GALLERIA 54, GIANNI VENEZIANO IN MOSTRA CON "8 VASI - 10 DISEGNI. UN VIAGGIO TRA VENEZIA, MILANO E MOLFETTA"

Molfetta. L'inaugurazione della mostra si terrà venerdì 2 dicembre alle ore 18 presso la Galleria 54 Arte Contemporanea in via Baccarini, 54.

molfettaarte54181122Si inaugura venerdì 2 dicembre la mostra che evidenzia il processo creativo di Gianni Veneziano, architetto, artista e designer, seguendo la sua visione artistica in evoluzione e costante sperimentazione con un focus su due temi: la produzione plastica tra arte e design e i disegni.

Gianni Veneziano 8 Vasi ––– 10 disegni. Un viaggio tra Venezia, Milano e Molfetta presenta una selezione di opere in vetro rappresentanti un unico oggetto: il vaso portafiori, dentro una bolla, fuori da una bolla, rotto, pieno, vuoto, trasparente, opaco, laico, religioso.
«
In questo mio racconto - spiega Gianni Veneziano - il mio oggetto non è un semplice calice, ma racchiude nelle sue forme una metafora della vita del viaggiatore nel suo eterno rinnovarsi.

Ecco che ogni calice rappresenta così un possibile altro mondo a sé, in cui disperdersi, identificarsi, immergersi, immaginarsi».
Le opere in vetro, già esposte alla Triennale Milano in una solo exhibition di Gianni Veneziano, sono state realizzate da Pino Signoretto (1944-2017) che è stato uno dei più grandi maestri del vetro contemporaneo.

La mostra presenta inoltre una serie inedita di 10 disegni. Il disegno è un protagonista costante nella produzione di Gianni Veneziano che negli anni ha preso parte e curato diversi progetti espositivi nazionali e internazionali come Il segno dei designer, che oggi è parte della Collezione Permanente del Triennale Design Museum. «Il disegno - scriveva l’autore in occasione dell’omonima pubblicazione Electa - è il fondersi di idee ed emozioni pensieri ed intuizioni. I segni impressi indicano un significato e presuppongono scenari mentali, progetti che tendono a prendere forma. Il disegno è una pratica per me insostituibile, è la trasformazione del pensiero».

L'autore. Gianni Veneziano è un architetto, artista e designer. Nel 1979 consegue la laurea in architettura a Firenze, con una tesi di laurea sperimentale sul Disegno di Architettura e Architettura disegnata con Adolfo Natalini, temi centrali per il suo lavoro tra arte e design che espone in numerose gallerie e musei. Dal 1979-81 fondamentale per la sua crescita è stata l’esperienza americana, nell’ambito del dibattito architettonico in relazione alla nascita del movimento Post-Moderno, che ha plasmato la sua prima esperienza architettonica.

Nel 2008 fonda, con Luciana Di Virgilio, lo studio Veneziano+Team, composto da un team creativo di professionisti e “pensatori concettuali” con competenze specifiche e complementari capaci di interagire in molteplici situazioni progettuali, restructuring, interior design, industrial design, graphic design, exhibition and management design. Importante è il connubio tra esperienza e innovazione.

Rilevante è l’attività artistica di Gianni Veneziano, che negli anni ha curato, e preso parte, a numerose rassegne nazionali e internazionali, tra le quali: Immagini d’Io, Off Vase, La Mano-Normali Meraviglie, Daysign, Quali Cose Siamo - III Triennale Design Museum e Il Segno dei Designer, presso la Triennale di Milano. E poi ancora House of Memory presso la Galleria Phyllis Needelman, The Sky by Piranesi, Galleria N.A.M.E. e Projects, University of Architects a Chicago. Altre rassegne a cui Veneziano ha preso parte, degne di essere menzionate sono: Zucchero, Metropolitana milanese, Marchino, La Bottega dei Vasai a Milano e ancora Icons a Parigi e Londra e Italian Icons a New York.

Il Segno dei Designer, collezione donata da Gianni Veneziano alla Triennale di Milano, è diventata un fondo della Collezione Permanente del Triennale Design Museum. Nel giugno 2013, il progetto di Gianni Veneziano, Daysign, esposto alla Triennale di Milano, presta il nome ad una nuova trasmissione televisiva, in onda in prima serata su RAI 5.

Visiting Professor presso numerose università nazionali e internazionali, tra cui la Circle Campus di Chicago; docente presso numerose scuole e università, come la facoltà di Architettura Disegno Industriale a Firenze e l’Accademia di Belle Arti di Bari. Dal 2017 è stato nominato Ambassador del design italiano nell’ambito del progetto Italian Design Day a cura della Farnesina.

La mostra si potrà visitare da venerdì 2 dicembre 2022 a lunedì 2 gennaio 2023. Galleria Studio 54 è aperta tutti giorni dalle ore 18 alle ore 20. Domenica e lunedì chiuso. Per poter visitare la mostra negli orari mattutini sarà necessaria la prenotazione.



Last modified on Venerdì, 18 Novembre 2022 18:17

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino