CELEBRATA NEL DUOMO LA GIORNATA DELLA POESIA TRA LIRICHE E MUSICA

Molfetta. Anche quest’anno è andato in scena il concorso di poesia organizzato dal Liceo Classico ‘Leonardo da Vinci’

molfettagiornatapoesialiceoclassicoRicorreva ieri, lunedì 21 marzo, la Giornata mondiale della Poesia, celebrata anche quest’anno a Molfetta con il consueto evento organizzato dal Liceo Classico cittadino all’interno del Duomo di San Corrado, dove si sono dati appuntamento giovani poeti provenienti dal biennio del Ginnasio e dalle scuole secondarie di primo grado Pascoli, Poli, Santomauro, Savio di Molfetta e Battisti-Ferraris di Bisceglie. Il tema dell’anno è stato la natura con il concorso “Elogio della vita, pensando alla terra”. Lirica e musica si sono alternate per far risuonare la poesia nelle alte volte del Duomo: i versi di poesie famose dedicate al dramma della guerra e i testi inediti e densi di dolcezza, di profondità e di musicalità dei bravissimi studenti che hanno reso omaggio alla terra, rivelandone la bellezza e la precarietà; le note e le parole, cantate dalle voce vibrante di Giorgia Amoruso, hanno reso l’atmosfera davvero magica e le bellissime Muse hanno accolto tutti i partecipanti e scandito, con la loro armoniosa presenza, i diversi momenti della manifestazione.

A premiare gli studenti, l’assessore alla Cultura Maridda Poli: «Voglio ringraziare le nostre ragazze, i nostri ragazzi, i docenti, le scuole che non smettono mai di stupirci. Questa giornata, come dimostra la partecipazione di tanti istituti della città, cresce ogni anno e celebra, in un modo bellissimo, la bellezza delle parole e la capacità di viverle come esperienza personale. Bellissimi i due eventi organizzati: la mattina l’iniziativa del classico, nel pomeriggio quello del Liceo Vito Fornari».

I ragazzi del liceo Fornari, infatti, sono stati protagonisti della IX edizione del Concorso “Haiku”, finalmente in presenza, dedicato al tema “La natura, specchio dell’animo”. Nato in Giappone nel XVII secolo e guardato con curiosità dalla letteratura europea dei primi del ‘900, il componimento Haiku, di origine giapponese e strutturato su tre versi di complessive 17 “more”, si presta a dare espressione alle suggestioni dell’anima dei nostri ragazzi, quando si perdano nella contemplazione della natura.

L’assessore Poli ha premiato sia i lavori dei candidati interni, sia i lavori provenienti dall’IC "Battisti-Pascoli" di Molfetta, dall’IC “Manzoni-Poli” di Molfetta, dalla scuola secondaria di I grado “R. Monterisi” di Bisceglie, dall’ IC “San G. Bosco-Buonarroti” di Giovinazzo, dall’IC “San G. Bosco - Santomauro” di Molfetta, dall’IC “Scardigno-San D. Savio” di Molfetta. Musica, letture, proiezioni di video hanno allietato la cerimonia, che si è conclusa con un omaggio poetico alla popolazione ucraina, mediante la recitazione della poesia “Contra spem spero” della poetessa ucraina Lesja Ukrainka.

NOTIZIE PIU' LETTE

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino