DISTURBI ALIMENTARI, LO SPORTELLO DI ASCOLTO “ENTRA” NELLE SCUOLE

Molfetta. Iniziano a marzo gli incontri formativi e informativi condotti dagli esperti dell’associazione Cibiamoci nelle scuole medie e superiori che hanno aderito all’iniziativa

molfettalocandinadisturbialimentaricontent25022022Ancora pochi giorni e, a partire dal mese di marzo, gli esperti dello Sportello di ascolto dei disturbi alimentari, saranno nelle scuole per incontrare i ragazzi. Inizia una nuova fase della collaborazione tra il Comune di Molfetta e l’associazione Cibiamoci che, da un anno gestisce il servizio, attivo tutti i martedì pomeriggio, dalle ore 14 alle ore 18, nei locali di Via Cifariello.

A dicembre scorso proprio l’Associazione ha sottoscritto una convenzione con il Comune di Molfetta-Settore socialità per la prosecuzione delle attività nel Punto di ascolto nel progetto triennale, riapprovato per altri 3 anni, dedicato al benessere psico fisico dei bambini degli adolescenti e dei giovani nelle scuole. Nell’ambito della convenzione, in aggiunta alle attività di sportello, l’Associazione si è impegnata a tenere incontri formativi e informativi nelle scuole medie e superiori di Molfetta che, su invito dell’Assessorato, hanno aderito all’iniziativa nella quasi totalità.

Gli incontri, tenuti dallo staff del Punto di Ascolto del Comune di Molfetta, saranno calendarizzati sulla base delle indicazioni fornite da ciascun istituto.

Il Progetto si aggiunge all’attività svolta dagli psicologi scolastici. L’intento è creare una sinergia tra le attività a scuola e quelle del punto di ascolto anche per sensibilizzare famiglie studenti e docenti sul tema delicato che durante la pandemia ha fatto emergere nuove problematiche legate alla alimentazione dei minori.

«I disturbi del comportamento alimentare – sottolinea il sindaco, Tommaso Minervini - sono complessi e di lunga durata, talvolta con esiti non prevedibili. Per questo è determinante riconoscerne i segnali, intercettare il profondo disagio ed evitare la cronicizzazione delle problematiche fisiche e psicologiche. Di qui l’importanza di lavorare con le scuole, nelle scuole che ringrazio per aver aderito al progetto».

La fase operativa del progetto è stata concordata nel corso di un incontro nella sala conferenze di Lama Scotella. Presenti, oltre al Sindaco, Tommaso Minervini, l’assessore alla socialità, Gianna Sgherza, l’assessore alle politiche giovanili, Luisella De Pietro, la dirigente del Settore Socialità, Lidia De Leonardis, l’assistente sociale referente del progetto, Vincenza de Palma, la consigliera comunale, Rosalba Secchi, che ha contribuito alla nascita dello Sportello, le esperte dell’associazione Cibiamoci, Fedora Nettis e Stefania Giammarino. Presenti anche i dirigenti scolastici degli istituti coinvolti, che hanno ringraziato il sindaco, la dirigente del Settore socialità e l'intero suo staff per l'attenzione dimostrata con progetti dedicati, in questi ultimi anni e in special modo in quello appena trascorso, al benessere psicofisico dei ragazzi.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino