MOLFETTA. LA GRANDE STAGIONE DEI DIRITTI CIVILI E DELL’ACCOGLIENZA A MOLFETTA. AL NIDO COMUNALE UN ESEMPIO CONCRETO

MOLFETTA. Il nido comunale come simbolo di integrazione e di inclusione. Funzionano le politiche inclusive a sostegno delle famiglie, attuate con progettualità di ausilio e integrazione sociale, di bimbi extracomunitari e non, predisposte dal settore socialità del Comune. Tanto che quest’anno la grande presenza di bimbi di diverse etnie consente a tutti di imparare di più, di entrare in contatto con culture diverse e di arricchirsi vicendevolmente. Determinante è stato il coinvolgimento delle famiglie di origine dei bimbi con le quali sono stati fatti colloqui individuali hanno coinvolto anche le comunità. E grazie all’interazione con gli educatori, le famiglie, le mamme hanno superato una iniziale titubanza. Tutti i bimbi sono impegnati in attività psicomotorie finalizzate a stimolare nuove capacità sociali con attenzioni mirate attraverso il gioco e la musica, ma anche i laboratori di digitopittura, manipolazione, che favoriscono nel bambino la conoscenza del mondo circostante, momenti di aggregazione che consentono al bambino anche di arricchire il proprio linguaggio e di partecipare a microprogetti legati anche alle stagioni. «Insegnare ai bambini l’importanza della inclusione attraverso il gioco è importante. Sicuramente l’interazione con l’altro – sottolineano il Sindaco, Tommaso Minervini, e l’assessore alla socialità, Germana Carrieri - farà di loro adulti consapevoli. Ringrazio la dirigente del settore socialità, la dottoressa Lidia De Leonardis, e il suo staff, ma anche la responsabile del nido, Augusta Elia che, con il suo team di collaboratori ed educatrici, sempre attenti alle esigenze dei più piccoli hanno costruito questo esempio di comunità accogliente ed educante. E che questo sia esempio positivo per tutti».

 

Last modified on Venerdì, 03 Dicembre 2021 14:21

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino