SOLIDARIETA' OLTRE LA MORTE: 71ENNE DI MOLFETTA SOTTOPOSTO A DONAZIONE MULTIORGANO

Molfetta. Su espressa volontà dell'uomo e con il consenso della famiglia, l'espianto è stato eseguito presso l'Ospedale Bonomo di Andria

molfettadonazionemultiorganohomeUn grande gesto di solidarietà e amore per la vita è stato compiuto da un signore di 71 anni di Molfetta, venuto a mancare domenica scorsa. Su espressa volontà dell'uomo e con il consenso della famiglia, presso l'Ospedale Bonomo di Andria l'equipe del dott. Nicola Di Venosa ha eseguito l'espianto di fegato, reni e cornee. Il caso ha voluto, rende noto la ASL BT, che il giorno precedente, sabato 14 maggio, anche un 81enne di Barletta aveva preso la stessa decisione, donando fegato e reni.

Operato domenica stessa nel nosocomio andriese, al 71enne molfettese è stato prelevato il fegato dalla equipe del Policlinico di Bari e i reni dalla equipe del Policlinico di Foggia. Le cornee, invece, sono state prelevate dal dottor Dimastrogiovanni di Andria e sono state trasferite alla Banca degli Occhi di Mestre. A dirigere entrambe le operazioni è stato il coordinatore aziendale per le donazioni, dottor Giuseppe Vitobello.

«Due donazioni multiorgano nelle ultime 48 ore - dichiara il dott. Vitobello - dimostrano quanto sia elevata la consapevolezza nel nostro territorio dell’importanza di compiere un gesto di così profonda civiltà e di grande altruismo».

«La BAT - afferma Tiziana Di Matteo, Direttrice Generale Asl Bt - ha numeri davvero incoraggianti per quanto riguarda le donazioni, ne siamo orgogliosi. Donare significa sia sostenere con amore e generosità la vita che prosegue che creare un filo invisibile ma indissolubile tra chi ha donato e chi riceve. Non possiamo che ringraziare i donatori e le loro famiglie».

Last modified on Martedì, 17 Maggio 2022 12:43

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino