“UNA STORIA CHE PARLA DI FUTURO”, LA VITA DI DON TONINO BELLO DIVENTA UNA GRAPHIC NOVEL

Molfetta. Disegnata da Adriano Pisanello e pubblicata da La Meridiana, la prima graphic novel sull’indimenticato Vescovo di Molfetta sarà in libreria a metà ottobre

molfettagraphicnoveldontoninobellocontent.jpgLa vita del Venerabile don Tonino Bello diventa una graphic novel. Il suo lucido pensiero e la sua profonda umanità vengono raccontati con il linguaggio semplice del fumetto dall’illustratore Adriano Pisanello, che ha da pochissimo dato alle stampe in collaborazione con Salvatore Leopizzi, curatore dei testi, la graphic novel “Don Tonino Bello. Una storia che parla di futuro”.

Vignette, disegni e dialoghi raccontano con immediatezza ciò che don Tonino è stato, la sua vita, le sue scelte e le sue azioni profetiche. Edito da La Meridiana, il volume è in stampa e sarà disponibile in libreria a metà ottobre, me è già possibile l’acquisto online sul sito della casa editrice. A curare la prefazione, Giancarlo Piccinni, presidente della Fondazione Don Tonino Bello di Alessano, che recentemente ha pubblicato “Anticorpi di Pace”, un libro che raccoglie diversi scritti inediti del Venerabile.  

«È sembrata un’avventura – scrive nella prefazione Giancarlo Piccinniquella vissuta con don Tonino; un viaggio, una scoperta, un giorno sempre nuovo, un sogno come solo i fumetti possono consegnarti, quasi un attimo, un attimo fuggente che però si è scolpito nell’animo di chi lo ha incontrato e che non ha avuto difficoltà, da subito, a mettersi sui suoi passi, a seguirlo, a dire con il cuore: O capitano, mio capitano!».

L’avventura, il viaggio, la scoperta sono ora una graphic novel di grande attualità, che si pone l’obiettivo di far conoscere alle giovani generazioni il pensiero e la vita dell’immenso don Tonino Bello.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino