esseri umani, animali, oggetti o piante. Il mondo mi appare meravigliosamente complesso e sfaccettato. Affronto varie tematiche quali scienza, biologia, evoluzione, medicina, rapporti umani, la condizione della donna e la vita di ogni giorno.

Il disegno è finito solo quando so che tutto è stato detto e che non c’è null’altro da aggiungere. Infine, arriva l’ultimo momento: la realizzazione della mia firma.

Un piccolo disegno, quasi impercettibile, solitamente in fondo alla pagina; a volte solo una figura, altre volte il mio gemello sulla carta.

E così io, alla fine del mio lavoro, so che quello che ho rappresentato è puro e sincero."

SCHEDA INFORMATIVA

MOSTRA: “ARTE, SCIENZA E MEDICINA”

SEDE: 54 Arte Contemporanea, Via Baccarini - 54, Molfetta (Ba)

INAUGURAZIONE: sabato 18 Febbraio 2017 ore 19:00

ORARI DELLA MOSTRA: dal martedì al sabato: 17:30 – 20:30

DURATA DELLA MOSTRA: 18 Febbraio – 1 Aprile 2017

INFORMAZIONI: Tel. +39 080 3348982; 335 7920658. Sito: www.arte54.it

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ingresso libero

najafi120217Molfetta. La Consulta Femminile del Comune di Molfetta e “la meridiana edizioni” organizzano ed invitano all’evento “Conversazione con Gholam Najafi”.

Venerdì 17 febbraio alle ore 18.00 presso la Sala Stampa di Palazzo Giovene in Piazza Municipio si parlerà di storie di migranti e di inclusione sociale con Gholam, giovane afghano arrivato in Italia a 16 anni come minore straniero non accompagnato. Fuggì dalla sua terra ed intraprese un lungo e faticoso viaggio, ancora bimbo di 10 anni, dopo l’uccisione del padre da parte dei talebani.

Oggi è un ragazzo che ce l’ha fatta, lavora e vive a Venezia, sta per concludere la laurea magistrale e racconta il suo viaggio, la sua storia, le sue speranze per costruire un mondo che, nonostante le frontiere che in molti alzano, ci chiede di riconoscerci uguali.

L'incontro con Gholam e il suo racconto sono occasione per parlare dei tanti migranti che cercano rifugio in terre più ospitali e delle risposte che possiamo dare a queste richieste. Si parlerà di inclusione sociale e di integrazione, ed ancora delle diverse forme di azione che si possono mettere in atto per rispondere ai diversi bisogni di accoglienza.

concertoterremoto0902117Molfetta. “ Metti una sera all’ opera” è il nome del lodevole ed ambizioso progetto che vedrà impegnate tante realtà artistiche locali a favore delle popolazioni terremotate.

Il prossimo 24 febbraio con inizio alle ore 21,00 presso il Museo Diocesano di Molfetta, il Gran Complesso Bandistico “ Francesco  Peruzzi” proporrà la Traviata di Giuseppe Verdi.

Ad esibirsi: i soprani Lucia de Bari ed EriKa Mezzina, il tenore Giavito Ferilli, il baritono Francesco Marzano insieme agli attori Francesco Tammacco e Pantaleo Annese.

Parteciperanno  anche la “Corale Polifonica Sergio Binetti” diretta dal maestro Lucia de Bari, la compagnia teatrale “ Il Carro dei Comici”,  e i musicisti portoghesi impegnati nel progetto Erasmus.

La direzione e l’ arrangiamento saranno curate dal maestro prof. Michele Consueto.

L’ incasso sarà devoluto ai terremotati del centro Italia. Il progetto è stato sostenuto dal Rotary Club di Molfetta che ha supportato l’ iniziativa benefica che vede coinvolte diverse importanti realtà del territorio.

L’ opera e la bella musica a sostegno di chi soffre o è in difficoltà.

                                            

draka090217Molfetta. E’ un avvenimento straordinario dato il personaggio di caratura mondiale. Stiamo parlando di Papa Francesco. Per la prima volta in assoluto i diritti della sua immagine non vengono gestiti dal Vaticano, ma dalla Draka Distribution di Corrado Azzollini.

Sarà infatti la sua casa di produzione a gestire le vendite internazionali del documentario “ La mia idea di arte” di Papa Francesco tratto dall’ omonimo libro  edito da Mondadori.

Tiziana  Lupi,curatrice del progetto ne ha parlato anche sulla rivista “ Il mio papa”, pubblicazione Mondadori, dedicata interamente al papa.

Si tratta del primo documentario di Papa Francesco in cui lo stesso Pontefice, così come nel libro, racconta alcune delle maggiori opere dei Musei Vaticani.  L’ importanza di questo grande progetto è l’ affidamento in esterno, a una casa di produzione di provincia, diretta da un molfettese- giovinazzese, di  un documentario di valenza mondiale anche perché papa Francesco è amatissimo proprio per il suo rapporto con la gente e per aver reso fruibili tanti luoghi prima inaccessibili   al pubblico, vedi  il suo palazzo di Castel Gandolfo, ora diventato un museo.

Le riprese sono state girate in luoghi meravigliosi che trasudano storia e bellezza. Il documentario  propone una visita guidata nei Musei Vaticani, fino a Piazza San Pietro e alla Basilica Vaticana, seguendo l'itinerario suggerito da Papa Francesco; una sorta di galleria d'arte ideale, insomma, alla scoperta delle opere che realizzano la sua idea di arte che evangelizza e contrasta la cultura dello scarto.

"I Musei devono essere sempre più il luogo del bello e dell'accoglienza. Devono spalancare le porte alle persone di tutto il mondo" scrive, nel libro, Papa Francesco.

Ad accompagnare gli spettatori in questo percorso sarà la voce narrante di Tiziana Lupi, curatrice del volume di Papa Francesco.

La regia è di Claudio Rossi Massimi, produttore esecutivo Imago Film e distribuito da Draka Distribution. Il dvd, disponibile in 6 lingue, sarà in distribuzione dai primi mesi del 2017.

Naturalmente, ha dichiarato Corrado Azzollini, è un onore, un privilegio e una grande soddisfazione, rappresentare questo importantissimo progetto cinematografico con Draka.

Dal una città del sud nel mondo; Corrado Azzollini vola sempre più in alto e ormai può essere a tutti gli effetti definita una eccellenza del nostro territorio.

Ad maiora e promuovi ovunque la nostra Puglia come ambasciatore.

draka090217Molfetta. E’ un avvenimento straordinario dato il personaggio di caratura mondiale. Stiamo parlando di Papa Francesco. Per la prima volta in assoluto i diritti della sua immagine non vengono gestiti dal Vaticano, ma dalla Draka Distribution di Corrado Azzollini.

Sarà infatti la sua casa di produzione a gestire le vendite internazionali del documentario “ La mia idea di arte” di Papa Francesco tratto dall’ omonimo libro  edito da Mondadori.

Tiziana  Lupi,curatrice del progetto ne ha parlato anche sulla rivista “ Il mio papa”, pubblicazione Mondadori, dedicata interamente al papa.

Si tratta del primo documentario di Papa Francesco in cui lo stesso Pontefice, così come nel libro, racconta alcune delle maggiori opere dei Musei Vaticani.  L’ importanza di questo grande progetto è l’ affidamento in esterno, a una casa di produzione di provincia, diretta da un molfettese- giovinazzese, di  un documentario di valenza mondiale anche perché papa Francesco è amatissimo proprio per il suo rapporto con la gente e per aver reso fruibili tanti luoghi prima inaccessibili   al pubblico, vedi  il suo palazzo di Castel Gandolfo, ora diventato un museo.

Le riprese sono state girate in luoghi meravigliosi che trasudano storia e bellezza. Il documentario  propone una visita guidata nei Musei Vaticani, fino a Piazza San Pietro e alla Basilica Vaticana, seguendo l'itinerario suggerito da Papa Francesco; una sorta di galleria d'arte ideale, insomma, alla scoperta delle opere che realizzano la sua idea di arte che evangelizza e contrasta la cultura dello scarto.

"I Musei devono essere sempre più il luogo del bello e dell'accoglienza. Devono spalancare le porte alle persone di tutto il mondo" scrive, nel libro, Papa Francesco.

Ad accompagnare gli spettatori in questo percorso sarà la voce narrante di Tiziana Lupi, curatrice del volume di Papa Francesco.

La regia è di Claudio Rossi Massimi, produttore esecutivo Imago Film e distribuito da Draka Distribution. Il dvd, disponibile in 6 lingue, sarà in distribuzione dai primi mesi del 2017.

Naturalmente, ha dichiarato Corrado Azzollini, è un onore, un privilegio e una grande soddisfazione, rappresentare questo importantissimo progetto cinematografico con Draka.

Dal una città del sud nel mondo; Corrado Azzollini vola sempre più in alto e ormai può essere a tutti gli effetti definita una eccellenza del nostro territorio.

Ad maiora e promuovi ovunque la nostra Puglia come ambasciatore.

NOTIZIE PIU' LETTE

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino