Redazione_Online

Redazione_Online

Molfetta. Per garantire maggiore sicurezza agli utenti del mercato settimanale e nel rispetto delle norme vigenti sull'emergenza sanitaria da Covid-19, da domani le bancarelle verranno distribuite anche in via De Candia e Viale Papa Giovanni

molfettapiantamercatocont250522A partire da domani, giovedì 26 maggio, il mercato settimanale che, fino ad oggi, si estendeva lungo Via Aldo Fontana, Via Santa Maria Mazzarello, prolungamento di Via Don Francesco Samarelli e Via Cardinale Cagliero, interesserà anche Via Giuseppe De Candia e Viale Papa Giovanni, nel tratto compreso tra Via Corrado Salvemini e Via Poggio Reale.

L'aumentata estensione del mercato, che ha determinato una redistribuzione dei posteggi nel rispetto delle normative vigenti, garantirà maggiore sicurezza a tutti gli utenti che potranno contare su spazi più ampi.

Gli stalli sono stati accorpati per tabella merceologica: beni a basso impatto urbanistico, mobili, lampadari, complementi d’arredo; settore alimentare: legumi, frutta secca, dolciumi, formaggi e salumi, ittico; settore non alimentare: abbigliamento, calzature, intimo, beni per la persona, profumi e cosmetici, articoli per la casa; frutta e verdura. 

Molfetta. L'istituto G. Ferraris è tra gli otto finalisti del concorso nazionale 2022 Mad for Science. L'istituto molfettese presenterà il suo progetto nella mattinata di giovedì 26 maggio. Sarà possibile seguire l'evento trasmesso in diretta dalle 8.30 su Sky e Facebook

molfettaferrarismad250522Giovedì 26 maggio si svolgerà, a partire dalle ore 8:30, la Finale nazionale della Challenge 2022 del Mad for Science promosso dalla Fondazione DiaSorin sul tema “Le biotecnologie al servizio della salute dell’uomo e dell’ambiente”.

La finale si terrà a Milano con la Giuria in presenza e gli otto Istituti finalisti in collegamento dalle rispettive sedi dell’Abruzzo, Campania, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia e Sardegna. Si confronteranno con l’elaborazione di esperienze sperimentali coerenti con il tema proposto.

A rappresentare la Puglia c’è il team dell’I.I.S.S. Galileo Ferraris di Molfetta con il progetto “Valorizzazione degli scarti dell’industria agro-alimentare per la formulazione di alimenti privi di eccipienti sintetici”.

L’Istituto molfettese presenterà il suo progetto nel primo blocco, previsto dalle ore 8:30 alle ore 10, e sarà la terza, in ordine di partecipazione.

L’evento sarà trasmesso in diretta dagli studi Sky di Milano e in diretta sulla pagina Facebook della Fondazione DiaSorin (https://www.facebook.com/FondazioneDiaSorin). L’invito è quello di seguire la diretta Facebook, sostenere l’Istituto molfettese con commenti e like.

«Devo essere sincero – commenta il dirigente scolastico dell’I.I.S.S. Galileo Ferraris di Molfetta, prof. Luigi Melpignano – conoscendo il lavoro dei docenti e dei tecnici di laboratorio dell’indirizzo Biotecnologie del mio istituto, non è stata una sorpresa sapere della selezione per la finale della Challenge 2022.

«Ora però chiedo agli studenti, al team del Ferraris – conclude il Dirigente Scolastico prof. Luigi Melpignano – di sorprendermi con una bella performance nella presentazione del loro progetto e puntare ai primi due posti della classifica finale. Così come chiedo a tutti voi, molfettesi, baresi, pugliesi, di sostenere il nostro istituto seguendo la diretta facebook, con un bel commento e tanti like. Forza Ferraris!».

Ricordiamo che i primi due Istituti classificati verranno premiati con l’implementazione del bio-laboratorio, per un valore massimo rispettivamente di 50mila e 25mila euro, e la fornitura dei relativi materiali di consumo fino a un massimo rispettivamente di 5mila e 2.500 euro all’anno per 5 anni a partire dall’anno 2022.

E allora Forza Ferraris!!!

Molfetta. Con il match contro City Amatori Volley Bari, giocato lo scorso sabato, si è concluso il campionato 2021/22 per Dinamo Molfetta, già a lavoro per affrontare al meglio la prossima stagione

molfettadinamo250522La Stagione della Serie C della Dinamo Molfetta si è conclusa sabato 22 maggio con il match contro City Amatori Volley Bari, che ha visto le baresi portare a casa tre punti dopo una partita ben giocata contro una Dinamo volitiva.

Una stagione che per la società molfettese ha rappresentato una rinascita e un’iniezione di energia, grazie all’apporto del roster di atlete che hanno saputo creare un gruppo armonico e unito che ha saputo attraversare, sotto la guida constante di Mister Marzocca e del suo secondo Susanna Sciancalepore, tutti i momenti difficili e le sconfitte a testa alta.

L’obiettivo playoff è stato raggiunto con molta determinazione e la squadra ha fatto del suo meglio anche nella seconda fase, giocando di cuore ogni sfida.

La Dinamo è già al lavoro per dare continuità a quanto costruito in questi mesi per affrontare al meglio la prossima Stagione, che la vedrà nuovamente impegnata nel campionato di  Serie C

Molfetta. Per il secondo appuntamento con gli eventi in programma per la 56^ Giornata Mondiale delle Comunicazioni sociali, giovedì 26 maggio alle ore 19.30 si discuterà di Ascolto e accoglienza. La conferenza avrà luogo presso l'auditorium Don Tonino Bello della parrocchia S. Achille

molfettasettimanaascoltoloc240522In vista della 56^ GMCS – Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali che si celebra il 29 maggio, dal tema “Ascoltare con l’orecchio del cuore”, la Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi sta proponendo la Settimana della Comunicazione.

Dopo il momento di lunedì scorso dedicato ai giovani, si entra nel vivo della manifestazione con l’appuntamento Ascolto e accoglienza. Dinamiche di un incontro che si terrà giovedì 26 maggio alle ore 19.30 presso l’auditorium Don Tonino Bello della parrocchia S. Achille in Molfetta.

Durante la serata, Renato Piccoli, giornalista Tgr Rai Puglia, e don Vito Piccinonna, direttore della Caritas dell’Arcidiocesi di Bari-Bitonto, approfondiranno, a partire dalle sollecitazioni del messaggio del Papa, il significato e l’importanza dell’ascolto nella comunicazione, nel giornalismo e nei contesti in cui si vive l’accoglienza di persone migranti o in condizioni di povertà, fragilità e marginalità.

Al termine della serata, l’esibizione dell’Ensemble Musica Insieme di Molfetta, diretto dal Maestro Annalisa Andriani, darà la possibilità di vivere un’esperienza dell’ascolto da un punto di vista artistico e musicale, richiamando quel concetto di ascolto sinfonico di cui lo stesso Papa Francesco fa cenno nel paragrafo conclusivo del messaggio per la 56^ GMCS.

L’evento conferirà 2 crediti formativi ai giornalisti che si iscriveranno a questo link accedendo con credenziali alla piattaforma dell’Ordine.

Seguirà l’appuntamento di domenica 29 maggio alle ore 19 con la celebrazione presieduta dal Vescovo S.E. Mons. Domenico Cornacchia presso la parrocchia San Domenico in Ruvo.

Foto di Michael Lueneh da Pixabay

Molfetta. Su richiesta dell'associazione ambientalista molfettese G.E.P.A, la Polizia locale ha istituito il divieto di sosta e fermata veicolare all'interno dell'area di accesso di Lama Martina in via Beniamino Finocchiaro

molfettalamamartinaenter240522Cambiano le regole per la sosta e la fermata di veicoli all'ingresso del parco di Lama Martina sito in via Beniamino Finocchiaro. Il divieto giunge con l'ordinanza emessa ieri, lunedì 23 maggio, dalla Polizia locale in seguito alle richieste dell'associazione ambientalista molfettese G.E.P.A e alle ripetute segnalazioni fatte da comuni cittadini.

Il provvedimento sarà applicato per evitare intralci al traffico, già caotico in quella zona, e favorire l'accesso e l'uscita dall'ingresso di Lama Martina, molto spesso ostacolato dalla presenza di veicoli parcheggiati a ridosso della strada, creando disordini e ingorghi ulteriori alla viabilità.

La Polizia locale provvederà a rendere esecutivo il divieto di fermata e di sosta non appena collocata la relativa segnaletica stradale.

Molfetta. Si svolgerà giovedì 26 maggio, presso l'Auditorium dei Licei Einstein-Da Vinci di Molfetta, la cerimonia per il conferimento della Borsa di Studio dedicata alle due sorelle scomparse in giovane età a seguito di un incidente automobilistico

molfettasorellezazacontent230522È giunto quest’anno alla quarta edizione il Premio borsa di studio Mara e Diana Zaza, l'evento letterario dedicato alle due ex allieve del Liceo Classico di Molfetta, uccise nel 1995 in un brutale incidente d'auto.

Il premio-borsa è rivolto agli alunni dei Licei Einstein – Da Vinci di Molfetta e consiste nella scrittura di un elaborato ispirato a un brano tratto da Non calpestare i fiori – Edizioni Grecale, 2016, un libro che raccoglie pagine del diario di Mara e Diana Zaza.

L’istituzione del Premio è stata promossa dalla madre delle due giovani, Elisabetta de Candia, ed è fortemente sostenuto dalla Dirigente Scolastica, prof.ssa Giuseppina Bassi.

La premiazione e dunque il conferimento della borsa di studio Mara e Diana Zaza si terrà giovedì 26 maggio alle ore 18, presso l'Auditorium dei Licei Einstein – da Vinci.

Sarà possibile seguire l'evento attraverso il link presente sul sito dell'Istituto www.liceimolfetta.edu.it

 

Molfetta. Partito ieri da Pescara, il Motogiro d'Italia passerà da Molfetta durante la tappa Vieste-Polignano

molfettamotogiroditaliacontentNel primo pomeriggio di oggi, una carovana di auto e moto d'epoca attraverserà Molfetta. Si tratta della famosa rievocazione storica del Motogiro d'Italia, leggendaria competizione motociclistica.

La gara esordì per la prima volta nel 1914, riscuotendo un incredibile successo tra gli italiani. Il Motogiro fu poi interrotto nel 1957, assieme a tutte le altre gare su strada, in seguito alla tragedia avvenuta durante l'ultima edizione de la Mille Miglia in cui persero la vita due piloti di una vettura in gara e nove spettatori.

L'evento, quest'anno alla sua XXXI edizione, organizzato dal Moto Club Terni in collaborazione con la Federazione motociclistica italiana e internazionale, è partito nella mattinata di ieri da Pescara e prevede sei tappe: Pescara – Vieste, Vieste - Polignano a Mare, Monopoli- Santa Maria di Leuca, Matera – Campobasso per poi concludersi il 28 maggio a Pescara.

Per la seconda tappa di oggi, la Vieste – Polignano a Mare, il passaggio della carovana da Molfetta è previsto intorno alle 14.15.

Per l'occasione la Polizia locale comunica che dalle ore 14.15 sino al transito della carovana del Motogiro, sarà vietato circolare sulle seguenti strade: via Bisceglie, via Madonna dei Martiri, via Tenente Ragno, via S. Pansini, Piazza e via Vittorio Emanuele, piazza Garibaldi, via Tenente Fiorino, via Giovinazzo, via Martiri di Nassirya, via Giovinazzo.

Mollfetta. Si è conclusa a favore della Nitor Brindisi la seconda partita valida per il Torneo d'Eccellenza Femminile che si è svolto lo scorso sabato 21 maggio presso lo stadio Paolo Poli

molfettacalciofemminilecont230522Esordio casalingo amaro per le “girls” della Molfetta Calcio, che dopo la bella prestazione contro il Phoenix Trani, mancano la possibilità di andare in vetta al torneo, regalando, così, alla giovane formazione brindisina della Nitor, la prima vittoria stagionale e i tre punti che valgono la vetta del campionato.

Le ragazze della Molfetta Calcio allenate dal mister Vincenzo Petruzzella reggono soltanto diciassette minuti, ovvero il tempo necessario che serve al Nitor Brindisi per portarsi in vantaggio dopo un avvio di gara spumeggiante. Sfruttando una disattenzione della retroguardia, è la brindisina Rebecca Caramia a portare sullo 0-1 la sua squadra. Una rete che fa andare il tilt la Molfetta Calcio Femminile, incapace sin da subito di reagire allo svantaggio. A questo si aggiunge l’infortunio di Flavia Petruzzella, recuperata in extremis ma costretta ad uscire per un riacutizzarsi di un problema muscolare.

È ancora il Nitor Brindisi a portarsi in avanti e alla mezz’ora ottiene e realizza un calcio di rigore con Rebecca Cavalera che, dagli undici metri, trafigge Nadia Fiorentino. Nei minuti di recupero della prima frazione di gara è la Molfetta Calcio a farsi pericolosa con Maira Abbadessa prima e Arianna Cimadomo dopo. È la numero uno del Nitor Brindisi a preservare il risultato sul finire dei primi 45 minuti.

Nel secondo tempo la musica non cambia: il Molfetta cerca di costruire ma è sterile sotto porta. Dobbiamo arrivare al 35’ quando un sussulto d’orgoglio delle ragazze biancorosse infiamma la gara ed il pubblico: Claudia Maggio si libera al limite dell’area e fa partire un tiro respinto miracolosamente dal portiere del Nitor Brindisi. Sulla respinta Giulia Capriati si avventa, ma è ancora l’estremo difensore salentino ad opporsi.

A provarci è ancora la Molfetta Calcio con Sgherza, il cui tiro è trattenuto dalla portiera del Brindisi, costretta a superarsi impedendo a Sara Paparella, sola in area, di accorciare le distanze. Un gol che, tuttavia, arriva a pochissimi minuti dal termine con Maria Grazia Giancaspro, brava dal limite dell’area a trovare l’angolino giusto.
A nulla servono gli assalti finali delle biancorosse alla ricerca del pareggio. Finisce 1-2 per il Nitor Brindisi.

Una sconfitta che, alla ripresa degli allenamenti, sarà analizzata dallo staff tecnico e dalla dirigenza. In quell’occasione sarà ricordato alle atlete quanto l’umiltà serva per raggiungere i traguardi sia in campo che nella vita.

Molfetta. La Polizia locale apre un nuovo presidio nel centro storico, in via Termiti. Il Comandante Aloia: «Diamo un segnale di vicinanza ai cittadini»

molfettaplizialocale230522La Polizia locale di Molfetta, con sede in via Molfettesi d'America apre un presidio nel centro storico, in via Termiti. L'obiettivo è realizzare un servizio di prossimità che renda la Polizia municipale più vicina ai cittadini.

«Con la presenza degli agenti di prossimità - spiega il Comandante Cosimo Aloiadiamo un segnale di vicinanza ai cittadini. Iniziamo oggi, ma dopo il concorso e le nuove assunzioni potenzieremo ulteriormente la nostra presenza nel centro antico della città e nei quartieri Catacombe e Cavalletti.

Molfetta. Riceviamo e pubblichiamo il commento del Primo cittadino, Tommaso Minervini, sulla strage di Capaci, avvenuta trent'anni fa, in cui persero la vita Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti della scorta

molfettafalconecontent230522«Trent’anni fa, il 23 maggio del 1992, con la strage di Capaci, tutte le mafie hanno cominciato a perdere. Quello che voleva essere un gesto eclatante contro lo Stato e la legalità, messo a segno e reiterato due mesi dopo con la strage di Via D’Amelio, ha evidenziato, invece, la cifra della pochezza e della debolezza del sistema mafioso.

A partire da quel momento, con la morte di Giovanni Falcone, di sua moglie, Francesca Morvillo, e degli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Di Cillo e Antonio Montinaro, le mafie hanno cominciato a sfilacciarsi, come un tessuto logoro. E i valori della legalità e dello Stato hanno cominciato davvero a porsi in netta distinzione dai disvalori e dalla inciviltà della criminalità organizzata». Così il Sindaco, Tommaso Minervini, commenta la strage di Capaci.

«A partire dal 23 maggio di trent’anni fa – continua il Sindaco - tutte le città sono diventate luoghi di memoria, il nome di Falcone è diventato un pungolo, una pietra su cui si è costruita una nuova geografia della consapevolezza, della responsabilità.

Il tempo non ha cancellato il ricordo di Giovanni Falcone e di Paolo Borsellino, i cui volti, da qualche giorno sono impressi su una moneta da due euro in corso in tutta europa, e dei tanti che hanno perso la vita per difendere le istituzioni e i valori della nostra costituzione. La lotta alla mafia si attesta negli atti e nell'esempio di ogni giorno – conclude - insieme con i valori della legalità e dello Stato in netta distinzione con i disvalori e l’inciviltà della criminalità organizzata per sua natura antagonista dello Stato».

Pagina 1 di 1469

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino