MOLFETTA AL VOTO TRA COMUNALI E REFERENDUM: OGGI L’ELECTION DAY

Molfetta. Seggi aperti dalle ore 7 alle ore 23 per votare i cinque referendum abrogativi sulla giustizia ed eleggere sindaco e consiglio comunale

molfettaelezionicomunaliChiamata alle urne per i cittadini di Molfetta, che oggi, domenica 12 giugno, si distribuiranno tra i sessanta seggi allestiti in città per eleggere il sindaco e il consiglio comunale ed esprimere il proprio parere sui cinque quesiti referendari abrogativi di altrettanti testi di legge riguardanti la Giustizia.

Dopo una campagna elettorale dai toni spesso accesi, in cui non si sono risparmiate le invettive personali, i quattro candidati alla carica di sindaco e i 588 candidati a consigliere comunale si consegnano al giudizio del popolo e organizzano i comitati per seguire passo passo le operazioni di spoglio, che avranno inizio alle ore 14 di domani, lunedì 13 giugno.

Tantissimi i cittadini che in questi giorni hanno usufruito del servizio straordinario reso dall’Ufficio elettorale dl Comune di Molfetta, che ha provveduto al rilascio delle tessere elettorali e al rinnovo delle carte d’identità elettroniche. L’Ufficio resterà a disposizione degli elettori anche per tutta la giornata di oggi, negli orari in cui si vota, quindi dalle ore 7 alle ore 23.

Si ricorda che il Comune di Molfetta ha istituito il servizio navetta gratuito per i cittadini con disabilità motoria, attivo anche oggi dalle ore 7 alle ore 14.30 e dalle ore 15.30 alle ore 20.

In corsa per le comunali, il primo cittadino uscente candidato a un secondo mandato da sindaco, Tommaso Minervini, sostenuto da 11 liste civiche; l’ex magistrato Lillino Drago, sostenuto da quattro liste civiche più M5S e Pd; l’avvocato Pietro Mastropasqua, sostenuto da tre civiche e da FdI, FI e Nuovo PRI-PSI; il medico Giovanni Infante, sostenuto dalla civica Più di Così e da Rifondazione Comunista / Compagni di Strada.

Gli elettori molfettesi, che si spera siano più del 56,19% della scorsa tornata elettorale, potranno esercitare il voto disgiunto, ovvero votare allo stesso tempo per una lista che appoggia un possibile sindaco e un candidato a primo cittadino di un altro schieramento. È eletto sindaco il candidato che ottiene la metà dei voti più uno. Se ciò non si verifica, il prossimo appuntamento alle urne è con il ballottaggio di domenica 26 giugno.

Last modified on Sabato, 11 Giugno 2022 19:58

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino