EXPRIVIA, APPROVATO IL TERZO RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE: RICAVI IN CRESCITA DEL 6,7%

Molfetta. I primi nove mesi dell’anno si caratterizzano per una crescita a due cifre su quasi tutti i mercati serviti dal gruppo Exprivia

molfettaexpriviasedeIl Consiglio di Amministrazione di Exprivia - società quotata al mercato Euronext Milan di Borsa Italiana [XPR.MI] - ha approvato ieri, lunedì 14 novembre, il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 settembre 2022, redatto secondo i principi contabili internazionali (IAS/IFRS).

Il terzo trimestre dell’anno conferma la crescita dei ricavi e delle marginalità registrata nei trimestri precedenti. I ricavi dei primi nove mesi dell’anno si attestano a 133,5 milioni rispetto ai 125,0 dello stesso periodo del 2021, in crescita del 6,7%.

Tutti gli indicatori di marginalità sono in crescita: l’EBITDA si attesta a 18 milioni nei primi nove mesi del 2022, pari al 13,5% dei ricavi, in incremento del 4,9% rispetto ai 17 del 2021, l’EBIT si attesta a 13,4 milioni, pari al 10,0% dei ricavi, in incremento del 7,2% rispetto ai 12,5 del 2021, il risultato ante imposte a 11,7 milioni, pari al 8,8% dei ricavi, in incremento del 14,5% rispetto a 10,2 del 2021. L’Indebitamento Finanziario Netto si attesta a -29,5 milioni rispetto ai -26,5 milioni del 31.12.2021 e ai 36,0 del 30 settembre 2021.

I primi nove mesi dell’anno si caratterizzano per una crescita a due cifre su quasi tutti i mercati serviti dal gruppo. Importante la crescita dei ricavi sui mercati internazionali, in particolare in Cina e Brasile, con +30%, dove prosegue l’attività di consolidamento del business su importanti gruppi italiani operanti in loco. In Italia si distinguono per la performance, Difesa e Aerospazio con +17%, settore dove Exprivia è in prima linea nel programma di osservazione della Terra “Iride”, in partenza nei prossimi mesi, Industria con +16%, dove si registra una buona performance anche grazie agli effetti delle politiche di Industria 4.0, Pubblica Amministrazione con +14%, settore caratterizzato dalla spinta del PNRR e Oil&Gas con +13%.

I risultati della Capogruppo al 30 settembre 2022

I Ricavi dei primi nove mesi del 2022 sono pari a euro 118,9 milioni in crescita del 5,5% rispetto ai 112,7 milioni, dello stesso periodo del 2021.

L’EBITDA è pari a euro 17,4 milioni in aumento del 3,1% (16,9 milioni nei primi nove mesi del 2021). L’EBIT è pari a euro 12,9 milioni in aumento del 4,1% (12,4 milioni nei primi nove mesi del 2021).

Il Patrimonio netto al 30 settembre 2022 è pari a euro 81,7 milioni rispetto ad euro 76,4 milioni al 31 dicembre 2021.

L’Indebitamento Finanziario Netto al 30 settembre 2022 è negativa per euro 31,7 milioni rispetto a euro -29,2 milioni del 31 dicembre 2021.

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino