MOLFETTA. PROGETTO MOBILITÀ GARANTITA. È STATO CONSEGNATO UN NUOVO AUTOMEZZO PER IL TRASPORTO DI DISABILI

By Dicembre 03, 2020

MOLFETTA. Un nuovo automezzo è stato consegnato al settore socialità del Comune di Molfetta da PMG Italia nell’ambito del Progetto di mobilità garantita. Sarà impiegato per il trasporto di persone svantaggiate e diversamente abili. Il Van è stato concesso al Comune in comodato gratuito da PMG Italia. Ora il Settore socialità lancerà un bando subcomodato del mezzo aperto alle associazioni del territorio che si occupano di soggetti fragili. La collaborazione con PMG Italia nasce nell’ambito dell’integrazione collaborativa tra pubblico e privato prevista dalla "Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" n° 328/2000 e ha l’obiettivo di promuovere forme di autonomia e integrazione sociale, attraverso l’implementazione dei servizi di trasporto sociale ed accompagnamento, autonomia e pari dignità sociale a tutti i cittadini.

«Il Progetto di Mobilità Garantita presenta contenuti di alto valore etico e sociale, attorno alla quale – spiega l’assessore alla socialità, Angela Panunzio - si mobilitano le migliori risorse della comunità per consentire alle persone di partecipare attivamente alla vita della società, soddisfacendo il fondamentale bisogno umano di contatti e relazioni. Ringrazio anche gli imprenditori locali, che abbinano il proprio marchio e la propria immagine ad una iniziativa solidale e sociale realizzata per il benessere della comunità. Il finanziamento dei veicoli, del loro mantenimento e la realizzazione del servizio, è infatti possibile grazie alla locazione da parte di imprese e aziende del territorio di spazi pubblicitari sulla superficie esterna degli autoveicoli».

Last modified on Sabato, 05 Dicembre 2020 10:32

JoomBall - Cookies

© 2020 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino