MOLFETTA. I "SOGNI IN MUSICA" DIVENTANO REALTÀ. APPLAUSI E CONSENSI PER IL SAGGIO FINALE DEGLI ALLIEVI DELL’ASSOCIAZIONE S.CECILIA

foto concerto 2MOLFETTA - L’ Associazione culturale musicale "S. Cecilia - Città di Molfetta " ha organizzato presso il chiostro della Fabbrica di San Domenico l'evento "Sogni in musica", saggio di fine anno accademico degli alunni della scuola di musica autogestita dalla stessa.

Il programma  della serata ha previsto 16 esibizioni:  singole, duetti, terzetti e 3 ensamble: quella di clarinetti, i "Silver Clarinet"; quella di sassofoni, gli "Addoere D'sax" e quella di ottoni, i "Melphicta Brass Band". Da dicembre l'associazione sta puntando molto  su queste formazioni musicali affinché possano dare voce alle potenzialità dei suoi musicisti, tutti valenti ragazzi.

Una realtà che vanta un organico di quasi 50 elementi.

Grande apprezzamento del pubblico hanno suscitato  le esibizioni dei più piccoli: due bambini iscritti a scuola di musica da cinque  mesi appena, i quali si sono esibiti in brani totalmente ritmici con l'ausilio dello strumentario Orff.

Questo testimonia  la politica del  gruppo organizzatore presieduto dal prof. Giacomo Giancaspro: dar voce ai suoi ragazzi, riuscendo a far emergere il meglio delle loro capacità. L’ associazione costituisce poi un luogo privilegiato e sano  dove crescere e coltivare i rapporti umani.

Ogni esibizione è stata magistralmente presentata da Margherita Calò, musicista anche lei, calatasi nel doppio ruolo che richiedeva la serata la quale  si è avvalsa della collaborazione di due validissimi e spigliati bambini: Gabriele De Lucia di 9 anni e la piccola Mariangela Murolo che, per nulla intimoriti delle luci della ribalta, hanno interagito con il pubblico.

 Al termine dell'esibizione dei ragazzi,è stato eseguito  "A Night in Tunisia" , brano standard jazz, in memoria di Tommaso Summo, trombettista tragicamente scomparso durante l'incidente ferroviario tra Andria e Corato. I musicisti l’hanno voluto ricordare proprio con il brano che il ragazzo aveva postato il giorno prima della tragedia sulla sua pagina facebook.

Più che saggio, è stato un vero e proprio spettacolo, molto apprezzato dal numeroso pubblico presente, visto anche il piacevolissimo repertorio scelto.

 La sorpresa annunciata per il pubblico, e non svelata se non all’ ultimo momento, era una gag comica in vernacolo molfettese dal titolo "I connotati", magistralmente interpretata  dagli attori di ArtTeatro Mauro De Musso e Felice de Trizio, che ne è anche l'autore. Un simpatico episodio di vita vissuta giocato sugli equivoci e doppi sensi.

A seguire ancora l’ esibizione frizzante ed energica della banda con  brani di Joaquín Rodrigo, Astor Piazzolla e Pérez Prado che  hanno portato a Molfetta, in una piacevole serata estiva,  il ritmo ispanico - latino americano e riscaldato il pubblico, grazie alla magistrale preparazione fornita al gruppo dal Maestro Pasquale Turturro, che ha al suo attivo un brillante e prestigioso curriculum.

A conclusione della serata, non potevano mancare i saluti e i ringraziamenti del presidente Giancaspro che ha consegnato ad ogni allievo il meritato diploma di fine anno.

“ Sogni in musica” ha emozionato e fatto sognare. Noi ci auguriamo che per alcuni di questi giovani, il sogno si tramuti in realtà: sfondare in campo musicale; le premesse ci sono tutte.

 

Paola Copertino

Last modified on Mercoledì, 02 Dicembre 2020 13:40

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino