L'ARCHEOCLUB DI MOLFETTA INVITA A SCOPRIRE LA SCUOLA ORGANARIA NAPOLETANA

Molfetta. Il 20 e il 21 luglio sarà possibile visitare i due Organi più antichi e preziosi custoditi nelle Chiese di San Bernardino e dell'Immacolata

molfettaarcheoclub150722L’Archeoclub di Molfetta invita a scoprire la Scuola organaria napoletana a Molfetta tra XVII e XIX secolo, un’arte centenaria che ci ha restituito strumenti musicali assolutamente originali ed inconfondibili, dotati di identità propria ed unici nel loro genere.

A guidarci nella lettura storica e nell’ascolto musicale sarà il Maestro Gaetano Magarelli, componente della Commissione Diocesana Arte Sacra - settore Organi Storici e Docente di Clavicembalo e Tastiere storiche presso il Conservatorio U. Giordano di Foggia.

Scopriremo due tra i più preziosi organi antichi presenti a Molfetta, quelli custoditi nelle Chiese di San Berardino e dell’Immacolata, entrambi restaurati. Ne conosceremo la storia e le peculiarità tecniche, le preziosità sonore e i perfetti meccanismi che per secoli hanno generato, e generano ancora oggi, magiche note vicine alla forma più alta di spiritualità.

Il 20 luglio visiteremo l’Organo della Chiesa di San Bernardino, opera di Giuseppe Rubino e datato 1767. Il 21 luglio sarà la volta dell’Organo più antico, un tempo collocato nella chiesa del Convento di San Francesco demolita nel 1888, poi depositato nella Chiesa di San Domenico e quindi trasferito, alla fine dell’Ottocento, nella nuova Chiesa dell’Immacolata, dove è ancora oggi.

Le visite guidate sulle cantorie saranno effettuate a piccoli gruppi. Appuntamento alle 19.30 presso il sagrato delle Chiese. Sono obbligatorie la prenotazione e la mascherina FFP2.

Per Info, prenotazione e contatti : Isa 3510820309 \ Dora 3331051345.

Last modified on Venerdì, 15 Luglio 2022 18:32

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino