Redazione_Online

Redazione_Online

Molfetta. La manifestazione commemorativa si terrà lunedì 7 novembre in via Capitano De Gennaro. Presenti gli studenti della scuola secondaria di 1° grado San Domenico Savio

molfettaviacapdecandia031122CMolfetta 6 novembre 1943. Durante il secondo conflitto mondiale la nostra città subì un bombardamento per mano nazista in via Capitano De Gennaro. Sei le vittime di quell'attacco, tutte giovanissime. Angela Amato di 6 anni, Francesco Amato di 4 anni, Margherita Amato di 25 anni, Nicolò Amato di 1 anno, Caputo Cosmo di 35 anni e De Candia Antonio di 2 anni. I corpi di quattro vittime furono trovati il giorno dopo sotto le macerie.

Settantanove anni dopo quella tragedia che scosse profondamente la nostra comunità, l’Anpi Molfetta cerca di riconnettere i fili della memoria e dell’impegno assieme ad alcuni studenti della scuola secondaria di 1° grado attraverso un incontro che non solo ricordi le vittime e gli orrori della guerra, ma soprattutto l’importanza di costruire quotidianamente la pace.

La manifestazione si terrà il 7 novembre alle ore 11 in Via Capitano de Gennaro. Dopo i saluti di Fiorenza Minervini, presidente di Anpi Molfetta, seguirà l'intervento di Salvatore Gadaleta che racconterà e ripercorrerà i fatti di quel fatidico 6 novembre 1943.

Alla cerimonia parteciperanno anche le studentesse e gli studenti della scuola secondaria di 1° grado San Domenico Savio dell'I.C. Scardigno-Savio di Molfetta contribuiranno all'evento con un reading musicale. A conclusione dell'incontro interverranno alcuni parenti delle vittime del bombardamento assieme a profughi di guerra.
L'Anpi invita tutta la cittadinanza a partecipare all'evento perché è importante ricordare le vittime di guerra per poter costruire la pace. 

Molfetta. Dopo l'apertura della stagione concertistica del Teatro Apollo di Lecce e del Circolo Unione del Teatro Petruzzelli l'Orchestra Filarmonica Pugliese torna a esibirsi a Molfetta con la Jazzed-Up Big Band

molfettagiornidiordinariapazziaCSarà una domenica diversa quella che sta per arrivare e che si potrà vivere presso il teatro urbano della Cittadella degli Artisti di Molfetta con il concerto Giorni di ordinaria pazzia - la vita di tutti i giorni in orchestra. A esibirsi due orchestre, la ben nota Filarmonica Pugliese e la Jazzed-up Big Band.

Un connubio artistico curioso quello delle due Orchestre che proporranno brani inediti del Maestro Gabriele Mastropasqua, compositore giovinazzese formatosi nelle migliori accademie e conservatori italiani.

A dirigere l'ensemble il Maestro Roberto Spadoni, noto compositore romano, vincitore di innumerevoli premi e uno dei riferimenti per la direzione orchestrale jazzistica in Italia. Uno spettacolo che propone un prodotto poliedrico e quindi fruibile a un pubblico dai diversi gusti e dai diversi interessi musicali. Un concerto che supera ogni differenza generazionale e culturale.

Ingresso a teatro ore 17.30. Sipario ore 18. I biglietti per assistere al concerto Giorni di ordinaria pazzia – la vita di tutti i giorni in orchestra sono in vendita presso l'Info Point Molfetta, via Piazza, 27. Per maggiori info e dettagli 351 9869433.

 

 

Molfetta. La Virtus Molfetta pareggia con i dauni gialloverdi e perde l'opportunità di conquistare la prima vittoria in classifica

molfettacollettiva25nov271121Non è stata sufficiente la doppietta di Antonelli per permettere alla Virtus Molfetta di conquistare la prima vittoria. È stata una partita perfetta quella costruita dai biancorossi di Mister Presutto che con il loro gioco hanno dato filo da torcere agli avversari dauni conducendoli al pareggio. Il G.S Troia arriva al Petrone da secondo in classifica e lasciano Molfetta in terza piazza.

Primo tempo perfetto dei padroni di casa: Antonelli, al 18', grazie ad un dischetto sblocca il match. Due minuti dopo, il forte centrocampista molfettese allunga. Al 35', gli ospiti tornano in gara con un altro rigore, realizzato da Piscopo.

Nel secondo tempo il Troia si fa vedere maggiormente rispetto alla prima frazione di gioco, ma la difesa virtussina tiene bene. Al 63' il pari beffa: Acquaviva vince dei rimpalli in area e infila il 2-2.

Nel finale di gara, la Virtus dimostra grinta e voglia di strappare punti alla ex vice capolista che sfiora la vittoria con una traversa di Piscopo negli ultimi scampoli di match. Adesso per i biancorossi due trasferte consecutive. Si parte dal derby contro la Virtus Bisceglie, si prosegue con la lunga trasferta garganica a Vieste.

Molfetta. La partita si giocherà questo pomeriggio presso lo Stadio Domenico Conte a Pozzuoli

molfettaputeolanacoppaitalia011122Sarà una partita importante quella che si disputerà oggi mercoledì 2 novembre, tra la campania Puteolana e la Molfetta Calcio. Infatti alle ore 14.30, presso lo Stadio Domenico Conte si terrà la gara valida per il primo turno eliminatorio di Coppa Italia.

Per tutti i tifosi biancorossi che volessero seguire in trasferta la loro squadra del cuore potranno acquistare i biglietti on line al seguente indirizzo https://www.go2.it/evento/puteolana_1902_vs_molfetta/6073

Inoltre sarà possibile acquistare i biglietti per il settore ospiti al costo di 6 Euro, compresi oneri fiscali, presso Bari point in Via Capruzzi, 5/7 a Bari.

Dalla società biancorossa giungono notizie sulla carriera della Molfetta Calcio Under 17 che nella terza giornata di Campionato del girone F si è vista soffiare la vittoria dagli avversari della Virtus Palese che ha vinto per 2 a 1. Il match si è deciso nel primo tempo, quando gli ospiti si sono portati in vantaggio, anche grazie ad un rigore contestato dalla Molfetta Calcio.

A nulla è bastato un secondo tempo ricco di occasioni da goal e la rete da calcio d’angolo di Aimuofa.

 

 

 

 

 

 

 

Foto di copertina da Pixabay

 

Molfetta. Il corso di formazione per gli operatori del progetto Erasmus+ “Elex 360° ha coinvolto nove giovani provenienti da Spagna, Grecia e Italia. Due i membri dello staff di InCo Molfetta che hannoi partecipato ai laboratori formativi

molfettaincoelex360011122Si è concluso lo scorso venerdì 28 ottobre, il “Training for Trainers”, un corso per formatori organizzato da Tecnopolis PST nell’ambito del progetto Elex 360. L’evento ha raccolto 9 operatori giovanili provenienti da Spagna, Grecia e Italia, i quali per 5 giorni hanno seguito corsi, seminari, laboratori pratici presso il “Balab” dell’Università di Bari.

Per l’associazione InCo-Molfetta hanno partecipato 2 membri dello staff, opportunamente formati sui temi dell’imprenditorialità e sulle nuove metodologia di apprendimento per i giovani. In particolare, l’obiettivo dell’evento è stato quello di acquisire metodi per stimolare lo spirito imprenditoriale dei giovani e le capacità di auto-impiego.

Il progetto “Elex 360°” è stato finanziato dall’Agenzia Nazionale Giovani nel 2021 e prevede una serie di laboratori destinati a giovani fino a 30 anni. Prima di iniziare con i laboratori quindi si è reso necessario “formare i formatori” con le più innovative metodologie non-formali. Tutto finalizzato ad aiutare i giovani a sviluppare la propria idea imprenditoriale e diventare autonomi.

In questo progetto ambizioso InCo è accompagnata da partner importanti tra cui Tecnopolis, società dell’Università di Bari che tra le tante cose supporta la creazione di start-up innovative. Inoltre ci sono 2 partner della Spagna per lo sviluppo della parte digitale e social (SmartUp e Fundacion Sorapan de Rieros) e un incubatore d’imprese di Patrasso (Mosaic).

Il progetto ha una durata di 2 anni e prevede una serie di laboratori con i giovani di Molfetta nei mesi di gennaio-marzo; uno scambio di giovani in Spagna e la redazione di linee guida utili a tutti gli under 30 che volessero intraprendere un’attività professionale autonoma.

Il prossimo step si terrà a fine mese e sarà un incontro transnazionale con i partner, in quel di Patrasso, Grecia, dove si farà il punto dei risultati fin qui raggiunti e si getteranno le basi per i prossimi laboratori e scambi di giovani del 2023.

Sono molte le opportunità che l’UE mette a disposizione dei giovani tramite il programma Erasmus+, tutte gratuite. Chiunque fosse interessato a partecipare ai laboratori o solo voglia mettersi in gioco può contattare InCo tramite email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o social (instagram, telegram, facebook).

Ogni martedì si organizza uno sportello di orientamento dove previa prenotazione si può incontrare gratuitamente con un orientatore per trovare l’opportunità più adatta.

Molfetta. Il programma prevede appuntamenti a partire da oggi 2 novembre fino a mercoledì 9 novembre

molfettamorte021122In questi giorni molte sono le iniziative per celebrare e commemorare i defunti. Tra queste l'Ottavario per i Confratelli dell'Arciconfraternita della morte dal sacco nero. L'ottavario, antica consuetudine che si attribuisce a San Nicola da Tolentino, vede i fedeli incontrarsi per otto giorni consecutivi e pregare per le anime del Purgatorio.

A partire da oggi mercoledì 2 novembre, fino a mercoledì, tutti i giorni presso la Chiesa di Santa Maria Consolatrice degli Afflitti, denominata Purgatorio, alle 18.30 ci sarà la recita del Santo Rosario a cui seguirà alle ore 19 la Santa Messa.

Domenica 6 novembre, invece, alle ore 9.45, presso la Cappella Maggiore del Cimitero Monumentale, sarà celebrata una Santa Messa in suffragio di tutti i confratelli defunti presieduta da Padre Francesco Depalo.

A ternime della Messa il Gran Complesso Bandistico S. Cecilia "Città di Molfetta" si esibirà in un concerto di Marce Funebri diretto dal M° Pasquale Turturo. Il Gran Complesso eseguià i seguenti classici del repertorio bandistico molfettese:

Una lacrima sulla tomba di mia madre di A. Vella, Patetica di F. Peruzzi, Fatalità di S. Calo, Povera Rosa di V. Valente, Marcia Funebre N°4, conosciuta anche come U Voev di G. De Candia e Senza Nome di V. Lucivero.

 La cittadinanza è invitata.

 

Molfetta. Tra passeggiate, racconti e flashmob, immersi nella natura di Lama Martina si è svolta anche a Molfetta la sesta edizione della Camminata tra gli olivi

molfettalamamaeditazione011122È stato un successo oltre ogni previsione, anche nel numero dei partecipanti, la sesta edizione della Giornata nazionale della Camminata tra gli Olivi che si è svolta domenica 30 ottobre a Lama Martina.

L'evento, promosso dall'Associazione Città dell'olio di cui Molfetta fa parte, si è svolto grazie al patrocinio del Comune e alla collaborazione di CEA Ophris – Centro Studi e Didattica Ambientale Terrae e del Ser Molfetta.

Guidati da Gianni Gadaleta e Vincenzo Piergiovanni, rispettivamente agronomo e geologo, collaboratori e volontari dell'associazione Terrae, il nutrito numero di camminiatori ha intrapreso questo viaggio alla scoperta degli alberi di olivo presenti nel Parco di Lama Martina, luogo che non smette di stupire e meravigliare.

Durante la passeggiata i due Ciceroni hanno raccontato ciò che l'olivo ha rappresentato per i nostri avi e per molti popoli, e ciò che questo importante arbusto rappresenta per noi contemporanei.

L'excursus storico sugli albaeri di olivo è stato reso magico dai respiri della Lama, dai suoi piacevoli “rumori”nonchè dalla lettura di aiku, una forma lirica giapponese e brani tratti da antichi testi letterari e storici con cui si è omaggiato l'olivo e il suo prezioso olio, l' oro verde.

Molto coinvolgente e rilassante il momento di meditazione nel cuore di Lama Martina. Qui, in questo posto quasi da fiaba, seduti a contatto con la terra, avvolti dagli inquantificabili profumi e con l'ausilio del dolce suono del Hund drum si è potuto godere di una delle tappe più suggestive della camminata a cui è seguito il catartico flashmob #Abbracciaunulivo con il fine di sensibilizzare la popolazione alla salvaguardia delll'ambiente e contrastare l'abbandono dei terreni olivicoli.

Un cammino esperienzale e di conoscenza a 360° che ha permesso anche se per pochi chilometri di mostrare cosa significa vivere il territorio. Come ha sottolineato l'agronomo Gianni Gadaleta: «La parola chiave di questa giornata è "vivere il territorio", un' azione che dobbiamo intendere non solo dal punto di vista naturalisticao, ma anche storico, economico, geologico. Una conoscenza a 360° che serve per considerare il territorio non solo come mero terreno da calpestare, ma sopratutto e anche come storia da ricordare che ci aiuta a sentirci parte di questo terrritorio e quindi ad apprezzarlo e a valorizzarlo nel giusto modo».

«Eventi come la Camminata tra gli olivi – continua Gianni Gadaleta - sono indispensabili perchè contribuiscono a sensibilizzare la gente e a far conoscere posti preziosi come Lama Martina che deve essere considerato non solo come un posto dover poter fare scampagnate, ma come uno scrigno dove custodire la parte più preziosa. In Giappone parlano di kurà, il posto più sacro della casa dove si tengono gli oggetti più cari. In questo senso Lama Martina dovrebbe diventare uno scrigno per chi abita il territorio».

«Sono entusiasta per l'esito di questa manifestazione – ha commentato Caterina Roselli, assessore alla Polizia Locale, Ambiente, Politiche Giovanili e Città Sane – Vedere tutta questa gente Partecipare con entusisamo a questa inziativa è molto piacevole e fa capire che sono stante le persone a cui sta a cuore l'ambiente e il proprio territorio. Con la giornata di oggi e con questa suggestiva caminata abbiamo voluto realizzare due obiettivi: far conoscere meglio questo spelndido luogo che è Lama Martina e che stiamo lavorando perchè diventi un Parco Naturale a tutti gli effetti, e imparare a conoscere uno dei prodotti alla base della nostra dieta, l'olio. Importante infatti rafforzare il legame con la cultura di questo prezioso prodotto locale, imparare a trattarlo e a degustarlo, perchè rappresenta un patrimonio unico della nostra Terra».

A dimostrazione della bontà dell'olio della nostra terra una degustazione ha chiuso la Camminata tra gli olivi. Degustazione che è stata ampiamente apprezzata da tutti, ma proprio tutti i partecipanti.

 

 

 

 

 

 

 

Molfetta. La Nox fa tris di vittorie e si impone per 2-3 contro la Comar Segato. Le ragazze di Mister de Bari al comando della classifica con la Virtus Cap Sammichele

molfettanox311022Comar Segato 2, Nox Molfetta 3. Ė il verdetto della terza giornata del campionato di Serie A2, girone D, di calcio a 5 femminile che si è giocato domenica 30 ottobre a Polistena, in Calabria. Con questa terza vittoria le molfettesi arrivano a 9 punti e conservano il primo posto con le baresi della Virtus Cap Sammichele, reduci dall'importante successo esterno nello scontro diretto contro Città di Taranto.

Il campo calabrese è caldo e la Nox va subito in svantaggio. Tuttavia non c'è arresa per la squadra allenata da Mister Alessandra de Bari che ruota l'intera rosa, predica calma e gioco che porta al pareggio a firma Mezzatesta, per l'1-1 parziale.

Nella ripresa la Nox approccia la partita con il piglio e il carattere di chi vuole portare a casa la vittoria seppure sono diverse le occasioni da rete sprecate. Così ci pensa dell'Ernia a sbloccare il match con un gol da cineteca da fuori area di rigore, prima dell'1-3 di Nanà su rigore.
Liuzzo diventa protagonista sul finale parando un tiro libero mentre nulla può sul 2-3 locale, arrivato con il quinto uomo di movimento.

Il quarto turno di campionato vedrà la Nox Molfetta ancora fuori casa: capitan Narsete e compagne saranno di scena domenica a Grottaglie, contro una delle squadre protagoniste della scorsa Serie A2 per un' altra trasferta che si preannuncia difficile.

Molfetta. Gli Studenti del Ferraris si sono distinti nella V Edizione del Premio Nazionale di Poesie e Narrativa “Raffaele Carrieri”. La premiazione si è tenuta lo scorso sabato presso il castello aragonese di Taranto

molfettaferrarispoeisiaC311022CAncora altri premi e riconoscimenti per gli studenti dell'IISS G. Ferraris di Molfetta. Dopo i quattro studenti premiati al concorso AICCER Puglia, lo scorso sabato 29 ottobre è toccato ad altri sette studenti dell'istituto molfettese ricevere medaglie e menzioni speciali per aver partecipato alla V Edizione del Premio Nazionale di Poesie e Narrativa “Raffaele Carrieri”.

La premiazione si è svolta presso il meraviglioso castello aragonese di Taranto. Tra gli studenti premiati Sebastian Zonno e Mariangela Patimo della VA-Bio, Sofia Montaruli e GabriellaMinervini IVA bio, Pierluca Amato VB inf, Matteo Altomare IVD L e Concetta Camporeale VD L.

Gli studenti, accompagnati dalle docenti Giovanna Sgherza e Brigida Altomare, hanno ricevuto medaglia e menzione speciale per le opere da loro presentate. Per la sezione “Poesie a tema libero studenti”, hanno ricevuto una menzione speciale i finalisti Sebastian Zonno con “Immensità” e “Benvenuta Felicità” di Sofia Montaruli e Gabriella Minervini. Menzione speciale anche per l'opera “Cupo” di Pierluca Amato.

Per la sezione Racconti a tema libero hanno ricevuto una “menzione speciale - finalisti” Concetta Camporeale con il brano “Legami senza tempo”, e “menzione speciale” anche per “Voce di una stella” di Mariangela Patimo e “Fragili ma indissolubili legami” di Matteo Altomare. Ancora una volta gli studenti molfettesi onorano il "Ferraris" con la bellezza della poesia e della scrittura creativa, per la soddisfazione dell’intera comunità scolastica e del Dirigente Scolastico prof. Luigi Melpignano.

 

 

Molfetta. Nonostante il bel gioco e la creatività i molfettesi segnano solo un gol e concedono la vittoria alla Cavese che vince per 2-1

molfettacalcio311022La Molfetta Calcio, gioca, corre, crea ma non finalizza. Si può riassumere così il match fuori casa contro la Cavese, squadra che si è dimostrata strutturalmente importante, ma che ha avuto grosse difficoltà contro i biancorossi.
Il clima è l’ideale per una partita di calcio e subito da segnalare sono i tifosi biancorossi, che hanno seguito la squadra del cuore, percorrendo oltre 200 km. 

Inizia il match e la squadra di casa si fa subito pericolosa al minuto 7′, quando a causa di un fallo di mano di Longo, la punizione non trova un esito positivo a causa di un palo prima e della ribattuta bianco blu che finisce alta.

Per Diame sarà una giornata non facile, ma si dimostra in crescita al minuto 12′, quando para un tiro ravvicinato di Aliperta. La Molfetta inizia ad alzare i ritmi sulle fasce laterali con Stasi e Longo. Manzo al minuto 12′ ci prova dalla distanza, ma il tiro va oltre la traversa. Stasi inventa un cross al minuto 22′, ma Coratella non ci arriva per poco.

Nel migliore dei momenti, la Molfetta subisce la decisione arbitrale: calcio di rigore per un presunto fallo di Panebianco in area di rigore e dal dischetto Diame non si fa beffare. Rigore parato e i tifosi ospiti esultano. Capitan Manzo ci riprova dalla lunga distanza al minuto 39′, ma il tiro non è preciso.

La precisione arriva al minuto 40′, quando lo stesso Manzo tira una punizione dai 30 metri, nessuno la devia e il portiere avversario viene beffato. La squadra di mister Bartoli passa in vantaggio e qualche secondo dopo ha la palla del raddoppio, ma la difesa avversaria è brava a neutralizzare.

Nemmeno il tempo di esultare e la difesa biancorossa si fa beffare da un gran tiro di Aliperta. Diame non può nulla. Le squadre vanno negli spogliatoi sul risultato di parità.
Il secondo tempo parte con la Cavese che spinge sull’acceleratore, ma Diame è bravo sia al minuto 5′, che al minuto 12′, vanificando gli sforzi avversari.
I biancorossi reagiscono e ci mettono il cuore.

Stasi è in giornata di grazia e mette l’ennesimo cross al minuto 18′ sui piedi di Manzo, ma la palla va fuori non di molto. Anche Vivacqua ci prova da fuori area, ma a palla finisce alla destra del portiere avversario. Minuto 25′, la Molfetta ha una grande possibilità di ripartenza in contropiede, ma la Cavese recupera palla con Aliperta, che non ci pensa due volte e trafigge Diame sulla sua sinistra.

I padroni di casa si portano quindi in vantaggio, ma i ragazzi di mister Bartoli dimostrano di esser vivi fino all’ultimo. Minuto 30′, Molfetta vicino al pareggio con Montinaro, il quale sfodera un destro che va vicinissimo al palo.
Le migliori occasioni le hanno i biancorossi, prima al minuto 36′, quando grazie a una incursione di Stasi dalla destra, Tedesco non ci arriva per poco, poi quando Vivacqua viene pescato con un lancio lungo ma si fa fermare dal portiere avversario. Non finisce qui. Minuto 38′, cross di capitan Manzo pericolosissimo, che diventa un turo, ma il portiere intercetta.

Il grosso rimpianto arriva al minuto 41′, quando il neo entrato Di Modugno sbuca tra le maglie avversarie e mette un cross delizioso sulla testa di Tedesco, anch’esso appena entrato. La palla finisce clamorosamente fuori e qui si spengono i sogni di gloria della Molfetta Calcio.
Una partita giocata ad alti ritmi, con il cuore e con la grinta che la tifoseria molfettese desiderava, ma che porta con se rimpianti sulla fase di finalizzazione.
Gli uomini di mister Bartoli sono chiamati ora a una settimana intensa, grazie al doppio impegno di Coppa Italia e Campionato.

CAVESE: (4-4-2): Colombo; Rossi, Lomasto, Puglisi (55′ Bezzon), Maffei; Munoz, Aliperta (72′ Salandria), Palma (83′ Gaeta), Bacio Terracino (55′ Banegas); Gagliardi (87′ Cappa), Foggia. All. Troise

MOLFETTA: (3-5-2): Diame; Leone (83′ Leone), Pinto, Lobjanidze; Coratella, Montinaro, Manzo, Vivacqua (89′ Di Modugno), Stasi; Coratella (63′ Fucci), Longo (63′ Tedesco). All.: Bartoli

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino