IL GHIGNO, PRESENTATO "LE MADRI NON DORMONO MAI": STORIA DI DUE VITE FRAGILI TRA ALTRE VITE FRAGILI

Molfetta. Lo scrittore Lorenzo Marone attraverso la storia di una madre e suo figlio racconta la realtà degli ICAM, gli istituti di detenzione attenuata per madri con minori

molfettalorenzomaroneilghigno170922La cornice è quella della Galleria Patrioti Molfettesi, traboccante di lettori: toccante la presentazione dello struggente romanzo Le madri non dormono mai dello scrittore napoletano Lorenzo Marone, un importante appuntamento del Festival Storie Italiane organizzato dalla Libreria Il Ghigno di Molfetta con il patrocinio del Comune che ha avuto luogo ieri sera.

La storia – come ha illustrato Stella de Trizio, docente di Lettere del Liceo Classico di Molfetta e mediatrice dell’incontro letterario – prende spunto da una realtà forse poco nota del nostro Paese, quella degli ICAM, istituti di detenzione ‘attenuata’ per donne con bambini inferiori ai dieci anni di età; recentemente una proposta di legge del deputato Paolo Siani ne propone l’abolizione in favore di più accoglienti case-famiglia.

Un romanzo corale, a più voci, che racconta da prospettive diverse la realtà di questi istituti (ve ne sono solo cinque in Italia), e di come paradossalmente i bambini che si ritrovano, loro malgrado, a scontare la pena delle proprie madri siano più tutelati che fuori.

Marone – autore di libri di grande successo tra cui La tentazione di essere felici, da cui il regista Gianni Amelio ha tratto un film – ha evidenziato come questo non sia un romanzo di denuncia, ma una sorta di fotografia di quello che accade in questi istituti, riflettendo sul concetto di libertà e prigionia, che non riguarda solo i bambini e delle loro madri, ma anche la psicologa del carcere, i secondini, il direttore.

Un romanzo da leggere, per il linguaggio scorrevole, lo stile avvincente, per la sensibilità con cui sono affrontate tematiche così delicate.

Last modified on Sabato, 17 Settembre 2022 14:03

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino