Redazione_Online

Redazione_Online

MOLFETTA. Un referendum che permetta a persone gravemente malate di poter accedere a un fine vita consapevole, controllato e sereno. È questo, in sintesi, il senso della raccolta firme sull’eutanasia legale lanciata il 30 giugno dal Comitato promotore e l’Associazione Luca Coscioni e che in poche settimane ha superato le 500.000 sottoscrizioni. Obiettivo della raccolta è semplice e al tempo stesso rivoluzionario : promuovere un referendum che abbia lo scopo di abrogare parzialmente l’articolo 579 del Codice penale, quello relativo all’ «omicidio del consenziente» eliminando così alcune parti del testo che oggi puniscono questo reato con la reclusione in carcere dai 6 ai 15 anni. A 37 anni dal deposito della prima proposta di legge sull'eutanasia, per gli organizzatori la raccolta firme serve “solo a riconoscere un diritto umano”, dal momento che ogni giorno in Italia ci sono malati terminali che si suicidano nelle condizioni più terribili a causa della legge italiana, che nega la possibilità di essere accompagnati alla fine della vita senza soffrire, condannando invece al carcere chi li aiuta. Per le centinaia di promotori di banchetti e volontari sparsi per tutta Italia è il momento di rimuovere gli ostacoli alla legalizzazione dell'eutanasia anche con intervento attivo da parte del medico su richiesta del paziente, così come avviene già in Olanda, Belgio, Lussemburgo e Spagna, e seguendo i principi già stabiliti anche dalla Corte costituzionale tedesca. Tra quest’ultimi anche alcuni liberi cittadini di Molfetta, che hanno deciso di contribuire alla raccolta firme organizzando una prima giornata che si terrà il 31 Agosto dalle ore 18:30 alle ore 20:30 presso il Corso Umberto, altezza Galleria Patrioti Molfettesi. Tutti i cittadini residenti sono invitati a partecipare e a contribuire alla buona riuscita della raccolta rilanciando la notizia attraverso il passaparola. Affinché si possa difendere la dignità delle persone e il diritto di mettere un punto alle proprie sofferenze e a una vita ormai segnata da una malattia terminale.

MOLFETTA. La nostra città è pronta ad accogliere 10 famiglie afghane, 8 donne sole con bambini e una donna sola. Il Sindaco, Tommaso Minervini, con nota ufficiale, ha comunicato al Prefetto di Bari di aver risposto alle istanze del Ministero dell’Interno mettendo a disposizione la residua disponibilità dell’accoglienza nell’ambito del progetto Sai (ex Sprar) che, su Molfetta è gestito dal Consorzio Metropolis. Complessivamente Molfetta ha messo a disposizione per l’ospitalità 50 tra donne, uomini e bambini. In tal senso si attendono aggiornamenti dal Ministero. «Abbiamo deciso di rispondere immediatamente alla richiesta di collaborazione lanciata dal Ministero mettendo a disposizione tutti i posti disponibili – sottolinea il Sindaco Minervini - perché siamo un popolo di emigranti. Perché riteniamo che ogni singolo uomo, donna di questa città, con un minimo di consapevolezza e di cuore, avrebbe fatto la stessa identica cosa. Perché nessuno di noi, di voi, volterebbe le spalle a chi fugge dal terrore e dalla deprivazione di ogni libertà. Abbiamo deciso così perché per noi la persona umana viene prima di ogni cosa».

 

MOLFETTA. Giovedì 26 agosto, alle 21, presso il Teatro di Ponente di Molfetta (via Enrico Fermi 11), andrà in scena «Steve & Bill», scritto da Donatella Brocco e Mauro Mandolini, con un cast formato da Francesco Tammacco, Michele Lattanzio (curatore anche della regia), Pantaleo Annese, Leonardo Mezzina, Giovanni Giancaspro, Davide Belgiovine. Lo spettacolo teatrale, con i costumi di Paola Korch, le scene di Nico Ciccolella e le musiche originali di Pantaleo Annese, è prodotto e organizzato dalla compagnia «Il Carro dei Comici», all’interno della quarta edizione di «Molfetta in prosa», con il sostegno del Comune di Molfetta. Biglietto singolo a 10 euro (5 euro per gli under 15), prevendita all’infopoint di Molfetta (Via Piazza 27, infotel: 351.986.94.33, 333.625.91.12, ingresso dalle 20,15). Lo spettacolo sarà replicato martedì 31 agosto, alle 21, a Trani, a Palazzo Beltrani. Non è facile fare uno spettacolo su Steve Jobs e Bill Gates. C'è il rischio di risultare retorici e didascalici. Tanto si è scritto su di loro dal punto di vista professionale: innovatori, imprenditori e geni a tempo pieno. Con le loro invenzioni hanno stravolto, nel bene e nel male, le vite di noi tutti. Nessuno escluso. Ma chi erano davvero Steve e Bill nel privato? E da bambini assomigliavano ai loro coetanei o già avevano in loro il gene di quello che sarebbero diventati da grandi? Gli autori di questa originalissima pièce teatrale (che ha debuttato nel 2014 al Todi Festival e torna ora con un nuovo cast e allestimento in anteprima nazionale), Mauro Mandolini e Donatella Brocco, hanno voluto credere che i due padri di Apple e Microsoft si fossero conosciuti casualmente da bambini, intrecciando un'amicizia mista a rivalità per il resto della propria vita. Ciò che rende prezioso lo spettacolo è la contrapposizione tra le figure di due giganti dell'informatica, Jobs e Gates, con quelle di due uomini speciali, Steve e Bill. Il loro «essere umani», rivoluzionari e precursori di un mondo nuovo, a portata di tutti. Secondo le disposizioni di legge, sarà possibile accedere solamente se in possesso di certificazione verde Covid-19 (Green Pass), comprovante l’inoculazione almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 o la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi); effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore).

MOLFETTA. Uno spettacolo a sera e anche di più. Entra nel vivo la programmazione estiva predisposta dall’amministrazione comunale. Sagre, rappresentazioni teatrali, pizzica, iniziative per i più piccoli, lirica, poesia e musica pop con i Concerti al porto, nell’ambito del Luce Music Festival, l’evento di punta del cartellone estivo a Molfetta, e la presenza di Stefano Bollani (1° settembre), Psicologi (2 settembre) e Niccolò Fabi (3 settembre). Da oggi, fino al 28 agosto, Quartiere in festa, a partire dalle 20.30, con la parrocchia San Pio X, che propone quattro sagre in quattro sere, frittelle, brasciole, cavatelli e poi frittura di calamari il tutto annaffiato con la musica live di Tony Sugar, Dalla cover Band, il Suonagli Folk festival, e il concerto della Diolovuole Band. Nello specifico il Suonagli folk festival, organizzato dall'associazione culturale Fabulanova, che giunge alla quarta edizione, terrà banco Venerdì 27 agosto, a partire dalle 21. Il festival ha l'obiettivo di portare a Molfetta le tradizioni orali e coreutiche del Sud Italia. In questa edizione, sarà possibile “scoprire” il progetto musicale di Dario Muci “Barberia e canti del Salento”, uno dei progetti musicali più rappresentativi e originali del Salento. Durante il concerto non mancheranno le pizziche che saranno eseguite dal Dario Muci, voce e chitarra, Antonio Calsolaro, mandolino, Massimiliano de Marco, voce e chitarra, Francesco De Donatis, tamburi in maniera tradizionale. Dal 28 al 31 agosto a Molfetta è in programma la prima edizione di Sotto il Cielo dei miti, teatro tra archeologia e contemporaneo, rassegna di spettacoli, narrazioni e visite guidate tra il Pulo di Molfetta e il pertinente Museo Archeologico, promossa da Teatrermitage con il sostegno del Comune di Molfetta (evento organizzato nel rispetto delle norme anti COVID, ingresso con biglietto e prenotazione obbligatoria per informazioni Tel. 340.8643487 e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.). In ognuna delle giornate di programmazione sarà inoltre possibile prenotare all’Info Point Molfetta le viiste guidate al Pulo e al museo archeologico. Il 29 agosto torna, con il patrocinio del Comune di Molfetta, l'appuntamento dedicato ai più piccoli: Le fiabe fanno volare – La notte bianca dei bambini. Le strade si riempiranno di fantasia e divertimento, grazie a un'idea di Centro Cips e AllenaMenti. Otto laboratori animeranno le strade del centro per strappare sorrisi e mettere alla prova l’ingegno e la fantasia dei bambini. Start alle ore 17. E poi le rappresentazioni teatrali, gli eventi della Fondazione Valente, la prosa con le produzioni di Ergo sum, la Notte della poesia, l’animazione nelle vie del centro, la settima edizione del festival Viator, Menti Cuori e Corpi sulle vie Francigene del sud, Piano&friends al tramonto, e tanto altro ancora.

 

MOLFETTA. Torna per il secondo anno consecutivo l’evento organizzato dalla parrocchia San Pio X, ”Quartiere in Festa” che si svolgerà da mercoledì 25 a sabato 28 agosto in viale Gramsci, quattro serate caratterizzate dall’intrattenimento musicale e da degustazioni gastronomiche. Cuore pulsante dell'iniziativa che rientra nella programmazione "Eventi Molfetta", è il parroco di San Pio X, don Giuseppe Pischetti con l'aiuto dei parrocchiani. Lo stesso don Giuseppe sottolinea che “anche quest’anno, rispettando tutte le regole disposte dal governo, non abbiamo voluto rinunciare a coinvolgere quanti non possono allontanarsi da Molfetta e dal quartiere per trovare momenti di svago". L’organizzazione della festa di quartiere ha dedicato una particolare cura alle azioni per combattere la diffusione del Covid-19. L'ingresso sarà posto su viale Gramsci in prossimità del sagrato della chiesa San Pio X con l'obbligo di indossare la mascherina. Partner dell'evento sarà il Sermolfetta che avrà anche il compito di supportare gli organizzatori nella gestione dei flussi di persone in ingresso ed in uscita dall'evento. Si potrà accedere solo con il Green Pass che bisognerà esibire ai varchi d’accesso ai volontari del Sermolfetta. Non hai il Green Pass con te? Ci penserà la Farmacia Mastrorilli che digitando il vostro codice fiscale potrà verificare se siete in possesso del certificato Verde così da poter accedere all’evento. L'intrattenimento gratuito è reso possibile grazie all'opera volontaria prestata dai parrocchiani e ai numerosi sponsor. Vediamo il programma nel dettaglio.

Mercoledì 25 agosto alle 20.30: degustazione di frittelle tipiche molfettesi. Ospiti della serata Tony Sugar-Musicomania.

Giovedí 26 agosto alle 20.30: degustazione della brasciola; ospiti della serata “Dalla Live Cover Band”.

Venerdì 27 agosto alle ore 20.30: degustazione del cavatello; farà tappa l’evento “Suonagli Folk Festival”.

Sabato 28 agosto alle ore 20.30: degustazione del Calamaro Fritto; ospite della serata “Dio lo vuole Band.

MOLFETTA. Ha all’attivo 46 album (30 in studio), oltre a una lunga lista di collaborazioni discografiche con Gato Barbieri, Chick Corea, Chano Domínguez, Bill Frisell, Sol Gabetta, Richard Galliano, Gabriele Mirabassi, solo per citarne alcune. Si è esibito, tra le altre, con Filarmonica della Scala, Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Gewandhaus di Lipsia, Concertgebouw di Amsterdam, Orchestre de Paris, Toronto Symphony Orchestra. Mercoledì 1 settembre, Stefano Bollani sarà a Molfetta, sulla banchina San Domenico, con il suo nuovo show. Musicista eclettico e geniale, compositore, pianista jazz e classico sarà proprio lui ad aprire la tre giorni della Rassegna “Concerti al porto”, tappa del Luce Music Festival, per un viaggio musicale da vivere e condividere. Ad accompagnarlo, con l’immancabile pianoforte, il contrabbassista Gabriele Evangelista e il batterista Bernardo Guerra. La parola d’ordine sarà il divertimento garantito dalla buona musica con brani che hanno accompagnato la carriera artistica di Bollani e con la sua geniale capacità di improvvisare. Nell’ambito dei Concerti al porto, oltre a Stefano Bollani, in programma, come detto mercoledì 1 settembre, ci saranno, sempre su Banchina San Domenico, i concerti degli  Psicologi, Alessio Aresu (Lil Kaneki) e Drast (Marco De Cesaris), giovedì 2 settembre, e di Niccolò Fabi, venerdì 3 settembre. I tre con concerti rientrano nel programma della terza edizione del Luce Music Festival, rassegna musicale ideata e organizzata da Fanfara srl, Urem srl e Cooperativa Ulixes in collaborazione con Regione Puglia. Fanno parte del programma degli eventi culturali estivi predisposto dall’amministrazione comunale di Molfetta. Psicologi, Alessio Aresu (Lil Kaneki) e Drast (Marco De Cesaris). Biglietti in vendita sui circuiti ticketone. Lo spettacolo avrà inizio alle ore 21.15. Ai concerti si accede nel rispetto delle normative anti Covid vigenti.

 

 

MOLFETTA. È stata inaugurata la panchina dei diritti in villa comunale. Presenti il sindaco Tommaso Minervini, il presidente di Arci Orizzonti Tommaso Tota e il mondo dell’associazionismo locale. La panchina di colore giallo, infatti, è stata realizzata su input della Rete dei diritti negati, un coordinamento tra varie associazioni del mondo laico e cattolico. Questa panchina – afferma il primo cittadino –, sulla quale sono raffigurati Giulio Regeni e Patrick Zaki,  è dedicata a chi combatte ogni giorno per i propri diritti. L’obiettivo è quello di mettere al centro l’individuo e lo facciamo in un momento storico particolare che vede il ritorno dei talebani in Afghanistan. In linea con la nostra vocazione all’ospitalità abbiamo dato la disponibilità ad accogliere qui a Molfetta 50 profughi afghani. Allo stesso tempo migliorano le nostre politiche sociali, ad esempio con lo strumento del Pis, il pronto intervento sociale. Perché nessuno deve rimanere escluso”.

 

MOLFETTA. Dopo il successo delle precedenti edizioni, venerdì 27 agosto torna Suonagli Folk Festival organizzato dall'associazione culturale Fabulanova, con il patrocinio del Comune di Molfetta e con la collaborazione della Parrocchia San Pio X e Nauna Cantieri Musicali. L'obiettivo del festival è far conoscere e riscoprire le tradizioni orali e coreutiche del nostro Sud. Il Festival nelle precedenti edizioni ha ospitato alcuni gruppi di musica popolare tra i più rappresentativi della world music. Ospite della quarta edizione che si terrà venerdì sera dalle ore 21.00, in viale Gramsci (presso Parrocchia San Pio X) sarà Dario Muci con il suo curioso progetto musicale "Barberìa e canti del Salento". Quello di Muci è un lavoro originale, che va a esplorare una tradizione musicale praticata in Salento fino alla metà degli anni 50, "quando molti barbieri erano anche musicisti e il salone un importante luogo di musica. Negli intervalli dal loro lavoro essi svolgevano attività musicale e didattica e i migliori maestri formavano gruppi strumentali in grado di eseguire brani classici di vario tipo (valzer, mazurche, barcarole) e di “portare” le serenate".
Il repertorio è preziosissimo in quanto illumina una particolare zona del Salento, quella del Capo di Leuca e di Alessano, musicalmente molto vivace ma mai studiata approfonditamente. Proprio Alessano è il paese del Maestro Antonio Calsolaro, mandolinista, compositore e ultimo depositario che ha appreso questa tradizione direttamente dal padre Vincenzo, musicista e barbiere, e che oggi si dedica come solista e al fianco di Muci alla sua riproposta.
Muci ha lavorato per anni al recupero di questo antico stile, che trae le sue origini probabilmente dalla dominazione spagnola e che nel Salento, a differenza di altre zone della Puglia (brindisino e barese), è stato dimenticato in seguito alla scomparsa dei vecchi depositari, e involontariamente offuscato dall'abnorme fenomeno della pizzica. La barberìa, genere esclusivamente strumentale, rappresenta dunque una grossa novità in un territorio conosciuto e studiato quasi esclusivamente per la spettacolarizzazione del mito del ragno. Durante il concerto non mancheranno le pizziche che saranno eseguite dal quartetto in maniera tradizionale. Tra i musicisti, oltre Dario Muci, voce e chitarra, saranno presenti Antonio Calsolaro- mandolino, Massimiliano de Marco – voce e chitarra e Francesco De Donatis – tamburi.

Durante la serata si potranno degustare cavatelli e altre pietanze messe a disposizione negli stand organizzati dalla Parrocchia San Pio X. L'ingresso è gratuito. Per accedere all'evento sarà obbligatorio il Green Pass. Tutte le informazioni saranno disponibili sulle pagine ufficiali Facebook dell’associazione Fabulanova e del Suonagli Folk Festival oppure ai seguenti numeri telefonici:
Vincenzo de Pinto 380 7090700
Valeria Sallustio 340 1683273.

 

MOLFETTA. La Pavimaro Pallacanestro annuncia lo staff tecnico che affiancherà Coach Giovanni Gesmundo per la stagione 2021/2022. Nel ruolo di Assistant Coach ci sarà l’esperienza di Ilario Azzollini, volto molto ben conosciuto a Molfetta che per il quarto anno consecutivo avrà il ruolo di vice allenatore per la Pavimaro Molfetta. Come Assistente assieme a Coach Gesmundo e ad Azzollini ci sarà Mirco Francese, giovane allenatore di Molfetta che collaborava già da alcuni anni con la società biancorossa. Completa lo staff nel ruolo di Preparatore Atletico Domenico De Gennaro, anche lui una gradita conferma rispetto all’anno scorso, con la sua competenza curerà la parte fisica per la prossima stagione. Buon lavoro!

 

MOLFETTA. Oltre alle istanze già pervenute al Settore socialità è possibile presentare ulteriori richieste di finanziamento per i contributi per i centri estivi per minori entro il prossimo 31 agosto. Il 60% dei fondi sarà assegnato e ripartito in parti uguali ai gestori accreditati di servizi per l’infanzia e l’adolescenza, mentre il restante andrà 40% al settore associativo, ricreativo, ecclesiastico, educativo e sportivo, con una esperienza di almeno due anni di attività. L’obiettivo della misura è quello di sostenere – afferma il sindaco Tommaso Minervini – le ludoteche e le associazioni, parrocchie, società sportive e quanti ricoprono un ruolo fondamentale per le famiglie nella crescita e nella formazione dei bambini. Pertanto attendiamo le istanze che la Socialità prenderà in considerazione”.



JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino