VANDALI IN AZIONE IN PIENO CENTRO A MOLFETTA: PRESO DI MIRA IL DEFIBRILLATORE DI CORSO DANTE

Molfetta. Lo strumento salvavita è stato danneggiato assieme agli strumenti presenti nella teca

molfettadefibrillatorevandalizzatoUn nuovo atto di vandalismo si è verificato nelle scorse ore in pieno centro a Molfetta. Qualcuno ha infatti preso di mira il defibrillatore semiautomatico installato su Corso Dante grazie al progetto “Cuore Nostro – Molfetta cardioprotetta”.

A darne notizia via social, il referente di progetto Ignazio de Judicibus, infermiere e istruttore/formatore per la cooperativa sociale Progetto Assistenza, che nel suo post denuncia: «Purtroppo è capitato ancora una volta a Molfetta …. Una persona ha deturpato il dae rompendolo e aprendo le placche che ora sono inutilizzabili insieme al defibrillatore appena messo a disposizione della cittadinanza nel progetto cuore nostro. Ora l’amministrazione comunale dovrà farsi carico del ripristino della colonnina. Mi chiedo: ci sono le telecamere, vi è stata una denuncia, perché non procedere legalmente? Non può essere paragonato a un danno monumentale?».

I responsabili del progetto comunicano inoltre che stanno già provvedendo alla sostituzione del dispositivo salvavita, uno strumento di fondamentale importanza in caso di improvviso arresto cardiaco di chiunque si trovasse nelle vicinanze.

Il progetto “Cuore Nostro – Molfetta Cardioprotetta” è stato avviato dal Comune di Molfetta nel 2019 e affidato al sodalizio tra Mg Communication, azienda che si è occupata di censire gli strumenti salvavita e mapparli attraverso il sistema di rilevazione satellitare, e Progetto Assistenza Scs, che invece cura l’attività di formazione e divulgazione delle manovre di rianimazione cardiopolmonare per abilitazione all’uso del defibrillatore semiautomatico esterno.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino