"GLI AGNELLI POSSONO PASCOLARE IN PACE", TERMINATE NELLA CHIESA DEL PURGATORIO LE RIPRESE DEL FILM GIRATO A MOLFETTA

Molfetta. Il cast ha festeggiato la fine delle riprese, che si sono concluse all'interno della chiesa del Purgatorio

molfettadrakacinemafineriprese2"Gli agnelli possono pascolare in pace", film prodotto dal molfettese Corrado Azzollini per Draka Cinema, porterà Molfetta sugli schermi di tutta Italia, e si spera anche all'estero, tra qualche mese. Sono terminate ieri, domenica 27 novembre, le riprese del lungometraggio diretto dal regista siciliano Beppe Cino, che vede nel ruolo di protagonista Maria Grazia Cucinotta.

L'attrice, insignita dal Centro Studi Azzarita lo scorso 21 novembre del Premio Speciale, è rimasta incantata dalla chiesa del Purgatorio, dove sono state girate alcune scene del film. La pellicola sarà presentata alla prossima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Venezia, per poi essere diffusa attraverso Cinema, Tv, Home Video e piattaforme digitali.

Realizzato con il sostegno del Ministero della Cultura e della Fondazione Apulia Film Commission, il film trasforma Molfetta in Racalmuto, località della Sicilia in cui la storia è ambientata. Tutto inizia con la Madonna del paese che appare in sogno a Fofina (Maria Grazia Cucinotta) chiedendole, con accento straniero, di essere recuperata da sotto un albero di olivo, nei pressi del quale è seppellita. Il sogno turba la modesta bidella, che si reca in chiesa nella speranza di avere chiarimenti da parte della Madonna, una statua del '500 che però è fuori per restauro.

Da qui inizia una serie di avventure che porteranno al rinvenimento di un'antica statuetta della Madonna, ma soprattutto alla scoperta di una vecchia e sconvolgente confessione.

A esprimere soddisfazione e gratitudine nei confronti della produzione de "Gli agnelli possono pascolare in pace", la Confraternita della Morte, che via social rende noto: «La Chiesa di S. Maria Consolatrice degli Afflitti, “Purgatorio”, è stata l’ambientazione per le scene del film in cui la protagonista, Maria Grazia Cucinotta, manifesta la sua devozione per la Madonna. Le scene sono state girate nel totale rispetto della sacralità del luogo e del valore architettonico, spirituale e storico dello stesso. L’attrice Maria Grazia Cucinotta, unitamente a tutti gli attori e lo staff di produzione, è rimasta di stucco dinanzi alla bellezza delle nostre statue, di cui ha voluto conoscerne la storia e le tradizioni connesse».

 

Last modified on Lunedì, 28 Novembre 2022 22:45

NOTIZIE PIU' LETTE

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino