TRUFFA AI DANNI DI UN'ANZIANA SIGNORA: DUE ARRESTI

Molfetta. Incastrati dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza e dalle dichiarazioni di alcuni testimoni, i due presunti truffatori hanno sottratto all'anziana signora 8mila euro

molfettacarabinieriI Carabinieri della Sezione Operativa di Molfetta hanno dato esecuzione all’ordinanza di misura cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Trani, su richiesta della Procura della Repubblica del luogo, nei confronti di due soggetti di origini partenopee, accusati di aver truffato una'anziana signora di Terlizzi, riuscendo a sottrarle una somma di denaro pari a 8mila euro.

L'accertamento, specificano i militari molfettesi, è stato compiuto nella fase delle indagini preliminari che necessita della successiva verifica processuale nel contraddittorio con la difesa, nel procedimento a carico di 2 soggetti di origine campana, indagati per “truffa nei confronti di persona anziana”.

Il provvedimento dell’Autorità Giudiziaria recepisce le risultanze investigative svolte dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta, mediante l’analisi delle immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona e l’escussione di testimoni, in ordine a una truffa perpetrata il 23 luglio 2020 a un’anziana di Terlizzi, che all’epoca dei fatti viveva in una zona poco abitata del comune.

Secondo l’impostazione accusatoria accolta dal Gip (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa), il sistema utilizzato per truffare la povera donna è stato quello oramai ben conosciuto, di cui tempo fa avevamo segnalato un tentativo di truffa verificatosi a Molfetta. La donna avrebbe ricevuto una telefonata da parte di una persona che dichiarava di essere suo nipote, e che sarebbe passato da lei il giorno successivo per farsi consegnare la somma di 10 mila euro che avrebbe a sua volta consegnato alla madre (figlia della vittima), che vive fuori regione, per saldare un debito contratto con una società finanziaria. L’anziana per aiutare la figlia e il nipote avrebbe accettato di consegnare la somma richiesta. L’indomani, si sarebbe presentato presso l’abitazione della donna un soggetto che dichiaratosi dipendente delle Poste di Terlizzi, si sarebbe fatto consegnare dapprima la somma di 4800 euro e successivamente ulteriori 3200 euro che avrebbe spedito al nipote della signora.

I due arrestati, come disposto dall’Autorità Giudiziaria mandante, sono stati ristretti rispettivamente uno agli arresti domiciliari e un altro presso il carcere del capoluogo partenopeo.

È importante sottolineare che il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari e che l’eventuale colpevolezza, in ordine ai reati contestati, dovrà essere accertata in sede di processo nel contraddittorio tra le parti.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino