Redazione_Web Online

Redazione_Web Online

Molfetta. Nel giorno in cui si celebra il ricordo delle vittime della Shoa, il sindaco Minervini invita la cittadinanza a riflettere su uno dei momenti più bui della storia dell'uomo

molfettatommasominervini«Ogni anno ci avviciniamo alla Giornata della Memoria con inquietudine e dolore. Perché la Shoah, Auschwitz riassumono la costruzione più disumana mai concepita dall’uomo».

Inizia con queste parole il messaggio del sindaco Tommaso Minervini, nella giorno in cui si celebra il ricordo di tutte le vittime della Shoa.

«Una mostruosa costruzione, realizzata nel cuore della civile ed evoluta Europa, in un secolo che pure si era aperto con la speranza nel progresso, nella pace e nella giustizia sociale e con la fiducia nella scienza, nella tecnica e nella democrazia.

Ed è fonte di grande dolore constatare che, forse, quei morti, quella tragedia immane che ricordiamo, ogni anno, il 27 gennaio, quella disumana costruzione non è servita da monito. Tanto che, alle porte dell’Europa, civile ed evoluta, da un anno si combatte una guerra fratricida la cui soluzione non sembra vicina. I totalitarismi della prima metà del Novecento e le ideologie che li hanno ispirati si stanno riaffacciando. Pericolosamente. Il sangue di migliaia di innocenti sta macchiando le coscienze dei potenti di turno. E in nome della libertà, dei diritti civili, della democrazia, in ogni parte del mondo in tanti, troppi, ancora oggi sono schiacciati da guerre violente e sanguinarie.

Per questo, ancor più, ricordare a tutti il sacrificio di milioni di vittime innocenti, ebrei, rom e sinti, omosessuali, oppositori politici, disabili, è un dovere di umanità e di civiltà. Le parole di odio non restano a lungo senza conseguenze. Hanno un peso e diventano sementi per azioni nefaste. Sta a noi tutti impedire che gli orrori della storia si ripetano».

Molfetta. Ceduto a causa delle mareggiate di questi giorni, il muretto è stato riparato nelle scorse ore dal personale della Multiservizi

molfettaLungomareColonnamuroriparatoÈ stato riparato in tempi record il tratto di muro che delimita il Lungomare Colonna. Ceduto nella parte inferiore a causa del maltempo e delle mareggiate di questi giorni, il muro è stato oggetto di un intervento di manutenzione straordinaria eseguito nella mattinata di oggi, venerdì 27 gennaio, poco dopo aver pubblicato la segnalazione inviata in Redazione da un lettore.

«Appena ho letto la notizia – spiega l'assessore ai lavori pubblici Nicola Piergiovanni ho contattato immediatamente la Multiservizi. Il loro intervento per la messa in sicurezza dell'area è stato tempestivo. Non solo è stato riparato il tratto di muro ceduto, ma lo stesso muro è stato risarcito anche in un altro punto in cui c'era bisogno di intervenire. È sempre vincente il gioco di squadra e, come spesso accade, appena ricevo segnalazioni dirette, o indirette come in questo caso dai cittadini, si fa del nostro meglio per risolvere il problema».

Molfetta. Con l’affido dell’area ristoro, il Parco di Mezzogiorno sarà finalmente fruibile. Termine ultimo per la presentazione delle offerte, le ore 12 del 27 febbraio prossimo

molfettaparcomezzogiornoBadenPowellIl Parco di Mezzogiorno sarà presto consegnato alla comunità. Come annunciato qualche settimana fa, il Comune di Molfetta ha disposto l’affidamento in blocco, per sei anni, dell’area ristoro e dei servizi igienici.

È stato pubblicato nelle scorse ore il bando per la concessione in locazione del bar, dei servizi e dell’area pavimentata coperta dal pergolato, sotto la quale si trovano le strutture.

«Si tratta – il commento del sindaco Tommaso Minervinidi un avvenimento importante per la storia del Parco, che non è mai stato aperto al pubblico. I lavori di riqualificazione sono ormai ultimati. Tutte le aree del parco saranno fruibili. Anche le aree verdi sono state sottoposte ad interventi adeguati. Ora con il bando che mette in gara il bar e tutti i servizi all’interno del parco siamo davvero ad un passo dalla fine di una storia cominciata i primi anni del 2000».

La concessione, della durata di sei anni, potrà essere rinnovata una sola volta per ulteriori sei anni.
I gestori delle strutture inserite nel bando, tra le altre cose, dovranno farsi carico dell’apertura e della chiusura del Parco, della pulizia, dello svuotamento dei cestini, degli interventi di manutenzione ordinaria. Dovranno consentire l’utilizzo dei servizi igienici ai frequentatori del parco. Il canone annuale a base d’asta ammonta a 500 euro.

Tutti gli interessati dovranno far pervenire la loro offerta entro le ore 12 del 27 febbraio prossimo a mezzo raccomandata all’ufficio protocollo del Comune, in Via Martiri di Via Fani, oppure con consegna a mano negli orari di apertura dell’ufficio.

Molfetta. A causare il cedimento potrebbero essere state le mareggiate di questi giorni

molfettalungomarecolonnacedimentomuroLa parte inferiore di un tratto di muro che delimita il Lungomare Colonna è ceduto. A darne notizia, un lettore che nelle scorse ore ha inviato la foto in Redazione, affinché "il muretto possa essere risarcito quanto prima da chi di competenza"

Dall’immagine si evince chiaramente che sono finiti a terra alcuni pezzi di cemento, proprio in corrispondenza della fenditura in cui trovano sfogo le onde durante le mareggiate. Ed è con ogni probabilità al mare agitato di questi giorni che è da attribuire la causa del cedimento.

Pioggia e vento continuano infatti a imperversare Molfetta e su tutta la Puglia. Sull’intera regione vige da tre giorni l’allerta gialla della Protezione Civile. Per la giornata di oggi, venerdì 27 gennaio, l’allerta da gialla diventa arancione su Tavoliere e Bassi bacini del Candelaro, Cervaro e Carapelle.

Molfetta. La petizione si potrà sottoscrivere domani, venerdì 27 gennaio, sabato e domenica prossimi

molfettapalafiorentiniUna petizione popolare per la sostituzione della copertura del PalaFiorentini. In cantiere da anni, il progetto non è mai stato realizzato e il consigliere d'opposizione Giovanni Infante, eletto in forze a Rifondazione Comunista / Più di così invita la cittadinanza a partecipare alla raccolta firme che si terrà nei prossimi tre giorni.

«La questione amianto sul PalaFiorentini – si legge nella nota diffusa alla stampa dal consigliere Infanterischia di rimanere irrisolta per molti altri anni. Forse non tutti sanno che la copertura del palazzetto dello sport in Piazza don Luigi Sturzo è costituita da cemento amianto, un materiale estremamente pericoloso e nocivo per la salute pubblica.

Da anni i cittadini del quartiere di Levante, ed in particolare il Comitato di Quartiere, si battono per la rimozione di questa copertura. Nonostante il loro impegno e le reiterate sollecitazioni fatte alle varie Amministrazioni che si sono succedute, ad oggi nulla è cambiato.

Non è bastato neanche l’evento del 14 marzo 2016, quando eventi atmosferici hanno danneggiato la copertura, creando un problema reale e immediato di pubblica incolumità, per risolvere definitivamente questo annoso problema.

Eppure un progetto esecutivo di rimozione della copertura esiste dal 2016, ma l’opera è inserita nel piano delle opere pubbliche triennali con bassa priorità, tanto da far temere un ulteriore rinvio alle “calende greche”.

La nostra salute è una priorità, non siamo più disposti ad attendere, per questo chiediamo a tutte e tutti di unirsi alla nostra lotta e di firmare la petizione».

La raccolta avrà luogo domani, venerdì 27 gennaio, dalle ore 18 alle ore 20, nei pressi del supermercato Dok in via Luigi Mezzina; sabato 28 gennaio, dalle ore 10 alle ore 13, presso Piazza Gramsci; domenica 29 gennaio, dalle ore 10 alle ore 12, nei pressi della parrocchia San Pio X.

Molfetta. Resta in vigore dalle ore 8 e fino alle ore 20 di stasera il messaggio di allerta gialla della Protezione Civile regionale

molfettaallertameteopioggiaLa pioggia su Molfetta scende copiosa da ieri pomeriggio e continuerà incessante per almeno l’intera giornata di oggi, giovedì 26 gennaio. La Protezione Civile regionale ha diffuso nelle scorse ore un messaggio di allerta gialla per rischio meteorologico, idraulico e idrogeologico.

L’allerta resta in vigore per 12 ore, dalle ore 8 e fino alle ore 20. Previste su tutta la Puglia precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati da deboli a moderati. Segnalato anche un possibile incremento dei livelli idrometrici dei corsi d'acqua.

A Molfetta previsti cieli coperti e piogge moderate al mattino, che si intensificheranno nel pomeriggio. In serata previste schiarite, che potrebbero però durare ben poco. Identico infatti lo scenario delle condizioni meteo che si attende per domani, venerdì 27 gennaio, una giornata che si preannuncia altrettanto fredda e piovosa. Costanti anche le temperature, che si attestano sui 9/10 gradi di massima e sui 6/7 gradi di minima.    

Molfetta. Finanziato attraverso il bando “Sport e Periferie”, il nuovo palazzetto dello sport ospiterà incontri di volley, basket e futsal

molfettaavviolavoriquartopalazzettosportSono partiti lo scorso 16 gennaio i lavori per la realizzazione del nuovo palazzetto dello sport, il quarto a Molfetta, che sorgerà nella zona di espansione della città, alle spalle dell’Ospedale “don Tonino Bello”.

Collocato tra via Bettino Craxi, via Federico Fellini e via Antonio De Curtis, l’impianto, una volta ultimato, potrà ospitare incontri di pallavolo, pallacanestro e calcio a cinque.

La tensostruttura, dotata di pavimentazione in pvc, rispondente a quanto previsto dalle norme delle federazioni sportive, sarà dotata di spogliatoi e di tutti i comfort. L’opera, per un costo complessivo di 1milione e 300mila euro, è finanziata con fondi rivenienti dal bando “Sport e Periferie”, istituito dal Governo per realizzare interventi a vantaggio dell’impiantistica sportiva, finalizzati al potenziamento dell’agonismo, alla rimozione degli squilibri economico-sociali e all’incremento della sicurezza urbana.

«Con la realizzazione di questo ulteriore impianto sportivo, oltre ad arricchire il numero delle strutture comunali a servizio dello sport e della socializzazione – il commento del sindaco Tommaso Minervini e dell’assessore allo sport Enzo Spadavecchia - andiamo a qualificare ancor più un’area di grande urbanizzazione della nostra città».

Il termine dei lavori è previsto entro il prossimo autunno.

Molfetta. Le domande per entrare a far parte del Gruppo comunale di Protezione Civile devono essere presentate via Pec entro il 24 febbraio prossimo

molfettagruppocomunaleprotezionecivileIl Comune di Molfetta ha reso noto l'avviso pubblico attraverso cui intende reclutare nuove risorse umane e competenze per il "Gruppo comunale Volontari di Protezione Civile".

L'organo, che opera alle dirette dipendenze dell'ente, è impegnato a tutelare la vita e dei cittadini che compongono la comunità locale, l'ambiente e i beni che ne costituiscono il patrimonio collettivo dai danni derivanti da calamità naturali, catastrofi, o da altri eventi che, con connotazioni di eccezionalità, possono dare luogo a situazioni di grave pericolo.

I volontari di Protezione Civile hanno il dovere di osservare norme di comportamento ispirate ai principi di lealtà e correttezza, svolgendo per libera scelta l'attività di volontariato in favore della comunità e del bene comune, mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per acquisire, all'interno del Gruppo comunale, la formazione necessaria per andare incontro ai bisogni delle persone e delle comunità beneficiarie in modo spontaneo e gratuito, partecipando con impegno e passione a un progetto che contribuisce a migliorare la qualità di vita di tutti.

LEGGI L'AVVISO PUBBLICO

Possono diventare volontari di Protezione Civile i cittadini di ambo i sessi residenti nel Comune di Molfetta e nelle zone limitrofe, di età non inferiore ai 18 anni, che siano in possesso dei requisiti elencati nella domanda di partecipazione.

È necessario che i volontari si rendano disponibili a partecipare alle attività di addestramento organizzate dal Gruppo, nonché alle attività ordinarie e straordinarie di Protezione Civile.

Le domande, a cui è necessario allegare un documento di identità in corso di validità, il curriculum vitae ed eventuali attestati di frequenza a corsi di formazione, dovranno essere protocollate via Pec all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 23.59 di venerdì 24 febbraio.

«So bene che questo bando – sottolinea il sindaco Tommaso Minervini - era atteso da tempo da tutti coloro che, in piena pandemia, hanno supportato il Comune e la Asl nella campagna vaccinale, coordinati dal dottor Ottavio Balducci che era stato ispiratore del Gruppo. Ora si passa ad una fase successiva. Per il momento formiamo un primo Gruppo di persone per interventi di Protezione Civile. Ma nessuno deve sentirsi escluso. Faremo altre attività di formazione e tutti coloro che presenteranno domanda, valutati idonei, entreranno comunque in elenchi da cui si potrà attingere per azioni di supporto in situazioni che non prevedono una formazione professionale particolare».

Gli interessati possono richiedere ulteriori informazioni riguardo l'avviso pubblico al Comando di Polizia Locale, scrivendo agli indirizzi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Alla scadenza del termine di presentazione della domanda si procederà alla formazione di una istruttoria formale delle domande pervenute e all'approvazione di un elenco di tutti i candidati ammessi, che saranno convocati per un colloquio finalizzato a verificare la preparazioe, l'idoneità attitudinale e fisica, le motivazioni e la disponibilità a prestare la propria attività di volontario di Protezione Civile.

Al termine di queste procedure, i candidati idonei saranno contattati e inviatti al corso di formazione che sarà organizzato dal Comune in collaborazione con il servizio regionale di Protezione Civile.

L'avviso specifica infine che saranno presi in considerazione i primi venti candidati in ordine di arrivo, eventuali esuberi saranno considerati validi a seconda delle risorse dell'ente. Sarà così costituito un elenco, aggiornato annualmente, da cui attingere i volontari che avranno partecipato con profitto ai corsi di formazione.

Molfetta. Chi avrà necessità potrà fare riferimento alla sala conferenze della sede comunale di Lama Scotella

molfettapalazzogioveneLavori in corso all'interno della sala stampa di Palazzo Giovene. Lo spazio adibito ad accogliere incontri pubblici e conferenze stampa resterà chiuso al pubblico fino al termine dei lavori.

A darne comunicazione, il presidente del Consiglio comunale Robert Amato.

Per eventuali necessità, legate all’utilizzo di una sala nella disponibilità del Comune, bisognerà inoltrare richiesta per poter utilizare la sala conferenze della sede municipale di Via Martiri di Via Fani.

I lavori di manutenzione della sala stampa si rendono necessari al fine dell’adeguamento degli ambienti alle nuove esigenze.

Molfetta. Il Team Palomba porta a casa la medaglia d’argento con Ilario Samarelli e la medaglia di bronzo con Mirko De Nichilo

molfettateampalombaassolutinazionaliContinua a collezionare successi il Team Palomba di Molfetta, impegnato domenica 22 gennaio a Ostia con le varie fasi del Campionato Italiano Assoluto di Lotta libera, che ha visto la partecipazione dei migliori lottatori italiani.

In palio, oltre i titoli italiani, anche l'opportunità di iniziare il percorso che porterà prima al Campionato Mondiale di settembre a Belgrado, poi alle qualificazioni per le Olimpiadi di Parigi 2024.

Gli atleti allenati da Tommaso Cilardi, da Nicolangelo Samarelli e dal dott. Giuliano Palomba del Team Wrestling Palomba Francesco hanno ben figurato.

Ilario Samarelli ha sfiorato l’impresa di conquistare il titolo italiano nella categoria kg 57. Il ventitreenne, tra i favoriti della vigilia, dopo aver superato per superiorità tecnica tre avversari, ha dovuto cedere la medaglia d’oro ad un lottatore livornese, dopo un durissimo incontro. Per il molfettese “solo” un secondo posto che gli consentirà comunque di non rinunciare al sogno olimpico.

Ottimo terzo posto nella categoria kg 92, invece, per Mirko De Nichilo alla sua prima apparizione al torneo italiano più prestigioso. Il giovane atleta, non ancora diciottenne, che nel 2022 aveva conquistato il podio sia al campionato italiano under 17 sia agli under 20, ha superato tre atleti più grandi e più esperti, conquistando così il gradino più basso del podio. Il lottatore biscegliese punterà a vincere il titolo italiano under 20 nel prossimo mese.

Buona anche la prestazione di Diego Ragno, sesto nei kg 70, di Walter Brattoli, di Daniele Rapanaro e di Daniele Samarelli, tutti giovanissimi lottatori, in vista della competizione under 20.

Pagina 1 di 140

NOTIZIE PIU' LETTE

JoomBall - Cookies

© 2022 Notizie Il Fatto - Tutti i diritti riservati | CrackDown Srl - Molfetta - P.IVA 07856020727 Testata giornalistica registrata al numero 05/16 presso il Tribunale di Trani | Direttore Responsabile: Giulio Cosentino