IL SINDACO MINERVINI RICORDA GRAZIANO FIORE A 79 ANNI DALLA STRAGE FASCISTA

Molfetta. L'attentato di matrice fascista provocò la morte di 20 persone che manifestavano in corteo a pochi giorni dalla caduta del regime fascista

molfettagrazianofiorepietradinciampoIl 28 luglio di settantanove anni fa, a tre giorni dalla caduta di Benito Mussolini, Graziano Fiore, giovane liceale molfettese, appena diciottenne, fu ucciso a Bari nella strage di via Niccolò dell'Arca, per mano dei fascisti.

Insieme ad altri militanti antifascisti, molti dei quali giovani studenti, reclamava la liberazione dei detenuti politici ingiustamente incarcerati, tra i quali suo padre, Tommaso Fiore, antifascista e meridionalista che riconquistò la libertà dal carcere proprio lo stesso giorno in cui suo figlio Graziano fu assassinato.

«Graziano Fiore – ricorda il Sindaco Tommaso Minervini – ha fatto parte di quella generazione di ragazzi che si sono formati al liceo classico di Molfetta nel segno del pensiero libero e critico. Morì assieme ad altre 19 persone: due ragazzi di appena 13 anni, alcuni insegnanti, studenti liceali e universitari. Ricordare il sacrificio di quella generazione di ragazzi – aggiunge il primo cittadino – rappresenta il dovere, morale e civile, della memoria, eventi decisivi della nostra storia, che formano l’identità della nostra comunità, da cui non si può prescindere. Tra i “maestri” di questa generazione di giovani c’era Tommaso Fiore padre di Graziano, che – conclude il Sindaco Minervini – dal suo genitore aveva ereditato gli ideali di libertà e di presa di coscienza contro il fascismo. Ringrazio l’Anpi di Molfetta per la costante attività di memoria della storia antifascista di cui Molfetta è sempre stata attiva».

La sezione Anpi di Molfetta, infatti, in occasione della tragica ricorrenza, ha deposto una corona d'alloro in Piazza Paradiso, in corrispondenza della pietra d'inciampo dedicata al giovane Graziano Fiore.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino