AMMINISTRATIVE, COMMERCIO: GIOVANNI INFANTE LANCIA RESP@ - RETE ECONOMICA SOLIDALE PUBBLICA

Molfetta. Nel programma elettorale di Rifondazione Comunista/Compagni di Strada, un'iniziativa mirata a risollevare le sorti del commercio e dell'imprenditoria locale

molfettagiovanniinfanteGiovanni Infante, candidato sindaco con Rifondazione Comunista/Compagni di strada, lancia un nuovo interessante punto inserito nel programma elettorale "Più di così" messo a punto per le elezioni amministrative del prossimo 12 giugno. Si tratta di Resp@ - Rete economica solidale pubblica, un'iniziativa mirata a risollevare le sorti del commercio e della piccola imprenditoria locale. «Il commercio di prossimità vive una crisi storica dovuta soprattutto all’avvento della grande distribuzione prima e dell’e-commerce dopo – si legge nella nota diffusa alla stampa da Giovanni Infante e dai candidati di Rifondazione – e aggravata dalla pandemia che ormai da due anni sconvolge le nostre vite. Di fronte a questa crisi niente e quasi niente è stato fatto se non iniziative estemporanee che non hanno dato una risposta organica e strutturata al settore così fortemente colpito. Riteniamo sia necessario costruire una rete capace di intercettare parte dei flussi di consumo in entrata e che coinvolga sia gli operatori che l’amministrazione comunale.

L’importanza di una vetrina illuminata e di una saracinesca aperta non è solo legata a questioni economiche ma coinvolge altri aspetti della vita quotidiana della nostra comunità. Un negozio, una attività aperta sono un argine allo svuotamento delle nostre strade e le nostre piazze e contribuiscono a combattere fenomeni di microcriminalità. Per questi motivi proponiamo la creazione di Resp@, una Rete Economica Solidale Pubblica delle imprese urbane che unisca in consorzio tutti gli operatori economici con la partnership di tutte le associazioni di categoria e delle associazioni di strada e il supporto dell'Ente comunale. La proposta di rete Resp@ non è rivolta soltanto al settore del commercio ma anche ai settori dell'artigianato e primari (pesca e agricoltura) e mira a non disperdere le risorse pubbliche e le energie private in mille iniziative senza un coordinamento. A questa rete e alle sue iniziative saranno destinate le risorse a disposizione del Comune per sostenere l’economia cittadina urbana, non solo le attività dello storico “quadrilatero del commercio” ma anche quelle dei quartieri storici di Ponente e Levante e dei quartieri di espansione a mezzogiorno, vecchia e nuova 167, che hanno bisogno di alimentare la presenza di operatori e attività economiche per non ridursi a periferie vuote. 

Resp@ serve a favorire il potenziamento del sistema d'offerta attraverso iniziative di fidelizzazione e scontistica permanenti rivolte ai consumatori nella logica del gruppo d’acquisto solidale a livello di massa. Ogni cittadino che aderisce come consumatore a Resp@, aderisce a un circuito qualificato presente in tutta la città con vantaggi economici e sconti fedeltà.Programmare durante tutto l’arco dell’anno – non solo a Natale, Pasqua e festa patronale – eventi promozionali nei quartieri con il concorso integrato del mondo dell’associazionismo culturale, sportivo, del volontariato e il sistema delle istituzioni formative. Istituire tra le aziende aderenti come circuito paramonetario locale di credito/debito complementare e supplementare rispetto a quello in euro, attraverso un'unità di conto digitale (ad es. con Sardex in Sardegna) in cui le aziende possono finanziarsi e sostenersi a vicenda senza il pagamento di interessi e commissioni. Si possono così liberare nuove risorse private, si favorisce l'aumento delle relazioni interne tra gli operatori e si promuove l'accesso alla rete di potenziali nuovi soggetti che volessero cimentarsi in nuovi investimenti. Insomma una rete capace di rimettere al centro la nostra città, stimolare la cooperazione tra i soggetti economici e tra questi ultimi e i cittadini. Tutto questo per rimettere in moto un processo di crescita collettiva, programmata e condivisa della nostra comunità per affrontare al meglio le sfide del futuro senza lasciare indietro nessuno».

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino