Redazione_Online

Redazione_Online

Molfetta. L'incontro si terrà questo pomeriggio alle ore 18.30 presso la sede sociale dell'ANEB in Via cap. De Candia n.90. Interverranno il Capitano Francesco IODICE e il Luogotenente C.S. Pietro TEMPESTA della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta

molfettatruffaanziani071122Il copione delle truffe agli anziani è sempre lo stesso. I ladri bussano alla porta travestiti da falsi dipendenti, tecnici o con le scuse più disparate ed entrano in casa di persone anziane per derubarle, talvolta anche con ingenti danni economici.

Gli anziani, oltre al danno economico e al trauma psicologico dell’invasione del proprio spazio personale, subiscono il senso di colpa di essere stati vittima di un raggiro.

Per questa ragione l’ANEB, Associazione Nazionale Educatori benemeriti, di Molfetta, presieduta dal prof. Michele Laudadio, sempre attenta alle sollecitazioni che provengono dalla società civile, ha accolto di buon grado l’invito della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta di organizzare nell’ambito del programma di informazione e formazione della cittadinanza su argomenti di attualità un incontro sul tema Come difendersi dalle truffe agli anziani”, che avrà luogo martedì 8 novembre 2022 alle ore 18,30 presso la sede sociale dell’ANEB in Via cap. De Candia n.90 a Molfetta.

Alla manifestazione interverranno il Capitano Francesco Iodice, Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Molfetta, e il Luogotenente C.S. Pietro Tempesta, Comandante della Stazione dei Carabinieri.

Molfetta. La Dai Optical Virtus Molfetta si arrende alla Nuova Pallacanestro Monteroni che vince con il risultato di 51-76. Il vicepresidente de Pinto: «Momento difficile, ma la dirigenza sa come superare questo momento. C’è solo da lavorare»

molfettadaioptical071122Nonostante la dichiarata voglia di riscatto alla vigilia del match, la DAI Optical Virtus Basket Molfetta cede, in casa, alla Nuova Pallacanestro Monteroni, a cui riesce praticamente tutto. Scatti, triple, tiri liberi, esattamente quello che invece non riesce alla formazione in maglia biancoazzurra, ancora una volta lenta nelle azioni, prevedibile e troppo imprecisa sotto canestro.

Un match conclusosi 76 a 51 per il team salentino, abile a condurre e gestire il vantaggio per tutti i 40 minuti di gioco. La reazione dei ragazzi guidati dal coach Sergio Carolillo non giunge quasi mai: un aspetto importante che favorisce il Monteroni per tutta la partita, sin dal primo quarto.

A nulla servono i primi due time out chiesti da Carolillo perché gli avversari sembrano avere una marcia in più. Le timide accelerazioni di Brown e compagni, nel corso del primo quarto, valgono i primi punti per la squadra di casa, che tuttavia fallisce tiri liberi e manca più volte l’appuntamento con il canestro.

Il primo quarto di gioco si chiude sul risultato di 15 a 21 per gli ospiti e fa già presagire quello che sarebbe avvenuto in seguito. Gli ospiti tornano sul parquet ordinati in difesa e determinati in attacco: il vantaggio inizia a farsi pesante per una Virtus quasi mai pervenuta da un punto di vista del gioco. Il tabellone segna un punteggio di 40 a 21 per la Nuova Pallacanestro Monteroni alla fine della prima metà di gioco. Carolillo prova richiamare i suoi, ma il passivo nel terzo quarto è ancora più pesante. Complici diverse sviste arbitrali, il Monteroni prosegue la sua cavalcata verso la vittoria, portandosi dapprima sul 48 a 26 e chiudendo il terzo quarto sul risultato di 60 a 39. Nell’ultimo quarto la Nuova Pallacanestro Monteroni si limita a controllare il risultato, con il match che si chiude 76 a 51 per i salentini.

Le dichiarazioni del dopo gara sono affidate al vicepresidente della DAI Optical Virtus Basket Molfetta Marco de Pinto, che delinea il momento difficile della squadra. «Non c’è dubbio che il campionato che stiamo affondando quest’anno è molto complesso e difficile dove tutte le squadre sono altrettanto ben attrezzate – ha commentato de Pinto – Abbiamo avuto un avvio di stagione complicato, con una serie di infortuni che ci stanno falcidiando, ma posso garantire che lo staff e la dirigenza tutta sa come superare questo momento, c’è solo da rimboccarsi le maniche e lavorare».

La prossima gara si terrà domenica 13 novembre alle ore 18 in trasferta contro la Nuova Matteotti Corato .

Risultati e parziali:

DAI Opticaìl Virtus Molfetta Nuova Pallacenstro Monteroni

1° quarto 15 21

2° quarto 21 40

3° quarto 39 60

4° quarto 51 76

Tabellino: DAI Optical Virtus Molfetta: O'Connol ne, Brown 22, Chiriatti 5, Buccini, Vujanac 3, Mavric 10, Kazlaukas 4, Minervini, Paganucci 1, Annese, Marcone 6. All. Carolillo

Nuova Pallacanestro Monteroni: Zustovic 15, Quarta 14, Di Lorenzo 5, Giancane 4, Pallara 13, Stefanini 14, Colaci 2,Greco 4, Gigli 5, Madunic n.e., Carriere n.e. All. Marra

Molfetta. Con il concerto Affresco Europeo il duo Rana- Giacopuzzi ha regalato al pubblico della Fondazione Valente un'ora di bellezza con un viaggio nell'opera musicale di grandi compositori innovatori del tardo romanticismo europeo

molfettaranagiacopuzzi071122Si è svolto ieri sera nell'antica e accogliente Chiesa di San Pietro, il terzultimo concerto della rassegna d'autunno della Fondazione Vincenzo Maria Valente, con la direzione artistica di Sara Allegretta e la presidenza di Marcello Carabellese.

A esibirsi due stelle nascenti della musica classica, due donne giovanissime entrambe con un percorso musicale di alto profilo. Parliamo di Ludovica Rana, violoncellista e Maddalena Giacopuzzi, pianista.

Le due musiciste hanno presentato al pubblico della Fondazione, il loro primo disco pubblicato la scorsa estate, dal titolo Affresco Europeo, interpretando alcune tra le composizioni più belle di Ferruccio Busoni "Kleine suite op. 23", "Op. 38 in re maggiore" del calabrese Francesco Cilea, chiudendo l'esibizione con la Sonata n.1 in Mi minore per violoncello e pianoforte di Johannes Brahms.

Un viaggio nell'opera musicale di tre grandi compositori del tardo romanticismo, raccontato e fatto vivere al pubblico attento e ammaliato dalle note del violoncello di Ludovica Rana e dal pianoforte di Maddalena Giacopuzzi. Affresco Europeo come ha sottolineato Sara Allegretta «racconta delle contaminazioni musicali dell'Europa dell'800» e delle innovazioni e sperimentazioni in cui si cimentarono Cilea e Busoni. I due compositori infatti «scelsero di non seguire la struttura del repertorio operistico, come era consueto in Italia e in Europa, ma si cimentarono in quello che era il repertorio da camera».

La Chiesa di San Pietro poi, gioiellino di città, con la sua dimensione, la sua forma rotondeggiante e accogliente, ha contribuito a rendere l'evento più intimo, conferendogli una dimensione familiare e permettendo agli astanti di percepire, toccare, ascoltare e condividere la passione con cui le due artiste hanno interpretato le opere dei tre compositori.

Un'altra bellissima e piacevole serata alla scoperta della bella musica e delle giovani realtà artistiche della nostra terra, della nostra Italia. Con Affresco Europeo, si è chiusa la terza serata della rassegna Concerti d'Autunno, il cui ultimo appuntamento si terrà venrdì 25 novembre a Bari, nel Foyer del Teatro Petruzzelli. In scena uno spettacolo dedicato alla vita inimitabile di Gabriele D’Annunzio e al viaggio tra i suoi amori più importanti. Uno spettacolo dai tratti intimisti con una voce recitante, un pianista e un soprano che restituiscono più che un “recital” un testo teatrale e musicale ricco di pathos. 

Molfetta. Ancora una vittoria per la Indeco pallavolo Molfetta. Civitanova si arrende ai biancorossi che confermano la loro posizione in classifica

molfettaindecovolley071122Quinto successo consecutivo per l’Indeco Molfetta che torna dalla seconda trasferta di Civitanova con tre punti e un netto 3-0 rifilato ai marchigiani. Un successo che conferma i biancorossi primi in classifica a punteggio pieno, a due lunghezze dalla prima inseguitrice, Turi.

L’Indeco è ottima in ricezione (66% perfetta e 38% perfetta), preludio di un attacco performante (49%). Ottimo il sistema muro – difesa con 6 block (2 per Fiorillo, Saraceno e Cappelluti), ma straordinarie le difese biancorosse con Bernardi, Del Vecchio e Utro sugli scudi che costringono Civitanova ad un misero 29% di positività in attacco. Pelo nell’uovo la battuta, con 10 errori dei biancorossi, contro i 3 del Civitanova,

Best scorer del match Fiorillo, autore di 20 punti, di cui due aces e due muri. Difino schiera Bernardi in regia e Fiorillo in sua diagonale. Coppia di laterali formata da Lorusso e Saraceno, al centro Pisani fa coppia con Cappelluti. Libero Utro.

Baleani risponde con la diagonale Faini – Palazzesi, di banda Leoni e Caciornia, al centro Menichelli e Magnanini. Libero Areni. Nel corso del match, vani i tentativi del tecnico locale: il laterale Papa e i centrali Medei e Bernacchini, titolari nelle ultime due frazioni di gioco, non invertono il trend negativo dei padroni di casa.

Parte forte l’Indeco Molfetta che vola sul 7-3, costringendo Civitanova a fermare subito il gioco. Dopo la sosta, Lorusso si fa sentire in attacco (9-4 e 14-7). Doppio errore dello schiacciatore molfettese e Difino opta per la carta Saraceno che è vincente: gran muro del laterale siciliano (23-16), prima di due attacchi out dei padroni di casa che consegnano il parziale ai biancorossi con il punteggio di 25-16.

Saraceno resta nello starting six del secondo parziale. Avvio equilibrato con tre punti di Del Vecchio che rispondono agli attacchi avversari. L’Indeco dilaga dopo pochissimo: Saraceno (8-5), Fiorillo (9-5), ancora Saraceno (10-6) e Fiorillo (12-7) e Baleani ferma il gioco. Al rientro sono ancora i due attaccanti biancorossi i protagonisti: doppio attacco di Fiorillo, intervallato dal muro di Saraceno per il 15-8 Indeco. Prova a rientrare in gioco Civitanova, sfruttando uno dei pochissimi errori di Fiorillo (19-15), ma l’opposto si riscatta (23-17) e Del Vecchio mette il punto esclamativo sul parziale: 25-19.

Nel terzo ed ultimo parziale l’Indeco domina sin dalle primissime battute con il muro di Fiorillo (3-0) e l’attacco di prima intenzione di Bernardi (8-3). A metà frazione di gioco spazio per i prodotti del vivaio molfettese D’Alto, Gadaleta, Ruggiero e Ciccia con i biancorossi che conducono 16-7 dopo un block di Cappelluti, altro under molfettese, prima di lasciare campo a Ilario Romano, classe 2004 all’esordio assoluto in serie B.

I biancorossi in campo peccano di esperienza, Civitanova crede alla mission impossibile (da 16-7 a 21-16), ma i “grandi” Pisani (22-18), Ciccia (23-19) e Saraceno (24-20) scacciano la paura. L’errore al servizio dei locali consegna set e match all’Indeco. 25-21.

I biancorossi nel prossimo match affronteranno il Modugno, neopromosso in B, nella prima sfida tra team pugliesi del girone E. Appuntamento fissato per sabato 12 novembre, al PalaPoli, alle ore 19.

Tabellino: US Volley 79 Civitanova: Papa 0, Leoni 8, Medei 0, Palazzesi 17, Faini 1, Caciornia 1, Magnanini 2, Stefanelli 2, Bernacchini 1, Areni A. (L), Menichelli 1. Ne Maggini, Areni C. (L), Ramadori. All. Baleani.

Indeco Molfetta: Ruggiero 1, Saraceno 13, Utro (L), Cappelluti 3, Pisani 5, Del Vecchio 11, Fiorillo 20, Ciccia 2, Lorusso 4, Bernardi 1, Gadaleta 0, D’Alto (L2), Romano 0. Ne La Forgia. All Difino, vice Lorusso.

Molfetta. Con la rete di Vivacqua, Molfetta Calcio vince sul Gravina per 1-0. Una partita sofferta ma convincente

molfettacalcio071122Si è chiusa con la vittoria del Molfetta Calcio la decima giornata di Campionato di Serie D disputata contro il Gravina che si è giocata ieri 6 novembre presso il Paolo Poli. È bastata la rete di Vivacqua alla Molfetta Calcio per battere il Gravina, dopo una partita sofferta ma convincente e giocata in una giornata ventosa e dal tempo incerto.

Gli uomini di mister Bartoli escono tra gli applausi e portano a casa il bottino pieno dei tre punti contro un avversario ben disposto in campo.
Mister Bartoli sceglie di scendere in campo con il modulo 3-5-1-1, apportando qualche modifica nell’undici titolare: Crispino in porta, Pinto, Lobjanidze e Panebianco in difesa. Mentre Salvemini, Manzo e Longo a centrocampo con Stasi e Leone sulle fasce e il tandem d’attacco formato da Montinaro dietro la punta e Vivacqua.

L’arbitro fischia l’inizio di gara e il Gravina dimostra un buon posizionamento in campo. Al minuto 4′ e al minuto 8′ gli ospiti si portano in attacco, prima con una punizione calciata al lato, successivamente con un tiro che finisce altro.

La Molfetta Calcio prende campo e al minuto 9′ dimostra di avere tecnica e spinta sulle fasce con Stasi, che dopo una discesa sulla corsia di destra, mette una palla in area di rigore ma viene deviata in angolo.

Dal dischetto del calcio d’angolo parte Longo, che mette una palla interessante in area e Panebianco, dopo un rimpallo insacca in rete. La festa dura poco a causa del fischio dell’arbitro che annulla la rete per presunto fallo di mano.
Tutto da rifare, ma la Molfetta Calcio spinge ancora e al minuto 26′, Stasi calcia un assist preciso e serve Vivacqua, che senza pensarci devia in rete.
Molfetta in vantaggio e il pubblico esulta.

Per l’attaccante scuola Lazio è la prima rete in maglia biancorossa. La rete non smuove la Molfetta calcio, che gestisce la partita, senza mai andare in difficoltà dinanzi ad un Gravina, seppur volenteroso, mai pericoloso. Le squadre vanno negli spogliatoi con i padroni di casa in vantaggio. Il secondo tempo incomincia con gli ospiti che tentano di schiacciare la Molfetta Calcio e al minuto 5′, Lauria cade in area di rigore. Per l’arbitro è simulazione con conseguente cartellino giallo.

Nei minuti successivi gli ospiti provano a varcare la retroguardia biancorossa con i calci lunghi, ma Crispino è attento e trasmette sicurezza sulle uscite.
Le squadre si giocano la gara a centrocampo e il posizionamento di capitan Manzo in una mediana fa da scudo ad una difesa sempre attenta. Kharmoud ci prova dalla distanza, ma Crispino fa sembrare tutto facile.

Al minuto 60′, mister Bartoli inserisce Tedesco per un esausto Montinaro, nella volontà di far salire la squadra e il suo baricentro. L’esterno Leone, in grande spolvero, con le sue falcate mette in apprensione gli ospiti, che devono fermarlo con le maniere più “cattive”. Sull’altra fascia Stasi gioca un ruolo fondamentale anche a livello difensivo, interrompendo ogni tentativo di assalto del Gravina. Al minuto 68′ Vivacqua ci prova dalla distanza ma il tiro va oltre la traversa. Al minuto 70′, dopo una grande uscita difensiva, Leone lancia Tedesco, che però viene fermato sul più bello.

Gli ultimi minuti sono all’insegna di una Molfetta calcio guerriera e con un Crispino che sventa facilmente gli attacchi del Gravina.
L’arbitro fischia la fine della gara e la Molfetta Calcio esce dalla zona calda della classifica, giocando una gara dove l’obiettivo unico era, vincere !

Prossimo match domenica 13 novembre alle ore 14:30 contro l’FC Francavilla, reduce dal pareggio fuori casa contro il Gladiator, presso lo Stadio “N. Fittipaldi”.

Molfetta Calcio: (3-5-1-1) Crispino; Pinto, Panebianco, Lobjanidze; Stasi, Salvemini, Manzo (C), Longo, Leone; Montinaro; Vivacqua.
Panchina:Diame, Colaci, Ciannamea, Di Modugno, Romio, Fucci, Cianciaruso, Ilari, Tedesco.
Allenatore: Bartoli.

FCB Gravina (4-3-1-2): Mascolo; Parisi, Kharmoud, Sanzone, Lauria; Ligorio, Gonella, Tommasone; Romano (C), Chacon, Bruno.
Panchina: Vicino, Perrelli, Murania, Rosini, Magnavita, Giglio, Galardi, Dragutinovic, Garnica.
Allenatore:Summa – Ragone.

Molfetta. Il cammino di Santiago è durato otto giorni durante i quali le intemperie e la fatica non hanno scoraggiato i giovani pellegrini affascinati dalla tanta bellezza incontrata e vissuta durante questa esperienza unica nel suo genere

molfettaferraris61122Venerdì mattina, 4 novembre,i giovani studenti pellegrini dell’I.I.S.S. “Galileo Ferraris” di Molfetta hanno incontrato il Dirigente Scolastico prof. Luigi Melpignano per un momento di restituzione dell’esperienza appena conclusa in Spagna: percorrere a piedi gli ultimi 110 Km sul Cammino di Santiago de Compostela, un progetto d’istituto curato dalla prof.ssa Rosanna De Pinto.

I numerosi racconti degli studenti hanno testimoniato che camminare verso una meta geografica nasconde metaforicamente il camminare verso una meta di vita. Il cammino ha offerto opportunità di introspezione, di confronto, di crescita culturale e sociale oltre che studio del paesaggio, delle espressioni culturali, della storia e delle tradizioni legate ai Pellegrinaggi Medievali.

Otto giorni, durante i quali vento, pioggia e fatica non hanno scoraggiato i pellegrini del Ferraris, i quali, nei loro racconti al Dirigente, hanno comunicato la bellezza incontrata e vissuta, attraverso cartoline virtuali delle emozioni provate.«Questo Progetto d’Istituto» – ha ricordato il Dirigente Scolastico prof. Luigi Melpignano - «è un’esperienza che rafforza il senso di comunità e i valori dell’accoglienza e dell’ascolto. Siamo una rete che deve farsi sempre più grande e più fitta. Il nostro Cammino non finisce qui - ha concluso il prof. Luigi Melpignano - “Ultreya et Suseya “a tutti»

Molfetta. La Dinamo Cab Molfetta chiude la partita con il Corato Volley per 3-1. Il commento di Francesco Marzocca: «È stata una vittoria meritata con una partita quasi mai in discussione. Ma serve più tenacia»

molfettadinamocab061122Una vittoria sofferta, ottenuta con il cuore, il sacrificio e la determinazione senza dimenticare i progressi che la squadra di Francesco Marzocca settimana dopo settimana sta ottenendo in allenamento e in campo.

Finisce 3–1 per la ASD Polisportiva Dinamo CAB Molfetta contro una Polis Volley Corato che ha lottato sino alla fine, mettendo in più di un’occasione in difficoltà le ragazze in maglia arancio. Ottime le prestazioni di LazzizzeraCervelli e Sciancalepore oltre al senso di sacrificio delle solite D’Agostino e Ayroldi. Importante anche la prestazione di Panunzio nel ruolo di libero.

Primo set che inizia nel segno delle ragazze in maglia nero verde allenate da Annagrazia Matera subito avanti di sei punti dopo appena dieci minuti di gioco. La Dinamo CAB Molfetta parte sottotono con un ritmo lento e prevedibile che favorisce le avversarie tanto da costringere Marzocca a chiedere il primo time out.

Il coach della Dinamo prova a scuotere le sue ragazze che rientrano sul parquet del Pala Poli con una verve differente. In pochi minuti lo svantaggio si assottiglia giungendo al pareggio sul punteggio di 8-8. Il Corato spinge, torna in vantaggio per poi arrendersi ai colpi di Lazzizzera e compagne. Grazie ad una girandola di cambi e alle subentrate Sciancalepore e Abbattista la Dinamo CAB Molfetta riacciuffa il risultato portandosi sopra sul finale del primo set.

Un vantaggio minimo che la Dinamo mantiene sino alla fine del set che Lucy Cervelli chiude sul risultato di 25-23. Secondo set inizialmente molto combattuto tra le due squadre, ma che la Dinamo ben indirizza dopo soli 5 minuti di gioco. Alla fine del primo quarto d’ora le ragazze di Marzocca sono sul 9-4, allungano ancora sul 13-5 e 17-9.

Sono ancora una volta Lazzizzera e Parisi a portare le molfettesi sul 21-11 con Abbattista brava a chiudere il secondo set sul risultato di 25-13. Tutto facile per la Dinamo? Manco a dirlo . Ancora una volta il terzo set è amaro per le ragazze di Marzocca che calano fisicamente e nella concentrazione, avvantaggiando le coratine brave a sfruttare errori ed indecisioni da parte della Dinamo.

La Polis Volley Corato dà subito la sensazione di controllare il terzo set portandosi in pochi minuti sul 10-7 e poi sul 15-10. A nulla servono i time out chiesti da Marzocca: la Dinamo va sotto di parecchi punti e le neroverdi fanno proprio il set sul risultato di 25-16 riaprendo il match. Un break che dura poco perché le padrone di casa rialzano la testa nel quarto e ultimo set.

All’iniziale vantaggio di quattro punti risponde il Corato, provando ad assottigliare il vantaggio della Dinamo sul punteggio di 10-8. Una serie di errori in battuta permette al Corato di rifarsi sotto, sfiorando addirittura il pari sul 23-21 per la Dinamo, con le ragazze brave a non farsi sorprendere e a mettere in ghiaccio un match dal risultato tutt’altro che scontato.

Quarto set che finisce 25-23 per le ragazze in maglia arancio, attese da un momento difficile della stagione. Tre trasferte consecutive contro tre importanti compagini in lotta per il titolo. Nell’ordine MonopoliPotenza e Turi. «E’ stata una vittoria meritata con una partita quasi mai in discussione – ha commentato Francesco Marzocca nel dopo gara - tranne nel terzo set con il Corato che ha vinto con merito e alla fine del quarto. Ho visto dei miglioramenti, ed è da lì che bisogna riprendere gli allenamenti, continuando a lavorare con umiltà, tenacia e giusta cazzimma!!».

Ottima la prestazione di Simona Lazzizzera che nel post match ha ribadito il percorso di crescita delle sue compagne e la voglia di perfezionare alcuni meccanismi di gioco. «Oggi era importante vincere – ha commentato il centrale della Dinamo – prima di concentrarci su tre difficili trasferte. Potevamo chiuderla sul 3-0 che avrebbe dato più forza a tutte noi. Alla fine va bene così, continueremo a lavorare duramente per migliorare dove in queste partite abbiamo mancato».

Risultati Set

1° set Dinamo CAB Molfetta – Polis Volley Corato 25-23

2° set Dinamo CAB Molfetta - Polis Volley Corato 25-13

3° set Dinamo CAB Molfetta - Polis Volley Corato 16-25

4° set Dinamo CAB Molfetta - Polis Volley Corato 25-23

Formazioni: Dinamo CAB Molfetta: D’'Agostino (palleggiatrice) - Cervelli (opposto); Lazzizzera/Sciancalepore (centrali); Parisi/Ayroldi (schiacciatrici) ; Panunzio (libero)

Polis Volley Corato: Grassi (palleggiatrice); Guerra (opposto); Gabriele/Carenza (centrali); Musto/Fumarola (schiacciatrici); Berardi (libero) All. Matera

Molfetta. Riparte #Ioleggoperchè la grande iniziativa nazionale che coinvolge scuole, librerie ed editori per arricchire le biblioteche scolastiche. Aderiscono al progetto anche i Licei Einstein-da Vinci di Molfetta

molfettaioleggoperchp51122Prime due settimane di novembre dedicate al progetto ministeriale #ioleggoperché in favore della valorizzazione delle biblioteche scolastiche, con donazioni di libri presso le librerie gemellate da parte della cittadinanza, e della promozione della lettura per i Licei Einstein-da Vinci, diretti dalla prof.ssa Giuseppina Bassi.

Il Liceo Classico, proprio per diffondere il piacere della lettura ad alta voce, in collaborazione con la libreria Mondadori Bookstore promuove un’iniziativa denominata ‘Storie di Campioni che hanno cambiato il mondo’, nell’ambito del Contest nazionale ‘Sport, lettura e inclusione’.

Quattro giornate in cui gli studenti delle classi prime del Liceo Classico si danno appuntamento in libreria con gli alunni delle terze classi delle scuole secondarie di primo grado della città che hanno aderito al progetto, leggendo ad alta voce di storie di campioni che non solo hanno vinto medaglie praticando uno sport, ma si sono distinti per un gesto ‘plateale’ che ha cambiato il corso della Storia. Le loro vicende insegnano che si può essere Campioni anche quando, attraverso lo sport, si difenda un ideale, si attuino scelte coraggiose, si superino pregiudizi e discriminazioni di ogni tipo.

Sono così rievocate, mediante letture espressive accompagnate dalla musica dal vivo, le vicende di Kathrine Virginia Switzer, prima maratoneta donna della Storia, Věra Čáslsvká, ginnasta e fiera oppositrice della dittatura sovietica durante la Primavera di Praga, e la giovanissima Yusra Mardini, eroica nuotatrice siriana che, durante una traversata del mar Egeo, ha messo in salvo venti migranti.

Dopo la lettura, il tour della libreria e una corroborante colazione, il Liceo Classico apre le sue porte agli studenti delle scuole medie: presso la sede storica su corso Umberto, un gioioso flash mob dal titolo ‘È qui che nasce l’energia’ e, nella biblioteca scolastica, un’attività creativa denominata ‘cut-up’, con una rielaborazione in forma grafica delle impressioni e delle emozioni derivate dalla lettura condivisa.

L’attività è stata fortemente voluta e promossa dalla Dirigente Scolastica dei Licei Einstein Da Vinci, prof.ssa Giuseppina Bassi, in un’ottica di valorizzazione e promozione della lettura, strumento indispensabile per la crescita culturale e umana degli studenti.

 

 

 

 

 

 

 

Molfetta. In questa prima fase sono stato scelti i progetti vincitori che saranno realizzati con finanziamenti europei: Bosco urbano, Pulp Fest+, Stanza della Musica e Caffè Inclusivi

molfettainco051122Si è conclusa lo scorso 26 ottobre la prima fase del progetto di partecipazione giovanile molfettese Up to You, sponsorizzato dall'associazione Inco e realizzato in collaborazione con le associazioni Anomalia, Tesla, 2hands, Symposium e Progetto Policoro.

I partecipanti del progetto, dedicato alla promozione di politiche giovanili, hanno lavorato, nel corso di quattro appuntamenti, in tavole tematiche - dedicate ad ambiente, cultura, inclusione e musica - per individuare le problematiche principali da fronteggiare, proporre soluzioni ed elaborare progetti che possano dare nuovo fermento alla città e ai suoi più giovani cittadini.

Nel quarto di questi appuntamenti, tenutosi il 26 ottobre presso la Cittadella degli Artisti, i partecipanti sono stati chiamati ad eleggere, attraverso una votazione, le idee progettuali che saranno poi realizzate con i finanziamenti europei del progetto.

Le idee vincitrici sono: il Bosco Urbano, ovvero la creazione di uno spazio verde in un’area trafficata per contrastare le emissioni di CO2 e sensibilizzare la cittadinanza; il Pulp Fest+, una rielaborazione del festival culturale già proposto in passato dall’associazione Tesla; la Stanza della Musica, una stanza ricreativa con lo scopo di generare “prodotti musicali”, dando spazio ad artisti emergenti locali; infine i Caffè Inclusivi, degli incontri informali tematici finalizzati al confronto e alla condivisione di esperienze.

Con la conclusione delle tavole rotonde si apre la seconda fase di Up to you, dedicata alla realizzazione concreta dei progetti selezionati, che avrà fine nel febbraio 2023. Per restare aggiornati sul lavoro di Up to you, potete seguire le pagine instagram @uptoyou_molfetta, o la pagina Facebook Up to you.

 

Molfetta. Un'altra trasferta e un'altra gara difficile attendono la squadra di Mister de Bari per il quarto turno di campionato: il derby contro il Women Grottaglie

molfettanox051122Sarà derby, a Grottaglie, per la Nox Molfetta nel quarto turno del campionato di Serie A2 - girone D. Domenica 6 novembre, alle ore 16, infatti, le ragazze del futsal scenderanno sul parquet della città tarantina contro le padrone di casa: una sfida difficilissima visto che il Women Grottaglie insegue a 7 punti e lo scorso anno ha sfiorato la promozione nella massima serie.

La Nox Molfetta, capolista con la Virtus Cap Sammichele a punteggio pieno dopo tre giornate, si è ritrovata mercoledì dopo due giorni di riposo concessi da Mister Alessandra de Bari. La squadra ha lavorato in vista del match, sulla scorta dell'entusiasmo della vittoria in rimonta contro la Cormar Segato di sette giorni fa.

«È normale che ci sia entusiasmo - commenta Annamaria Cortese, in biancorosso per la quarta stagione consecutiva - ma siamo anche una squadra matura che sa che quello che è avvenuto nelle precedenti partite è già passato e non conta più niente».

Cortese, numero 17 sulla maglia e vicecapitano assieme con Gaia dell'Ernia a Ylenia Narsete, non lascia dubbi «sul fatto che l'obiettivo era iniziare bene il campionato e obiettivamente è stato fatto. Ma lo scopo è quello di avere continuità e cercheremo di farlo anche domenica, sapendo già che soffriremo molto perché le avversarie sono di categoria».

«Il gruppo è tutto concentrato sul match a Grottaglie - conclude il vice capitano della Nox - perché sappiamo che è uno scontro diretto contro una squadra forte e competitiva. Però noi abbiamo lavorato durante la settimana per essere pronte e cercheremo di fare punti importanti anche lontano dal parquet di casa».

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino