COMUNE DI MOLFETTA, CONCLUSE LE PRESELEZIONI DEI CONCORSI PUBBLICI: PROVE SCRITTE A FINE GENNAIO

By Paola Loparco Gennaio 01, 2023

Molfetta. Saltate le preselezioni del 30 dicembre a causa dell’esiguo numero dei candidati a un posto da istruttore che si sono presentati alla prova

molfettapiazzamunicipioSi sono concluse lo scorso venerdì 30 dicembre le preselezioni dei sei concorsi pubblici indetti dal Comune di Molfetta. L’ultima prova in programma, quella destinata ai candidati a un posto da istruttore amministrativo contabile (cat. D). Degli idonei, 157 in tutto, se ne sono presentati 74, perciò la commissione, come da bando, ha disposto l’annullamento contestuale della prova.

La stessa cosa era accaduta per i candidati a un posto da istruttore tecnico informatico, il cui numero era inferiore al numero massimo ammissibile alle successive prove d’esame. Tre le prelazioni svoltesi il 27 dicembre scorso: la prova per un posto da istruttore direttivo amministrativo (cat. B3) è stata superata da 83 candidati, quella per cinque posti di agente di Polizia Locale (cat. C1) è stata superata da 76 candidati, mentre quella per due posti da istruttore tecnico (cat. C1) da 60.

La preselezione per i quattro posti da istruttore amministrativo (cat. C1) si è svolta in tre turni venerdì scorso ed è stata superata da 62 candidati.

Dei 1810 idonei che avevano presentato domanda, ora sono poco meno di cinquecento i candidati che possono procedere con le prove scritte, che si terranno, salvo imprevisti, a fine gennaio, come anticipato dall’assessore al personale Sergio De Candia, soddisfatto per l’esito della fase preselettiva appena conclusasi.

«Tutte le prove si sono svolte in maniera regolare e ordinata – spiega l’assessore De Candiagrazie l lavoro di tutte le persone coinvolte, dal personale delle due ditte incaricate, aiutato da alcuni dipendenti comunali, al dirigente e al personale scolastico. Le successive prove scritte, costituite da questionari questa volta a risposta aperta, si terranno sempre presso la Scuola Media “Poli” intorno alla fine di gennaio, se tutto va come previsto.

Tranne due candidati “pizzicati”, tutti hanno rispettato le regole del piano operativo. Ciò che ci ha un po’ sorpreso è stato il numero complessivo dei partecipanti: su 1810 idonei, si è presentato un numero di candidati inferiore al 60 per cento. Spesso ci si lamenta per la mancanza di lavoro e per i pochi concorsi banditi dalle pubbliche amministrazioni, ma poi, quando i concorsi ci sono, scarseggiano i candidati.

Siamo soddisfatti infine – conclude Sergio De Candiaperché abbiamo portato a termine tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissi di raggiungere entro la fine dell’anno, come l’avvio del procedimento di assunzione in mobilità, per cui sono giunte diverse domande; il calcolo delle progressioni verticali e orizzontali; il pagamento dei premi produttività al personale; la pubblicazione di due bandi per il reperimento di tecnici che si occuperanno dei progetti PNRR e, per l’appunto, la chiusura della fase preselettiva dei concorsi pubblici».

NOTIZIE PIU' LETTE

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino