LADRI IN AZIONE A MOLFETTA, NEL MIRINO UN’ALTRA VILLA DI CAMPAGNA SU VIA TERLIZZI

Molfetta. Scattato l’allarme, i ladri sono riusciti a portare via soltanto un mobiletto e utensili da lavoro

molfettaviacappavecchiaUn altro furto è stato messo a segno nelle campagne di Molfetta intorno alle ore 20 di lunedì 17 ottobre scorso. I ladri si sono introdotti in una villa su via Terlizzi, mentre i proprietari non erano in casa. Scattato l’allarme, i malviventi hanno avuto a disposizione pochi minuti per agire, riuscendo ad appropriarsi per fortuna soltanto di un mobiletto e di alcuni utensili da lavoro.

Il furto di lunedì scorso è avvenuto a poca distanza dalla villetta di campagna presa di mira dai ladri meno di due settimane fa. In quell’occasione, invece, i ladri riuscirono a portar via gioielli, elettrodomestici, tra cui addirittura la lavatrice, e, probabilmente per errore, anche l’urna funeraria contenenti le ceneri del cane di famiglia.

I residenti della zona, sempre più preoccupati dalla mancanza d’illuminazione pubblica, temono possa trattarsi della banda di via Cappa Vecchia, a cui vengono attribuiti i numerosi furti messi a segno in zona da luglio scorso. Non si contano, inoltre, le segnalazioni inviate a Carabinieri e Polizia Locale da parte degli abitanti di quelle contrade che, nonostante siano controllate dalla vigilanza privata, restano terra di conquista per i ladri d’appartamento.

Il problema non sfugge all’attenzione dell’amministrazione comunale, che negli scorsi giorni ha disposto la candidatura a un bando del Ministero dell’Interno per intercettare 250mila euro utili a dotare l’agro e in punti d’accesso alla città di nuove telecamere. Nelle scorse ore, invece, in Comune è stato convocato un tavolo tecnico sulla sicurezza, incentrato sul controllo delle campagne.

Il 13 ottobre scorso il sindaco Tommaso Minervini ha siglato con il Prefetto di Bari, Antonella Bellomo, il Patto per la sicurezza urbana, preliminare per l’accesso al bando ministeriale. «La sicurezza del territorio e dei cittadini – ha sottolineato il sindaco Minervini - è nostra priorità e stiamo lavorando, da tempo, nella legalità e nel silenzio, perché si possa attuare in modo permanente con progetti che riguardano la prevenzione già dalla tenera età, con interventi mirati su minori a rischio e le loro famiglie, con il rafforzamento dei rapporti interistituzionali, con richieste mirate presso gli organi competenti e progetti, già finanziati, per il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza. Con la sottoscrizione del Patto con la Prefettura di Bari chiediamo, a gran voce, l’aumento dell’organico dei Carabinieri e ritorniamo a chiedere l’apertura di un Commissariato di Pubblica sicurezza in una città, la terza dell’area metropolitana, con una zona industriale e artigianale importante».

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino